La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Conoscenze di base della Tecnologia dell’Informazione Modulo 1 Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Conoscenze di base della Tecnologia dell’Informazione Modulo 1 Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base."— Transcript della presentazione:

1

2 Conoscenze di base della Tecnologia dell’Informazione Modulo 1 Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

3 Per iniziare Modulo 1 Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base Componenti di base di un personal computer Hardware, Software e Information Technology

4 1.1.1 Information Technology Hardware Software Modulo 1 Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

5 Infomation Tecnology (IT) Insieme delle tecnologie che permettono di progettare progettare realizzare realizzare utilizzare utilizzare i sistemi per l’elaborazione elettronica dell’informazione Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base “gestione dei dati e delle informazioni”

6 Infomation and Comunication Tecnology (ICT) Integrazione della tecnologie dell’informazione con i sistemi di telecomunicazione Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

7 Infomation Tecnology (IT) Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base I sistemi per la “gestione dei dati e delle informazioni” sono formati da una parte fisica (hardware) e da una parte logica (software)

8 Hardware = "parte solida" “parte meccanica” formata da tutti i dispositivi elettrici, elettronici e meccanici del computer (circuiti elettrici ed elettronici, cavi, supporti, monitor, stampante, e in generale tutto ciò che si può toccare materialmente) Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

9 Software = “parte soffice” tutti i programmi, i dati e i documenti che stabiliscono le procedure di funzionamento della macchina e che si trovano registrati sui dischi o nella memoria. tutti i programmi, i dati e i documenti che stabiliscono le procedure di funzionamento della macchina e che si trovano registrati sui dischi o nella memoria. Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

10 Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base Componenti di base di un PC 1.1.3

11 Il Personal Computer Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

12 Il cuore del Personal Computer è costituito da una scatola (CASE) nella quale sono alloggiati: MOTHERBOARD MOTHERBOARD CPU CPU La Memoria Centrale La Memoria Centrale L’Hard disk L’Hard disk Il lettore CD Il lettore CD Le memorie esterne Le memorie esterne Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

13 Struttura di un PC Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base Memoria Unità di Input e Output Unità centrale di elaborazione (CPU)

14 Scheda madre (Motherboard) Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base La scheda madre fa da supporto e connessione per tutti i componenti interni del computer e contiene inoltre una serie di circuiti (chipset, cache, BIOS) adibiti al controllo delle varie parti.

15 Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base Sulla scheda madre si inseriscono come componenti separati il microprocessore, la RAM e le varie schede di espansione; vi si trovano inoltre le prese per il collegamento dell’ hard disk e dei drive per i dischi mobili (floppy e CD).

16 Gli impulsi elettrici sulla motherboard viaggiano su piste di rame. Se la CPU è il “cervello”, i bus rappresentano il “sistema nervoso” della scheda madre Il BUS di sistema è definito da un valore (16, 64, o 128) che misura il numero di bit che possono essere trasferiti contemporaneamente. BUS di sistema È una “linea di comunicazione” che collega tutti gli elementi funzionali. Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

17 1.2 HARDWARE Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

18 Contiene la CPU (Central Process Unit o Unità centrale di elaborazione UCE, che è il nucleo del computer) e i circuiti di controllo. Si tratta del componente che esegue le istruzioni dei vari programmi e sovrintende al funzionamento dell’intera macchina. Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base Microprocessore

19 CPU (Central Processing Unit) Il processore è il cervello del personal computer. Esegue milioni di operazioni al secondo e il suo compito è occuparsi di tutte le operazioni richieste dalle applicazioni e dal sistema operativo. E' installato su uno speciale zoccolo saldato sulla scheda madre detto socket Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

20 Unità di controllo (CU = Control Unit): prende le istruzioni e i dati dalla memoria, decodifica le istruzioni, comanda la ALU, scrive i risultati in memoria. Le componenti principali della CPU sono: Operazioni aritmetiche A+B, A*B, A-B, A/B Operazioni logiche A B, A=B, … ALU (Arithmetic Logic Unit) esegue le operazioni aritmetiche e logiche: Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

