La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

COME NASCE LA “GRANDE GUERRA”. 1° GUERRA MONDIALE  Cause politiche :  Francia e Germania si contendono l’Alsazia e la Lorena,  strategicamente importanti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "COME NASCE LA “GRANDE GUERRA”. 1° GUERRA MONDIALE  Cause politiche :  Francia e Germania si contendono l’Alsazia e la Lorena,  strategicamente importanti."— Transcript della presentazione:

1 COME NASCE LA “GRANDE GUERRA”

2 1° GUERRA MONDIALE  Cause politiche :  Francia e Germania si contendono l’Alsazia e la Lorena,  strategicamente importanti perché ricche di materie prime.  L’Italia vuole completare l’unità, mancano ancora Trento Trieste e il Friuli V.G.  Austria Russia e Italia vogliono espandersi sui Balcani, al momento sotto il dominio dell’Impero Turco Ottomano. Emerge la Serbia, come potenza balcanica che vuole primeggiare rispetto Austria e Russia.  Stati Uniti e Giappone sono le nuove potenze industriali e militari emergenti. Il Giappone vuole espandersi a spese della Cina.  Due alleanze militari : a) triplice alleanza – Germania Italia Austria b) triplice intesa –Inghilterra Francia Russia

3 Cause economiche  Le grandi potenze si fanno una concorrenza spietata per espandere i mercati. È il momento in cui vi è la spartizione di Asia e Africa

4 Cause culturali  Si afferma il nazionalismo, l’ideologia secondo la quale la guerra è una cosa giusta, la sola “igiene del mondo”. Nascita del Futurismo corrente che investe l’arte e la letteratura

5 Cause militari  Riarmo della Germania. Corsa agli armamenti per fare di questa una grande potenza

6 NUCLEI DI STATI TRIPLICE ALLEANZA Austria Germania Italia TRIPLICE INTESA Francia Russia Inghilterra

7 In FRANCIA il revanchismo: Rivincita anti tedesca per riconquistare l’Alsazia e la Lorena

8 In GERMANIA il kaiser Guglielmo II aveva dato origine al secondo reich, molto nazionalista:  Idea pangermanista: tutti I tedeschi dovevano essere inglobati nella Germania  Creazione di un impero coloniale

9 In RUSSIA lo zar Nicola II, poco abile nel governare, affidava il proprio regno al monaco Rasputin; La popolazione, povera e arretrata, si ribellò per ottenere la costituzione e fu una carneficina. L’idea del panslavismo si diffondeva.

10 Impero austro-ungarico

11 L’imperatore Francesco Giuseppe non riusciva a gestire la Questione balcanica: Nel corso del tempo aveva perso le regioni italiane, ma si erano formati nuovi stati a sud: Bosnia, Montenegro, Albania, Macedonia, Transilvania Tra tutti emergeva la Grande Serbia, che cercava l’indipendenza, il panslavismo, lo sbocco sul mare

12 In INGHILTERRA: Una nuova crescente rivalità con la Germania per le colonie per la produzione industriale

13 In ITALIA l’irredentismo: cioè la volontà di liberare Trento e Trieste;  Manifestazioni nazionaliste  Propaganda  Guida: G. D’Annunzio

14  28 Giugno 1914 un nazionalista serbo uccide l’erede al trono dell’Impero Austro-Ungarico.  28 Luglio L’ Austria dichiara guerra alla Serbia facendo scatenare il meccanismo delle alleanze  Lo zar ordina la mobilitazione generale.  Ultimatum della Germania alla Russia.  Anche la Francia si mobilita.  L’Inghilterra la segue.  La Germania dichiara guerra alla Francia: 5 agosto La Germania scende in guerra, l’Italia rimane neutrale per il primo anno. L’idea generale è quella della brevità della guerra, ma questa si trasforma in una guerra di logoramento e di trincea. La Germania invade Belgio e Lussemburgo per arrivare in Francia, i francesi bloccano i tedeschi sul fiume Merna, si creano così 800 Km di trincea con truppe da una parte franco-inglesi e dall’altra austro-tedeschi. cronologia cronologia

15 Tutti erano convinti che, con i nuovi mezzi, sarebbe stata una guerra-lampo

16 Aerei

17 Cannoni

18 Bombe

19 Semicingolati

20 il telefono!

