La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L’Amministrazione Comunale per il normale svolgimento delle proprie funzioni deve garantire la mobilità per i propri dipendenti e per gli Amministratori.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L’Amministrazione Comunale per il normale svolgimento delle proprie funzioni deve garantire la mobilità per i propri dipendenti e per gli Amministratori."— Transcript della presentazione:

1 L’Amministrazione Comunale per il normale svolgimento delle proprie funzioni deve garantire la mobilità per i propri dipendenti e per gli Amministratori. Servizio Pianificazione Territoriale e Mobilità Bologna 18 Aprile 2012

2 DIPENDENTI COMUNALI Per lo svolgimento delle proprie funzioni giornalmente i dipendenti comunali devono potersi muovere sul territorio comunale e sovra-comunale con mezzi messi a disposizione dall’Amministrazione. I dipendenti interessati all’utilizzo delle vetture sono:  Dirigenti;  Tecnici comunali;  Servizi Ambientali;  Servizi sociali;  Commessi, Messi;  Corsi esterni;  Altri servizi in genere. AMMINISTRATORI COMUNALI  Sindaco;  Assessori. CITTADINANZA Nel tempo si è inoltre radicata la necessità di fornire ai cittadini servizi alternativi al Tpl

3 Nel 2005 il Comune di Casalecchio di Reno ha aderito al progetto promosso dalla Provincia denominato “Car Sharing di Area Vasta” volto a mettere a disposizione del pubblico una flotta di 2 vetture Car Sharing ecocompatibili, disponibili anche per gli spostamenti dei dipendenti ed Amministratori comunali. CAR SHARINGFLOTTA AZIENDALE L’utilizzo delle differenti modalità di spostamento viene gestito a seconda delle esigenze comunali, prevalentemente: - Spostamenti Amministratori  Car Sharing - Spostamento servizi uffici comunali  Flotta aziendale N.B. il servizio Car Sharing nasce come alternativa al trasporto privato e al trasporto pubblico di linea. Il Comune di Casalecchio di Reno ha da sempre avuto a propria disposizione una flotta di auto aziendali necessarie per lo svolgimento delle proprie attività/funzioni.

4 Situazione antecedente al 2010 Flotta Aziendale Il Comune di Casalecchio di Reno era dotato di un parco auto ormai desueto ed altamente inquinante, composto da autovetture immatricolate tra il 1991 ed il 2004, la cui gestione avveniva secondo criteri di assegnazione in uso “proprietario”, cioè assegnate in uso quasi esclusivo a singoli servizi che ne usufruivano. L’Amministrazione Comunale ha quindi deciso che era opportuno razionalizzare l’uso del parco auto, nonchè l’utilizzo degli automezzi messi a disposizione per esigenze di servizio nella varie sedi.

5 Situazione antecedente al 2010 Flotta Aziendale Dati relativi alla “vecchia flotta aziendale” : N° vetture: 27 Età media delle vetture: 13 anni Chilometri annui percorsi dalla flotta aziendale:  anno 2008  km.  anno 2009  km. Costo annuo per il mantenimento e gestione del servizio:  anno 2008  €.  anno 2009  €. L’anno 2010 rappresenta l’anno di transizione tra la vecchia e la nuova gestione della flotta aziendale.

6 2010 – Il Cambiamento MOTIVAZIONI TECNICO – GESTIONALI: si è proceduto ad un rinnovo del parco auto, riducendo così il numero delle autovetture e passando da un concetto di uso esclusivo “proprietario” ad un concetto di uso “condiviso”, regolato da un sistema informatizzato per le prenotazioni delle corse ed il rilascio delle chiavi custodite in un dispenser, ottenendo un controllo automatizzato dei percorsi effettuati e dei fruitori del servizio. TECNICO – MECCANICHE : la vetustà delle vetture in dotazione comportavano costi di manutenzione elevati TECNICO – ECONOMICHE: il passaggio dalla proprietà al noleggio a lungo termine ha consentito di rispettare il patto di stabilità e di minimizzare il costo del personale addetto alla gestione delle vetture aziendali NORMATIVE: Legge 421/1991 che individua categorie di funzionari con diritto all'assegnazione dell'auto di servizio e prevede una riduzione di un terzo del parco macchine delle amministrazioni; Direttive del 27/02/1998 e del 30/10/2001 che disciplinano le modalità di utilizzo delle autovetture di servizio e per ridurre la spesa, esternalizzazione del servizio e adesione obbligatoria al CONSIP per il noleggio. Leggi finanziarie per il 2005, 2006 e 2007 introducono limiti di spesa per l'acquisto, la manutenzione, il noleggio e l'esercizio di autovetture; La Legge finanziaria per il 2008, ha introdotto inoltre un limite alla cilindrata dei veicoli (1600 cc); Il D.L. 78/2010, art.6, comma 14 introduce per il 2011 un tetto dell'80% alla spesa sostenuta nell'anno 2009 per acquisto, manutenzione, noleggio e esercizio di autovetture; La Direttiva del Ministro per la Pubblica Amministrazione e l'Innovazione dell'11/05/2010 n. 6 puntualizza la riduzione della spesa interessa tutte le amministrazioni, monitoraggio, certificazione della spesa e promuove la mobilità collettiva; Decreto Legge del 6 luglio 2011, n. 98 recante “Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria”; POLITICHE: la necessaria riduzione delle autovetture, un orientamento verso un parco a bassissimo inquinamento, la sempre maggiore carenza di risorse destinate alla manutenzione del parco auto ha orientato l’Amministrazione, verso un noleggio a lungo termine piuttosto che verso un acquisto del parco auto, che è stato scelto tenendo conto delle offerte di Intercenter e Consip in tema di vetture a bassissimo inquinamento (piccole cilindrate, alimentazione a metano ed ibrida).

