La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sistema respiratorio - FinalitàFinalità - StrutturaStruttura Sistema nervoso Apparato digerente - FinalitàFinalità - StrutturaStruttura Sistema circolatorio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sistema respiratorio - FinalitàFinalità - StrutturaStruttura Sistema nervoso Apparato digerente - FinalitàFinalità - StrutturaStruttura Sistema circolatorio."— Transcript della presentazione:

1 Sistema respiratorio - FinalitàFinalità - StrutturaStruttura Sistema nervoso Apparato digerente - FinalitàFinalità - StrutturaStruttura Sistema circolatorio - FinalitàFinalità - StrutturaStruttura Sistema endocrino - FinalitàFinalità - StrutturaStruttura Sistema immunitario - FinalitàFinalità - StrutturaStruttura Apparati riproduttori - FinalitàFinalità - StrutturaStruttura Apparato escretore - FinalitàFinalità - StrutturaStruttura IL CORPO UMANO A cura di Pierluigi Rio 3^A A.S. 2011/12

2 Finalità Lo scopo principale dell apparato digerente è di estrarre i nutrienti dal cibo ingerito e riversarli nel flusso sanguigno per essere distribuiti alle cellule dell'organismo.

3 Struttura L' apparato digerente è formato da un lungo tubo che inizia con la bocca e finisce con l'ano. Le parti principali in cui si suddivide sono: cavità boccale, faringe, esofago, stomaco, intestino tenue, intestino crasso. Alla digestione partecipano alcune ghiandole che sono adibite alla produzione dei succhi. Questi svolgono un ruolo importante nella trasformazione degli alimenti durante la fase della digestione. Esse sono: le ghiandole salivari, il fegato e il pancreas.

4 Finalità L apparato escretore ha lo scopo di ripulire il sangue dalle sostanze di rifiuto prodotte dalle cellule e di regolare la quantità dacqua e di sali minerali presenti nel nostro corpo.

5 Struttura L apparato escretore è costituito da due reni, due ureteri, la vescica urinaria e luretra. I reni sono due organi posti nella parte alta delladdome, sotto i polmoni. Il loro compito è quello di filtrare continuamente il sangue. Essi sono collegati al sistema circolatorio tramite due grosse arterie e due vene. Il sangue entra nel rene carico di impurità attraverso larteria renale e ne esce ripulito attraverso la vena renale. Le sostanze di rifiuto filtrate dai reni, assieme a una consistente quantità dacqua, costituiscono lurina. Lurina viene prodotta continuamente e fluisce negli ureteri, piccoli canali che collegano i reni alla vescica urinaria. Dalla vescica, lurina viene espulsa allesterno tramite luretra.

6 Finalità Lo scopo principale del sistema respiratorio è di introdurre lossigeno ed eliminare lanidride carbonica. Lossigeno è indispensabile perché permette la respirazione cellulare, il meccanismo che ha lo scopo di produrre lenergia necessaria sotto forma di ATP.

7 Struttura L' apparato respiratorio è costituito funzionalmente da due differenti parti anatomiche: - le vie aeree, in cui l'aria ed i gas in essa contenuti vengono convogliati all'interno o all'esterno dell'organismo, rispettivamente durante i processi di inspirazione ed espirazione; - i polmoni, in cui avviene lo scambio di gas con il sangue a livello degli alveoli. Ad essi vanno ad aggiungersi organi dell'apparato locomotore: la gabbia toracica e i muscoli (in particolare diaframma e muscoli intercostali, che permettono l'allargamento della gabbia toracica e quindi l'espansione polmonare).

8

9 Finalità Il sistema circolatorio collega i muscoli e i vari organi del corpo attraverso una rete di vasi nei quali scorre il sangue. Esso svolge quattro funzioni principali: - il trasporto di sostanze nutritive e di prodotti di rifiuto del metabolismo; - il trasporto di ossigeno e biossido di carbonio; - il mantenimento della temperatura corporea; - la circolazione degli ormoni.

10 Struttura Il sistema circolatorio umano è formato da tre componenti: il cuore, che è una pompa muscolare; i vasi sanguigni, che costituiscono una rete di tubicini estesa in tutto il corpo; il sangue, il liquido che circola allinterno di questi vasi. Il cuore e i vasi sanguigni costituiscono nel loro insieme il sistema cardiovascolare. arteriearteriolecapillari venulevene I vasi sanguigni si distinguono in: arterie, arteriole, capillari, venule, vene.

