La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Identificazione, Classificazione e Selezione di Fonti e Documenti di H-DATA Paola Negri Scafa - ENEA I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Identificazione, Classificazione e Selezione di Fonti e Documenti di H-DATA Paola Negri Scafa - ENEA I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma."— Transcript della presentazione:

1 Identificazione, Classificazione e Selezione di Fonti e Documenti di H-DATA Paola Negri Scafa - ENEA I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma Settembre 2012

2 I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma Settembre

3 Archeologia testi scritti 3 I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma Settembre 2012 Archeometria Iconografia

4 Il contributo dei testi Ricostruire le antiche tecniche 4 I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma Settembre 2012 Scrivere una storia delle tecnologie

5 Per una storia delle tecniche Scrivere storia nel mondo antico: 5 I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma Settembre 2012  La storia nasce in Grecia a partire dai secc. VI-V a.C.  ha come oggetto privilegiato le azioni degli uomini  con particolare attenzione per quelle attinenti alla politica, ai rapporti dialettici all’interno di uno Stato o fra Stati

6 La storiografia nel Medioevo: la storia continua ad essere intesa e scritta come un’opera prevalentemente erudita o letteraria si presenta come ancella della morale e della teologia. spesso è un fenomeno prevalentemente monastico 6 I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma Settembre 2012

7 La storiografia dal Rinascimento in poi: Con il Rinascimento avviene la prima grande evoluzione della storia (e di conserva della storiografia): 7 I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma Settembre 2012  La storia avvia lentamente il processo di liberazione dalle pastoie della morale e dell’etica  Tuttavia si pone obiettivi che di volta in volta variano, a seconda degli autori, dal diletto, all’utile al vero (quest’ultimo spesso impossibile a raggiungersi)  Nasce la riflessione metodologica e una filologia delle fonti e della critica storica  Si arriva all’autonomia che la caratterizza nel pensiero moderno

8 La storiografia moderna: Una rinnovata riflessione storiografica ha messo in discussione i fondamenti epistemologici 8 I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma Settembre 2012 si è rivolta a temi esclusi perché “troppo comuni e quotidiani” ha ampliato il campo della sua attenzione a temi in precedenza ai margini degli interessi dello storico spesso connessi con altre scienze sociali

9 Di conseguenza: 9 I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma Settembre 2012 Scrivere una storia delle tecnologie: - Significa la fine di una situazione di emarginazione dovuta: La storia delle tecniche acquista una visibilità nuova Si articola in una serie organica di conoscenze Si configura come un elemento essenziale della storia della civiltà materiale Si ricollega e si aggancia ad altre discipline quali l’archeologia e la storia delle arti minori. alla sottovalutazione del ruolo delle tecniche nella storia al fatto che la trattatistica su tecniche e tecnologia era considerata valida solo in funzione ancillare rispetto alle varie forme di produzione artistica

10 Una storia delle tecnologie Permette di affrontare il problema del progresso delle antiche tecniche 10 I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma Settembre 2012

11 Il progresso delle antiche tecniche È un settore complesso, non scevro anche da influenze di fattori esterni legati a parametri non tecnici 11 I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma Settembre 2012 le finalità per le quali i manufatti sono stati costruiti fattori di tipo sociale, come il tipo di committenza fattori economici, o ideologici Crescita e circolazione delle conoscenze

12 Fattori sociali di progresso Le élites che determinano nuovi manufatti Organizzazione di gruppi di artigiani L’importanza del commercio di materie prime 12 I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma Settembre 2012 Taboo e fattori culturali (per esempio contrari al’uso di materiali) Fattori sociali di regresso

13 Per una storia delle antiche tecniche: le fonti Elemento essenziale per una storia delle tecniche e per i suoi aspetti metodologici, come per la storia di ogni altro settore, è l’utilizzo e l’analisi delle fonti. Per fonti si intendono tutti quegli elementi che consentono allo storico la ricostruzione di determinate realtà, inquadrate in specifici periodi storici. Di conseguenza esse sono necessariamente molteplici e varie. Per quanto attiene alla storia delle tecniche alcune sono comuni ad altri settori della storia, altre sono sue proprie. 13 I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma Settembre 2012

