La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

AGNOSIA Difficoltà di riconoscimento limitate ad un canale sensoriale che non sono attribuibili a deficit percettivi elementari, a disordini oculo-motori,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "AGNOSIA Difficoltà di riconoscimento limitate ad un canale sensoriale che non sono attribuibili a deficit percettivi elementari, a disordini oculo-motori,"— Transcript della presentazione:

1 AGNOSIA Difficoltà di riconoscimento limitate ad un canale sensoriale che non sono attribuibili a deficit percettivi elementari, a disordini oculo-motori, a disturbi afasici, a compromissione attentive, a deficit mnestici né ad un grave deterioramento cognitivo.

2 Agnosia può riguardare le varie modalità sensoriali: Visiva Tattile Acustica

3 Agnosie visive I disturbi di riconoscimento visivo possono riguardare, selettivamente, gli oggetti (animati o inanimati), le facce, i colori, le forme, le parole scritte; Primo modello cognitivo del riconoscimento degli oggetti venne elaborato da Lissauer (1890); lautore ipotizzò che esistessero due livelli consequenziali per il riconoscimento visivo di un oggetto: - livello appercettivo - livello associativo

4 Il processo di riconoscimento visivo di un oggetto, dunque, può esser compromesso in uno dei due stadi: Stadio in cui viene effettuata unanalisi accurata delle caratteristiche sensoriali dello stimolo ed il risultato di tale analisi è lelaborazione di un percezione strutturata agnosia appercettiva Stadio in cui la percezione attiva quella rete di cono- scenze relative alle caratteristiche fisiche, funzionali, categoriali di un oggetto ne consentono lidentificazione agnosia associativa

5 Prosopagnosia Incapacità di riconoscere le facce di persone note la cui identificazione è possibile utilizzando stimoli acustici (la voce) o stimolo visivi non fisiognomici (abbigliamento, modo di incedere, segni caratteristici,…); Un pz prosopagnosico sa che una faccia è una faccia, può indicarne il gruppo etnico, letà, il sesso; ma non la riconosce come quella faccia;

6 Acromatopsia Incapacità di riconoscere i colori; Pz descrivono un mondo dai colori impoveriti; nei casi estremi, riferiscono di vedere il mondo formato solo dal bianco, dal nero e da diverse sfumature di grigio [come in un film in bianco e nero]; Nei casi meno gravi, i colori appaiono slavati o vengono denominati con peggiorativi (rossastro, bluastro….) o come la combinazione di più colori (rosso-arancio); altre volte, i pz riferiscono di vedere il mondo come attraverso un filtro monocromatico; Consegue a lesioni bilaterali dei lobi occipitali con coinvolgimento dei giri fusiforme e linguale;

7 La memoria, come molte altre funzioni cognitive, non è un processo unitario. Essa è costituita da più componenti separate, relativamente indipendenti, con caratteristiche psicologiche e correlati anatomo-fisiologici separati. E possibili distinguere diversi sistemi mnestici: quelli che consentono una ritenzione temporanea delle informazioni e quelli che, invece, consentono un ricordo più stabile nel tempo.

8 Memoria a breve termine (MBT) sistema di memoria che consente di ritenenre quantità limitate di informazioni per un breve periodo di tempo (secondi); Studi moderni hanno evidenziato cha la capacità della MBT è minore, nellordine dei 4-5- items; tuttavia può esser implementata applicando strategie mnemoniche;

9 Memoria a lungo termine (MLT) sistema di memoria che consente di immagazzinare grandi quantità di informazioni per lunghi periodi di tempo (minuti, ore, giorni, anni); Capacità MLT: virtualmente illimitata Durata MLT: arco della vita

10 Secondo una prospettiva relativa al processamento delle informazioni (Human Infrormation Processing) ci sono tre processi principali nella memoria: Codifica (Encoding): ricezione, registrazione, elaborazione e combinazione delle informazioni ricevute; Immagazzinamento (Storage): creazione di una registrazione permanente delle informazioni codificate; Richiamo (Retrieval): richiamo delle informazioni immagazzinate;

11 Il sistema di MLT, come quello a breve termine, può esser suddiviso in sotto-componenti distinte: Memoria dichiarativa/esplicita contiene le informazioni comunicabili, che vengono richiamate consciamente; Memoria non-dichiarativa/implicita riguarda le informazioni relative a comportamenti automatici;

12 Memoria dichiarativa/esplicita può esser ulteriormente suddivisa in: Memoria episodica: sistema di memoria che contiene informazioni riguardanti fatti ed eventi e le loro relazioni spazio-temporali (ovvero, informazioni specifiche collegate ad un qui-luogo ed un ora-momento); Memoria semantica: sistema mnestico che riguarda la conoscenza di parole, simboli, regole, formule,…..(contiene informazioni di natura enciclopedica dalla capitale della Grecia, alle formule algebriche,….); La memoria autobiografica è un caso particolare di memoria episodica, che riguarda episodi realmente avvenuti al soggetto stesso.

13 La memoria non dichiarativa/implicita riguarda quelle informazioni acquisite a cui non si può accedere consapevolmente e che si manifestano in modo relativamente automatico; Questo sistema di memoria riguarda un ambito molto vasto: dalle abilità percettive e motorie, a quelle cognitive e al linguaggio (es: esecuzioni di movimenti sofisticati andare in bicicletta o la scrittura); i processi di apprendimento sono impliciti, non mediati dalla consapevolezza (memoria procedurale); Tra le forme di apprendimento implicito ci sono: priming, condizionamento classico e apprendimento non associativo (abituazione);

14 FUNZIONI ESECUTIVE

15 ANATOMIA DEI LOBI FRONTALI I lobi frontali svolgono un ruolo cruciale nella cognizione e nel comportamento umano;

16 Le Funzioni Esecutive hanno quattro componenti principali (Lezak et al, 1995): Individuazione di un obiettivo Pianificazione Esecuzione Valutazione

17 Le Funzioni Esecutive sono: Un insieme di abilità cognitive complesse che consentono di affrontare situazioni e compiti nuovi; Abilità indispensabili per scegliere un obiettivo da raggiungere, pianificare una strategia per farlo, modificare flessibilmente tale strategia di fronte ai cambiamenti dellambiente esterno rispettando le regole esistenti e gestendo il tempo disponibile; Funzioni cognitive che intervengono quando un individuo prende decisioni di natura etico-morale anticipando gli effetti a breve e lungo termine di una scelta; Deficit delle funzioni esecutive provocano disabilità sociali, difficoltà nel mantenimento dei rapporti inter-personali e perdita delle autonomie della vita quotidiana (lavorativa, scolastica,…)


Scaricare ppt "AGNOSIA Difficoltà di riconoscimento limitate ad un canale sensoriale che non sono attribuibili a deficit percettivi elementari, a disordini oculo-motori,"

Presentazioni simili


Annunci Google