21 La velocità del microprocessore (clock) si misura in MegaHertz (MHz, ovvero milioni di impulsi per secondo) o in GigaHertz (GHz, miliardi di impulsi per secondo). I processori più potenti funzionano a oltre 2 GHz, ciò significa che sono in grado di compiere più di 2 miliardi di operazioni elementari ogni secondo. Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base 1.1.3

22 (Random Access Memory): è la memoria dove vengono conservati i dati in corso di elaborazione (i documenti aperti) e le istruzioni del programma in esecuzione. Si tratta di una memoria temporanea che si cancella completamente quando si spegne il computer. Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base Memoria RAM 1.1.3

23 I documenti che si creano lavorando al computer (per esempio scrivendo un testo) vengono posti all'interno della RAM e sono trasferiti sul disco fisso (memoria permanente) solo quando l'utente ne richiede espressamente il salvataggio. Per questo motivo, se salta la corrente mentre si sta ancora lavorando, tutto il lavoro fatto dopo l'ultimo salvataggio viene irrimediabilmente perduto con lo svuotamento della RAM. Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base 1.1.3

24 La capacità della RAM e la velocità del microprocessore sono i due parametri che influiscono maggiormente sulle prestazioni della macchina. Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base 1.1.3

25 Memoria ROM (Read Only Memory): è una memoria permanente di sola lettura in cui vengono registrate le informazioni fisse, come ad esempio tabelle di conversione di codici o le istruzioni del programma di avviamento (boot) che si attiva all'accensione della macchina. Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

26 1.2.2 Dispositivi periferici di Input/Output Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

27 Output Input cd, dvd tastiera mouse scanner PC stampante video Casseacustiche microfono

28 Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base T utti i dispositivi che mettono in comunicazione il computer con l’esterno sono detti Periferiche. Di input il mouse e la tastiera)Di input (il mouse e la tastiera) Di output il monitor e le casse audio)Di output (il monitor e le casse audio) Di input/output )Di input/output (i dischi fissi) Le periferiche sono di tretipi: Le periferiche sono di tre tipi:

29 I dispositivi di input più comuni sono: Tastiera, Mouse, ScannerTrackballTouchpadjoystick Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base Modem (o collegamento diretto alla rete) PC

30 I dispositivi di output più comuni sono: Monitor, Monitor, Stampante StampantePlotter Casse audio Masterizzatore Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base PC

31 Alcuni dei dispositivi di I/O, richiedono la presenza di una scheda d’espansione inserita all’interno del computer. Ad esempio il monitor richiede solitamente la presenza di una scheda video, le casse richiedono una scheda audio, ecc. Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

32 tasto ESC tasti funzione tastierino numerico frecce spie luminose canc/del La tastiera Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base u immissione dati u layout QWERTY u Avanzata (101 tasti)

33 tasto ESC barra spaziatrice backspace ALTCTRL invio/enter Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

34 u dimensione F pollici, verticali o orizzontali u risoluzione F 640x480, 800x600, 1024x768, 1280x1024 Monitor Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

35 Un pixel è la più piccola unità dello schermo che può essere controllata e alla quale possa essere assegnato un determinato colore Un pixel è la più piccola unità dello schermo che può essere controllata e alla quale possa essere assegnato un determinato colore pixel= picture elements La superficie visualizzata sul video può essere immaginata come una matrice bidimensionale di punti chiamati pixel La superficie visualizzata sul video può essere immaginata come una matrice bidimensionale di punti chiamati pixel Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

36 Dimensione dei punti (o dot-pitch) si misura come la distanza tra i centri di due pixel adiacenti. Dimensione dei punti (o dot-pitch) si misura come la distanza tra i centri di due pixel adiacenti.  fornisce una misura della nitidezza Risoluzione: la quantità di punti che possono essere visualizzati su un video Risoluzione: la quantità di punti che possono essere visualizzati su un video  a parità di dimensione del video maggiore è la risoluzione e più fine è il livello di dettaglio Frequenza di aggiornamento: quante volte al secondo vengono aggiornati i pixel per conservarne la luminosità. Frequenza di aggiornamento: quante volte al secondo vengono aggiornati i pixel per conservarne la luminosità.  Di solito è dalle volte al secondo. Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

