La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lettura delle Carte Topografiche Ovvero: «Dove sono e dove sto andando?»

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lettura delle Carte Topografiche Ovvero: «Dove sono e dove sto andando?»"— Transcript della presentazione:

1 Lettura delle Carte Topografiche Ovvero: «Dove sono e dove sto andando?»

2 Cos’è una carta topografica?

3 Perché è difficile leggerla?  Detto in breve: la Terra è (quasi!) una sfera, ma la carta non è rotonda!  Si utilizza la proiezione Universale Trasversa di Mercatore (abbreviata in UTM )

4 Perché è difficile leggerla?  La Terra viene divisa in 60 fusi di 6° di longitudine ciascuno, a partire dall'antimeridiano di Greenwich in direzione Est, l'Italia è quindi compresa tra i fusi 32, 33 e 34.  Inoltre la Terra è divisa in 20 fasce di ampiezza di 8° di latitudine. Quindi dall'intersezione tra i fusi e le fasce si hanno delle zone. L'Italia è quindi compresa nelle zone 32T, 33T, 34T e 32S, 33 S, 34S

5 Perché è difficile leggerla?  la Groenlandia è rappresentata con un'area equivalente a quella dell'intero territorio dell'Africa, quando in realtà l'area di questa è approssimativamente 14 volte quella della Groenlandia.

6 Perché è difficile leggerla?

7 Lettura della Carta Topografica  Per leggere bene una carta, si devono usare tutti gli elementi riportati su di essa:  Cornice: contiene tutte le informazioni necessarie all’inquadramento e orientamento della carta.  Reticolato geografico e chilometrico: consente la determinazione delle coordinate geografiche e delle coordinate piane.  Rappresentazione: tramite opportuna simbologia convenzionale sono rappresentate le condizioni del territorio

8 Identificazione della carta Con modalità diverse a seconda delle diverse edizioni della carta topografica IGM sono indicati tutti gli elementi necessari all’identificazione della carta. Vecchia serie: Foglio, quadrante, tavoletta Nuova serie: Foglio, sezione

9 Identificazione della carta

10 Datum e proiezione In ogni carta topografica sono sempre indicati datum (ellissoide e orientamento) e proiezione (e relativo fuso) in base al quale la carta è stata costruita. Nuova serie Datum ED50 Proiezione UTM (+ fuso) Vecchia serie Datum Roma40 o ED50 Proiezione Gauss- Boaga (+ fuso) o UTM (+fuso)

11 Reticolati e coordinate In ogni carta è riportato il reticolato chilometrico e geografico, con l’indicazione delle coordinate dei vertici nei diversi sistemi di riferimento Nella cornice è di solito riportata anche una legenda che consente di identificare i diversi reticolati che vi sono riportati. Vertici della carta espressi in gradi riferiti al datum ED50 Reticolato geografico (intervalli di 1 grado) Reticolato cartografico UTM (fuso 33) Reticolato cartografico Gauss-Boaga (fuso est fuso ovest)

12 Orientamento Per orientare correttamente una carta topografica rispetto al nord geografico utilizzando la bussola, è necessario conoscere due parametri, che sono indicati nella cornice: Declinazione magnetica Convergenza del meridiano

13 Declinazione magnetica La declinazione magnetica è l’angolo formato dalla direzione del Nord magnetico con la direzione del Nord geografico, dato che i due punti non coincidono. Il polo nord magnetico si trova nel Canada settentrionale a 1600 km dal polo geografico; il polo sud magnetico si trova nella Terra di Adelia, in Antartide. L’ago della bussola indica la direzione del nord magnetico secondo le linee di forza del campo magnetico terrestre (che non necessariamente coincidono con il percorso più breve ma seguono andamenti sinuosi).

14 Convergenza del Meridiano Si chiama convergenza di un meridiano l’angolo formato dalla rappresentazione di tale meridiano con il nord della proiezione (asse verticale del sistema di riferimento cartesiano).

15 Altimetria  Per la rappresentazione del rilievo e, più in generale della morfologia dei luoghi è possibile utilizzare diversi metodi di rappresentazione:  Metodi dimostrativi  “Mucchi di talpa”  Tratteggio e tratto forte  Tinte altimetriche  Lumeggiamento  Sfumo  Metodi geometrici  Punti quotati  Curve di livello  Diversi metodi di rappresentazione possono essere combinati nella stessa carta.

