La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Attendendo il Santo Natale “Il popolo che camminava nelle tenebre, ha visto una gran luce; sopra coloro che abitavano in terra tenebrosa, una grande luce.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Attendendo il Santo Natale “Il popolo che camminava nelle tenebre, ha visto una gran luce; sopra coloro che abitavano in terra tenebrosa, una grande luce."— Transcript della presentazione:

1 Attendendo il Santo Natale “Il popolo che camminava nelle tenebre, ha visto una gran luce; sopra coloro che abitavano in terra tenebrosa, una grande luce ha brillato” (Is. 9,1)

2 Quando dici:... “Non ce la faccio a risolvere i miei problemi...” Dio ti dice “Io guido i tuoi passi” (Proverbi 3,5-6)

3 Quando dici: “É impossibile...” Dio ti dice “Ciò che é impossibile agli uomini, è possibile a Dio” (Luca 18,27)

4 Quando dici: “Mi sento molto solo...” Dio ti dice “Non ti lascerò e non ti abbandonerò” (Ebrei 13,5)

5 Quando dici: “ Come posso fare questo che mi chiedi? Chi mi aiuterà?...” Dio ti dice “Ti coprirà con le sue penne, sotto le sue ali troverai rifugio.” (Salmo 90,4)

6 Quando dici: “Non merito perdono...” Dio ti dice “Io ti perdono” (1Giovanni 1,9 – Romani 8,1) “Anche se i vostri peccati fossero scarlatti, Diventeranno bianchi come neve.” (Is. 1,18)

7 Quando dici: “Ho paura...” Dio ti dice “Non temere, perchè io sono con te” (Isaía 41,10)

8 Quando dici: “Sono molto stanco...” Dio ti dice “Io ti ristorerò” (Matteo 11,28-30)

9 Quando dici “Nessuno mi vuole bene e nessuno mi considera...” Dio dice “Io ti amo, Ti porto disegnato sul palmo delle mie mani.” (Giov 3:16 - Giov 13:34 – Isaia 49,16)

10 Quando dici: “Non sò come andare avanti...” Dio ti dice “Io ti indicherò il cammino” (Salmo 32,8)

11 Quando ti domandi... “Quale è la via che mi conduce a te...?” Dio ti risponde: “Il Mio Figlio Amato Gesù Cristo” (1° Timoteo 2,5 - Atti 4,12 - Giov 3,16)

12 ...C’é un fatto straordinario che sta accadendo in questi giorni: DIO si fa uomo e viene ad abitare in mezzo a noi: non hai che da chiedere, e tutto ti sarà dato in abbondanza. Prepariamoci per questo evento grandioso. BUON NATALE!

13 E giunse il giorno della letizia il tempo dell’esultanza! È IL NATALE DEL SIGNORE. Se dunque, tale e così grande Signore, scendendo nel seno della Vergine volle apparire nel mondo come uomo spregevole, bisognoso e povero, affinché gli uomini divenissero in Lui ricchi… Esultate e godete molto ripieni di enorme gaudio e spirituale letizia.

14 Esultate in Dio nostro aiuto, giubilate al Signore Dio vivo e vero con voce di gioia. Poiché eccelso e terribile è il Signore, re grande su tutta la terra

15 Poiché il santissimo Padre celeste, nostro Re prima dei secoli ha mandato dall’alto il suo Figlio diletto, ed egli è nato dalla beata Vergine santa, Maria

16 Egli mi ha invocato: «Tu sei mio padre», e io lo costituirò mio primogenito, più alto dei re della terra. In quel giorno il Signore ha mandato la sua misericordia e nella notte il suo cantico

17 Questo è il giorno, che ha fatto il Signore: Esultiamo in esso e rallegriamoci

18 Poiché il santissimo bambino diletto è dato a noi e nacque per noi lungo la via e fu posto nella mangiatoia, perché egli non aveva posto nell’albergo

19 Gloria al Signore Dio nell’alto dei cieli, e pace in terra agli uomini di buona volontà Si allietino i cieli ed esulti la terra, frema il mare e quanto racchiude, gioiscano i campi e quanto contengono

20 Cantate a lui un cantico nuovo; cantate al Signore da tutta la terra. Poiché grande è il Signore e degno d’ogni lode, è terribile sopra tutti gli dèi

21 Date al Signore, o terre dei popoli, date al Signore la gloria e l’onore, date al Signore la gloria del suo nome

22 Portate in offerta i vostri corpi e prendete sulle spalle la sua santa croce e seguite sino alla fine i suoi santissimi comandamenti

23 Le quattro candele

24 Le quattro candele, bruciando, si consumavano lentamente.

25 Il luogo era talmente silenzioso, che si poteva ascoltare la loro conversazione.

26 La prima diceva: “IO SONO LA PACE Ma gli uomini non riescono a mantenermi: penso proprio che non mi resti altro da fare che spegnermi!” Così fu, e a poco a poco, la candela si lasciò spegnere completamente.

