La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

20 Settembre 2005CSN1 - Roma1 MEG : relazione dei referees P. Cenci R. Contri P. Morettini M. Sozzi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "20 Settembre 2005CSN1 - Roma1 MEG : relazione dei referees P. Cenci R. Contri P. Morettini M. Sozzi."— Transcript della presentazione:

1 20 Settembre 2005CSN1 - Roma1 MEG : relazione dei referees P. Cenci R. Contri P. Morettini M. Sozzi

2 20 Settembre 2005CSN1 - Roma2 Stato generale La preparazione di MEG procede in modo abbastanza soddisfacente. Nel complesso sono stati accumulati alcuni mesi di ritardo, e alcuni items destano qualche preoccupazione. Potremmo dire tuttavia che l’obiettivo di cominciare la presa dati nel 2006 non sembra irrealistico, e, di per sé, questo ci pare un successo. Ovviamente MEG avrà bisogno di un periodo di commissioning durante il quale andranno messe a punto le procedure di calibrazione, l’integrazione tra i sub-detectors e l’analisi dati. Se la collaborazione riuscirà a sfruttare al meglio il 2006, a partire dal 2007 MEG potrà cominciare a produrre fisica di grande interesse.

3 20 Settembre 2005CSN1 - Roma3Calorimetro La costruzione del calorimetro procede bene. Il comportamento dei PMT è soddisfacente dopo le ultime modifiche alla base; la calibrazione viene eseguita in parallelo a Pisa e al PSI sul “Large Prototype”. Lo Xenon necessario è disponibile a PSI e si stanno installando gli impianti criogenici. Il purificatore in fase gassosa si comporta in modo soddisfacente e si sta installando un purificatore in fase liquida. Una nuova misura con il LP fornisce > 300 cm. Si teme un ritardo nella produzione del criostato, in parte imputabile alla difficoltà di reperire l’acciaio con le necessarie proprietà magnetiche, in parte dovuto a problemi organizzativi alla ditta appaltatrice (SIMIC). Il gruppo di Pisa si sta impegnando attivamente per controllare il lavoro della SIMIC e cercare di ottenere una consegna entro i tempi previsti dal contratto (fine 2005).

4 20 Settembre 2005CSN1 - Roma4 Calibrazione del Calorimetro Il gruppo americano ex MECO ha formalizzato la disponibilità a co-finanziare, con l’INFN, l’acceleratore di protoni. È in corso una discussione sul tipo di acceleratore da comprare, ma pare che il Cockroft- Walton sia decisamente preferibile. Non dovrebbero esserci problemi a piazzare l’ordine entro ottobre. I tempi di consegna sono dell’ordine dell’anno. C’è una importante attività di integrazione dell’acceleratore nel resto dell’apparato che va seguita con cura. Il gruppo di Pisa è molto coinvolto, ci piacerebbe che anche gli americani seguissero questo delicato sviluppo. Questo è, in parte, il motivo per cui abbiamo messo SJ parte dell’assegnazione in questo settore.

5 20 Settembre 2005CSN1 - Roma5 Timing counter Il progetto del Timing Counter è stato completato, e ci pare che non ci siano ostacoli alla costruzione. Gli APD sono stati testati ed è in corso il test dei PMT (per i quali finanziamo un 10% di spares che non è stato possibile acquisire con il finanziamento 2005 per un extra costo legato alle maggiori richieste di tolleranze geometriche dell’involucro). Il disegno dell’involucro protettivo per i PMT è concluso, e proponiamo un finanziamento aggiuntivo di 36 K€ su GE APP nel 2005 per cominciare subito la produzione. Ancora in fase di sviluppo/test sono l’elettronica di accoppiamento dei PMT con il sampler e l’hit encoder della parte trasversa. Per quest’ultima si sta progettando un mezzanino che verrà inserito sulla scheda standard del DAQ di MEG.

