La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

EVOLUZIONE NORMATIVA DELL’ASSISTENZA INFERMIERISTICA EVOLUZIONE NORMATIVA DELL’ASSISTENZA INFERMIERISTICA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "EVOLUZIONE NORMATIVA DELL’ASSISTENZA INFERMIERISTICA EVOLUZIONE NORMATIVA DELL’ASSISTENZA INFERMIERISTICA."— Transcript della presentazione:

1 EVOLUZIONE NORMATIVA DELL’ASSISTENZA INFERMIERISTICA EVOLUZIONE NORMATIVA DELL’ASSISTENZA INFERMIERISTICA

2 R.D. 21 NOVEMBRE 1929 N° 2330: ISTITUZIONE SCUOLE CONVITTO per Infermiere prof.li, Assistenti sanitarie e corsi per l’Abilitazione funzioni direttive SCOPO: impartire alle allieve con indirizzo e metodo scientifico le nozioni teoriche e pratiche necessarie per esercitare e dirigere l’opera di assistenza agli infermi al fine di mutare e migliorare il livello assistenziale sia in ambito ospedaliero che extra Corsi per “Assistente sanitaria e Caposala” hanno la durata di un ulteriore anno R.D N°124 MANSIONARIO Si definiscono le funzioni e la metodologia dell’assistenza sanitaria Con lo stesso decreto si enuncia in merito ai corsi per Infermieri Generici come figure a supporto.

3 1954 COLLEGI IPASVI -Estensione personale maschile - Abolizione del “convittamento” -Elevazione livello culturale a 5 anni post elementari e 17 anni di età (ridotto a 16 anni con legge 30 aprile 76) -Riqualificazione infermieri generici: ammessi al 2° anno del corso infermieri prof.li previo superamento esame e in possesso del diploma scuola media 1° grado e almeno 3 anni di anzianità 1946 NASCITA PRIME ASSOCIAZIONI NAZIONALI Sono di ispirazione Laico - Religiosa CNAIOSS CNAI ACIOSA ACOSFIRO Finalità: Promuovere e favorire lo standard formativo di assistenza

4 1960 PRIMO CODICE DEONTOLOGICO IPASVI Con Impronta cattolica LEGGE RIFORMA OSPEDALIERA Istituisce Enti Ospedalieri in sostituzione delle “Opere Pie” e di enti Assistenziali e di Beneficenza D.M RIFORMA OSPEDALIERA Aumentano i luoghi di diagnostica dove l’infermiere può prestare servizio

5 LEGGE 25 FEBBRAIO 1971 N°124 -Estensione personale maschile - Abolizione del “convittamento” -Elevazione livello culturale a 5 anni post elementari e 17 anni di età (ridotto a 16 anni con legge 30 aprile 76) -Riqualificazione infermieri generici: ammessi al 2° anno del corso infermieri prof.li previo superamento esame e in possesso del diploma scuola media 1° grado e almeno 3 anni di anzianità N° RATIFICA ACCORDO DI STRASBUSGO Bisogna adeguarsi alla CEE. Il corso di 2 anni e il tirocinio di 4600 ore Accesso: diploma scuola media superiore

6 D.P.R AMMODERNAMENTO MANSIONARIO DEL 1940 Le attività dell’infermiere sono: Organizzazione del lavoro Promozione e attuazione dei piani lavorativi Istruzione del personale Educazione Sanitaria Lavoro di gruppo Ricerca 1977 SECONDO CODICE DEONTOLOGICO IPASVI Le esigenze dell’assistenza infermieristica e quindi la cura della salute sono improntate su prevenzione e riabilitazione. Da ciò è ovvio che la sua figura debba essere permeata su questo nuovo modello.

7 Legge PRIMA RIFORMA SANITARIA - ISTITUSIONE S.S.N. Principi ispiratori: Globalità delle prestazioni Universalità dei destinatari Eguaglianza di trattamento Libertà delle persone SERVIZIO MUTUA. Si parla di SERVIZIO al cittadino e non di MUTUA. Lo stato delega autonomia di poteri in materia, a livello regionale, provinciale, comunale USLIstituzione USL PIANI SANITARI REGIONALIPrimi PIANI SANITARI REGIONALI parlano di indirizzi, organizzazione servizi, formazione personale, corsi regionali, aggiornamento professionale

8 D. Lgs II ^ RIFORMA DELLE DISCIPLINE IN MATERIA SANITARIA Convenzioni tra USL e Università per attivazione dei Diplomi universitari infermieri Soppressione corsi regionali Aziendalizzazione USL ECMCostante aggiornamento e definizione dei temi formativi ECM LEADefinizione dei LEA livelli essenziali di assistenza

9 D.M DEFINIZIONE DEL PROFILO PROFESSIONALE Questo decreto segna una svolta nell’evoluzione del profilo che si deve aggiornare ai cambiamenti giuridico, sociale e scientifico. Si preme su alcuni aspetti fondamentali: Formazione – Autonomia – Responsabilità Finalità: il soddisfacimento dei bisogni globali dell’assistito.