16 Altimetria – metodi dimostrativi  Mucchi di talpa”  Orografia a “spina di pesce”  Tratteggio

17  Tratto forte  Sfumo  Tinte altimetriche Altimetria – metodi dimostrativi

18 Punti quotati

19 Curve di livello  Una curva di livello (o isoipsa) è la linea che unisce dei punti aventi al stessa quota  Si tratta di linee chiuse che non si intersecano tra di loro.

20 Curve di livello  Sono poste ad equidistanza, una distanza costante di quota tra le curve di livello.  In genere è pari ad 1/1000 del denominatore della scala (ad es. in una carta 1: l’equidistanza è di 25 metri)  A determinati intervalli (multipli dell’equidistanza) vengono rappresentate delle curve con tratto più marcato (nella carta 1: ogni 100 m)  Se troppo distanti tra loro vengono introdotte curve ausiliarie (rappresentate con linea tratteggiata).

21 Curve di livello  Ad un infittirsi delle isoipse corrisponde un aumento della pendenza, ad un loro diradarsi una diminuzione.  La lettura dell’andamento delle curve di livello consente anche di riconoscere la morfologia generale del territorio.

22 Simbologia convenzionale  Vengono utilizzati simboli convenzionali per rappresentare in modo chiaro elementi non rappresentabili perché astratti o per la riduzione delle dimensioni.  A seconda della natura dell’oggetto da rappresentare (oltre che della scala) i simboli cartografici possono essere:  puntuali  lineari  areali

23 Carte simboliche e carte tecniche Nella cartografia topografica a grande/media scala (es.: 1:25.000) vengono talvolta adottati segni convenzionali che modificano modificare dimensioni e posizione degli elementi Nelle carte tecniche tutti gli elementi sono rappresentati in vera proiezione, senza subire operazioni di “ingrandimento” o di “spostamento”.

24 Simbologia topografica  Nelle carte IGM si utilizza una simbologia standard, variabile in relazione alla scala della carta e delle diverse edizioni.  La legenda con i principali simboli è riportata in basso in tutte le carte.  Attraverso la simbologia convenzionale sono rappresentati tutti gli elementi geografici presenti sulla superficie terrestre:  oggetti concreti:  idrografia  vegetazione  edifici  strade  oggetti immateriali:  confini amministrativi  toponomastica

25 Viabilità e limiti amministrativi

26 Idrografia

27 Manufatti

28 Vegetazione

29  Equidistanza  Per calcolare l’equidistanza di una carta è necessario contare il numero di intervalli compresi tra due curve direttrici.  e = (q - q’)/i  Quota di un punto  Per calcolare la quota di un punto è possibile rapportare il dislivello tra le isoispe più vicine alla distanze tra punto e isoipse, secondo la proporzione:  Q:(q-q’)=D:d Calcoli sulle carte topografiche

30  Inclinazione  Per calcolare l’inclinazione di un versante è necessario determinare l’angolo formato dalla superficie considerata con il piano orizzontale. Si esprime in gradi.  Pendenza  Per determinare la pendenza di un versante è necessario calcolare il rapporto tra il dislivello verticale e la distanza naturale (in piano), tra due punti lungo la superficie considerata. E’ espressa in percentuale.  P = h/d x 100

31  Profilo topografico o altimetrico  È una curva che rappresenta l’andamento altimetrico del terreno lungo una direttrice prefissata (sezione). Calcoli sulle carte topografiche

32 Il Coordinatometro

33 Esempio di utilizzo del coordinatometro

34 Goniometro sessagesimale

35 Curvimetro  (il cordino si usa congiungendo il punto iniziale  Con quello finale, i nodi alla fine del cordino aumentano  il grip).  1) Fissare il centro del coordinatometro sul punto iniziale  2) Far seguire al cordino tutto il percordo  3) Fermare il coordinatometro sul punto finale  4) Stendere il cordino sulla mappa e segnare la  lunghezza a matita  5) Con lo stesso coordinatometro, sfruttato come righello,  Verificare la lunghezza del percorso  Punto

36 Stima delle distanze

37 Sappiamo che è lungo quasi 9 metri (è un dato che dobbiamo conoscere) Mettendo il coordinatometro a 50 cm (una lunghezza braccio), si vede che risulta racchiuso in 2,5 cm ovvero 25mm. Quindi, il VBM è lungo 50°° (millesimi)

38 Stima delle distanze  La regola del sito ci dice quindi che il mezzo è distante: 9m/50 = 0,18 km ossia 180 metri


Scaricare ppt "Lettura delle Carte Topografiche Ovvero: «Dove sono e dove sto andando?»"

Presentazioni simili


Annunci Google