La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L’ORIENTAMENTO MERIDIANI E PARALLELI LE CARTE GEOGRAFICHE LE FOTOGRAFIE LA STATISTICA STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L’ORIENTAMENTO MERIDIANI E PARALLELI LE CARTE GEOGRAFICHE LE FOTOGRAFIE LA STATISTICA STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA."— Transcript della presentazione:

1 L’ORIENTAMENTO MERIDIANI E PARALLELI LE CARTE GEOGRAFICHE LE FOTOGRAFIE LA STATISTICA STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA

2 CHE COS’È LA GEOGRAFIA? Parola che deriva dal greco: Gea= terra + grafein = scrivere  descrizione della terra Eratostene (III sec. a.C) e Tolomeo (II sec. d.C) primi studiosi di geografia: circonferenza terrestre/cartografia Geografia moderna = scienza che descrive e interpreta la terra  spiega i rapporti tra uomo e territorio Sistema terra = insieme in cui i vari aspetti (ambiente, clima, popolazione, economia …) si influenzano a vicenda.

3 ORIENTARSI Punti cardinali: EST (= oriente/levante)  dove sorge il sole OVEST (= occidente/ponente)  dove tramonta SUD  dove il sole si trova a mezzogiorno NORD  direzione esattamente opposta al sud Rosa dei venti Per orientarsi: - posizione del sole - Posizione delle stelle - Muschio sugli alberi di un bosco (indica il nord) - Bussola (indica il nord)

4 La rosa dei venti Nell’immagine sono indicati i punti cardinali e quelli intermedi, abbinati ai venti che provengono dalle diverse direzioni.

5 La bussola È costituita da un quadrante con la rosa dei venti e da un ago metallico, libero di girare su un perno. Sfrutta il principio del magnetismo, lo stesso delle calamite (i magneti attirano il ferro). La terra è come un grande magnete che attira l’ago della bussola sempre verso lo stesso punto, il nord. Fu inventata dai Cinesi e portata in Europa dagli Arabi nel XII secolo. I navigatori di Amalfi la diffusero nel Mediterraneo.

6 IL RETICOLATO GEOGRAFICO Terra: sfera leggermente schiacciata ai poli. Ruota su se stessa attorno all’asse terrestre, che è inclinato. Equatore = cerchio immaginario che divide la terra in due parti, chiamate emisferi (emisfero boreale a nord, emisfero australe a sud) Paralleli = cerchi immaginari tutti paralleli all’equatore. Più ci si avvicina ai poli, più diventano piccoli. Meridiani = semicerchi perpendicolari all’equatore. Il più importante è il meridiano che passa da Greenwich (vicino a Londra). Paralleli e meridiani formano il reticolato geografico.

7 Meridiani e paralleli

8 I paralleli di riferimento Il parallelo principale è l’Equatore; altri paralleli importanti sono il Circolo Polare Artico e il Tropico del Cancro (emisfero boreale), il Circolo Polare Antartico e il Tropico del Capricorno (emisfero australe ).

9 LE COORDINATE GEOGRAFICHE Il reticolato geografico permette di calcolare la posizione di ciascun luogo della terra attraverso le coordinate geografiche, cioè longitudine e la latitudine. Latitudine = distanza tra un qualsiasi parallelo e l’Equatore (lat. nord o sud). Longitudine = distanza tra un qualsiasi meridiano e il meridiano di Greenwich (long. Est o ovest) Latitudine e longitudine si misurano in gradi. Ci sono 90° gradi di latitudine tra l’Equatore e ogni polo.

10 Latitudine e Longitudine

11 Coordinate di un punto P

12 I FUSI ORARI Sono 24 “spicchi” immaginari di superficie terrestre, che corrispondono circa ai meridiani. Tutti i luoghi dentro allo stesso fuso orario hanno la stessa ora. Se si viaggia dal meridiano di Greenwich verso est, bisogna spostare l’orologio avanti, se si viaggia da Greenwich verso ovest bisogna spostarlo indietro. Alcuni stati molto grandi (Usa, Canada, Australia, Russia …) sono attraversati da più fusi orari. Sull’antimeridiano (=meridiano opposto) di Greenwich passa la linea del cambiamento di data.

