La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Percezione Attenzione Memoria. La Percezione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Percezione Attenzione Memoria. La Percezione."— Transcript della presentazione:

1 Percezione Attenzione Memoria

2

3

4

5

6

7 La Percezione

8 Dalla sensazione alla percezione La sensazione: dal punto di vista fisiologico può essere definita come la modificazione dello stato del nostro sistema neurologico a causa del contatto con l'ambiente tramite gli organi di senso. Gli stimoli offerti dall'ambiente vengono catturati dai nostri organi di senso, ognuno dei quali adibito alla ricezione di uno stimolo particolare. : udito, vista, olfatto, gusto, tatto I canali sensoriali sono : udito, vista, olfatto, gusto, tatto

9 Dalla sensazione alla percezione CINESTESIA

10 EQUILIBRIO

11 DOLORE

12 PERCEZIONE: Organizzazione degli stimoli che provengono dallambiente circostante Es: noi percepiamo bene la dimensione della profondità degli oggetti sebbene questa venga schiacciata sulla retina trasformando una realtà tridimensionale in una bidimensionale.

13 Gestalt = Forma

14 Percezione processo attivo e complesso di interpretazione degli stimoli sensoriali in un tutto organizzato. percetto = esito della relazione tra soggetto ed individuo

15 I Disturbi della percezione Patologie organiche o cerebrali (es. epilessia; neoplasie) Patologie psichiatriche (schizofrenia; disturbi dellumore) Abuso di sostanze psicoattive Stati emotivi alterati

16 I Disturbi della percezione -le illusioni La realtà viene percepita o interpretata in modo sbagliato a causa di una condizione emotiva intensa o per distrazione. Es. in caso di pericolo un miagolio può essere interpretato come il lamento di un ferito. Possono verificarsi quando il dato percettivo è incompleto o non strutturato a sufficienza. Es. limmagine di una nuvola può essere percepita come un animale o altra forma significativa

17 - le allucinazioni Manifestazione di una percezione in assenza di oggetto. Clinicamente quelle più importanti sono le auditive e le visive.

18 - le allucinosi Generalmente sono fenomeni sensoriali ricchi e complessi e si distinguono dalle allucinazioni perché vengono avvertite come patologiche dalla persona che le sperimenta -le pseudoallucinazioni Sono disturbi sensoriali che vengono avvertiti come provenienti dall'interno del corpo in cui manca la proiezione all'esterno. (es. sentire lo stomaco di piombo)

19 Test awareness by beepsquick

20 ATTENZIONE = CAPACITÀ DI DIRIGERE LE RISORSE PSICHICHE A DISPOSIZIONE DEL SOGGETTO IN UN DETERMINATO MOMENTO SU DETERMINATI ASPETTI DELLA REALTÀ Regolazione dellattività percettiva attraverso la selezione degli stimoli

21 Fattori che influenzano capacità attentive INTERNIESTERNI STIMOLI AMBIENTALI INNOVATIVI LAVORO RIPETITIVO STATO DI VIGILANZA STATO EMOTIVO INTERESSE MOTIVAZIONE

22 Attenzione: caratteristiche principali a) focalizzazione: processo selettivo mediante il quale decidiamo quale stimolo, tra i tanti, prendere in considerazione b) concentrazione: la quantità di sforzo cognitivo richiesto per mantenere lattenzione focalizzata sullo stimolo.

23 ATTENZIONE DISTRIBUITA pretesa dal compito che richiede di rispondere a più stimoli contemporaneamente (es. guidare la macchina) ATTENZIONE SELETTIVA Capacità di isolare uno stimolo tra tanti e rispondere solo a quello (es. discorso stanza affollata)

24 Test di STROOP

25 DISTURBI DELLATTENZIONE DISATTENZIONE riduzione attenzione dovuta a stanchezza fisica o mentale DISTRAZIONE riduzione attenzione dovuta allinterferenza altri stimoli estranei attività in corso (evento temporaneo) DISTRAIBILITÀ propensione soggettiva alla distrazione APROSESSIA tipica delle formazioni psicotiche e degli stati psichici alterati

26

27

28 La MEMORIA

29 la memoria Capacità di fissare conservare recuperare linformazioni Fatto: oggettivamente accaduto verificatosi in assenza del soggetto memoria semantica Evento: ricordo soggettivo di un fatto accaduto vissuto dal soggetto memoria episodica

30 Processo di memoria processo di costruzione, elaborazione, ricodifica dei fatti o eventi 1.Fissazione: percezione stimolo attraverso lattenzione organizzata in schemi o categorie 2.Conservazione: sedimentazione delle tracce mnestiche 3.Rievocazione : recupero spontaneo o volontario delle informazioni sedimentate

31 Modello lineare della MEMORIA 1.MEMORIA SENSORIALE forma di persistenza piuttosto che di conservazione dellinformazione. Informazione conservata per brevissimo tempo al fine di decidere se degna di considerazione o debba essere abbandonata.

32 Modello lineare della MEMORIA 2.MEMORIA A BREVE TERMINE Nelle memoria temporanea (a breve termine) si verifica un rapido deterioramento delle informazioni se non si attuano strategie di reiterazione. Es. num. di telefono Memoria di lavoro

33 Modello lineare della MEMORIA 3.MEMORIA A LUNGO TERMINE contiene numero elevato di informazioni a tempo indeterminto. Vari tipi di ricodificazione: forme verbali in immagini mentali

34

35 Disturbi della MEMORIA Amnesia retrograda Compromissione della memoria semantica: incapacità di ricordare avvenimenti accaduti, regolarmente immagazzinati, prima di un trauma o di una malattia.

36 Disturbi della MEMORIA Amnesia anterograda Compromissione memoria episodica: deficit di ritenzione delle informazioni dal momento della malattia. Può riguardare sia la MBT che la MLT


Scaricare ppt "Percezione Attenzione Memoria. La Percezione."

Presentazioni simili


Annunci Google