La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 II. Funzioni  Presentazione  Casi: –Inail - invalidi del lavoro –Infrastrutture –Legge finanziaria 2002 –Enel – Infostrada –Ausiliari del traffico.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 II. Funzioni  Presentazione  Casi: –Inail - invalidi del lavoro –Infrastrutture –Legge finanziaria 2002 –Enel – Infostrada –Ausiliari del traffico."— Transcript della presentazione:

1 1 II. Funzioni  Presentazione  Casi: –Inail - invalidi del lavoro –Infrastrutture –Legge finanziaria 2002 –Enel – Infostrada –Ausiliari del traffico –Ferrovie dello Stato  A) Caratteri  B) Classificazione  C) Servizi pubblici  D) Discipline generali e speciali

2 2 “allegoria del buon governo” (Ambrogio Lorenzetti, , Palazzo pubblico di Siena) Bene comune (governo)Giustizia Cittadini Amministrazione

3 3 Gli effetti del buono o del cattivo governo sulla città” (Ambrogio Lorenzetti ) edilizia urbanistica sicurezza regole controlli

4 4 effetti del buon governo in città Impresa Controllo preventivo o successivo Ispezioni Concorrenza

5 5 effetti del buon governo in città Opere pubbliche realizzazione finanziamento espropriazione tributi pianificazione

6 6 effetti del buon governo in città Sicurezza > beni pubblici puri uso della forza finanziamento tributi

7 7 effetti del buon governo in città Trasporti Strade Condotta su strada Autorizzazione

8 8 effetti del buon governo in città Matrimonio PubblicitàFamiglia Figli Scuola Sanità Cultura Sostegno Atti dichiarativi

9 9 effetti del buon governo in città Danzatrici Riunioni in luogo pubblico Spettacolo Sostegno Controllo

10 10 “effetti del buon governo in campagna” (Ambrogio Lorenzetti ) Agricoltura Sovvenzioni Ammassi Commercio estero Riparto delle competenze

11 11 “effetti del buon governo in campagna” Tutela dell’ambiente Regole Controlli Analisi chimiche

12 12 “effetti del buon governo in campagna” Lavoro Regole Controlli Immigrazione Poteri pubblici e poteri privati

13 13 “effetti del buon governo in campagna” Acqua Beni pubblici Tutela Acquedotti Servizi pubblici Uso Concessione Risorsa scarsa

14 14 II. Funzioni (a2) Caso Inail – invalidi del lavoro II. Funzioni (a2) Caso Inail – invalidi del lavoro (doc. 23)  Riparto orizzontale delle funzioni amm.ve  Principi costituzionali: art. 3 e 32  Materie:  Amministrazioni:  Funzione in senso oggettivo e soggettivo sanità Inail: ente pubblico protezione sociale Ssn: amministrazione composta Usl: azienda

15 15 II. Funzioni (a3) Caso Infrastrutture II. Funzioni (a3) Caso Infrastrutture (doc. 24)  C. cost. n. 303/2003  Pluralità di centri di produzione normativa  Non gerarchia, ma competenza  Riparto verticale delle funzioni amm.ve  Principi costituzionali: art. 117 e 118  Trasformazione del disegno costituzionale del 1948: dai principi della competenza statale residuale e del parallelismo tra funzioni legislative e amministrative ai principi opposti della competenza comunale residuale e della asimmetria tra il riparto di competenze legislative e amministrative

16 16 II. Funzioni (a4) Caso Infrastrutture  Prima del 2001:  Dopo il 2001: Funzioni amm.ve statali Funzioni amm.ve comunali (necessità esercizio unitario) Potestà legislativa statale funzioni amm.ve statali Potestà legislativa regionale funzioni amm.ve regionali Potestà legislativa statale Potestà legislativa regionale Funzioni amm.ve regionali

17 17 II. Funzioni (a5) Caso Infrastrutture  Immagine tradizionale:  C. cost. 303/2003:  Inversione del rapporto Legge Funzioni amministrative Funzioni Amministrative (statali) Legge (statale)

18 18 II. Funzioni (a6) Caso Legge finanziaria 2002 II. Funzioni (a6) Caso Legge finanziaria 2002 (doc. 26)  C. cost. n. 14/2004  Distribuzione delle funzioni amministrative  Criterio della materia  Tutela della concorrenza  Materia trasversale: difficoltà di individuarne i confini  Nozione ampia: la “rilevanza macroeconomica” giustifica l’intervento statale

