La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

BILANCIO SOCIALE 2013 Relatore: dott.ssa Maran Marica- educatore.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "BILANCIO SOCIALE 2013 Relatore: dott.ssa Maran Marica- educatore."— Transcript della presentazione:

1 BILANCIO SOCIALE 2013 Relatore: dott.ssa Maran Marica- educatore

2 L’ ASSOCIAZIONE L’Associazione Ca’ dei Fiori è una Organizzazione non Lucrativa di Utilità Sociale (“ONLUS”). È una istituzione privata, con un’Assemblea dei soci e retta da un Consiglio Direttivo composto da cinque membri che prestano la loro opera gratuitamente come volontariato. È una realtà viva del territorio e vuole essere attenta ai bisogni della comunità. Il Consiglio Direttivo in carica è composto dalle seguenti persone: Pierina Vidotto Presidente Luigi Buratto Consigliere Patrizia Pavan Consigliere Aldo Breda Consigliere Loredano MarcassaConsigliere

3 lavorare in rete: STAKEHOLDERS ANZIANI ENTI PUBBLICI PERSONALE VOLONTARI ASSOCIAZIONI PARROCCHIE FAMIGLIARI

4 I NOSTRI RESIDENTI

5 Ca’ dei Fiori – Quarto d’Altino L’Associazione Ca’ dei Fiori gestisce due strutture Residenziali e un Centro Diurno. La sede legale dell’Associazione è sita in Quarto D’Altino, via Marconi 15. Questa struttura è denominata Ca’ dei Fiori con una capacità di 57 posti letto, di questi: 20 posti sono convenzionati con l’Azienda Ulss 12 di Venezia. 37 posti sono destinati a persone autosufficienti o parzialmente tali (attualmente in riduzione in attesa della chiusura della struttura per la ristrutturazione)

6 C. Cosulich – Casale sul Sile La seconda struttura sita in Casale sul Sile, Via Bonisiolo 10, è denominata C. Cosulich con una capacità di 107 posti letto, di questi: 52 posti sono convenzionati con l’Azienda Ulss 9 di Treviso. 55 posti sono destinati a persone non autosufficienti o parzialmente tali in regime privato. è inoltre attivo un centro diurno, con una capacità di 20 posti, dei quali 14 posti letto convenzionati, particolarmente qualificato nell’assistenza di ospiti affetti da demenza. A questi si aggiungono 4 ospiti del diurno integrato e 4 ospiti che usufruiscono solo dei pasti.

7 La realtà del centro servizi

8 L’età media degli ospiti residenti nelle nostre strutture è di anni 82,5. Sono donne l’80% e uomini il 20% degli ospiti.

9 Età media dei residenti

10 Provenienza dei residenti del CS «Ca’ dei Fiori»

11 Provenienza dei residenti del CS «C. Cosulich»

12 Provenienza degli ospiti del centro diurno

13 L’AMPLIAMENTO DEL CS “C. COSULICH” Il Centro Servizi C. Cosulich di Casale sul Sile, grazie all’ ampliamento, inaugurato l’8 ottobre 2011 e con la recente ristrutturazione dei i nuovi nuclei “lilla” e “smeraldo”, conta ora una capacità ricettiva di 107 posti letto totali. Il consiglio direttivo ha manifestato l’intenzione di procedere alla ristrutturazione completa così, nei primi mesi del 2014 sono iniziati i lavori del terzo lotto del vecchio edificio che dovranno terminare a giugno Tutto ciò richiede un fortissimo impegno finanziario e di dedizione del personale e di tutta l’associazione, in primis dei Consiglieri, per raggiungere l’obiettivo prefissato.

14 LA RISTRUTTURAZIONE DEL “CENTRO SERVIZI CA’ DEI FIORI”

15 Il progetto Ospedale di Comunità Sono in previsione, nelle progettualità dell’attuale consiglio direttivo, i lavori di ristrutturazione della nostra struttura con sede in Quarto d’Altino per adeguarla agli standard previsti dalla L.R. 22/2002. L’intervento, che prevede la realizzazione di n. 50 posti letto, si rende indispensabile per adeguare l’edificio alla normativa vigente e dare la possibilità agli ospiti non autosufficienti di continuare a risiedere presso la nostra storica struttura. L’obiettivo dell’associazione è di poter utilizzare anche con finalità diverse la struttura; sempre tenendo conto della programmazione regionale, l’ente ha chiesto di poter ospitare una unità di Ospedale di Comunità, come previsto dalla DGR n del 24 dicembre 2012.

