La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE IN AMBITO EUROPEO I Sessione Dalle politiche ai progetti Laura Bianconi, Elena Grilli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE IN AMBITO EUROPEO I Sessione Dalle politiche ai progetti Laura Bianconi, Elena Grilli."— Transcript della presentazione:

1 1 INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE IN AMBITO EUROPEO I Sessione Dalle politiche ai progetti Laura Bianconi, Elena Grilli

2 2 1. Il Budget della Unione europea

3 3 Una fotografia sintetica della spesa UE per la programmazione 2007 – 2013:

4 1. Il Budget della Unione europea Proposta per il MultiAnnual Financial Framework

5 1. Il Budget della Unione europea Un confronto veloce sulla revisione della proposta di spesa…

6 6 1. Il Budget della Unione europea Le Politiche Comuni: chi le definisce e come I principali indirizzi politici della UE vengono definiti all’interno del Consiglio dell'Unione europea, (o Consiglio dei Ministri Europei) composto dai ministri degli Stati membri, scelti di volta in volta in funzione della materia in discussione. A seconda della questione all'ordine del giorno, infatti, ciascuno Stato membro viene rappresentato dal ministro responsabile di quell'argomento (affari esteri, affari sociali, trasporti, agricoltura, ecc.), più il commissario europeo responsabile del tema in esame.

7 7 1. Il Budget della Unione europea Le Politiche Comuni: chi le definisce e come Il Consiglio può riunirsi sulle tematiche seguenti: Affari generali Affari esteri (presieduto dall’ Alto rappresentante) Affari economici e finanziari (Ecofin) Agricoltura e pesca Giustizia e degli affari interni Occupazione, politica sociale, salute e consumatori Competitività Trasporti, telecomunicazioni ed energia Ambiente Istruzione, gioventù e cultura

8 8 1. Il Budget della Unione europea Linee di programma – Politiche interne europee Il bilancio della Unione viene speso per attuare le politiche europee. Questo significa che il bilancio viene ridistribuito all’interno (e, per una piccola parte, come vedremo, all’esterno) degli Stati membri, ma attraverso delle Linee di Programma gestite dalle varie Direzioni Generali. Concretamente, questo significa che le DG competenti della Commissione gestiscono i Programmi di finanziamento di loro competenza. Es. La DG Istruzione e Cultura gestisce tutti i programmi riferiti alla promozione delle politiche europee in materia, sarebbe a dire LLP, Media, Cultura, Europa per i Cittadini, Tempus, ecc…

9 9 1. Il Budget della Unione europea Politica Regionale e Fondi strutturali La politica regionale rappresenta uno strumento di solidarietà finanziaria e una potente forza di coesione e integrazione economica. La solidarietà intende portare vantaggi concreti ai cittadini e alle regioni meno favorite, mentre la coesione risponde al principio che la riduzione dei divari di reddito e di benessere esistenti tra le regioni europee giova a tutti. La distribuzione della ricchezza non è omogenea né fra Stati membri, né all’interno degli stessi. Le regioni più ricche in termini di PIL pro capite (misura standard del benessere) sono tutte aree urbane: Londra, Bruxelles e Amburgo. Il paese più ricco, ovvero il Lussemburgo, lo è sette volte di più della Romania e della Bulgaria, i due paesi più poveri che hanno da poco fatto il loro ingresso nell'UE.

10 10 1. Il Budget della Unione europea L’attenzione principale viene rivolta ai nuovi Stati membri, nonché alle regioni di altri paesi dell'UE con esigenze specifiche. I finanziamenti provengono da tre diverse fonti: il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), che finanzia programmi aventi per oggetto le infrastrutture generali, l’innovazione e gli investimenti. I fondi erogati dal FESR sono destinati alle regioni più povere (http://ec.europa.eu/regional_policy/funds/feder/index_it.htm);http://ec.europa.eu/regional_policy/funds/feder/index_it.htm il Fondo sociale europeo (FSE), che finanzia progetti di formazione professionale e altri tipi di programmi a favore dell'occupazione e della creazione di posti di lavoro. Come il FESR, anche l’FSE è destinato a tutti gli Stati membri (http://ec.europa.eu/regional_policy/funds/fse/index_en.htm);http://ec.europa.eu/regional_policy/funds/fse/index_en.htm il Fondo di coesione, che finanzia infrastrutture ambientali e di trasporto e progetti di sviluppo delle energie rinnovabili. I finanziamenti sono limitati agli Stati membri con un tenore di vita inferiore al 90% della media dell’UE. I beneficiari sono quindi attualmente i 12 nuovi Stati membri, più il Portogallo e la Grecia. La Spagna, che ha beneficiato in passato degli interventi del Fondo di coesione, ne sarà invece progressivamente esclusa (http://ec.europa.eu/regional_policy/funds/cf/index_it.htm)http://ec.europa.eu/regional_policy/funds/cf/index_it.htm Fondo Europeo di Solidarietà è stato istituito recentemente per mitigare gli effetti della crisi economica.