19 19 II. Funzioni (a7) Caso Enel - Infostrada II. Funzioni (a7) Caso Enel - Infostrada (doc. 25)  Decisioni Agcm, Tar, CdS  Servizi pubblici: tlc, energia  Concorrenza –Mercato rilevante: telefonia fissa produzione di energia elettrica vendita di energia ai clienti idonei

20 20 II. Funzioni (a8) Caso Ausiliari del traffico II. Funzioni (a8) Caso Ausiliari del traffico (doc. 28)  C. cost. ord. n. 157/2001  Trasferimento a privati di compiti di interesse generale  Ausiliari del traffico  Limiti e condizioni del trasferimento delle funzioni autoritative

21 21 II. Funzioni (a9) Caso Ferrovie dello Stato II. Funzioni (a9) Caso Ferrovie dello Stato (doc. 29)  Cons. Stato n. 1617/2004  Salvaguardia delle garanzie sostanziali senza imposizione di forme e procedure pubbliche  Espropriazione  Ferrovie dello Stato s.p.a.  L. 241/1990 come modificata dalla l. 15/2005: rispetto dei principi generali dell’azione amm.

22 22 II. Funzioni (1)  A) Caratteri  B) Classificazione  C) Servizi pubblici  D) Discipline generali e speciali  A) Caratteri 1) principio ordinatore della p.a. -“funzione” e “funzioni amministrative” -vari profili:  tripartizione delle funzioni  funzioni e servizi  l’attività amministrativa come funzione (congruenza con i fini pubblici)

23 23 II. Funzioni (2)  A) Caratteri  B) Classificazione  C) Servizi pubblici  D) Discipline generali e speciali 2) interesse pubblico come fondamento  Art. 1 legge 241  Individuato dalle norme  Generale o sezionale 3) fenomeno generale nel d.a.  Attività sempre funzionalizzata  Globalmente rilevante  Procedimentalizzata

24 24 II. Funzioni (3)  A) Caratteri  B) Classificazione  C) Servizi pubblici  D) Discipline generali e speciali 4) “doppia dipendenza” (doc. 30)  dai cittadini (elezione popolare) e dai politici (approvazione parlam. leggi)  a) art. 95 cost.: circuito democratico parlamento corpo elettorale governo p.a.

25 25 II. Funzioni (4)  A) Caratteri  B) Classificazione  C) Servizi pubblici  D) Discipline generali e speciali  b) art. 97 cost.: “imparzialità” art. 98 cost.: “al servizio della Nazione” cittadini p.a. parlamento governo

26 26 II. Funzioni (5)  A) Caratteri  B) Classificazione  C) Servizi pubblici  D) Discipline generali e speciali Conseguenze: - limiti per il legislatore - assoggettamento a controlli (discrezionalità amministrativa) -partecipazione dei cittadini (aspetto oggettivo) due problemi: 1.accentuazione profilo oggettivo delle funzioni; 2.applicabilità a privati di regole pubbliche

27 II. Funzioni (6) 5) pluralità - enti «a fini generali» - soggetti privati - possibili conflitti: a) a volte risolti dalla Cost. o dalla legge b) a volte strumenti di composizione di interessi 27  A) Caratteri  B) Classificazione  C) Servizi pubblici  D) Discipline generali e speciali

28 28 II. Funzioni (7)  A) Caratteri  B) Classificazione  C) Servizi pubblici  D) Discipline generali e speciali 6) natura permanente  non legate a situazioni eccezionali o transitorie  indipendenti dai singoli episodi e atti  eccezioni: amministrazioni di missione 7) quattro elementi costitutivi  materia  attribuzioni  fini  destinatari

29 29 II. Funzioni (8)  A) Caratteri  B) Classificazione  C) Servizi pubblici  D) Discipline generali e speciali  B) Classificazione –Criteri:  per materia  sulla base delle attribuzioni (finali e strumentali)  sulla base dei fini –Limiti di tali criteri –Necessità di una ricostruzione complessiva