16 IL NOSTRO PERSONALE Il nostro gruppo di lavoro, di composizione multiprofessionale, è costituito da: 1 Direttore 3 amministrativi 1 coordinatore 46 operatori 1 infermiere professionale 3 educatori 1 terapista della riabilitazione 1 logopedista 1 psicologa 1 parrucchiera 1 centralinista 2 manutentori Sono stati esternalizzati i seguenti servizi: Servizio infermieristico, con 10 infermieri in turno 24 ore su 24 in appalto alla coop “Orchidea”; servizio di sanificazione, con 6 addetti in appalto alla coop “I Cerchi”; servizio ristorazione, con 7 addetti in appalto alla ditta “Ristorazione Ottavian”. Operano inoltre all’interno della struttura tre medici convenzionati ULSS.

17 Il personale dell’ Associazione è per la maggioranza femminile (4 uomini e 58 donne), quindi, si è ritenuto giusto agevolare le dipendenti che hanno bisogno di dedicare parte del loro tempo alla famiglia e in particolar modo ai figli piccoli.

18 Il 76% ha un’età inferiore ai 50 anni. L’ Associazione mira ad avere personale qualificato, ma anche giovane in modo da garantire una continuità nel servizio.

19 LA FORMAZIONE DEL PERSONALE Nel 2013 l’Associazione ha assicurato 738,05 ore di formazione per il personale (media di 12 ore pro capite)  primo soccorso 288  Prove di evacuazione 14  Formazione ospiti ad hoc 45  gestione del dolore 15  Corso RSPP 52  Terapia occupazionale 21  Contratto UNEBA 24,5  Corso coordinatori CS 120  Progetto Benessere OSS 21  Igiene del cavo orale 6,5  approccio riabilitativo ed assistenziale 8  Relazione con l’anziano 4,8  Gestione impianto ossigeno 22,05  Mindfulness a lavoro 16  Il middle management nei CS 10  Prevenzione incendi 52  Formazione sistemi elettrici e antincendio 18,2

20 OBIETTIVI Al servizio dell’ospite e della comunità Si cura la qualità del servizio, partendo in primo luogo dagli input provenienti dagli ospiti e/o dalle loro rappresentanze; Si adeguano i servizi erogati e se ne sviluppano di nuovi in coerenza con i bisogni espressi nel Piano sociale di Zona, anche coinvolgendo altri soggetti del territorio; Si programmano investimenti e interventi strutturali tesi al miglioramento della qualità dei servizi e delle strutture assistenziali; Si ricerca la massima trasparenza nei processi decisionali e la promozione del coinvolgimento degli ospiti, dei loro rappresentanti e degli altri portatori di interessi; Adeguamento normativo e riorganizzazione dei servizi Ricerca di sempre più efficienti e flessibili modalità di utilizzo delle risorse umane (riconversione mobilità interna ed esterna, ecc…) Programmazione di investimenti ed interventi strutturali tesi all’adeguamento normativo dei servizi e delle strutture assistenziali; Riorganizzazione interna che mira al passaggio dal funzionamento per processi, al funzionamento per progetti Sviluppo crescita ed apprendimento Promozione di interventi tesi alla valorizzazione e sviluppo delle risorse umane e alla loro responsabilizzazione e partecipazione alla vita aziendale Promozione della sicurezza interna e di sistemi di benessere e di miglioramento del clima aziendale Promozione di una cultura aziendale e comportamentale tesa alla comunicazione, al dialogo, all’ascolto e al rispetto del patto siglato con ospiti e cittadini

21 SOGNI E SPERANZE DEL PERSONALE Il personale vede nel completamento dei lavori del centro servizi di Casale sul Sile e i nuovi lavori a Quarto l’occasione di avere nuovi stimoli professionali. La presenza di un’utenza sempre più variegata in quanto a tipologia di bisogni, il personale confida in una formazione continua sempre più mirata ad accrescere competenze specifiche atte a ottimizzare le risorse ed il servizio. Per gestire al meglio il grande cambiamento in atto, il personale auspica che l’Associazione continui a promuovere il progetto ”Benessere”, volto ad offrire occasioni di confronto e sfogo dello stress da lavoro correlato, poiché il benessere del personale rende un valore aggiunto al servizio prestato. Inoltre, la presenza del volontariato è sempre più importante ed incisiva. Per questo l’attività del personale dovrà essere improntata ad una collaborazione con i volontari ancora più funzionale, organizzata e sinergica.