13 Carta dei fusi orari

14 LA CARTA GEOGRAFICA Rappresentazione della terra ridotta, approssimata e simbolica. Ridotta perché la porzione di superficie terrestre da rappresentare deve essere rimpicciolita  riduzione in scala. Approssimata perché la rappresentazione della terra, che è sferica, su una superficie piana presenta per forza alcune imprecisioni. L’unica rappresentazione assolutamente precisa della terra è il mappamondo. Simbolica perché per rappresentare i diversi elementi si usano segni e colori convenzionali. Per questo ogni carta è accompagnata da una legenda.

15 RIDUZIONE IN SCALA Scala geografica = rapporto tra la distanza misurata sulla carta e la corrispondente distanza misurata sulla superficie terrestre. Indica quindi di quante volte è stata rimpicciolita la realtà. Si può indicare in due modi: - Scala numerica  divisione tra due numeri. Il dividendo è sempre 1, il divisore indica di quante volte la realtà è stata divisa. Es. 1: Scala grafica  linea divisa in segmenti. Ogni segmento corrisponde ad una determinata distanza nella realtà.

16 La scala geografica scala numerica scala grafica

17 TIPI DI CARTE IN BASE ALLA SCALA - Pianta o mappa (fino a 1:10.000)  area molto limitata, come un quartiere o una proprietà terriera - Carta topografica (1: : )  zone non molto estese, come una città - Carta corografica (1: : )  zone piuttosto estese, come una regione - Carta geografica (1: : )  superfici molto estese, come uno stato o un continente - Planisfero  carta geografica che rappresenta tutta la superficie terrestre

18 TIPI DI CARTE IN BASE AL CONTENUTO Carte fisiche: mettono in evidenza gli aspetti naturali del territorio Carte politiche: rappresentano le divisioni fra stati, regioni, province e città. Spesso indicano le principali vie di comunicazione Carte fisico-politiche: uniscono i due aspetti Carte tematiche: illustrano un particolare fenomeno legato alla natura o alla popolazione, anche in riferimento al passato. Esempi: carte del clima, carte stradali, carte nautiche ed aeronautiche, carte storiche.

19 CURVE DI LIVELLO Servono per rappresentare i rilievi e le profondità marine. Isoipse = linee immaginarie che uniscono tutti i punti di un rilievo situati alla stessa altezza rispetto al livello del mare. Isobate = linee immaginarie che uniscono tutti i punti situati alla stessa profondità A queste curve di livello sono spesso associati colori convenzionali (marrone più scuro man mano che cresce il rilievo, blu più scuro man mano che il mare è più profondo).

20 Curve di livello Per disegnare isoipse e isobate si procede come se il rilievo o le profondità marine venissero tagliate a fette in senso orizzontale. I numeri segnati accanto ad ogni curva indicano a quale altezza o profondità si trovano tutti i punti di quella curva.

21 LE FOTOGRAFIE Sono utili per comprendere l’aspetto di un territorio. Possono essere: - Panoramiche - Aeree - Satellitari - Storiche Le fotografie storiche, confrontate con immagini recenti, ci mostrano come è cambiato un territorio.

22 Foto panoramica di New York Fotografia aerea di Palmanova

23 Immagini satellitari

24 LA STATISTICA Scienza che raccoglie ed elabora i dati numerici di un determinato fenomeno: quanti bambini nascono in un anno, quanto frumento produce una regione … In Italia i dati statistici sono raccolti dall’ISTAT. I dati raccolti sono ordinati in tabelle e grafici. Tipi di grafici: - Diagramma cartesiano, utile per capire come cambia un fenomeno nel tempo - Istogramma (grafico a colonne) - Areogramma (grafico a torta), per le percentuali - Ideogramma (grafico con disegni)

25 Diagramma cartesiano

26 Istogramma

27 Areogramma

28 Ideogramma Quantità di olio prodotta dai paesi mediterranei nel 1984 Una bottiglia = 500 migliaia di quintali


Scaricare ppt "L’ORIENTAMENTO MERIDIANI E PARALLELI LE CARTE GEOGRAFICHE LE FOTOGRAFIE LA STATISTICA STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA."

Presentazioni simili


Annunci Google