11 La composizione del sangue

12 Finalità Il sistema immunitario ha la funzione di difendere lorganismo da qualsiasi forma di insulto chimico, traumatico o infettivo alla sua integrità. Una caratteristica fondamentale del sistema immunitario è quindi la capacità di distinguere tra le strutture che non costituiscono un pericolo (self) e le strutture che invece si dimostrano nocive per lorganismo e che devono quindi essere eliminate (non-self).

13 Struttura Il sistema immunitario non comprende degli organi localizzati in distretti precisi del corpo. È formato, invece, da cellule che risiedono in organi e tessuti che sono sparsi in tutto lorganismo. Ciononostante, esse costituiscono un sistema perché hanno una funzione comune: reagire contro specifiche molecole estranee. Le cellule del sistema immunitario sono i linfociti.

14

15 Finalità Il sistema endocrino gestisce il funzionamento dellorganismo umano o animale in collaborazione con il sistema nervoso, garantendo lomeostasi in una grande varietà di condizioni. La comunicazione del sistema endocrino è di tipo chimico e avviene attraverso gli ormoni.

16 Struttura Il sistema endocrino è costituito da più di dieci ghiandole. Le ghiandole sono cellule o gruppi di cellule specializzati nella produzione di particolari sostanze chimiche, gli ormoni. Nei vertebrati, oltre alle ghiandole endocrine che producono gli ormoni, esistono anche le ghiandole esocrine, che diffondono le sostanze prodotte direttamente nel corpo o allesterno di esso, servendosi di dotti.

17 L' ipofisi o ghiandola pituitaria è una ghiandola endocrina situata alla base del cranio. Consta di due lobi, strutturalmente e funzionalmente diversi, che controllano, attraverso la secrezione di numerosi ormoni, l'attività endocrina e metabolica di tutto l'organismo: il lobo anteriore (adenoipofisi) e il lobo posteriore (neuroipofisi). La secrezione di ormoni da parte dellipofisi è regolata dallipotalamo, un gruppo di cellule nervose situate immediatamente sopra lipofisi.

18 La produzione di ormoni è regolata con meccanismi a feedback sia positivo sia negativo. Leffetto prodotto dallormone su un organo agisce come nuovo stimolo sulla ghiandola endocrina. La ghiandola secerne altro ormone La ghiandola rallenta (o interrompe) la produzione dellormone

19

20

21 Il sistema nervoso ha il compito di raccogliere gli stimoli che provengono dallambiente interno e da quello esterno allorganismo, di elaborarli e di provocare una risposta adeguata, mantenendo così lomeostasi. Il sistema nervoso è formato da cellule altamente specializzate: i neuroni, connessi tra di loro in modo da permettere la comunicazione tra distretti diversi del corpo. I neuroni si distinguono in: neuroni sensitivi e neuroni motori.

22 STRUTTURA

23 LA TRASMISSIONE DELLIMPULSO NERVOSO Limpulso nervoso è di natura elettrochimica. Tra la superficie interna e quella esterna della membrana cellulare del neurone esiste una differenza di potenziale elettrico (potenziale di riposo, o potenziale di membrana): l'interno della cellula è caricato negativamente rispetto all'esterno. Tale differenza è dovuta a diverse concentrazioni di ioni sodio e potassio ed è a sua volta prodotta da meccanismi attivi di trasporto degli ioni attraverso la membrana (pompa sodio- potassio) e dalla diversa permeabilità della membrana plasmatica rispetto ai singoli ioni. L'impulso nervoso determina una variazione della permeabilità della membrana, che si traduce in ultima analisi in un'inversione improvvisa della carica elettrica della cellula. Questa variazione elettrica (che, come si è detto, costituisce la "risposta") prende il nome di potenziale d'azione. Il potenziale dazione si propaga come unonda di depolarizzazione.