11 11 1. Il Budget della Unione europea Linee di programma – Politica estera e di cooperazione europea Si attua attraverso una serie di linee di programma trasversali geografiche: IPA – Instrument for Pre-Accession (per tutti i paesi pre-candidati all’adesione alla UE, inclusa la Turchia, Balcani occidentali, ecc.) ENPI – EU Neighbourhood Partneship Instrument (Paesi del Vicinato) EDF – EU development Fund (Paesi ACP) DCI - Development cooperation Initiative (America Latina, Asia, Sud Africa)

12 12 1. Il Budget della Unione europea Linee di programma – Politica estera e di cooperazione europea Per la cooperazione esterna, il flusso decisionale è invece quello che segue: La Commissione, attraverso le varie DG in carico (DG Sviluppo, Allargamento, Relazioni Esterne principalmente) stipula degli Accordi di collaborazione tra i Paesi terzi e l‘ EU (es. Regional and Country Strategy Papers), o con organizzazioni internazionali (es. ONU) e regionali (es. ASEAN). Questi Accordi stabiliscono le priorità tematiche di intervento tra i Paesi terzi e l‘EU. Si tratta, solitamente, di una programmazione quinquennale.

13 13 2. Come vengono attuate le politiche europee

14 14 2. Come vengono attuate le politiche europee Modalità di allocazione dei fondi europei La maggior parte delle linee di programma finanziano i progetti sotto forma di sovvenzione - GRANT, nei quali enti no profit, imprese, associazioni, enti pubblici ecc. presentano una loro idea, coerentemente con i bandi - CALL FOR PROPOSAL - pubblicati dalla Commissione. Es. Al link di seguito, la DG Istruzione e Cultura pubblica tutti i bandi aperti in questo momento:

15 15 2. Come vengono attuate le politiche europee Alcuni dei fondi, invece, sono destinati agli appalti di servizi – TENDER - ovvero: delle richieste di lavori, forniture o servizi specializzati che “servono” alla DG per l’attuazione delle proprie politiche. Chiaramente, questo può significare realizzare uno studio, fornire dei computer, provvedere alla traduzione degli atti di una conferenza internazionale, ecc. Es. Al link di seguito, la DG Istruzione e Cultura pubblica tutti gli appalti di servizi aperti in questo momento: s_en.html

16 16 2. Come vengono attuate le politiche europee Tender e Grant Tender: appalti (di servizi, lavori e forniture) che rispondono alle richieste della Commissione e del Paese beneficiario di un prodotto o di un determinato servizio Grant: altri temi che interessano la Commissione e Paesi Terzi (es. Migrazione, affari sociali, cooperazione tra autorità statali/non statali, ecc.)

17 17 2. Come vengono attuate le politiche europee GRANTTENDER Si tratta di un cofinanziamentoSi tratta di un vero e proprio appalto La Commissione finanzia una serie di progetti che attuano un’idea in linea con le politiche comunitarie. La Commissione richiede la realizzazione di un servizio ben preciso nell’ambito di una materia specifica. Nell’ambito dei criteri generali fissati dalla Commissione, le modalità di realizzazione sono scelte discrezionalmente dal candidato Le modalità di realizzazione del tender sono rigidamente fissate dalla Commissione, il vincitore non ha la libertà di sceglierle I vincitori otterranno il finanziamento parziale del progetto. Solo una parte (in genere tra il 50 e il 75%) delle loro spese sarà finanziata dalla Commissione L’unico vincitore otterrà il finanziamento totale del proprio progetto La parte restante deve essere cofinanziataNon esiste cofinanziamento