22 Il Bilancio - entrate Le entrate provengono, quasi, interamente dalle rette (99%). PROVENTI ASSISTENZIALI RETTE euro I proventi assistenziali sono costituiti dalle rette che gli ospiti pagano alla struttura (cosiddetta retta alberghiera) e dal contributo regionale per le spese sanitarie sostenute a favore degli ospiti non autosufficienti e convenzionati. La retta alberghiera giornaliera applicata per l’anno 2013 va da € 56,00 (per gli utenti convenzionati) a € 85,00 (per gli utenti non convenzionati in stanza singola). ALTRI PROVENTI euro

23 Il Bilancio - uscite Nelle uscite è evidente che la voce di maggior incidenza (40%) è quella relativa al personale alle dipendenze dirette, seguita (34%) da quella relativa ai servizi esterni (servizio infermieristico, professionale ecc..) per un totale del 74%. USCITE COSTO DEL PERSONALE ,02 SERVIZI ESTERNI ,80 SPESE GENERALI ,94 ONERI FINANZIARI ,33 IMPOSTE E TASSE ,74 AMMORTAMENTI E ACCANTONAMENTI ,89 TOTALE COSTI ,45

24 Voci di memoria  L’obiettivo è l’attivazione di piccoli gruppi di reminescenza storica e culturale, con connessa una preparazione canora in vista dell’evento svolto a settembre 2013.

25 Una vita per l’arte l’obiettivo è trasformare le potenzialità della singola persona in una risorsa per la comunità, dando voce alla passione, all’impegno e all’esperienza dei nostri anziani con i laboratori di canto, pittura e cucito creativo.

26 Ca’ dei Fiori come Merano Le scuole e le associazioni di Quarto d’Altino e Musestre, l’ Arca, il personale di Cà dei Fiori, i familiari e i conoscenti hanno partecipato anche quest’anno allestendo ciascuno la propria bancarella trasformando le zone giorno della Residenza in piazza; il gruppo Auser ha distribuito panettone, cioccolato e vin brulè.

27 Il Volontariato L’Associazione ha promosso, con la collaborazione dei cittadini dei rispettivi Comuni la costituzione di due Associazioni di Volontariato: il “Girasole” a Casale sul Sile e “l’Arca” a Quarto D’Altino. Entrambe le associazioni prestano servizio presso le strutture per sostenere l’animazione e di aiuto nei trasporti. Svolgono, anche, attività per il territorio in collaborazione con le Parrocchie. Questa duplice vocazione è importante per l’Associazione perché rafforza la missione di Ca’ dei Fiori di essere presente nel territorio, a servizio dello stesso.

28 I fornitori Nel 2013 vengono confermati gli obiettivi di un sempre maggiore coinvolgimento dei fornitori come attori determinanti nel processo di produzione dei servizi offerti, tenendo conto che tutti gli altri aspetti qualificanti il rapporto fiduciario costituitosi con i fornitori è considerato ormai pacificamente acquisito anche da parte degli operatori degli uffici amministrativi dell’Associazione. A fianco indichiamo la provenienza geografica dei nostri fornitori. Il grafico evidenzia che l’Associazione Ca’ dei Fiori privilegia fornitori delle province di Venezia e Treviso (92%) per la vicinanza alle strutture e perché convinta dell’importanza di creare relazioni e reti stabili con gli attori dell’economia locale.

29 Centro Servizi di Quarto d’Altino CA’ DEI FIORI Via G. Marconi, Quarto d’Altino (VE) Tel. 0422/ Centro Servizi e Centro Diurno di Casale Sul Sile C. COSULICH Via Bonisiolo, Casale Sul Sile (TV) Tel. 0422/ C.F. e P.I


Scaricare ppt "BILANCIO SOCIALE 2013 Relatore: dott.ssa Maran Marica- educatore."

Presentazioni simili


Annunci Google