7 Flotta Aziendale attuale, anno di riferimento 2011 La nuova Flotta Aziendale può quindi contare sulla presenza di:  7 FIAT Panda 1.2 Dynamic Natural Power (EURO 4);  1 Honda Insight 1.3 Elegance ibrida Per un totale di 8 vetture

8 Dati sull’utilizzo della Flotta Aziendale ANNO N° CORSE COSTO [€] COSTO TOTALE MEDIO AUTO/ANNO [€] COSTO NOLEGGIO/AUTO,ANNO *4.500 VALORI MEDI RELATIVI AL 2011 N° CORSE1.463 N° CORSE/AUTO,GIORNO FERIALE(MEDIA)5.5 KM PERCORSI/MESE, AUTO (MEDIA)381 ORE/CORSA (MEDIA)212min (3h 32’) KM/CORSA (MEDIA)25 KM TOTALI KM/AUTO, ANNO €/corsa1.05 €/km * Comprende il costo del carburante (che è diminuito con l’uso del metano) e della pulizia.

9 Flotta Car Sharing Dal 2005 il Comune di Casalecchio aderisce al progetto provinciale di “Car Sharing di Area Vasta” che prevede, per i Comuni aderenti, la possibilità di avere a disposizione vetture condivise da affiancare al servizio di trasporto pubblico. Le auto in dotazione sono attualmente due e se ne prevede presto la messa a disposizione di una terza entro breve considerati i buoni risultati di utilizzo.

10 Dal 2005 l’uso del servizio Car Sharing è cresciuto attestandosi negli ultimi anni su ottimi risultati di “auto sostentamento” del servizio, questo grazie ad un ottimo mix di utilizzatori che vede da una parte il Comune e dall’altra i privati: l’utilizzo spontaneo del servizio copre completamente il costo minimo mensile di gestione delle auto Utilizzo del servizio Car Sharing Dipendenti comunali: -Amministratori; - Dirigenti; Privati utilizzatori MANTENIMENTO ECONOMICO DEL SERVIZIO … i soggetti utilizzatori sono pertanto ….

11 Dati sull’utilizzo del servizio Car Sharing ANNON° CORSERICAVI [€] , , ,00 VALORI MEDI RELATIVI AL 2011 N° PRENOTAZIONI/MESE34 N° CORSE/MESE30 % DI REALIZZAZIONE90% KM PERCORSI/MESE1020 ORE UTILIZZO/MESE165 KM/CORSA34 ORE/CORSA5,5 (5h 30') Comune  57% Privato  43% 4.670€/anno €/corsa 0.72 €/km 52% 4.291€/anno48%

12 Dati sull’utilizzo del servizio Car Sharing Nel 2011, l’introito complessivo per ATC SpA del servizio Car Sharing a Casalecchio di Reno è stato di 8.961,00 € Ogni auto comporta spese di mantenimento pari a 300,00€/mese, che per Casalecchio si tramutano in 7.200€/anno 8.961,00 € > 7.200,00 ! Da quanto esposto si rileva pertanto che all’Amministrazione ogni vettura in dotazione comporta una spesa di 2.335,00€/anno, per un uso “spontaneo” e che negli anni ha visto quale utilizzatore preponderante lo staff degli Amministratori e dei Dirigenti comunali con motivazioni differenti: - Evitare di sottrarre alle funzioni istituzionali le vetture della flotta nelle fasi giornaliere di servizio; - Poter accedere a Bologna senza limiti e senza costi aggiuntivi.

13 Car Sharing – gestione dei picchi di domanda In sostanza il Car Sharing è utilizzato dall’Amministrazione per gestire i picchi di domanda di spostamento dei propri dipendenti. Inoltre le due vetture Car Sharing in dotazione hanno la funzione di mezzi di trasporto pubblico (non di linea)

14 La sinergia voluta e realizzata dall’Amministrazione comunale, tra Car Sharing e Flotta Aziendale, oltre ad avere un’indubbia valenza di sostenibilità ambientale, di razionalizzazione e condivisione delle risorse risponde pienamente anche a requisiti espressamente economici che rendono il modello scelto sostenibile, vantaggioso ed implementabile. DAI DATI ECONOMICI RILEVATI SI EVICE CHE … 1 VETTURA FLOTTA AZIENDALE 1 VETTURA CAR SHARING €/anno 0.72 €/km €/anno 1.05 €/km < < … LA COPERTURA DEI PICCHI DI DOMANDA DELLA MOBILITA’ COMUNALE CON IL SERVIZIO CAR SHARING RISULTA ECONOMICAMENTE VANTAGGIOSO RISPETTO AL NOLEGGIO DI UN ULTERIORE VETTURA AZIENDALE CHE, SI SOTTOLINEA, SAREBBE UTLIZZABILE SOLO DAL PERSONALE.

15 Grazie per l’attenzione


Scaricare ppt "L’Amministrazione Comunale per il normale svolgimento delle proprie funzioni deve garantire la mobilità per i propri dipendenti e per gli Amministratori."

Presentazioni simili


Annunci Google