La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Studiare la geografia lavoro svolto dalla classe I D della scuola secondaria A. Manzoni di Rosate Anno scolastico 2010/2011.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Studiare la geografia lavoro svolto dalla classe I D della scuola secondaria A. Manzoni di Rosate Anno scolastico 2010/2011."— Transcript della presentazione:

1 Studiare la geografia lavoro svolto dalla classe I D della scuola secondaria A. Manzoni di Rosate Anno scolastico 2010/2011

2 Geografia Reticolato geografico Montagne Carte geografiche Pianure Clima Idrografia Paesaggio montano La statistica Orientamento

3

4 EMISFERO BOREALE EMISFERO AUSTRALE I paralleli sono semicerchi paralleli allEquatore, i paralleli sono più piccoli man mano che ci si avvicina ai poli. I meridiani sono semicerchi immaginari perpendicolari al- l Equatore, il più importante è quello di Greenwich.

5 Oltre allEquatore ci sono il Tropico del Cancro, il Circolo Polare Artico, Tropico del Capricorno e il Circolo Polare Antartico. I paralleli e i meridiani formano una rete chiamata reticolato geografico. Facendo riferimento alle linee di questa rete immaginaria diventa possibile indicare lesatta posizione di qualsiasi luogo della Terra; è sufficiente, infatti, indicare le sue coordinate geografiche, cioè la latitudine e la longitudine. Latitudine : è la distanza tra qualsiasi Parallelo e l Equatore. Longitudine: è la distanza tra qualsiasi Meridiano e quello di Greenwich. Non si misurano in chilometri ma in gradi. Si parla di latitudine nord/sud; longitudine ovest / est.

6

7

8

9 LE CATENE MONTUOSE PIÙ RECENTI

10 Tra il Mar Nero e il Mar Caspio si estende la catena montuosa del Caucaso, che segna, a sud, il confine tra l Europa e lAsia. Nel Europa meridionale le catene montuose sono formate da rocce sedimentarie e calcaree. Si tratta delle Alpi Dinariche, dei Balcani e del Pindo.

11

12 Poiché la Terra è rotonda, la rappresentazione corretta della sua superficie è il mappamondo. Le carte geografiche sono una rappresentazione della Terra o di una parte di essa. Ma visto che le carte geografiche non sono grandi come il mondo, dobbiamo usare la riduzione in scala. Ridurre in scala significa rimpicciolire la realtà per poterla rappresentare su una carta geografica. Tutte le carte riportano la riduzione in scala, dicono cioè quante volte la realtà è stata rimpicciolita. La scala utilizzata può essere indicata in due modi diversi che possono essere presenti entrambi: _ la scala numerica, che è rappresentata da due numeri: 1 : , 1 : ecc ; _ la scala grafica, che è una linea nella quale ogni segmento corrisponde a una determinata distanza nella realtà. Per leggere e capire una carta bisogna osservare la legenda, che indica esattamente le cose che devono essere lette. Nelle leggende troviamo i colori delle cose essenziali: monti, laghi, fiumi, mari, pianure e colline; troviamo anche i simboli di città, ferrovie, autostrade, porti ed aeroporti. GLI STRUMENTI DEL GEOGRAFO

13 I TIPI DI CARTE

14 Approfondiscono e illustrano un particolare fenomeno o aspetto, che può riguardare sia la natura sia alla vita della popolazione. Gli argomenti delle carte tematiche sono diversi: la natura del territorio, il clima, i diversi tipi di vegetazione e la frequenza dei terremoti.

15

16

17 1. Fascia polare: occupa le regioni più a nord: Islanda, Scandinavia, Russia settentrionale. La fascia polare è caratterizzata da inverni molto lunghi e temperature molto rigide. Le estati sono molto brevi.

18 Fascia atlantica La fascia atlantica si estende sulle regioni che si affacciano sullOceano Atlantico ma anche sulle zone toccate dalla calda corrente del Golfo del Messico. È quindi caratterizzata da temperature miti, senza una grande differenza tra estate e inverno. Le piogge sono molto frequenti in tutte le stagioni.

19 LA FASCIA MONTUOSA La fascia montuosa si estende sulle zone montuose a nord e a sud dellEuropa. Ha caratteristiche simili a quella polare ma le temperature sono meno rigide

20 LA FASCIA MEDITERRANEA

21 Fascia continentale La fascia continentale è la fascia più estesa del territorio europeo. Nella fascia continentale ci sono molte variazioni climatiche. In generale ci sono inverni anche molto rigidi

22

23

24 Masse di neve che scivolano sul fianco della montagna Masse di neve che rotolano verso il basso diventando sempre più grandi.

25

26 Sono delle aree racchiuse fra due montagne. È la linea che passa fra i punti alti di una catena montuosa; è lo spartiacque fra i due versanti della montagna.

27

28 Le caratteristiche dei fiumi europei

29

30

31

32

33

34

35 Essa è la scienza che raccoglie ed elabora i dati, ad esempio quanti bambini nascono in un anno, quante persone muoiono, quanta pioggia cade in Italia, quanti sono senza lavoro e quanti turisti visitano ogni anno una regione. LE TABELLE I dati raccolti vengono ordinati in tabelle. Le tabelle sono elenchi ordinati come il numero di abitanti che ci sono in alcune città in anni diversi.

36 Figli per donne in alcuni stati europei Milioni di abitanti

37

38


Scaricare ppt "Studiare la geografia lavoro svolto dalla classe I D della scuola secondaria A. Manzoni di Rosate Anno scolastico 2010/2011."

Presentazioni simili


Annunci Google