37 A getto d’inchiostro A getto d’inchiostro  stampe di qualità elevata  risoluzione: tra 300 e 2400 dpi  stampa a colori Laser Laser  raggio laser  risoluzione: da 300 a 2400 dpi  stampe di qualità molto elevata  font residenti Stampanti Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

38 SCANNER SCANNER  Dispositivo in grado di convertire testo e illustrazioni nel formato del computer  illustrazione -> immagine  testo -> OCR PLOTTER PLOTTER  Disegna linee per mezzo di pennini  linee continue al posto di serie compatte di punti  spesso in combinazione con i sistemi CAD Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

39  MOdulator-DEModulator  trasmissione dati sulle linee telefoniche  conversione da digitale ad analogico  un’interfaccia (RS-232), diversi protocolli (ad esempio, V.90)  anche il fax è un modem Caratteristiche del modem Caratteristiche del modem  protocollo di trasmissione  velocità (da 300 a bps)  fonia/dati  risposta automatica  compressione dati Modem Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

40  Concetti di base della tecnologia dell’informazione  1.4 Software  Verino de Simone  Modulo 1  Concetti di base  39

41 Software  Un Software è un programma scritto in un linguaggio adatto ad essere compreso dalla CPU.  Esso contiene le istruzioni che vengono eseguite dal processore permettendo al computer di eseguire determinate funzionalità.  Verino de Simone  Modulo 1  Concetti di base  40

42  Verino de Simone  Modulo 1  Concetti di base Tipi di software 1.Software di sistema  Gestisce le risorse hardware del computer e il loro utilizzo.  2. Software applicativo  Sono programmi che permettono di scrivere, comunicare, disegnare, fare musica, manipolare immagini e video, ecc.  41

43  Verino de Simone  Modulo 1  Concetti di base software di sistema programmi di boot Sistema Operativo  Del software di sistema fanno parte i programmi di boot forniti dai produttori di computer (che servono ad avviare la macchina) e il Sistema Operativo che gestisce le applicazioni e le periferiche del computer.  In altri termini il sistema operativo ha il compito di comprendere le istruzioni delle applicazioni e comandare al processore e alle periferiche quel che devono fare.  Il s.o. è l'interfaccia che permette la comunicazione fra uomo e macchina.  42

44  Il Sistema Operativo  Verino de Simone  Modulo 1  Concetti di base  43

45  Un Sistema Operativo e' un insieme di programmi che servono a gestire le attività fondamentali di un computer. Lettura o scrittura di file Caricamento ed esecuzione di programmi Gestione della Memoria Gestione dei dispositivi di Input/Output Comunicazione tra calcolatori (Rete) Gestione degli Utenti  Verino de Simone  Modulo 1  Concetti di base  44

46  45  OSF/1 MICROSOFT Windows  Verino de Simone  Modulo 1  Concetti di base  “ Un SO funziona da intermediario fra l'utente e l'Hardware, con lo scopo di fornire un ambiente nel quale l'utente possa eseguire i programmi in maniera conveniente ed efficiente. ”

47  Un SO è generalmente composto dai seguenti elementi : Nucleo (kernel) File System Gestione Memoria Interfaccia utente Programmi di sistema  46  Verino de Simone  Modulo 1  Concetti di base

48  Costituito da quei programmi che realizzano le funzioni più critiche e più vicine all’hardware come: Operazioni di I/O, Gestione dei programmi “basali”, Gestione del controllo dei processi  47  Verino de Simone  Modulo 1  Concetti di base Nucleo (kernel)

