La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Struttura Periferica di Belluno PROCEDURE AMMINISTRATIVE DOMANDE ASSE IV Struttura Periferica di Belluno PROCEDURE AMMINISTRATIVE DOMANDE ASSE IV.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Struttura Periferica di Belluno PROCEDURE AMMINISTRATIVE DOMANDE ASSE IV Struttura Periferica di Belluno PROCEDURE AMMINISTRATIVE DOMANDE ASSE IV."— Transcript della presentazione:

1 Struttura Periferica di Belluno PROCEDURE AMMINISTRATIVE DOMANDE ASSE IV Struttura Periferica di Belluno PROCEDURE AMMINISTRATIVE DOMANDE ASSE IV

2 FASCICOLO AZIENDALE non è possibile presentare domanda senza aver prima costituito il fascicolo aziendale non è possibile presentare domanda senza aver prima costituito il fascicolo aziendale  raccoglie i dati di tutti i soggetti che intendono presentare domanda di finanziamento  la gestione dei fascicoli aziendali è stata attribuita dalla Regione all’AVEPA  AVEPA, secondo le modalità previste da apposita convenzione, delega i CAA alla tenuta ed alla gestione del fascicolo aziendale

3 la costituzione del fascicolo può essere fatta presso  i CAA Forniscono assistenza alla compilazione e ad agli eventuali adempimenti burocratici  la Struttura Periferica di AVEPA di Belluno Non fornisce assistenza alla compilazione Non fornisce assistenza alla compilazione

4 Il fascicolo aziendale viene costituito tramite  1) informatizzazione dei dati del beneficiario nell’applicativo AVEPA per la gestione del fascicolo aziendale  2) costituzione e conservazione di un fascicolo aziendale cartaceo, che contiene i documenti comprovanti i dati dichiarati nel fascicolo informatizzato

5 DOMANDA DI AIUTO  PRESENTAZIONE  RICEVIBILITA’  AMMISSIBILITA’  FINANZIABILITA’

6 1. COMPILAZIONE INFORMATICA DELLA DOMANDA TRAMITE L’ACCESSO AI MODULI INFORMATICI PREDISPOSTI DA AVEPA 2. CONSEGNA DELLA DOMANDA CARTACEA E DEGLI ALLEGATI ALLA STRUTTURA PERIFERICA AVEPA DI BELLUNO PRESENTAZIONE

7 La compilazione informatica può essere effettuata  dal CAA mandatario  dal singolo richiedente  da un soggetto da questo delegato

8  un soggetto delegato deve acquisire apposita delega sottoscritta dal richiedente  sarà cura del richiedente allegare alla domanda presentata all’AVEPA di Belluno la delega rilasciata a soggetto terzo per la compilazione della domanda stessa

9 COMPILAZIONE INFORMATIZZATA DELLA DOMANDA

10 1 è necessario ottenere la registrazione della propria utenza al seguente indirizzo è necessario ottenere la registrazione della propria utenza al seguente indirizzo  La guida alla registrazione è disponibile all’indirizzo sopra menzionato alla voce “Manuale Operatore”.  Il rilascio dell’abilitazione verrà confermato via mail dal settore informatico di AVEPA

11 2 Ottenute le credenziali si accede nuovamente all’applicativo GUARD sezione PSR Per chiedere le deleghe per i soggetti e le misure per cui si intende presentare domanda

12

13 3 ottenuta la delega SI ACCEDE ALL’APPLICATIVO PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA Unico accesso agli applicativi di Avepa FASCICOLO, PSR, SOP, BPOL Unico accesso agli applicativi di Avepa FASCICOLO, PSR, SOP, BPOL Unico accesso agli applicativi di Avepa FASCICOLO, PSR, SOP, BPOL Unico accesso agli applicativi di Avepa FASCICOLO, PSR, SOP, BPOL

14

15 RICEVIBILITÀ durante tale fase si verifica  domanda sia stata presentata entro i termini  firma  fotocopia carta di identità in corso di validità  presenza del codice fiscale (o CUAA) Nel caso in cui anche uno solo degli elementi individuati non sia rispettato e/o presente, la domanda viene considerata irricevibile

