La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Master Universitario DSA A.A. 2012-2013 1 Barbara Sini Ricercatrice Facoltà di Psicologia Università degli Studi di Torino. Laboratorio di Psicologia delle.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Master Universitario DSA A.A. 2012-2013 1 Barbara Sini Ricercatrice Facoltà di Psicologia Università degli Studi di Torino. Laboratorio di Psicologia delle."— Transcript della presentazione:

1 Master Universitario DSA A.A Barbara Sini Ricercatrice Facoltà di Psicologia Università degli Studi di Torino. Laboratorio di Psicologia delle emozioni Psicoterapeuta Coordinatrice del Centro di Psicoterapia per l’Infanzia Areté – Istituto A. Adler di Torino

2 Apprendimento Dai volumi: Psicologia Generale (a cura di Schacter, Gilbert e Wegner, Zanichelli 2012; Psicologia cognitiva (di Eysenck e Keane, a cura di Monica Bucciarelli, Idelson- Gnocchi, 2012) PSYCHOLOGY

3 3 Definire l’apprendimento - Definizione: esperienze che provocano, in chi apprende, un cambiamento relativamente permanente di stato

4 4 Apprendimento e comportamentismo - Comportamentismo: 1930 – Comportamento osservabile, misurabile - L’attività mentale è irrilevante e non esplorabile

5 5 6.2 Condizionamento Classico - Condizionamento classico: Stimolo Incondizionato (SI) Risposta Incondizionata (RI) Stimolo Condizionato (SC) Risposta Condizionata (RC)

6 6 Condizionamento Classico – elementi neurali - Le componenti neurali del condizionamento classico Amigdala – nucleo centrale Es.paura – freezing (immobilizzazione) + arousal fisiologico (FC, FR, ormoni stress: cortisolo) LE DOUX (1996)

7 7 Condizionamento Operante - B. F. Skinner - Condizionamento operante - La gabbia di Skinner - Rinforzo Positivo Negativo - Punizione Positiva Negativa RINFORZO E PUNIZIONE Aumenta probabilità di un comportamento Diminuisce probabilità di un comportamento Stimolo presentato Rinforzo positivoPunizione positiva Stimolo eliminato Rinforzo negativoPunizione negativa

8 8 Condizionamento Operante - Quali rinforzi sono più efficaci? - Il principio di Premack L’attività preferita può fungere da rinforzo per quella che lo è meno: “niente Tv finchè non finisci i compiti” - Potere relativo del rinforzo Acqua rinforza topo assetato a fare esercizi Topo non assetato privato di attività fisica beve per sollecitare somministrazione di esercizi fisici. - Effetto della sovragiustificazione (Disegno bb premi per voti alti… vedi USA)

9 ATTENZIONE - Presupposto essenziale per l’apprendimento: l’attenzione - Presa di possesso da parte della mente, in chiare e vivide forme, di uno solo tra tanti oggetti che si presentano come simultaneamente possibili o di un solo pensiero in un corso di pensieri. La focalizzazione e la concentrazione della coscienza ne rappresentano l’essenza (James, 1890) - Al suo interno agiscono componenti emotive e motivazionali Come palla del Karaoke l’attenzione: salta sempre su qualcosa (intenzionalità); esiste una sola pallina (unità) Seleziona un bersaglio e non altri (selettività) Salta incessantemente (transitorietà)

10 Unità 10 Principio di unità Reagire a due giochi sovrapposti in uno schermo condiviso: PREMERE PULSANTE A SE MANI COLPIVANO ALTRE MANI PREMERE PULSANTE B SE PALLA VENIVA PASSATA

11 Selettività L’ATTENZIONE selettiva Cocktail party - l’attenzione distribuita Ascolto dicotico stesso registro sensoriale

12 Transitorietà 12 Capacità limitata della WM = memoria di lavoro IL FUOCO DELLA NOSTRA ATTENZIONE CONTINUA A CAMBIARE

13 Due tipi di attenzione Corbetta e Shulman (2002) Dall’alto verso il basso Vs - (rete dorsale – del lobo fronto-parietale) - FUNZIONAMENTO INFLUENZATO DALLE ATTESE, CONOSCENZE, - OBIETTIVI (INDIZI DATI) - Sistema guidato dall’obiettivo Dal basso verso l’alto - (rete ventrale – del lobo fronto-parietale dx) - FUNZIONAMENTO DETERMINATO DA STIMOLO INATTESO E POTENZIALMENTE IMPORTANTE >>>>interruzione del circuito - attenzione deviata dal focus corrente - Sistema guidato dallo stimolo 13

14 Focus attenzionale inconsapevole - Casi di neglect: - Ricerche che consistevano nel decidere se stringhe di lettere formassero una parola - 1. Parola presentata all’emi-campo sinistro non percepita - 2. Parola nell’emi-campo destro sì - MA se si presentava all’emicampo-sinistro (neglect) stimolo visivo (immagine) collegato semanticamente alla parola>>> tempo di risposta più breve (segno di attenzione) - 14

15 Disturbo dell’attenzione Carico percettivo ridotto - Suscettibilità alla Distraibilità è maggiore - (numero di stimoli e necessità di elaborazione) Carico elevato sulle funzioni esecutive di controllo cognitivo - se si usa memoria di lavoro (es. memorizzare serie di cifre) mentre si classificano come pop-star o come politici, dei personaggi famosi 15 No relazione diretta tra carico e suscettibilità alla distraibilità

16 Fattori che influenzano l’esecuzione del doppio compito - Somiglianza del compito - Stessa modalità di risposta (CFR exp 2 giochi mani e palla) - stessa modalità di stimolo: Uditiva Visiva (stroop) - Pratica Es comprendere brani contemporaneamente scrivere parole (con la pratica si può) - Difficoltà: Ripetere messaggio uditivo (shadowing) e individuare parole scritte (se brani meno ridondanti compito di riconoscimento più difficile) 16

17 Effetto Stroop 17


Scaricare ppt "Master Universitario DSA A.A. 2012-2013 1 Barbara Sini Ricercatrice Facoltà di Psicologia Università degli Studi di Torino. Laboratorio di Psicologia delle."

Presentazioni simili


Annunci Google