49  E’ la parte del s.o. che definisce le politiche di gestione e organizzazione dei supporti di memorizzazione.  Consente all'utente di organizzare le informazioni contenute nelle memorie di massa servendosi di strutture logiche (directory).  48  Verino de Simone  Modulo 1  Concetti di base File System

50  Manipolazione (visuale) ed amichevole di file e directory, Informazioni sullo stato, Caricamento ed esecuzione di programmi Programmi di utilità (editor, formattatori di testo, ecc.)  49  Verino de Simone  Modulo 1  Concetti di base Interfaccia utente e Programmi di sistema

51  Ogni sistema operativo ha una sua interfaccia, cioè un modo per comunicare con l'utente in modo da impartire al computer i comandi per farlo funzionare.  50  Verino de Simone  Modulo 1  Concetti di base

52  Nel vecchio sistema operativo MS - D.O.S. l'interfaccia è a caratteri, cioè su uno schermo nero occorre digitare i comandi (ad esempio il comando di formattazione di un dischetto o di lettura del contenuto di un file etc.), in modo sintatticamente corretto altrimenti si ha un errore.  Questa interfaccia è ormai superata.  51  Verino de Simone  Modulo 1  Concetti di base

53  52  Verino de Simone  Modulo 1  Concetti di base

54  Quando Apple inventò il mouse si diffuse il sistema operativo a interfaccia grafica (GUI Graphical User Interface), in cui i comandi vengono impartiti mediante pressione di un pulsante che agisce su un cursore che si muove sullo schermo sul quale sono presenti icone grafiche.  Windows è un sistema a interfaccia grafica.  53  Verino de Simone  Modulo 1  Concetti di base

55  – gli oggetti non sono rappresentati mediante righe di testo (come nelle schermate DOS), ma mediante immagini. Vantaggi della GUI:  54  Verino de Simone  Modulo 1  Concetti di base

56 – l’utente non dialoga con il sistema utilizzando un linguaggio di comandi (scrivendo delle parole sullo schermo e premendo Invio) ma tramite il mouse  (puntando oggetti e facendo clic)  55  Verino de Simone  Modulo 1  Concetti di base

57 In particolare, i file e le cartelle sono rappresentati mediante particolari immagini dette “icone”. File di tipo diverso (estensione diversa) vengono visualizzati con una diversa icona.  56  Verino de Simone  Modulo 1  Concetti di base

58  Nucleo (kernel)  Gestore memoria  Gestore I/O  Gestore files  Interfaccia utente  Editor  Librerie  Tools  Programmi  applicativi  Programmi  utente  Verino de Simone  Modulo 1  Concetti di base Riepilogo funzioni del SO  57

59  58  Verino de Simone  Modulo 1  Concetti di base Software applicativo

60 Programmi di elaborazione testi (Word,...) Programmi di elaborazione testi (Word,...)  creazione, modifica e stampa di un documento, di un ipertesto,... Foglio elettronico (Excel, Lotus,...) Foglio elettronico (Excel, Lotus,...)  tabella di valori disposti in righe e colonne Database (Access, Oracle) Database (Access, Oracle)  sistema di archiviazione elettronico Presentazioni multimediali (Powerpoint, Illuminatus, Acrobat,...) Presentazioni multimediali (Powerpoint, Illuminatus, Acrobat,...)  creazione di immagini per diapositive e prospetti Desktop publishing (Publisher, X-Press,...) Desktop publishing (Publisher, X-Press,...)  Creazione di pubblicazioni (giornali, libri, volantini, brochure, ecc.)  59  Verino de Simone  Modulo 1  Concetti di base

61 Programmi di Sviluppo Programmi di Sviluppo Programmi per la creazione di applicazioni Programmi per la creazione di applicazioni  Interpreti, Compilatori (Java, C, C++, Fortran, Pascal, ….)  HTML (HyperText Markup Language)  linguaggio usato per creare documenti per Internet  documenti visualizzati con i browser (Netscape, Explorer)  JavaScript: per aggiungere un contenuto dinamico alle pagine Web  Verino de Simone  Modulo 1  Concetti di base  60