16 AMMISSIBILITÀ  la conformità dell’operazione  la ragionevolezza delle spese proposte  l’affidabilità del richiedente

17 FINANZIABILITA’ TRA LE DOMANDE AMMESSE IN GRADUATORIA, SULLA BASE DEGLI IMPORTI RESI DISPONIBILI DAL BANDO, VENGONO INDIVIDUATE LE DOMANDE FINANZIABILI TRA LE DOMANDE AMMESSE IN GRADUATORIA, SULLA BASE DEGLI IMPORTI RESI DISPONIBILI DAL BANDO, VENGONO INDIVIDUATE LE DOMANDE FINANZIABILI La formale approvazione delle fasi di ammissibilità e finanziabilità delle domande è competenza di una commissione congiunta GAL- AVEPA La formale approvazione delle fasi di ammissibilità e finanziabilità delle domande è competenza di una commissione congiunta GAL- AVEPA entro 120 giorni solari dalla data di chiusura termini per la presentazione delle domande di aiuto entro 120 giorni solari dalla data di chiusura termini per la presentazione delle domande di aiuto

18  Le operazioni con interventi strutturali  Le operazioni con altri interventi materiali Come determinare la spesa

19 Le operazioni per realizzazione di opere ed impianti TIPI DI INTERVENTO 1. Manutenzione straordinaria 2. Restauro e risanamento conservativo 3. Ricostruzione fabbricati crollati SPESA AMMISSIBILE  LAVORI OPERE E FORNITURE EDILI  ACQUISTO ED INSTALLAZIONE IMPIANTI TECNICI  SISTEMAZIONE AREE ESTERNE FINALIZZATE AL RIPRISTINO DEI LUOGHI NELLE CONDIZIONI ORIGINARIE E/O ALL’ INSERIENTO PAESAGGISTICO

20 COME STIMARE LA SPESA AMMISSIBILE A. computo metrico estimativo analitico utilizzando il prezziario della CCIAA di Belluno B. Scelta del fornitore basata sul confronto tra almeno tre preventivi di spesa elaborati da altrettante ditte in concorrenza (beneficiari privati) NEL CASO DI STIMA DELLA SPESA ATTRAVERSO TRE PREVENTIVI DI ALTRETTANTE DITTE IN CONCORRENZA E’ NECESSARIO  Presentare le tre offerte con una breve relazione redatta e sottoscritta da un tecnico qualificato se la spesa è superiore ai 5.000,00 euro (IVA esclusa)  Presentare le tre offerte con una dichiarazione del beneficiario sulla scelta del fornitore nel caso di spesa inferiore ai 5.000,00 euro (IVA esclusa)

21 documentazione da presentare (1)  Copia documento identità valido  Scheda punteggio (all’interno del modulo domanda)  Documentazione comprovante il punteggio  Per ONLUS e Fondazioni statuto atto costitutivo  permesso a costruire o DIA. (integrabili entro 60 giorni dalla scadenza per la presentazione delle domande)

22 documentazione da presentare (2)  Titolo proprietà o possesso  documentazione relativa alla disponibilità dell’immobile (affitto comodato, convenzione ecc.)  autorizzazione del proprietario a realizzare gli interventi  Relazione di screening, valutazione di incidenza o dichiarazione del tecnico che tale documentazione non è necessaria  Progetto approvato (tavole progetto, computo metrico, ecc.)  Relazione paesaggistica  Mappe impianto nuovo catasto e/o visura storica catastale  Scheda rilevamento tecnico (allegato A bando)