24 Limpulso nervoso è di tipo elettrico lungo lassone, chimico a livello di sinapsi. La sinapsi è la zona in cui un neurone entra in comunicazione con un altro neurone. Quando limpulso nervoso raggiunge lestremità dellassone, si ha il rilascio di neurotrasmettitori nello spazio sinaptico: legandosi a recettori specifici, i neurotrasmettitori propagano la depolarizzazione nel neurone post-sinaptico.

25 Il sistema nervoso dei vertebrati comprende il sistema nervoso centrale e il sistema nervoso periferico.

26 IL CERVELLO: STRUTTURA E FUNZIONI

27 La memoria, il ragionamento, la capacità di apprendere e di prendere decisioni sono attività che si realizzano nella corteccia cerebrale. Ognuno di queste attività è elaborata in una particolare area della corteccia. Lindividuazione delle prime aree cerebrali risale alla fine dellOttocento, a partire dalle prime osservazioni del medico francese Paul Pierre Broca. Le aree cerebrali, pur specializzate in una determinata funzione, hanno tra loro numerosi collegamenti: le nostre azioni sono infatti così complesse da richiedere ognuna lintervento di numerose funzioni.

28 SISTEMA NERVOSO SIMPATICO E PARASIMPATICO Il sistema nervoso autonomo, che controlla soprattutto il movimento della muscolatura liscia, lattività cardiaca e lattività secretoria ghiandolare, si divide in due unità funzionali: il sistema nervoso simpatico e il sistema nervoso parasimpatico, che agiscono in maniera opposta luno allaltro, velocizzando o rallentando alcune funzioni dellorganismo. In generale, il sistema nervoso simpatico prepara lorganismo allazione in situazioni di allarme, mentre il parasimpatico prevale durante i periodi di inattività.

29

30 Allinterno del midollo spinale si realizza un particolare tipo di risposta agli stimoli sensoriali. Quando, ad esempio, tocchiamo un oggetto senza sapere che è troppo caldo, non appena i recettori del calore disseminati nella cute segnalano che la temperatura non è sopportabile, la mano viene ritratta senza che sia presa una decisione cosciente: si tratta del meccanismo dell arco riflesso. Larco riflesso è lelaborazione diretta dello stimolo da parte del midollo spinale; esso permette una risposta motoria molto rapida: il braccio si contrae e la mano si allontana velocemente dalla fonte di calore. Larco riflesso entra in gioco quando il passaggio dallinformazione allencefalo produrrebbe unazione muscolare troppo ritardata e inadeguata al tipo di stimolo sensoriale ricevuto. LARCO RIFLESSO

31

32 Finalità La finalità degli apparati riproduttori è quella di garantire la continuazione della specie umana. Quella delluomo è una riproduzione sessuata e consiste nellunione di una cellula sessuale maschile con una cellula sessuale femminile, per dare origine alla prima cellula di un nuovo individuo, chiamata zigote.

33 I GAMETI (cellule aploidi) Spermatozoi ( XY ) Oociti ( XX )

34 Struttura apparato maschile Gli organi dell apparato riproduttore maschile sono in parte allesterno del corpo e in parte allinterno. Allesterno si trovano il pene e i due testicoli, alloggiati in una sacca detta scroto e collegati ciascuno a un canale detto epididimo. Nella parte interna vi sono la prostata, le vescicole seminali e il dotto eiaculatore. Gli spermatozoi si formano nei testicoli ( spermatogenesi ), in sottili tubuli ripiegati su sé stessi, chiamati tubuli seminiferi, e si accumulano nellepididimo.

35 Struttura apparato femminile L apparato riproduttore femminile è quasi tutto allinterno del corpo ed è più complesso di quello maschile: in esso si realizza infatti la fecondazione e successivamente deve garantire lo sviluppo del nuovo essere fino al momento della nascita. Gli organi principali sono: le due ovaie, le tube di Falloppio, lutero, la vagina e la vulva. Le ovaie custodiscono, fin dalla nascita, le cellule destinate a diventare cellule uovo (oociti). La produzione di cellule uovo mature, l oogenesi, è limitata sia nel tempo, sia nella quantità.


Scaricare ppt "Sistema respiratorio - FinalitàFinalità - StrutturaStruttura Sistema nervoso Apparato digerente - FinalitàFinalità - StrutturaStruttura Sistema circolatorio."

Presentazioni simili


Annunci Google