21 E ancora  Gas  Lanciafiamme  Automobili  Mitragliatrici  Sommergibili  Cucine da campo

22 Ma la protagonista fu LA TRINCEA

23

24  Il 6 agosto i tedeschi occuparono il Belgio, per entrare in Francia  Ma sul fiume Marna i francesi costrinsero i tedeschi a ripiegare.  Si apriva il fronte occidentale: entro Natale si contavano morti  Nel 1916 un nuovo attacco tedesco (battaglia di Verdun) si concluse, dopo dieci mesi, con morti

25  Sul fronte orientale i russi combattevano contro tedeschi e austriaci  Entro il 1916 “solo” 2 milioni di morti  Il terzo fronte era quello turco: Inglesi e arabi contro i Turchi

26

27 e l’Italia?  La Triplice Alleanza era un patto difensivo: il governo Salandra aveva dichiarato la neutralità Dibattito tra: INTERVENTISTI Sinistra democratica Repubblicani Socialisti estremisti Intellettuali NEUTRALISTI Liberali Giolitti Papa Benedetto XV Psi e Cgl

28  Gli alleati promisero, a fine guerra Trentino, Alto Adige, Istria, parte della Dalmazia e protettorato sull’Albania  L’Italia firmò un’alleanza segreta: il Patto di Londra  Il 24 maggio 1915 dichiarò guerra alla Germania

29  Il compito era quello di aprire un nuovo fronte italiano, di sconfiggere gli austriaci e marciare su Vienna.  Il generale Cadorna schierò l’esercito sul fiume Isonzo e sul Carso  Nel 1915 furono sferrati 4 attacchi, persi uomini.  Strafexpedition austriaca  Solo nel 1916 furono lanciati nove attacchi, ma anche qui la guerra fu di logoramento.

30 La svolta del 1917: 1. A febbraio la rivoluzione russa

31 La durata della guerra Le perdite di vite umane 2. In trincea uomini e risorse delle colonie

32  Il Giappone si era schierato con l’alleanza per togliere alla Germania le sue colonie asiatiche  nell’Atlantico i sottomarini tedeschi avevano affondato moltissime navi americane, perciò Per ripristinare i commerci con l’Europa; Per una questione morale di autodeterminazione dei popoli 3. NELL’APRILE 1917 GLI STATI UNITI ENTRARONO IN GUERRA

33 1917 LA GUERRA DIVENTAVA DAVVERO MONDIALE

34  Nell’ottobre 1917 gli Austriaci sfondarono il fronte a Caporetto e costrinsero gli Italiani a ritirarsi sul Piave  Il gen. Cadorna coprì di infamia la battaglia, rigettando la colpa sui soldati.  Il gen. Armando Diaz fu inviato a sostituire Cadorna  Promise ai soldati che, dopo la vittoria, sarebbero stati distribuiti terreni ai veterani

35 Caporetto

36 In Russia era scoppiata la rivoluzione che aveva destituito lo zar e portato al potere i bolscevichi Nel novembre 1917 la Russia SI RITIRA DALLA GUERRA Pace di Brest- Litovsk

37 Il presidente americano Wilson propose un Programma di pace in quattordici punti:  Libertà di navigazione  Abbassamento delle barriere doganali  Evacuazione dei territori russi occupati  Reintegrazione di Belgio, Serbia e Romania  Alsazia e Lorena alla Francia  Società delle nazioni

38 La chiusura del fronte orientale causò grande soddisfazione in Austria e in Germania, Ma gli Americani e gli Alleati sconfissero i tedeschi (Amiens) in Belgio e li costrinsero ad arretrare In Italia Diaz e i diciottenni appena arruolati costrinsero alla ritirata gli Austriaci a Vittorio Veneto IL 3 NOVEMBRE 1918 L’AUSTRIA FIRMAVA L’ARMISTIZIO CON L’ITALIA