23 ALLEGATO TECNICO A DICHIARAZIONE DISPONIBILITA’ DEL BENE OGGETTO DI INTERVENTO Il/La Sottoscritto/a _______________________________________________________________nato/a a ________________________________ il ______________________________________residente in via/piazza _________________ n. ___, CAP _______, città ___________, prov. ___ in qualità di proprietario del terreno e/o immobile sito in Comune di __________________________ prov. ___censito al Mappale______________ Foglio ______ Part.____________consapevole delle sanzioni penali nelle quali incorre in caso di dichiarazioni mendaci, ai sensi dell’art. 76 del DPR 445 del 28/12/2000; DICHIARA di dare piena disponibilità al Sig.. (dati anagrafici __________________delle superfici o immobile censite al Mappale______________ Foglio ______ Part.____________ oggetto di intervento della domanda di aiuto sulla Misura 323 Azione 2 “Tutela e riqualificazione del patrimonio rurale” del Programma di Sviluppo Locale del GAL Alto Bellunese (Programma di Sviluppo Rurale Asse 4 Leader del Veneto), per un periodo di 7 anni a far data dalla pubblicazione del decreto di finanziamento nel BUR della Regione Veneto di autorizzare il Sig. (dati anagrafici) ____________________ all’esecuzione dei lavori da realizzare sulle superfici e/o immobile di cui è stata resa la piena disponibilità con particolare riferimento agli interventi oggetto della domanda di aiuto sulla Misura 323 Azione 2 “Tutela e riqualificazione del patrimonio rurale” del GAL Alto Bellunese (Programma di Sviluppo Rurale Asse 4 Leader del Veneto). AUTORIZZAai sensi del D. Lgs. 196/03, il trattamento dei propri dati limitatamente alle finalità di cui alla domanda di aiuto sopra citata. In fede Luogo, data___________________Il/La Dichiarante(firma)___________________ _Allegato: copia documento di identità del/della dichiarante, in corso di validità.

24 Altra documentazione da presentare in caso di Società o Enti pubblici : 1. delibera che approva il progetto e autorizza la presentazione della domanda di contributo 2. determina di affidamento per gli di incarichi progettazione nel rispetto della normativa generale sugli appalti Decreto Lgs. 163/2006 (solo enti pubblici) 3. Progetto definitivo/esecutivo (tavole progetto, computo metrico, ecc.)

25 VARIANTI nel corso della realizzazione dell’operazione non sono AMMESSE  il cambio del beneficiario  il cambio della sede dell’investimento o delle superfici oggetto di impegno  modifiche tecniche sostanziali degli interventi approvati  modifica della tipologia degli interventi approvati

26 “MODIFICHE NON SOSTANZIALI” “introduzione di più idonee soluzioni tecnico economiche che non alterano le finalità, la natura, la funzione e la tipologia dell’operazione” “introduzione di più idonee soluzioni tecnico economiche che non alterano le finalità, la natura, la funzione e la tipologia dell’operazione”  possono essere autorizzate anche in sede consuntiva dall’incaricato all’accertamento finale  è opportuno che il beneficiario richieda all’ufficio di esprimere un parere circa la possibilità di apportare tale modifica  Non possono comportare una variazione della spesa tra interventi superiore al 10% della spesa ammessa per l’operazione.

27 I termini di scadenza 24 mesi dalla pubblicazione sul BUR della finanziabilità della domanda   per l’esecuzione del progetto   per l’effettuazione delle relative spese I termini non sono prorogabili salvo cause di forza maggiore:   decesso del beneficiario   incapacità professionale di lunga durata dello stesso   espropriazione di una parte rilevante dell’azienda   calamità naturale grave   distruzione accidentale dei fabbricati aziendali adibiti all’allevamento

28 DOMANDA DI PAGAMENTO  ANTICIPO  ACCONTO  SALDO

29 ANTICIPO   possono essere richiesti anticipi del 20% dell’aiuto pubblico concesso   presentazione di garanzia fideiussoria pari al 110% dell’anticipo da erogare TERMINI   entro e non oltre quattro mesi dalla data di pubblicazione nel BUR del decreto di concessione del finanziamento   entro lo stesso termine è possibile richiedere una proroga di due mesi per l’inoltro della domanda

30 ACCONTI SALDI Le spese per l’intervento devono essere state sostenute:  DOPO LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA  PRIMA DEL TERMINE PER LA CONCLUSIONE DELL’INTERVENTO  DAL BENEFICIARIO  NON IN CONTANTI