62 Programmi di Utilità Compressione (Winzip), Compressione (Winzip), Browser (Explorer,Netscape, Opera,...) Browser (Explorer,Netscape, Opera,...) Antivirus (Norton,Panda,....) Antivirus (Norton,Panda,....)  Verino de Simone  Modulo 1  Concetti di base  61

63  Verino de Simone  Modulo 1  Concetti di base Sviluppo del software  62

64  Verino de Simone  Modulo 1  Concetti di base  Produrre software non è cosa semplice (in termini di risorse umane e materiali) e occorre attivare un percorso che va dalla progettazione, alla produzione, alla documentazione e alla manutenzione del programma prodotto (ciclo di vita del software)  Il ciclo di vita del software consiste in:  63

65 1.Definizione dei requisiti (esigenze dell‘ utente, vincoli e risorse esistenti). 2.Analisi (definire il cosa fare). 3.Disegno (definire il come fare). 4.Implementazione (definire in dettaglio la soluzione verso il computer). 5.Testing (definire i dati di prova) 6.Controllo qualità (valutare, attraverso i test, la "qualità" del prodotto) 7.Manutenzione (modificare e accrescere le funzionalità preesistenti sulla base di nuovi bisogni)  64  Verino de Simone  Modulo 1  Concetti di base

66 Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base Memorie di massa Memoria veloce Capacità di memoria Prestazioni del computer 1.3 Dispositivi di memoria

67 Memorie di massa Sono particolari unità periferiche di Input e Output, dove possono essere registrati in modo permanente i dati. Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

68 Si distinguono per: Capacità: quante informazioni può contenere Accesso ai dati: con quale tecnica accede ai dati Velocità Costo Mobilità Tecnologia: ottica, magnetica, elettronica Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

69 Hard Disk Chiamato anche Disco Fisso. E’ la memoria permanente del computer, in cui si conservano tutti i documenti, i dati e i programmi. Viene usato come memoria di immagazzinamento (memoria di massa). Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

70 1.3.1 Ha elevata capacità di memorizzazione: GB Tempo di accesso: ms Velocità rotazione: rpm Memoria di tipo magnetica Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

71 1.3.1 E’ formato da un certo numero di piatti rotanti dotati, su ogni faccia, di una testina di lettura scrittura. Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

72 CD-ROM E’ un disco ottico (diametro 12 cm) con alta capacità di memorizzazione La lettura dei dati avviene con una luce laser. La sua capacità è di 650 Mb o 74’ (circa 450 floppy) Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

73 CD-R Ha caratteristiche simili al cd ma può essere registrato solo una volta mediante un’unità periferica: il masterizzatore Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

74 CD-RW Ha caratteristiche simili al CD-R ma può essere cancellato e registrato fino a 1000 volte con il masterizzatore. Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

75 DVD Digital Versatile Disk E’ un disco di sola lettura con grande capacità di memorizzazione usato per giochi, musica e filmati. Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base Oggi esiste la possibilità di scrivere i DVD utilizzando un apposito masterizzatore.

76 1.3.1 Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base 9,4 Gigabytes 8,5 Gigabytes 6044 floppy 17 Gigabytes 4,7 Gigabytes 3340 floppy

77 1.3.2 Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base Memoria veloce RAM (random access memory) E’ la sede obbligata dalla quale l’unità centrale di elaborazione (CPU) estrae le istruzioni che devono essere eseguite e i dati sui quali operare. ROM ROM (Read Only Memory) E’ una memoria preregistrata e permanente che conserva le informazioni che consentono al computer di partire ed eseguire i vari programmi.

