La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

VIVIAMO LA PASQUA CON GESU’. GESU’ DONA SE STESSO NELL’EUCARISTIA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "VIVIAMO LA PASQUA CON GESU’. GESU’ DONA SE STESSO NELL’EUCARISTIA."— Transcript della presentazione:

1 VIVIAMO LA PASQUA CON GESU’

2 GESU’ DONA SE STESSO NELL’EUCARISTIA

3 Mentre mangiavano, Gesù prese il pane e, pronunciata la benedizione, lo spezzò e lo diede loro dicendo: “Prendete, questo è il mio corpo”. Poi prese il calice e rese grazie, lo diede loro e ne bevvero tutti. E disse: “Questo è il mio sangue, il sangue dell’Alleanza versato per molti”.

4 Ecco il segno con cui il Signore ha scelto di restare per sempre con noi, il pane e il vino, che nella Messa diventano il Corpo e il Sangue di Gesù.

5 Aiutaci a vivere la santa Messa come la festa dell’incontro con te, in comunione con tutti i fratelli.

6 GESU’ NELL’ORTO DEGLI ULIVI

7 Gesù, uscito, se ne andò al monte degli Ulivi e, inginocchiatosi, pregava: “Padre, se vuoi, allontana da me questo calice! Tuttavia, non sia fatta la mia, ma la tua volontà”.

8 Gesù chiede ai suoi discepoli di stargli vicino in questo momento terribile. Come sarebbe bello se trovassimo, ogni giorno, un po’ più di tempo per stare con Gesù nella preghiera.

9 GESU’ DAVANTI A PILATO

10 Pilato diceva loro: “Che cosa ha fatto di male?”. Ma la folla gridava ancora più forte: “In croce! In croce!”. Pilato non voleva scontentare la folla: per questo lasciò libero Barabba e, dopo avere fatto flagellare Gesù, lo consegnò loro perché fosse crocifisso.

11 Anche noi, come Pilato, spesso dobbiamo scegliere tra il bene e il male, tra la verità e la bugia, tra l’amore e l’egoismo.

12 Chiediamo perdono al Signore dicendo: Perdonaci, Signore. Per quando abbiamo preso in giro gli altri… Per quando non abbiamo avuto il coraggio di difendere chi è timido, debole, solo… Per quando abbiamo preferito stare con i più forti…

13 SIMONE DI CIRENE AIUTA GESU’ A PORTARE LA CROCE

14 Costrinsero un tale che passava, un certo Simone di Cirene che veniva dalla campagna, a portare la croce con Gesù.

15 In ogni fratello incontriamo Gesù, allora diamoci da fare: tutti abbiamo qualcosa da dare agli altri, un sorriso, una parola gentile, un gesto di amicizia, un gesto di aiuto. Ogni volta che aiutiamo gli altri, aiutiamo Gesù, come ha fatto Simone di Cirene.

16 Signore, fa anche di me uno strumento del tuo amore e della tua pace.

17 GESU’ CROCIFISSO TRA DUE MALFATTORI

18 Quando giunsero al luogo detto Cranio, in ebraico Golgota, là crocifissero lui e i due malfattori, uno a destra e l’altro a sinistra.

19 Gesù, tutta la tua vita è stata un espressione di amore per gli amici e per i nemici, per chi ti ha tradito e rinnegato. Il tuo amore è un amore che perdona e che salva: Gesù perdona anche noi ogni volta che veniamo a te con il cuore pentito.

20 Anche noi vogliamo chiedere al Signore di donarci un cuore capace di perdonare. Diciamo insieme: Signore, insegnaci a perdonare. * Perché non guardiamo dolo i difetti degli altri… *Perché sappiamo riconoscere le cose belle e buone che sono nel cuore degli altri… *Per tutte le volte in cui è difficile amare e perdonare… *Quando facciamo fatica a chiedere scusa…

21 GESU’ E MARIA

22 Stava presso la croce di Gesù sua madre. Gesù vedendo la madre e accanto a lei il discepolo che amava, disse alla madre: “Donna, ecco il tuo figlio!”. Poi disse al discepolo: “Ecco la tua madre!”. E da quel momento il discepolo la prese nella sua casa.

23 Prima di morire Gesù ci dona la sua mamma. La dona perché nessuno si senta mai più solo.

24 Tu sai, Gesù, che senza di te non possiamo fare niente. Grazie perché non ci lasci soli; grazie per averci donato Maria e averci affidato al suo amore e alle sue cure. Insegnaci a penderla con noi come compagna di cammino nella vita di ogni giorno.

25 ALLE TRE DEL POMERIGGIO

26 Era verso mezzogiorno quando si fece buio su tutta la terra fino alle tre del pomeriggio. Allora Gesù, gridando a gran voce, disse: “Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito”. Detto questo morì.

27 Gesù muore. E il grido di Gesù parla di amore, di abbandono fiducioso nelle mani del Padre.

28 Ti ringraziamo, Signore, e ti adoriamo perché dalla tua croce ci mostri tutta la misericordia del Padre. Grazie, perché morendo in croce, ti sei donato tutto per noi, ti sei fatto “compagno della mostra sofferenza e di qualsiasi dolore.

29 IL SEPOLCRO NUOVO

30 Vi era un certo Giuseppe originario di Arimatea. Era un uomo buono e andò da Pilato a chiedere il corpo di Gesù. Lo depose dalla croce e lo avvolse in un lenzuolo. Infine lo mise in un sepolcro scavato nella roccia.

31 Ora è difficile per i discepoli credere che Gesù possa risorgere, perché tutto sembra finito. Ma la morte non può avere l’ultima parola …

32 Dopo il buio viene sempre la luce, la luce della Risurrezione. Vieni, Signore, a portare luce perché impariamo a cercarti e ad amarti. Vieni, Signore, apri i nostri occhi perché scogiamo nel segno del sepolcro chiuso in chicco di grano che muore per portare molto frutto.

33 GESU’ RISORGE DALLA MORTE

34 Il primo giorno dopo il sabato, di buon mattino, le donne si recarono alla tomba. Trovarono la pietra rotolata via dal sepolcro; ma entrate non trovarono il corpo del Signore Gesù. Ecco che due uomini apparvero vicino a loro in vesti sfolgoranti e dissero: “Perché cercate tra i morti colui che è vivo? Non è qui, è risuscitato!”

35 Grazie, Signore, perché hai vinto la morte e fai trionfare la vita. Nei momenti tristi e di paura fa’ che sentiamo la tua presenza; prendici per mano e sollevaci. Vogliamo vivere da veri amici insieme a te. Tu sei il Risorto e sei sempre con noi! Amen

36 SONO RISORTO E SONO CON TE OGNI GIORNO! NON AVERE PAURA!


Scaricare ppt "VIVIAMO LA PASQUA CON GESU’. GESU’ DONA SE STESSO NELL’EUCARISTIA."

Presentazioni simili


Annunci Google