31 COMUNICAZIONE DI FINANZIABILITA’  INVIATA A TUTTI I BENEFICIARI FINANZIATI DALLE MISURE GAL  CONTIENE LE SPECIFICHE PER UNA CORRETTA ESECUZIONE E CONTABILIZZAZIONE DGLI INTERVENTI FINANZIATI  INFORMA SULLE SANZIONI E PENALITA’ PREVISTE IN CASO DI INADEMPIENZA

32 Comunicazione di concessione del finanziamento  Descrizione categorie di spesa  Interventi strutturali  Spese generali

33 PRESCRIZIONI  realizzare gli investimenti ammessi entro 24 mesi per interventi previsti da questa misura  sono ammissibili modifiche non sostanziali fermi restando i limiti massimi di spesa e di contributo approvati  Il beneficiario non può variare la situazione strutturale dell’azienda indicata in domanda facendo venir meno la congruità tecnico economica degli investimenti finanziati

34 raccomandazioni  evitate fatture che riguardino più opere o relative anche a lavori che non interessano il progetto finanziato  Allegare copie della documentazione a dimostrazione dell’avvenuto pagamento (assegni di c/c bancario o postale non trasferibili, bonifici, bollettino e/o vaglia postale tramite CC, carta credito intestata beneficiario) entro i termini di eleggibilità delle spese  dovrà essere documentata tutta la spesa sostenuta per la realizzazione dell’intero progetto approvato  Pagamenti da effettuarsi solo da CC intestato al beneficiario  non sono ammessi pagamenti effettuati per contanti o tramite assegni circolari

35 RIDUZIONI E SANZIONI  sono previste riduzioni ai sensi dell’articolo 30, paragrafo 3 del regolamento CE n. 65/2011 in sede di controllo amministrativo della domanda di pagamento del saldo  qualora si riscontri una riduzione superiore al 3% dell’importo erogabile in base alla domanda di pagamento rispetto all’importo erogabile a seguito dell’esito dell’ammissibilità della domanda di pagamento.

36 ESEMPIO APPLICAZIONE RIDUZIONE CONTRIBUTO SPESA AMMESSA A CONTRIBUTO€ ,00 SPESA RENDICONTATA BENEFICIARIO€ ,00 % CONTRIBUTO DA BANDO 40%€ ,00 SPESA ACCERTATA CON RIDUZIONE A SEGUITO DI PAGAMENTI IRREGOLARI O FUORI TERMINE, O TIPOLOGIE NON AMMESSE. ECC……€ ,00 NUOVO CONTRIBUTO APPLICATO€ ,00 % RIDUZIONE ACCERTATA A SEGUITO ISTRUTTORIA PARI AL 10% IN QUESTO CASO LA RIDUZIONE E’ SUPERIORE AL 3% PER CUI L’IMPORTO DELLA RIDUZIONE APPLICATA AL CONTRIBUTO E’ PARI ALLA DIFFERENZA TRA L’ IMPORTO DI € ,00 E € ,00 CIOE’ € 4.000,00 IL SALDO FINALE EROGABILE SARA’ DI € ,00

37 Comportano l’esclusione dal finanziamento  Falsa dichiarazione resa deliberatamente  Mancata o tardiva comunicazione di causa di forza maggiore  Mancata stabilità dell’operazione finanziata

38 Inoltre si ha la riduzione del contributo variabile dal 3 al 20%  Presenza di doppio finanziamento irregolare  Mancato rispetto dell’obbligo di utilizzo del bene agevolato per le finalità previste dalla misura  Mancato rispetto delle norme sulla pubblicità  Ritardo nella conclusione dei lavori e/o presentazione della domanda di pagamento

39 STRUTTURA PERIFERICA DI BELLUNO Via Vittorio Veneto, 158 Belluno Tel. centralino


Scaricare ppt "Struttura Periferica di Belluno PROCEDURE AMMINISTRATIVE DOMANDE ASSE IV Struttura Periferica di Belluno PROCEDURE AMMINISTRATIVE DOMANDE ASSE IV."

Presentazioni simili


Annunci Google