27 La seconda disse: “ IO SONO LA FEDE Purtroppo non servo a nulla. Gli uomini non ne vogliono sapere di me, e per questo motivo non ha senso che io resti accesa.” Appena ebbe terminato di parlare, una leggera brezza soffiò su di lei e la spense.

28 Triste triste, la terza candela, a sua volta disse: “ IO SONO L’AMORE Non ho la forza per continuare a rimanere accesa. Gli uomini non mi considerano e non comprendono la mia importanza. Essi odiano perfino coloro che più li amano, i loro familiari.” E senza attendere oltre, la candela si lasciò spegnere.

29 Inaspettatamente... un bimbo in quel momento entrò nella stanza e vide le tre candele spente. Impaurito per la semi oscurità, disse: “ PERCHE’ VI SIETE SPENTE? VI PREGO, RIACCENDETEVI, IO HO PAURA DEL BUIO!” E così dicendo scoppiò in lacrime.

30 Allora la quarta candela impietositasi disse: “NON TEMERE, NON PIANGERE: FINCHE’ IO SARO’ ACCESA, POTREMO SEMPRE RIACCENDERE LE ALTRE TRE CANDELE: Io sono LA SPERANZA”

31 Con gli occhi lucidi e gonfi di lacrime, il bimbo prese la candela della speranza, e riaccese tutte le altre.

32 CHE NON SI SPENGA MAI LA SPERANZA DENTRO IL NOSTRO CUORE...

33 ...e che ciascuno di noi possa essere lo strumento, come quel bimbo, capace in ogni momento di riaccendere con la sua Speranza, la Fede, la Pace e l’Amore!!!

34

35 TU CHE NE DICI O SIGNORE SE IN QUESTO NATALE FACCIO UN BELL'ALBERO DENTRO IL MIO CUORE E CI ATTACCO INVECE DEI REGALI I NOMI DI TUTTI I MIEI AMICI? GLI AMICI LONTANI E VICINI, GLI ANTICHI ED I NUOVI. QUELLI CHE VEDO TUTTI I GIORNI E QUELLI CHE VEDO DI RADO. QUELLI CHE RICORDO SEMPRE E QUELLI CHE, ALLE VOLTE, RESTANO DIMENTICATI, QUELLI COSTANTI E QUELLI INTERMITTENTI, QUELLI DELLE ORE DIFFICILI E QUELLI DELLE ORE ALLEGRE. QUELLI CHE, SENZA VOLERLO, MI HANNO FATTO SOFFRIRE. QUELLI CHE CONOSCO PROFON- DAMENTE E QUELLI DEI QUALI CONOSCO SOLO LE APPARENZE. QUELLI CHE MI DEVONO POCO E QUELLI AI QUALI DEVO MOLTO. I MIEI AMICI SEMPLICI ED I MIEI AMICI IMPORTAN- TI. I NOMI DI TUTTI QUELLI CHE SONO GIA' PASSATI NELLA MIA VITA. UN ALBERO CON RADICI MOLTO PROFONDE, PERCHE' I LORO NOMI NON ESCANO MAI DAL MIO CUORE. UN ALBERO DAI RAMI MOLTO GRANDI PERCHE' I NUOVI NOMI VENUTI DA TUTTO IL MONDO SI UNISCANO AI GIA' ESISTENTI. UN ALBERO CON UN'OMBRA MOL- TO GRADEVOLE PERCHE' LA NO- STRA AMICIZIA SIA UN MOMEN- TO DI RIPOSO DU- RANTE LE LOTTE DELLA V I T A. A U G U R I A T U T T I

36 MAGNIFICAT

37 La mia anima canta nel mio Salvatore la grandezza del Signore Il mio spirito esulta

38 Nella mia povertà L’infinito mi ha guardata

39 In eterno ogni creatura Mi chiamerà beata

40 La mia gioia è nel Signore Che ha compiuto grandi cose in me

41 La mia lode al Dio fedele Che ha soccorso il suo popolo E non ha dimenticato Le sue promesse…. ….d’amore.

42 La mia anima canta nel mio Salvatore la grandezza del Signore Il mio spirito esulta

43 Nella mia povertà in eterno ogni creatura l’infinito mi ha guardata Mi chiamerà beata

44 Ha saziato gli affamati Ha disperso i superbi ha risollevato gli umili. nei pensieri inconfessabili Ha deposto i potenti e aperto ai ricchi le mani

45 La mia anima canta nel mio Salvatore la grandezza del Signore Il mio spirito esulta

46 Nella mia povertà l’infinito mi ha guardata In eterno Ogni creatura Mi chiamerà beata…


Scaricare ppt "Attendendo il Santo Natale “Il popolo che camminava nelle tenebre, ha visto una gran luce; sopra coloro che abitavano in terra tenebrosa, una grande luce."

Presentazioni simili


Annunci Google