18 18 3. Focus su alcuni programmi…

19 19 3. Focus su alcuni programmi… Alcuni esempi di programmi europei Programmi tematici  Lifelong Learning Programme Il Programma d’azione comunitaria nel campo dell’apprendimento permanente, o Lifelong Learning Programme (LLP), è gestito dalla DG Educazione e cultura e riunisce al suo interno tutte le iniziative di cooperazione europea nell’ambito dell’istruzione, della formazione e dell’educazione degli adulti dal 2007 al Obiettivo generale: contribuire, attraverso l'apprendimento permanente, allo sviluppo della Comunità quale società avanzata basata sulla conoscenza, con uno sviluppo economico sostenibile, nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale, garantendo nel contempo una valida tutela dell'ambiente per le generazioni future (Strategia di Lisbona). In particolare si propone di promuovere, all'interno della Comunità, gli scambi, la cooperazione e la mobilità tra i sistemi d'istruzione e formazione in modo che essi diventino un punto di riferimento di qualità a livello mondiale.

20 3. Focus su alcuni programmi… La struttura di LLP: -4 Programmi settoriali (o sotto-programmi) -il Programma Trasversale -il Programma Jean Monnet 20

21 3. Focus su alcuni programmi… Azioni: Mobilità: periodo di tempo trascorso in un altro dei paesi partecipanti al fine di seguire degli studi, fare un’esperienza di lavoro, di apprendimento, di insegnamento, di formazione o un’attività amministrativa. Partenariati bilaterali e multilaterali: accordo tra istituzioni o organizzazioni in paesi partecipanti diversi, al fine di condurre attività di cooperazione. Reti multilaterali: costituite da organismi attivi in un determinato campo o settore dell’apprendimento permanente per analisi e attività di sviluppo del settore in questione. Progetti multilaterali: attività di cooperazione europea con un esito definito e utilizzabile. Misure di accompagnamento: varie attività che, pur non ammissibili alle principali azioni dei programmi settoriali, contribuiscono agli obbiettivi di LLP. Sovvenzioni di funzionamento: sostegno finanziario per attività correnti di enti attivi nel campo dell’apprendimento permanente. Introduzione alla progettazione in ambito europeo 21

22 3. Focus su alcuni programmi… 2014 – … Erasmus for All è il nuovo programma proposto dalla Commissione Europea per l'istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport. L'obiettivo principale rimarrà lo stesso - migliorare le competenze delle persone e la loro occupabilità e sostenere la modernizzazione dei sistemi di istruzione e formazione. Erasmus for All andrà a sostituire sette programmi esistenti: il Programma per l’Apprendimento Permanente (Erasmus, Leonardo da Vinci, Comenius e Grundtvig), Gioventù in azione e cinque programmi di cooperazione internazionale (Erasmus Mundus, Tempus, Alfa, Edulink e il programma per la cooperazione con i paesi industrializzati). Introduzione alla progettazione in ambito europeo 22

23 3. Focus su alcuni programmi…  Programma Progress Progress è uno strumento finanziario della DG Occupazione, affari sociali e inclusione che sostiene lo sviluppo e il coordinamento delle politiche dell'UE nei seguenti settori: occupazione integrazione e protezione sociale condizioni di lavoro lotta alle discriminazioni parità uomo-donna All'inizio di ogni anno vengono definite alcune specifiche annuali, priorità, budget allocato e programmazione di massima dell’uscita dei bandi, contenute nell’ Annual Work Plan. NB: i bandi escono spesso e senza una cadenza regolare 23

24 3. Focus su alcuni programmi… Tipi di azioni: attività di analisi; attività di apprendimento reciproco, di sensibilizzazione e di diffusione; aiuto ai principali operatori; vale a dire, un contributo alle spese di funzionamento delle principali reti dell’Unione, la costituzione di gruppi di lavoro, il finanziamento di seminari di formazione, la creazione di reti di organismi specializzati e di osservatori a livello dell'Unione, lo scambio di personale fra amministrazioni nazionali e la cooperazione con le istituzioni internazionali. Alcuni esempi di call for proposals: 1.Projects contributing to exchange of good practices 2.Transnational Actions on Social Experimentation 3.Improvement of gender mainstreaming in national policies and programmes 24

25 3. Focus su alcuni programmi… 2014 – Il programma dell’Unione Europeo per il cambiamento sociale e l'innovazione (Programme for Social Change and Innovation - PSIC) sarà il nuovo strumento a sostegno delle politiche occupazionali e sociali in tutta l'UE per il periodo Il PSCI integra tre programmi esistenti: Progress, EURES (European Employment Services) e l’ European Progress Microfinance Facility. Introduzione alla progettazione in ambito europeo 25