10 COMMA 1ART.1 IL PROFILO Operatore sanitario con laurea triennale e iscrizione all’albo IPASVI COMMA 2ART.1 TIPOLOGIA DELL’ASSISTENZA Assistenza preventiva, palliativa, curativa, e di natura tecnica, relazionale ed educativa COMMA 3ART.1 PROCESSO DI NURSING Partecipa – Identifica – Pianifica – Garantisce – Agisce - Svolge COMMA 4ART.1FORMAZIONE A SUPPORTO Contribuisce alla formazione di altro personale sanitario ad ausilio COMMA 5ART.1FORMAZIONE PERSONALE Tramite corsi post-base in aree specifiche COMMA 6ART.1ULTERIORI FORMAZIONI Qualora si creino emergenze specifiche COMMA 7ART.1PERCORSO FORMATIVO Rilascio di attestati in funzioni specifiche

11 COMMA 1ART. 2IL DIPLOMA UNIVESITARIO Disciplinato dalla 502/92 COMMA 2ART. 3 EQUIPOLLENZA DEI DIPLOMI Validità dei diplomi del precedente ordinamento a quello universitario della 502/92 12 – PATTO INFERMIERE - CITTADINO Carta dei valori infermieristici e patto con l’utenza Andrà ad integrare il successivo Codice Deontologico IPASVI IO MI IMPEGNO CON TÈ…

12 1999 III^ CODICE DEONTOLOGICO IPASVI Và ulteriormente ad aggiornare e a definire l’insieme di comportamenti etico-morali sulla base delle esigenze correnti: RapportoINFERMIERE – CLIENTE INFERMIERE – INFERMIERE ABUSI DI PROFESSIONE FIDUCIA Maggiore attenzione alla persona e alla professione come forza di coesione

13 LEGGE DISPOSIZIONE IN MATERIA DI PROFESSIONI SANITARIE Equipollenza dei diplomi Abbandono del concetto di AUSILIARIETÁ Abrogazione del Mansionario LEGGE RIFORMA UNIVERSITARIA – FORMAZIONE DEI CORSI Comparsa dei CFULaurea 1^ liv. 3 anni 180 CFU Piano di studiLaurea 2^ liv. 2 anni 120 CFU Ordinamento didatticoDottorato di ricerca 180 CFU Master 1^ Liv. 60 CFU dopo la laurea 1^ liv (Coordinatore) Master 2^ Liv. 60 CFU dopo la laurea 2^ liv. (Perfezionamenti)

14 D. Lgs III^ RIFORMA SANITARIA DETTA “ter” Vengono approfonditi gli argomenti della precedente riforma del ‘92 L. 502 Ribaditi i principi di uguaglianza e universalità Regioni possono avanzare modifiche al PIANO SANITARIO NAZIONALE Viene previsto un Servizio Infermieristico con a capo un dirigente infermiere

15 LEGGE ISTITUZIONE QUALIFICA A DIRIGENTE INFERMIERE Sulla base della precedente riforma si stabilisce che l’accesso alle cariche di dirigente è aperto a chi esercita già la professione Le Aziende USL possono inserirli nel loro organicotramite concorso e per una durata di 3 anni Questa figura è responsabile della gestione del servizio infermieristico Richiesta al Ministero della Sanità di decretare specifici corsi di Laurea

16 MURST 2001 DETERMINAZIONE DELLE CLASSI DI LAUREA NELLE PROF. SANITARIE Adeguamento standard europeo Il diploma universitario diventa CORSO DI LAUREA triennale Si distinguono 4 classi di laurea Corso principaleTipo di professionista Professione sanit. Infermieristica e ostetrica Infermiere Ostetrica Infermiere pediatrico Professione sanit. Riabilitazione Professione sanit. Tecniche Professione sanit. Della prevenzione

17 L DISPOSIZIONI URGENTI IN AMBITO DI PERSONALE SANITARIO Principi enunciati a favore del personale infermieristico, e non, già inserito nel S.S.N. : PossonoSvolgere autonomamente la professione Insegnare ai corsi O.S.S. Supportare infermiere professionale Accedere ai master e corsi post-base

18 2002 ECM DIVENTANO OBBLIGATORI PER OGNI OPERATORE SANITARIO Crediti da 10 iniziali a 50 nel D.M. 9/7 INIZIO CORSI DI LAUREA Modalità e contenuti dei test di ammissione D.M. 1/10 MODIFICA DEL PRECEDENTE Accesso al corso di laurea diretto senza test per: Direttori di assistenze infermieristiche? Direttori o coordinatori di corsi per infermieri Direttori di servizi infermieristici

19 LEGGE N Obbligatorietà di iscrizione collegi IPASVI Obbliga il collegio nazionale a trasformarsi in Ordine Obbligatorietà del master 1^ livello per i coordinatori – caposala Riconoscimento di chi ha il titolo di un master clinico della qualifica di “Infermiere specializzato” 2009 III^ CODICE DEONTOLOGICO IPASVI

20

21


Scaricare ppt "EVOLUZIONE NORMATIVA DELL’ASSISTENZA INFERMIERISTICA EVOLUZIONE NORMATIVA DELL’ASSISTENZA INFERMIERISTICA."

Presentazioni simili


Annunci Google