78 1.3.2 Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base Usata per la registrazione dei dati e delle istruzioni del programma al momento della sua esecuzione. I suoi requisiti sono :  Di lettura scrittura  Ha una capacità limitata  E’ volatile  Ha un costo elevato  Accesso diretto ai dati – random (o casuale)  Tecnologia per la memorizzazione: elettronica  Tempo di accesso ai dati: ns RAM

79 1.3.2 Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base ROM Viene utilizzata per la registrazione di un programma particolare (FIRMWARE) che permette l’esecuzione delle funzioni base del BIOS (Basic Input Output System). Le sue caratteristiche sono:  Memoria di sola lettura  Il contenuto non può essere modificato  Non è volatile  Non ha un costo elevato

80 Capacità delle memorie (unità di misura) Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base Il computer codifica tutte le informazioni utilizzando una convenzione BINARIA, può cioè operare con dati espressi utilizzando solo due stati cioè assenza (0) o presenza di corrente (1) Il BIT rappresenta lo stato dell’interruttore: 0 spento 1 acceso

81 BIT: (binary digit, numero binario) è la più piccola unità di memorizzazione e può assumere solo due valori: 0 ed 1. Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

82 Se abbiamo a che fare con una scelta fra più di due alternative useremo più di 1 bit! Con 3 bit potremmo rappresentare tutti gli stati possibili del semaforo. Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

83 Con 8 bit, è possibile rappresentare la scelta fra 256 alternative diverse (2 8 =256) da … da … …a …a passando per tutte le combinazioni intermedie ( , , …) Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

84 Nel caso del semaforo, bastano 3 diverse combinazioni di 3 bit per descrivere i tre stati del semaforo. Ad esempio:  A  A  B  B  C  C  D  D  E  E …. e così via Nel caso del testo, si fanno corrispondere diverse combinazioni di 8 bit (otto cellette, ciascuna delle quali può contenere 0 o 1) a caratteri diversi Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

85 1.3.2 Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base Si può costruire una TABELLA DI CODIFICA DEI CARATTERI che associ caratteri alfanumerici a gruppi di 8 bit BYTE: 8 BIT Per la memorizzazione di un carattere serve un byte.

86 La più diffusa tabella di codifica dei caratteri a 8 bit si chiama ISO Latin1 ed è basata sulla vecchia tabella ASCII ( a 7 bit) (attenzione: le associazioni della tabella ISO Latin 1 sono diverse da quelle riportate prima come esempio) Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

87 OGGIPIOVE Quindi una stringa di caratteri sarà rappresentata dal computer come una successione di gruppi di 8 bit Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

88 Esempio di codifica ASCII Il testo: “Tradotto” (cioè cifrato) in ASCII (utilizzando tre cifre per ogni numero; ad es.: 045,…) diventa: e rappresentato in aritmetica binaria (un byte per lettera) diventa (limitandoci alle prime tre parole dell’originale): Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base

89 Capacità delle memorie Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base Le unità di misura dell’informazione utilizzate, in ordine di grandezza crescente, sono: il kilobyte (Kb = = byte) (Kb = 2 10 byte = byte) il megabyte (Mb = = byte), (Mb = 2 10 Kbyte = byte), il gigabyte (Gb = = byte) (Gb = 2 10 Mbyte = byte)

90 Prestazioni del computer Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base Dipendono da una serie di fattori: 1. Velocità della CPU: ossia un numero di istruzioni eseguite nell’unita’ di tempo (MIPS). 2. Dimensioni della RAM: se la memoria e’ di dimensioni sufficiente a registrare l’intero programma in elaborazione, la CPU trova sempre i dati sulla memoria centrale.

91 1.3.2 Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base 3. Velocità della memoria di massa (Hard Disk): le prestazioni aumentano con l’aumentare della velocità di rotazione (5400 rpm, 7200 rpm, rpm) 4. Dispositivi per accelerare particolari tipi di operazione: acceleratori grafici 5. Utilizzo contemporaneo di più programmi: può rallentare la velocità elaborativa del sistema.


Scaricare ppt "Conoscenze di base della Tecnologia dell’Informazione Modulo 1 Verino de Simone Modulo 1 Concetti di base."

Presentazioni simili


Annunci Google