La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Paul Verlaine. Paul Verlaine (Metz 30 marzo 1844; Parigi 8 gennaio 1896)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Paul Verlaine. Paul Verlaine (Metz 30 marzo 1844; Parigi 8 gennaio 1896)"— Transcript della presentazione:

1 Paul Verlaine

2 Paul Verlaine (Metz 30 marzo 1844; Parigi 8 gennaio 1896)

3 Chanson d'automne (lingua originale) Chanson d'automne. Les sanglots longs Les sanglots longs Des violons Des violons De l'automne De l'automne Blessent mon cœur Blessent mon cœur D'une langueur D'une langueur Monotone. Monotone. Tout suffocant Tout suffocant Et blême, quand Et blême, quand Sonne l'heure, Sonne l'heure, Je me souviens Je me souviens Des jours anciens Des jours anciens Et je pleure; Et je pleure; Et je m'en vais Et je m'en vais Au vent mauvais Au vent mauvais Qui m'emporte Qui m'emporte Deçà, delà, Deçà, delà, Pareil à la Pareil à la Feuille morte.. Feuille morte..

4 Canzone d’autunno (Lingua italiana) I lunghi singulti Dei violini D’autunno Mi struggono il cuore D’uniformeLanguore Ah squallido E smunto, quando Risuonan l’ore Io mi ricordo Dei giorni in fuga E piango; E vado errando Nel cupo vento Che mi trasporta Di qua e di là Simile alla Foglia morta.

5

6 POESIA I singulti lunghi Dei violini D’ autunno

7 Mi struggono il cuore D’uniforme Languore

8 Ah squallido E smunto,

9 quando Risuonan l’ore

10 Io mi ricordo Dei giorni in fuga

11 E piango

12 E vado errando Nel cupo vento

13 Che mi trasporta Di qua e di la

14 Simile alla Foglia morta

15

16 POESIA I singulti lunghi Dei violini D’ autunno

17 Mi struggono il cuore D’uniforme Languore

18 Ah squallido E smunto,

19 quando Risuonan l’ore

20 Io mi ricordo Dei giorni in fuga

21 E piango

22 E vado errando Nel cupo vento Che mi trasporta Di qua e di la

23 Simile alla Foglia morta

24

25 I lunghi singulti Dei violini D’autunno Mi struggono il cuore D’uniformeLanguore Ah squallido E smunto, quando Risuonan l’ore Io mi ricordo Dei giorni in fuga E piango; E vado errando Nel cupo vento Che mi trasporta Di qua e di là Simile alla Foglia morta. 1°strofaI lunghi suoni dell’autunno rendono il poeta triste, depresso e malinconico 2° strofaIl poeta è stanco e triste come morto, e i rintocchi dell’orologio gli ricordano i momenti felici, ormai passati e piange perché sa che non ritorneranno più 3° strofail poeta va in giro senza meta errando, trasportato dal vento

26 Il poeta (Paul Verlaine), utilizza: tre strofe, sestine versi liberi. Vi sono due figure retoriche Enjambement : riga 5 – 6 (monotono languore) Enjambement : riga 5 – 6 (monotono languore) riga 10 – 11 ( … in fuga - e piango) riga 10 – 11 ( … in fuga - e piango) riga (simile alla – foglia morta) riga (simile alla – foglia morta) Similitudini: nella finale della poesia, di grande importanza a fini poetici, è “simile alla foglia morta” che descrive la situazione attuale del poeta Similitudini: nella finale della poesia, di grande importanza a fini poetici, è “simile alla foglia morta” che descrive la situazione attuale del poeta

27 Vi sono due rime :cuore – languore (prima strofa) trasporta – morta (terza strofa) Ritmo:lento per tutta la poesia, quasi cadente verso l’ultima strofa Lessico: in lingua originale utilizza un lessico abbastanza colto, nella traduzione però, non si riesce a notare e apprezzare a fondo la classicità e la bellezza delle parole della poesia stessa.

28 1° strofa Il poeta nella prima strofa parla di come i suoni dell’autunno possano struggerlo dal questo a causa della consapevolezza che un autunno arriva per tutti, ovvero un periodo incerto, triste e cupo; infatti il violino potrebbe essere il ritrato dei momenti della vecchiaia, lenti malinconici e tristi Analisi del contenuto

29 2° strofa Nella seconda strofa utilizza i termini “squallido e smunto” per descrivere la sua situazione attuale di affanno e non voglia di vita, poi, in modo molto malinconico parla della malinconia e della tristezza che provoca in lui il rintocco di un orologio (a pendolo)

30 3° strofa Nella terza strofa, il poeta racconta della sua situazione attuale di vagabondaggio senza meta come una foglia trasportata dal vento, la parte interessante è la conclusione, infatti conclude con un punto esclamativo, come se fosse un’ affermazione di sprezzo e odio verso la sua vita

31 Fin


Scaricare ppt "Paul Verlaine. Paul Verlaine (Metz 30 marzo 1844; Parigi 8 gennaio 1896)"

Presentazioni simili


Annunci Google