30 30 II. Funzioni (9)  A) Caratteri  B) Classificazione  C) Servizi pubblici  D) Discipline gen. e spec. - Funzioni più importanti  funzioni tradizionali (es. giustizia, difesa, ordine pubblico, governo del territorio e infrastrutture)  funzioni più recenti (es. ambiente)  evoluzione: art. 3 cost. e funzioni del benes- sere (scuola, lavoro, protezione sociale)  prestazioni a fruizione collettiva (es. ambiente)  prestazioni a fruizione individuale: problemi di selezione e di eguaglianza (es. sanità)

31 31 II. Funzioni (10)  A) Caratteri  B) Classificazione  C) Servizi pubblici –Nozioni e caratteri –Regime tradizionale –Evoluzione –S.p. economici  D) Discipline generali e speciali  C) Servizi pubblici - Nozioni e caratteri:  attività di prestazione: nozione descrittiva e non normativa  non sempre funzioni amministrative: rapporto tra funzioni e servizi variabile  eterogeneità

32 32 II. Funzioni (11)  A) Caratteri  B) Classificazione  C) Servizi pubblici –Nozioni e caratteri –Regime tradizionale –Evoluzione –S.p. economici  D) Discipline generali e speciali  Due distinzioni fondamentali: 1) Servizi nazionali e locali: * dimensione diversa > disciplina diversa 2) Servizi economici e sociali: * distinzione incerta * confine mobile

33 33 II. Funzioni (12)  A) Caratteri  B) Classificazione  C) Servizi pubblici –Nozioni e caratteri –Regime tradizionale –Evoluzione –S.p. economici  D) Discipline generali e speciali –Regime tradizionale dei s.p.  Riconducibilità del servizio a un pubblico potere  Ris. originaria < ris. di legge (art. 43 cost.)  Gestione diretta, indiretta, concessione  Compiti di regolazione e gestione: difficoltà di distinzione  Strumento di governo dell’economia: rapporto di utenza assorbito nel rapporto di cittadinanza  Regime amministrativo: disciplina speciale

34 34 II. Funzioni (13)  A) Caratteri  B) Classificazione  C) Servizi pubblici –Nozioni e caratteri –Regime tradizionale –Evoluzione –S.p. economici  D) Discipline generali e speciali –Evoluzione  Progressiva applicazione dei principi comunitari (soprattutto: concorrenza)  Abbandono di riserve e monopoli, liberalizzazione  Distinzione tra regolazione e gestione e tra rete e servizio (es. Enel, FS)  Privatizzazioni  Dissociazione del rapporto di utenza da quello di cittadinanza; tutela degli utenti  Distinzione tra funzioni amministrative e s.p.  Passaggio da 2 poli a 3 poli

35 35 II. Funzioni (14)  A) Caratteri  B) Classificazione  C) Servizi pubblici –Nozioni e caratteri –Regime tradizionale –Evoluzione –S.p. economici  D) Discipline generali e speciali –S.p. economici: attività oggettivamente qualificate a pubblici interessi e regolazione nei settori dei servizi pubblici liberalizzati  Nozione di regolazione  Esigenza di assicurare il corretto funzionamento dei mercati  Esigenza di tutelare interessi che verrebbero sacrificati  conseguenza: “Servizio universale”  Autorità indipendenti: tecnica di regolazione di tipo condizionale  Carte dei servizi pubblici

36 36 II. Funzioni (15)  A) Caratteri  B) Classificazione  C) Servizi pubblici  D) Discipline generali e speciali  D) discipline generali e speciali due finalità : apertura al mercato e garanzia dei diritti di utenti e operatori a) generali: a) generali:concorrenza b) speciali: energia elettrica gas trasporti di linea servizi postali telecomunicazioni

37 37 II. Funzioni (16)  A) Caratteri  B) Classificazione  C) Servizi pubblici  D) Discipline generali e speciali  Conclusioni: - Normativa mista: sovranazionale e statale - Pluralità di soggetti: pubblici e privati, nazionali e stranieri - Coesistenza di concorrenza e regolazione - Conseguenza: “circolo vizioso” - La regolazione presenta gravi limiti, ma è necessaria per accompagnare il passaggio dal monopolio alla concorrenza


Scaricare ppt "1 II. Funzioni  Presentazione  Casi: –Inail - invalidi del lavoro –Infrastrutture –Legge finanziaria 2002 –Enel – Infostrada –Ausiliari del traffico."

Presentazioni simili


Annunci Google