26 .  SOLID Programme Per il periodo , la DG Home Affairs, attraverso il programma generale SOLID ha inteso garantire una ripartizione equa tra gli Stati dell'UE delle responsabilità per l'onere finanziario che deriva dalla gestione integrata delle frontiere esterne dell'Unione e dall'attuazione di politiche di asilo e immigrazione comuni. SOLID si compone di quattro strumenti: Focus su alcuni programmi…

27 Il Fondo Europeo per l’Integrazione si inserisce nell’ambito del programma generale “Solidarietà e gestione dei flussi migratori”. La chiave per massimizzare i benefici dell'immigrazione è l'integrazione degli immigrati nelle società di accoglienza. A tal fine, il FEI cerca di promuovere la cooperazione europea, con l'obiettivo di garantire simili diritti, responsabilità e opportunità per tutti. Concretamente, include iniziative per: migliorare la gestione della diversità nei quartieri; formazione e dialogo interculturale; promozione di corsi per una migliore comprensione dei processi di integrazione; piattaforme e strumenti per l'apprendimento comparativo; misure per la condivisione di informazioni e buone pratiche tra gli operatori dell’integrazione europea; Attività che favoriscano l’introduzione nella società ospitante Focus su alcuni programmi…

28 2014 – 2020….. Il Fondo Asilo e Migrazione (Asylum and Migration Fund) sarà focalizzato sui flussi di persone e sulla gestione integrata dei flussi migratori. Esso sosterrà azioni riguardanti tutti gli aspetti della migrazione, tra cui l'asilo, la migrazione legale, l’integrazione e il rimpatrio degli migranti irregolari non cittadini dell’Unione Europea. Introduzione alla progettazione in ambito europeo 28

29 Programmi geografici  Lo strumento di assistenza preadesione (IPA) L’IPA offre un’assistenza ai paesi impegnati nel processo di adesione all’Unione europea (UE) per il periodo Obiettivo: agevolare il processo di adesione dei Paesi candidati ad allinearsi progressivamente agli standard e alle politiche dell'UE, attraverso un unico quadro per il rafforzamento della capacità istituzionale, della cooperazione transfrontaliera, dello sviluppo economico e sociale e dello sviluppo rurale. Gli aiuti sostengono il processo di stabilizzazione e di associazione: dei paesi candidati effettivi (paesi dei Balcani occidentali, Turchia e Islanda), dei paesi candidati potenziali Focus su alcuni programmi…

30 L’ IPA è costituito da cinque componenti, ciascuna delle quali include delle priorità definite in base alle esigenze dei paesi beneficiari. Due componenti riguardano l'insieme dei paesi beneficiari, ossia: sostegno alla transizione e al rafforzamento delle istituzioni; cooperazione transfrontaliera, sostegno alla cooperazione transfrontaliera fra i Paesi candidati e fra questi e gli Stati UE, allo scopo di incoraggiare le relazioni di buon vicinato e promuovere la stabilità, la sicurezza e lo sviluppo equilibrato e sostenibile. Tre componenti sono destinate esclusivamente ai paesi candidati: sviluppo regionale, al fine di aiutarli a definire le politiche e a prepararsi ad attuare e gestire la politica di coesione della Comunità, specie per quanto riguarda il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) e il Fondo di coesione; sviluppo delle risorse umane, al fine di aiutarli a definire le politiche e a prepararsi ad attuare e gestire la politica di coesione della Comunità, specie per quanto riguarda il Fondo Sociale Europeo (FSE); sviluppo rurale, concerne la preparazione alla politica agricola comune (PAC), nonché al Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) Focus su alcuni programmi…

31 31 4. Ricerca delle opportunità di finanziamento

32 32 4. Ricerca delle opportunità di finanziamento La ricerca delle opportunità di finanziamento La ricerca dei bandi può essere fatta attraverso varie modalità: la pagina web della Commissione Europea, in cui si può trovare una sintesi di tutte le opportunità di finanziamento, fondi e programmi: i siti specifici dei Programmi in questione, es. DG Istruzione e cultura: html NB: in questi siti vengono pubblicate anche le date degli Info days che sono una buona opportunità per avere informazioni dettagliate e prendere nuovi contatti.