14 La documentazione La ricostruzione dell’antichità ha bisogno di qualsiasi dato: Di scavo Testi Materiale Epigrafico Numismatica Archeometria Archeozoologia, etc. 14 I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma Settembre 2012 Molte cose dell’antichità sono note solo grazie alla menzione nei testi Attraverso i testi scritti è possibile: risalire alla mentalità degli antichi formulare una storia della scienza Per le pietre in particolare i lapidari dall’antichità al medioevo fino alla nascita della chimica moderna

15 Fonti archeologiche Rentrano, in generale, nella documentazione archeologica : gli oggetti, i resti materiali, quanto rimane dalle età trascorse; in particolare quei manufatti che testimoniano le capacità raggiunte dai loro costruttori, segni del loro tempo e delle civiltà a cui appartengono sono di particolar interesse. 15 I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma Settembre 2012

16 Fonti Archeologiche L’archeologia è importante per la storia delle tecniche, in quanto: Fornisce i dati primari sui quali applicarsi costituisce l’unico modo per conoscere età in cui la documentazione scritta manca, o è rara; è essenziale, anche per i periodi nei quali la scrittura era in uso. 16 I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma Settembre 2012

17 Dati archeometrici Genere di fonte specifico per la storia delle tecniche. I dati ricavati dalle analisi archeometriche hanno rilevanza:  nella definizione materica degli oggetti  nel riconoscimento di dati connessi alla tecnologia. 17 I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma Settembre 2012

18 Dati archeometrici Le analisi archeometriche si sono moltiplicate negli ultimi decenni e  consentono di evidenziare le caratteristiche di tecniche e processi circa i diversi materiali e manufatti: metallici, ceramici, etc.  contribuiscono allo studio della composizione dei materiali (leghe, impasti, etc.) e di processi ( cottura, fusione, etc.). 18 I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma Settembre 2012

19 Fonti orali Le fonti orali = leggende e tradizioni 19 I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma Settembre 2012 Sono utili per la storia delle tecniche Costituiscono il materiale etnografico che: consente di studiare: singole società singole società culture “senza scrittura” culture “senza scrittura” nelle culture dotate di scrittura: contribuisce alla ricostruzione di particolari fasi e momenti. contribuisce alla ricostruzione di particolari fasi e momenti. per studiare gli eventuali riflessi in leggende e tradizioni: spesso indicative di come talune tecniche venivano impiegate oppure “illuminanti” circa il contesto socio-culturale in cui talune tecniche si sono sviluppate.

20 Un altro aspetto circa le fonti orali Riguarda il solido patrimonio di conoscenze che gli antichi artigiani si sono trasmessi di generazione in generazione e che, quando non è stato raccolto sporadicamente per iscritto, è andato irrimediabilmente perduto. Ad una possibile ricostruzione di questo patrimonio può contribuire  il complesso delle indagini archeometriche,  l’etnografia, grazie al confronto con popolazione di livello socio-culturale similare a quelle studiate,  le sporadiche indicazioni nei testi scritti. 20 I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma Settembre 2012

21 Fonti scritte fonti scritte, cioè le fonti documentarie o narrative che comprendono:  cronache, o memorie  testi scientifici, di curiosità  testi letterari  documenti amministrativi e atti privati come contratti e simili. : 21 I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma Settembre 2012

22 Fonti figurative categoria vastissima comprendente diverse tipologie che includono:  le iconografie, ognuna specifica della civiltà e dell’epoca che l’hanno prodotta  quel tipo di raffigurazioni che fungono da ausilio mnemonico come supporto esterno alle narrazioni orali. 22 I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma Settembre 2012

23 Rapporto tra oralit à e scrittura L’avvento della scrittura non elimina il canale di comunicazione orale, ma si affianca ad esso arricchendo i mezzi di comunicazione. 23 I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma Settembre 2012 È essenziale definire il rapporto tra la documentazione scritta sulle tecniche e l’apprendimento orale da maestro ad apprendista In una società dotata di scrittura anche l’apprendimento orale risulta facilitato: si dispone di un originale, non ci si limita a far riferimento alla propria memoria, si possono confrontare i propri ricordi con dati immagazzinati e certi.