6 20 Settembre 2005CSN1 - Roma6 Calibrazioni con laser pulsato L’idea è quella di usare un sistema di distribuzione di luce laser pulsata per: –mettere in tempo i vari sub-detectors –misurare e monitorare la risoluzione temporale del TC –monitorare la purezza del LXe La scelta di un sistema impulsabile rende possibile utilizzare questo sistema anche all’interno della normale acquisizione. Il progetto è sempre stato annunciato e adesso si sta concretizzando. Abbiamo visto offerte di laser industriali (da taglio) che hanno caratteristiche di potenza e larghezze di impulso adeguate. Pure allo studio è una soluzione ad hoc fatta dal laboratorio sorgenti laser di Pavia. Genova, Pavia e Pisa stanno lavorando per ottenere un compromesso in termini di lunghezza d’onda che soddisfi tutte le esigenze. La richiesta per il 2006 è di 100 K€. Noi proponiamo un SJ di 80 K€ (che ci sembra essere il limite inferiore) e una ridiscussione con i costi dettagliati alla mano, sperabilmente all’inizio del 2006.

7 20 Settembre 2005CSN1 - Roma7 Trigger e splitters L’attività di produzione delle schede del trigger è stata rallentata dalla decisione di dirottare i fondi assegnati sull’acquisto di fototubi. MEG vorrebbe ora procedere alla produzione, e chiede l’ assegnazione aggiuntiva di 50 K€ nel Ci pare che la richiesta sia ragionevole, e pensiamo che sia opportuno cercare di procedere rapidamente con la produzione delle schede. Il disegno degli splitters è stato rivisto e completato, e anche in questo caso siamo favorevoli a sbloccare il SJ assegnato nel 2005 (che però nel frattempo è evaporato...). Qui ci potrebbe essere un piccolo extra costo dovuto al fatto che i segnali sono adesso differenziali e i connettori (LEMO) utilizzati sono più costosi di quelli previsti originariamente.

8 20 Settembre 2005CSN1 - Roma8Software Da un lato l’attività software di MEG ha seguito alcune linee che avevamo indicato: i vari gruppi stanno cominciando a ridurre il livello di impegno nell’hardware e riescono a liberare risorse per il software. Questo rende l’attività più globale ed allevia il carico di responsabilità sui gruppi italiani, che pure mantengono un ruolo guida. Si stanno studiando in dettaglio le necessità di calcolo e di storage. Le prime valutazioni, che pure non includono l’analisi preliminare della waweforms, sono rilassanti: 50 CPU e 60 TB/anno. La prima versione del framework MegRoot, basato su AliRoot, e’ stata rilasciata; una versione capace di analizzare i dati del Large Prototype dovrebbe essere disponibile in autunno. Accanto ai progressi però vediamo alcuni problemi che pensiamo vadano affrontati nel più breve tempo possibile se si vuole mantenere in vita la speranza di analizzare dati nel 2006.

9 20 Settembre 2005CSN1 - Roma9 Il modello di calcolo Il problema principale è che non abbiamo ancora visto un modello di calcolo coerentemente sostenuto dalla collaborazione. A questo punto ci pare che sia assolutamente necessario decidere in dettaglio come e dove si intendono analizzare i dati e come si intendono distribuire i campioni selezionati per l’analisi. Nell’ottica di essere in grado di acquisire e calibrare il prossimo anno, ci pare poi indispensabile dimostrare in pratica, con un “data-challenge”, il modello scelto nei primi mesi del Ci preoccupa anche l’assenza di una infrastrutture di calcolo al PSI disponibile all’esperimento. Qualunque sia il modello di calcolo, è ovvio che la prima fase si svolge a PSI. Sia dal punto di vista dal DAQ che da quello dell’off-line sarebbe utile cominciare a fare dei test adesso.