33 4. Ricerca delle opportunità di finanziamento

34 TED - Tenders Electronic Daily Cos’è il TED? Il TED è la versione online del "Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'Unione europea", per gli appalti pubblici europei. Come posso beneficiare del TED? Il TED fornisce un accesso gratuito alle opportunità commerciali. Esso viene aggiornato 5 volte a settimana con circa avvisi di appalti pubblici provenienti dall'Unione europea, dallo Spazio economico europeo e altri paesi. Puoi visualizzare, cercare e selezionare gli avvisi di appalti per paese, regione, settore commerciale e altro. Le informazioni relative ad ogni appalto vengono pubblicate nelle 23 lingue ufficiali dell'UE. Tutti gli avvisi delle istituzioni dell'Unione europea sono pubblicati integralmente in tali lingue. 4. Ricerca delle opportunità di finanziamento

35 4. Ricerca delle opportunità di finanziamento

36 Le banche dati 4. Ricerca delle opportunità di finanziamento

37 Ricerca delle opportunità di finanziamento

38 38 5. Come preparare un progetto europeo?

39 39 5. Come preparare un progetto europeo? Abbiamo deciso di partecipare a un bando? Vediamo I passi successivi…  Contattare le organizzazioni partner  Iniziare a raccogliere la documentazione amministrativa; verificare se vanno fatte procedure di iscrizione preliminare (es. PADOR)  Organizzare meeting per discutere l’idea  Fare una prima bozza: obiettivi, risultati, attività, partner  Discutere la bozza con I partner  Finalizzare la Concept Note (se la procedura è in 2 fasi)  Full application: cominciare a stilare l’ Activity Plan (cuore del progetto) e i risultati  Sulla base dell’activity plan, fare un calcolo interno dei costi  Discutere coi partner della struttura del personale, responsabilità, luoghi delle attività e delle strutture progettuali  Finalizzare la full application, il logical framework e il budget

40 Lettura delle guidelines. Informazioni necessarie:  Obiettivi della call  Criteri di eligibilità  Partnership  Budget (e eventuali co- financziamenti)  Durata  Procedura di presentazione  Scadenza/luogo Idea del progetto:  Quale idea potrebbe entrare nella call?  Gli boeittivi del progetto contribuiscono a quelli della call?  La partnership è approrpiata?  Il progetto è fattibile nei massimali di costo e entro i tempi stabiliti? Elaborazione e sviluppo:  Formulazione obiettivi  Pianificazione attività  Descrizione dei risultati  Personale assegnato  Budget Finalizzazione dell’application: Sulla base della struttura progettuale (o logical framework) – preparazione della “Grant Application Form”. Aggiustamento di attività/budget. Tutte le attività pianificate devono essere realisticamente calcolate nel budget. Aggiustamento del testo con il logical framework. Durata: ca. 2 h. Durata: ca. 15 h. Durata: ca. 40 h. Durata: ca. 80 h. 5. Come preparare un progetto europeo?

41 41 La struttura Il „Logical Framework“ è lo strumento di pianificazione usato dalla maggior parte dei „donor“ internazionali, inclusa la CE... Diamo uno sguardo alla matrice per comprenderne la logica e pianificare un buon progetto! Obiettivo globale II Obiettivo specifico Obiettivo globale I Obiettivo globale etc Risultato I Risultato II Risultato III Risultato etc Act.1 Act.2 Act.3Act.4 Act.1 Act.2 Act.3Act.4 Act.1 Act.2 Act.3Act.4 Act.1 Act.2 Act.3Act.4 5. Come preparare un progetto europeo?

42 42 Caratteristiche essenziali  Grande competizione: molti applicant per un numero limitato di progetti finanziati; necessità di standard qualitativi alti  Tempo limitato del progetto, definito a priori nell’application  Risultati concreti e misurabili da raggiungere nei tempi progettuali  Piano di attività dettagliato (chi fa cosa, quando, dove e con chi?) da elaborare durante la fase di progettazione  Un budget ragionevole (costi-benefici), diviso per categorie di spesa e che non può aumentare durante il progetto  Controllo e monitoraggio intensivi da parte della UE 5. Come preparare un progetto europeo?

43 43 5. Come preparare un progetto europeo? Procedura standard (in 2 fasi):

44 44 I documenti chiave:  Guidelines = Linee guida  Concept Note = Versione “breve” della application form  Application Form = Modello per la descrizione del progetto  Budget = Template per il calcolo dei costi  Logical Framework = A volte fa parte della application; riassume obiettiv, attività e risultati, indicatori e fonti di informazioni 5. Come preparare un progetto europeo?

45 …..grazie per l’attezione!!!


Scaricare ppt "1 INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE IN AMBITO EUROPEO I Sessione Dalle politiche ai progetti Laura Bianconi, Elena Grilli."

Presentazioni simili


Annunci Google