La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

GIACOMO LEOPARDI (1798, RECANATI – 1837, NAPOLI).

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "GIACOMO LEOPARDI (1798, RECANATI – 1837, NAPOLI)."— Transcript della presentazione:

1 GIACOMO LEOPARDI (1798, RECANATI – 1837, NAPOLI)

2 ITALIA

3 LE MARCHE

4 RECANATI

5 LA VITA  nasce a Recanati nel 1798 e cresce con una rigida  nasce a Recanati nel 1798 e cresce con una rigida educazione religiosa educazione religiosa  Giacomo, da autodidatta, studia sui libri della biblioteca  Giacomo, da autodidatta, studia sui libri della biblioteca paterna l'ebraico, il francese, l'inglese, lo spagnolo paterna l'ebraico, il francese, l'inglese, lo spagnolo  i genitori non gli permettono di uscire di casa da solo fino ai  i genitori non gli permettono di uscire di casa da solo fino ai 20 anni 20 anni  Leopardi si butta in uno studio «matto e disperatissimo», in  Leopardi si butta in uno studio «matto e disperatissimo», in cui traduce i classici, pratica sette lingue, scrive un dotto cui traduce i classici, pratica sette lingue, scrive un dotto testo di astronomia e un falso poema in greco antico, testo di astronomia e un falso poema in greco antico, sufficientemente convincente da ingannare un esperto sufficientemente convincente da ingannare un esperto

6 LA VITA  la sua salute peggiora: ha una vista debole, soffre d’asma e  la sua salute peggiora: ha una vista debole, soffre d’asma e diventa gobbo diventa gobbo  dal 1822 al 1827 Leopardi è a Roma, a Milano, a Bologna,  dal 1822 al 1827 Leopardi è a Roma, a Milano, a Bologna, a Firenze, a Pisa a Firenze, a Pisa  a Firenze vive un amore infelice per Fanny Targioni  a Firenze vive un amore infelice per Fanny Targioni Tozzetti Tozzetti

7 ROMA

8 MILANO

9 BOLOGNA

10 FIRENZE

11 PISA

12 LA VITA  negli ultimi anni abita a Napoli  negli ultimi anni abita a Napoli  muore nel 1837 durante un’epidemia di colera  muore nel 1837 durante un’epidemia di colera  è sepolto a Mergellina, presso la tomba di Virgilio  è sepolto a Mergellina, presso la tomba di Virgilio

13 NAPOLI

14 IL MONUMENTO FUNEBRE DI LEOPARDI

15 LE OPERE Canzoni (1824) è il primo grande libro di poesie di Giacomo dove si presenta in veste di poeta etico e civile. L'opera aduna 10 componimenti scritti tra il 1818/23 e sono in ordine cronologico. Canzoni (1824) è il primo grande libro di poesie di Giacomo dove si presenta in veste di poeta etico e civile. L'opera aduna 10 componimenti scritti tra il 1818/23 e sono in ordine cronologico. Versi (1826) è la seconda e rilevante silloge poetica di Giacomo. Comprende tutti i testi approvati non inclusi nelle Canzoni del '24. Versi (1826) è la seconda e rilevante silloge poetica di Giacomo. Comprende tutti i testi approvati non inclusi nelle Canzoni del '24. Canti (1831). Struttura tripartita con Canzoni, idilli e canti pisano-recanatesi. Si compone di 23 componimenti. Canti (1831). Struttura tripartita con Canzoni, idilli e canti pisano-recanatesi. Si compone di 23 componimenti.

16 Le Operette Morali sono 24 brevi scritti, progettati dall'autore fin dal Per lo più sono scritte sotto forma di dialoghi tra personaggi reali o immaginari: la condizione umana, la morte, il destino, la vana ricerca della felicità sono alcuni dei temi che ricorrono nell'opera. Le Operette Morali sono 24 brevi scritti, progettati dall'autore fin dal Per lo più sono scritte sotto forma di dialoghi tra personaggi reali o immaginari: la condizione umana, la morte, il destino, la vana ricerca della felicità sono alcuni dei temi che ricorrono nell'opera. lo Zibaldone di pensieri in cui tocca argomenti diversi riguardanti la filosofia, la letteratura, la linguistica, oltre a trattare di problemi etici o sociali e anche legati alla sua personale esperienza lo Zibaldone di pensieri in cui tocca argomenti diversi riguardanti la filosofia, la letteratura, la linguistica, oltre a trattare di problemi etici o sociali e anche legati alla sua personale esperienza

17 XXVIII - A SE STESSO Or poserai per sempre, Stanco mio cor. Perì l'inganno estremo, Ch'eterno io mi credei. Perì. Ben sento, In noi di cari inganni, Non che la speme, il desiderio è spento. Posa per sempre. Assai Palpitasti. Non val cosa nessuna I moti tuoi, nè di sospiri è degna La terra. Amaro e noia La vita, altro mai nulla; e fango è il mondo. T'acqueta omai. Dispera L'ultima volta. Al gener nostro il fato Non donò che il morire. Omai disprezza Te, la natura, il brutto Poter che, ascoso, a comun danno impera, E l'infinita vanità del tutto.

18 IL CUORE Sede dei sentimenti, emozioni, pensieri, desideri,... Sede dei sentimenti, emozioni, pensieri, desideri,... Coraggio Coraggio

19 IL CUORE Amico Amico del cuore Aprire Aprire il cuore a qualcuno Avere Avere il cuore di pietra / di leone / d’oro / di ghiaccio il cuore in mano Ridere Ridere di cuore Rubare Rubare il cuore a qualcuno (rubacuori) Senza Senza cuore Spezzare Spezzare il cuore a qualcuno Stringere Stringere il cuore Toccare Toccare il cuore a qualcuno

20 IL CUORE Due cuori e una capanna Due cuori e una capanna Occhio non vede, cuore non duole. Occhio non vede, cuore non duole. Se occhio non mira, cuor non sospira. Se occhio non mira, cuor non sospira. Lontano dagli occhi, lontano dal cuore. Lontano dagli occhi, lontano dal cuore. Al cuor non si comanda. Al cuor non si comanda. Mano fredda, cuor sincero. Mano fredda, cuor sincero.


Scaricare ppt "GIACOMO LEOPARDI (1798, RECANATI – 1837, NAPOLI)."

Presentazioni simili


Annunci Google