39 Nonostante la Germania fosse rimasta sola, il kaiser avrebbe continuato, ma numerose manifestazioni lo costrinsero alla resa e alla fuga Si formò la Repubblica di Weimar, che si arrese l’11 novembre 1918

40 LA GUERRA ERA FINITA

41 Il 18 gennaio 1919 a Versailles si aprirono i trattati di pace Discussione tra pace democratica e pace punitiva

42 Il risultato: Germania 1. Alsazia e Lorena interamente alla Francia 2. Corridoio di Danzica 3. Le colonie spartite tra Francia, Inghilterra e Giappone 4. Condanna a ripagare tutti i debiti di guerra 5. Rinunciare alla marina, alla leva, a gran parte dell’esercito

43 Il risultato: Austria Divisa tra Repubblica d’Austria e di Ungheria Perse tutte le regioni slave (furono ingrandite la Polonia e la Romania E nacquero nuove nazioni: Repubblica di Cecoslovacchia, Regno di Jugoslavia)

44 MA L’EUROPA ERA TUTTA DA RICOSTRUIRE

45 PRIMA GUERRA MONDIALE 1914 – 1918 LE CONSEGUENZE ARMISTIZIO TRA ITALIA E AUSTRIA L’ Italia acquisisce Trento Trieste Alto Adige Istria ma non la Dalmazia e Fiume

46 Pace Di Versailles 1919  Crollo delle monarchie europee e nascita delle repubbliche. Scomparsa degli imperi austro-ungarico, tedesco, russo, turco  Nuovo assetto dell’Europa prima dopo

47 CONSEGUENZE ECONOMICHE Crollo del commercio E degli investimenti. I nflazione DEBITI DI GUERRA Francia e Inghilterra sono Indebitati con USA Impongono Alla Germania il pagamento Delle riparazioni di guerra

48 CONSEGUENZE  La Germania che non riesce ad esportare più di quanto importava per le restrizioni economiche imposte, precipita nella peggiore svalutazione economica della storia dell’occidente

49 Cessata la guerra la situazione in Italia è disastrosa: Morti Invalidi Fame Interruzione dei commerci Economia in ginocchio Inflazione Questo è il quadro generale.

50 Le industrie di produzione che fino a questo momento hanno prodotto armi e dunque sono state industrie di produzione militare, devono attuare una riconversione industriale, visto che non è più importante produrre armi. La conseguenza di questa riconversione porta ad una serie di licenziamenti in fabbrica, aggravando così una situazione già precaria. Anche nelle campagne la situazione non è positiva. Il governo promette ai contadini una riforma agraria che poi non attua. La riforma comporterebbe l’espropriazione della terra ai latifondisti per distribuirla ai contadini. Questa era stata la promessa fatta ai contadini mandati in trincea, ma i reduci una volta tornati dalla guerra non hanno né lavoro in fabbrica, né terreno. Sotto il profilo politico, i governi liberali appaiono molto deboli ed è per questa ragione che nascono due grandi partiti di massa, siamo nel 1919, il Partito popolare italiano,antenato della democrazia cristiana, partito dei cattolici fondato da don Luigi Sturzo, e il Partito socialista.

51 In questo clima di malcontento generale si svolgono molte manifestazioni contro la dilagante disoccupazione e l’aumento dell’inflazione. Questo periodo che durerà dal 1919 al 1920 è detto “biennio rosso”. Sono anni di scioperi, di proteste, di scontri sociali accesissimi a causa della crisi economica. In questo periodo la CGIL arriva al boom delle iscrizioni da parte dei lavoratori, anche gli imprenditori fondano un proprio sindacato “CONFINDUSTRIA”.

52 La situazione è la seguente: sciopero bianco serrate occupazione in fabbrica occupazioninelle terre tutto ciò genera un’alta conflittualità e la preoccupazione di una rivoluzione comunista Sia la piccola borghesia che gli imprenditori che i proprietari terrieri, hanno paura della rivoluzione comunista, perché questa comporterebbe l’abolizione della proprietà privata, per questa ragione iniziano ad appoggiare le squadre fasciste di Mussolini, anche perché alla richiesta fatta al governo Giolitti di mandare l’esercito contro i contadini, questi si rifiuta e tentando una mediazione del conflitto che spesso rientra.