10 20 Settembre 2005CSN1 - Roma10 Il punto di vista dei referee Ci siamo permessi di dare ai colleghi di MEG il nostro parere su come organizzare il calcolo. Ci pare che esistano due sole alternative: –calcolo centralizzato a PSI; è la scelta più semplice: si processa tutto in un posto e si distribuiscono tra i laboratori solo i campioni filtrati per l’analisi interattiva. Potrebbe scontrarsi con i limiti delle infrastrutture di supporto a PSI. –calcolo distribuito tra PSI e CNAF; questa seconda soluzione fornisce certamente grande facilità di accesso alle risorse. Pone il problema del trasferimento dati; rende anche necessario un agreement sul contributo INFN al calcolo. Altre opzioni ci piacciono poco, e per questo non amiamo molto le iterate richieste di espandere una mini-farm a Lecce. Le abbiamo messe SJ nel caso non si riesca a trovare un modo migliore per dare ai gruppi software la possibilità di lavorare. Però raccomandiamo a MEG di scegliere in fretta l’ubicazione dei centri di calcolo e di concentrare gli investimenti (sia HW che manpower) lì.

11 20 Settembre 2005CSN1 - Roma11 Altri dubbi Ci sono alcune altre ombre che ci lasciano un po’ perplessi. In gran parte riguardano aree che non sono sotto la diretta responsabilità dei gruppi INFN: –Le drift-chambers: ne sappiamo poco, ma non ci pare di aver mai visto una prova di funzionamento convincente. Si rischia una installazione ”al buio”, oltre che in ritardo. –Il DAQ: ad ogni incontro ci viene indicato un nuovo problema del sampler veloce “Domino” (cross-talk tra i canali, instabilità temporale dell’onda di campionamento, dipendenza dell’ampiezza dalla temperatura). Ci sono workaround accettabili, e la nuova versione 3 dovrebbe curare i problemi, ma non prima della fine del –Il coordinamento dell’off-line non sembra ideale. Ogni gruppo porta i propri contributi nel framework che gli è più congeniale, ma non si vede una tendenza all’unificazione che invece ci pare importante per semplificare la manutenzione e migliorare la portabilità.

12 20 Settembre 2005CSN1 - Roma12 Missioni estere La richiesta (558 K€) è molto rilevante. Abbiamo chiesto un dettaglio delle quote legate ad installazione e commissioning, ed abbiamo privilegiato queste attività cercando di tagliare su metabolismo e meetings. Abbiamo messo SJ tutte le richieste relative al run (20 mu in totale). Inoltre abbiamo messo un SJ esplicito a PI e LE su attività legate al calcolo per sottolineare l’urgenza della definizione del modello di calcolo. Il risultato è 394 K€. È quasi il doppio delle assegnazioni del 2004 e Però è evidente che il 2006 è un anno critico per MEG, dove tutta l’attività deve essere concentrata a PSI. Ci pare quindi corretto chiedere alla Commissione uno sforzo particolare per supportare lo start-up di questo esperimento. Quanto al futuro, pensiamo che, una volta che MEG sarà in presa dati stabile, le necessità di ME (a FTE costanti) dovrebbero essere inferiori a 300 K€.

13 20 Settembre 2005CSN1 - Roma13 MEG – Profilo di spesa CA

14 20 Settembre 2005CSN1 - Roma14 Richieste 2005 Sblocco 70 K€ APP a LE per costruzione splitters (di fatto una nuova assegnazione) OK Nuova assegnazione 50 K€ APP a PI per fabbricazione schede trigger (coperto da recuperi su MI e ME) OK Nuova assegnazione 36 K€ APP a GE per fabbricazione He bag (6.5 K€ coperti da recuperi su TR) OK Sblocco 7 K€ ME a LE OK Totale Nuove assegnazioni: 156 K€ di cui 57.5 da recuperi su MI, ME e TR

15 20 Settembre 2005CSN1 - Roma15Genova

16 20 Settembre 2005CSN1 - Roma16Lecce

17 20 Settembre 2005CSN1 - Roma17Pisa

18 20 Settembre 2005CSN1 - Roma18Pavia

19 20 Settembre 2005CSN1 - Roma19 Roma 1

20 20 Settembre 2005CSN1 - Roma20 MEG - Totali


Scaricare ppt "20 Settembre 2005CSN1 - Roma1 MEG : relazione dei referees P. Cenci R. Contri P. Morettini M. Sozzi."

Presentazioni simili


Annunci Google