24 La redazione dei testi di tipo tecnico La documentazione scritta sulle tecniche che è a noi pervenuta:  è la testimone della vita culturale e spirituale del periodo in cui è stata redatta  può aver risentito in qualche occasione di appunti di officina o di laboratorio.  non sarebbe quindi solo materiale “ dotto ” e antiquario, ma potrebbe aver conservato agganci con realt à operative (cfr le fonti di Plinio). 24 I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma Settembre 2012

25 (  = documenti diretti;  = documenti ms. derivati) EpocheMeso- potamia SiriaAnato- lia EgittoGreciaItalia III mill. a.C.  II mill. a.C.  I met à I mill. a.C.        II met à I mill. a.C.           Inizio et à romana           Et à imperiale          

26 Cosa si intende per documenti diretti? Documenti scritti autografi quindi 26 I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma Settembre 2012 Iscrizioni e ostraka Tavolette cuneiformi Testi egiziani su papiro e su parete Testi greci e latini su papiro

27 Cosa si intende per documenti indiretti? Sono i testi derivati da fonti manoscritte antecedenti, copiate nel corso del tempo; quindi: 27 I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma Settembre 2012 Testi (= codici) letterari o scientifici citazioni di autori classici (tipicamente di età greco romana)

28 Modalit à di affrontarne lo studio Per i documenti diretti: – Possiamo accedere direttamente al testo antico – La nostra comprensione dipender à Dal suo stato di conservazione Dalla nostra conoscenza della scrittura e della lingua Per i documenti indiretti – È necessario procedere alla ricostruzione del testo nella forma pi ù vicina all ’ originale = constitutio textus – Stabilire da quale fonte l ’ autore ha preso le sue informazioni per valutare il valore del contenuto 28 I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma Settembre 2012

29 Le iscrizioni o epigrafi  Uso di materiali di lunga durata come: Pietra o Marmo Metallo (Bronzo, Lamine di piombo)  Servono per diffondere informazioni rivolte al pubblico 29 I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma Settembre 2012

30 Diffusione delle epigrafi  Esistono epigrafi:  Dal Vicino Oriene Antico e dall ’ Egitto in: Assiro-babilonese, hittito, egiziano, siriano e cananeo (fenicio ed ebraico)  Dal mondo classico in: Greco e latino 30 I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma Settembre 2012

31 Le iscrizioni vicino orientali: Anche su vasi, statue, stele confinarie Sono utili anche ai nostri fini: cfr la statua di Gudea, che riporta tutti i materiali importati per poter costruire il tempio della dea Ningirsu Per problemi legati alla lingua e alla scrittura si studiano insieme alla rimanente documentazione scritta su tavolette 31 I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma Settembre 2012

32 Le iscrizioni egiziane Tipicamente sono su obelischi e templi – Esistono anche iscrizioni sulle pareti delle tombe che però non possono essere considerate “pubbliche” a tutti gli effetti – Anch’esse per problemi legati alla lingua e alla scrittura si studiano insieme alla rimanente documentazione scritta 32 I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma Settembre 2012

33 Le iscrizioni Greche e Romane Costituiscono il corpus maggiore  Riguardano argomenti pi ù vari: – dai documenti ufficiali di carattere politico – a elenchi di prezzi e salari – o a bandi di concorso per appalti edili; etc. 33 I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma Settembre 2012

34 I testi indiretti Richiedono un discorso molto più articolato, che vedremo un’altra volta 34 I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma Settembre 2012


Scaricare ppt "Identificazione, Classificazione e Selezione di Fonti e Documenti di H-DATA Paola Negri Scafa - ENEA I Summer School on H-Data and ICT Innovation Roma."

Presentazioni simili


Annunci Google