53 Nel 1920 sembra che l’Italia sia sull’orlo della rivoluzione. Le agitazioni rientrano ma non le preoccupazioni così gli imprenditori ricorrono alla squadre. In questo clima emerge la figura di Mussolini che espulso dal suo partito aveva fondato già nel 1919 il “movimento dei fasci di combattimento”, spesso formati da reduci, delusi che aderiscono al movimento che ha la caratteristica di essere fortemente nazionalista. È proprio l’ondata di alta conflittualità che vive il paese a favorire il crescere di questo movimento. Subito dopo Mussolini costituisce le “fasce d’azione” deputate a fare violenza e picchiare gli operai in fabbrica che manifestano. La polizia è spesso complice e tutto ciò è giustificato in nome del pericolo della rivoluzione comunista. Ma il grosso dell’appoggio Mussolini lo riceve dal ceto medio, coloro che avrebbero avuto qualcosa da perdere qualora davvero fosse scoppiata la rivoluzione comunista; per avere sempre maggiore consenso da parte del ceto medio Mussolini trasforma il movimento in partito e nel 1921 fonda il Partito nazionale fascista, molti lo sottovalutano, compreso Giolitti che alle elezioni del 1921 inserisce i fascisti nelle liste elettorali. I fascisti entrano in Parlamento.

54 Mussolini continua a crescere costituendo un vero e proprio esercito personale, le “camicie nere”, e nel 1922 decide la marcia su Roma per operare un colpo di Stato. Il Capo del Governo preoccupato sollecita il re Vittorio Emanuele III a firmare il decreto dello stato d’assedio, ma il re si rifiuta di mandare l’esercito contro Mussolini al quale addirittura da l’incarico di formare un nuovo governo: Mussolini diviene così capo del Governo. Dal 1922 al 1924 possiamo definire il I governo Mussolini entro l’ambito più o meno legalitario, il governo è sostenuto dai fascisti, liberali e popolari e rispetta la legge anche se le squadre fasciste continuano a fare spedizioni punitive e addirittura nel 1923 si organizzano per la sicurezza nazionale. Nel 1924 le nuove elezioni si svolgono in clima di violenza, intimidazioni, i leader socialisti vengono picchiati, viene impedito loro di tenere comizi e si arriva fino ai brogli elettorali, i fascisti vincono. Giacomo Matteotti deputato della lista avversa a Mussolini denuncia i brogli elettorali e il clima di violenza in cui si sono svolte le elezioni, pochi giorni dopo viene rapito e ucciso.

55 . Questo delitto segna il passaggio dalla fase legale a quella illegale del governo Mussolini. I rappresentanti dei partiti antifascisti abbandonano l’aula del Parlamento, in segno di protesta contro questo delitto, (secessione dell’Aventino), tentando in questo modo di fare pressione sul re, ma il re per la seconda volta non fa nulla, consentendo così a Mussolini di continuare la sua politica illegale. Mussolini addirittura tiene un discorso nel quale si assume la responsabilità del delitto Matteotti e dal 1925 avviene la svolta, da questo momento il fascismo si trasforma il dittatura, in stato totalitario, e Mussolini assume su di sé tutti i tre poteri dello Stato

56 Stato totalitario Partito Unico e ideologia dominante Vietata qualsiasi forma di opposizione Polizia usata per mettere a tacere qualsiasi opposizione Negata la libertà di parola Negata la libertà di stampa Lo Stato ha il controllo di ogni aspetto della vita del cittadino Istituzioni di tribunali speciali Istituzione di polizia segreta Creazione del consenso attraverso propaganda massiccia


Scaricare ppt "COME NASCE LA “GRANDE GUERRA”. 1° GUERRA MONDIALE  Cause politiche :  Francia e Germania si contendono l’Alsazia e la Lorena,  strategicamente importanti."

Presentazioni simili


Annunci Google