La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Microeconomia1 Il monopolio Capitolo 11. Microeconomia2 Sommario del Capitolo 11 1.La massimizzazione del profitto di un monopolista La condizione di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Microeconomia1 Il monopolio Capitolo 11. Microeconomia2 Sommario del Capitolo 11 1.La massimizzazione del profitto di un monopolista La condizione di."— Transcript della presentazione:

1 Microeconomia1 Il monopolio Capitolo 11

2 Microeconomia2 Sommario del Capitolo 11 1.La massimizzazione del profitto di un monopolista La condizione di massimizzazione del profitto Ricavo medio e ricavo marginale 2.L’importanza dell’elasticità della domanda rispetto al prezzo 3.Economia del benessere e monopolio 1.La massimizzazione del profitto di un monopolista La condizione di massimizzazione del profitto Ricavo medio e ricavo marginale 2.L’importanza dell’elasticità della domanda rispetto al prezzo 3.Economia del benessere e monopolio Capitolo 11

3 Microeconomia3 Q Q PP MercatoImpresa individuale DS Q0Q0 P0P0 P0P0 D = MR = P q0q0 LACLMC Concorrenza perfetta In concorrenza perfetta il ricavo marginale è pari al prezzo: RM = MC  P = MC

4 Microeconomia4 Monopolio Definizione: Un mercato di monopolio è costituito da: 1.Un unico venditore e da molteplici acquirenti. 2.Un solo prodotto (assenza di beni sostituti) 3.Barriere all’entrata Definizione: Un mercato di monopolio è costituito da: 1.Un unico venditore e da molteplici acquirenti. 2.Un solo prodotto (assenza di beni sostituti) 3.Barriere all’entrata Capitolo 11

5 Microeconomia5 Il monopolista rappresenta il lato dell’offerta del mercato e ha il completo controllo della quantità prodotta e venduta sul mercato. I profitti sono massimizzati al livello dell’output tale per cui i ricavi marginali sono uguali ai costi marginali. Monopolio

6 Microeconomia6 Essendo l’unico produttore, il monopolista fronteggia l’intera domanda di mercato per determinare output e prezzo. Si consideri un’impresa monopolistica che fronteggia la seguente domanda inversa: P = 6 - Q Ricavi marginali del monopolista

7 Microeconomia7 €60€ €5€ Ricavi Ricavi Ricavi PrezzoQuantitàtotaliMarginalimedi PQRMRAR Ricavi totali, marginali e medi

8 Microeconomia8 Output Prezzo (€) unitario Ricavo medio (Domanda) Ricavo Marginale Ricavi marginali e medi

9 Microeconomia9 Osservazioni 1)per aumentare le vendite il prezzo deve diminuire, quindi: 2)MR < P 3)In concorrenza perfetta: Nessuna variazione del prezzo per variare le vendite MR = P Monopolio

10 Microeconomia10 Problema di massimizzazione del profitto di un monopolista: Max  (Q) = TR(Q) - TC(Q) rispetto a Q dove: TR(Q) = QP(Q) e P(Q) è la curva di domanda (inversa) di mercato. Condizione di ottimo: P(Q) + QP’(Q) = MC(Q) MR = MC Problema di massimizzazione del profitto di un monopolista: Max  (Q) = TR(Q) - TC(Q) rispetto a Q dove: TR(Q) = QP(Q) e P(Q) è la curva di domanda (inversa) di mercato. Condizione di ottimo: P(Q) + QP’(Q) = MC(Q) MR = MC Capitolo 11 La massimizzazione del profitto di un monopolista

11 Microeconomia11 Capitolo 11 Riduzione dei profitti P1P1 Q1Q1 Riduzione dei profitti MC AC Quantità Prezzo unitario D = AR MR P* Q* P2P2 Q2Q2 Condizione di massimizzazione del profitto

12 Microeconomia12 P = a - bQ Qual è l’equazione del ricavo medio? La curva del ricavo medio coincide con quella di domanda. Quindi AR = a - bQ. Qual è l’equazione del ricavo marginale? Ricavo totale: TR(Q) = QP(Q) (Ricorda:  P/  Q = - b) MR(Q) = P + Q(  P/  Q) = a - bQ + Q(-b) = a - 2bQ pendenza doppia della curva di domanda Capitolo 11 Condizione di massimizzazione del profitto

13 Microeconomia13 Condizione di massimo profitto P = 12 - Q TC = 0.5Q 2 Quali sono la quantità e il prezzo che massimizzano il profitto del monopolista? Profitti:  (Q) = QP(Q) – 0.5Q 2 = Q (12 - Q) – 0.5Q 2 Condizione del primo ordine per un massimo:  ’(Q) = 0  12 – 2Q – Q = 0  MR = MC  Q * = 4 e P * = = 8 Capitolo 11

14 Microeconomia14 Condizione di massimizzazione del profitto Capitolo 11

15 Microeconomia15 Profitti positivi Il profitto del monopolista può essere positivo, diversamente da quanto accade a un’impresa perfettamente concorrenziale in equilibrio di lungo periodo, poiché il monopolista non deve far fronte alla minaccia di libera entrata nel mercato, che rende nulli i profitti in concorrenza perfetta. Capitolo 11

16 Microeconomia16 Inverse elasticity pricing rule La curva del ricavo marginale si può scrivere come: MR = P + Q(  P/  Q) = P(1 + (Q/P)(  P/  Q)) = P(1 + 1/  ) dove:  <0 è l’elasticità della domanda al prezzo, (P/Q)(  Q/  P) La curva del ricavo marginale si può scrivere come: MR = P + Q(  P/  Q) = P(1 + (Q/P)(  P/  Q)) = P(1 + 1/  ) dove:  <0 è l’elasticità della domanda al prezzo, (P/Q)(  Q/  P) Capitolo 11

17 Microeconomia17 Inverse elasticity pricing rule Quindi, MR=MC: P(1 + 1/  ) = MC 1.Se la domanda è elastica (  0 2. Se la domanda ha elasticità unitaria (  = -1), MR = 0 3. Se la domanda è inelastica (  > -1), MR < 0 Il monopolista sceglie una quantità tale che  < -1 affinché il ricavo marginale sia positivo. Quindi, MR=MC: P(1 + 1/  ) = MC 1.Se la domanda è elastica (  0 2. Se la domanda ha elasticità unitaria (  = -1), MR = 0 3. Se la domanda è inelastica (  > -1), MR < 0 Il monopolista sceglie una quantità tale che  < -1 affinché il ricavo marginale sia positivo. Capitolo 11

18 Microeconomia18 Inverse elasticity pricing rule La formula P(1 + 1/  ) = MC si può riscrivere un due modi: 1. P =  /(1+  ) MC 2.(P – MC)/P = -1/  Il termine (P – MC)/P rappresenta il markup sul costo marginale (in percentuale di P. Questo termine è pari a -1/ . Quanto più elastica la domanda minore il markup (detto anche indice di Lerner) La formula P(1 + 1/  ) = MC si può riscrivere un due modi: 1. P =  /(1+  ) MC 2.(P – MC)/P = -1/  Il termine (P – MC)/P rappresenta il markup sul costo marginale (in percentuale di P. Questo termine è pari a -1/ . Quanto più elastica la domanda minore il markup (detto anche indice di Lerner) Capitolo 11

19 Microeconomia19 €/ Q Quantità AR MR AR MC Q* P* P*-MC Quanto più elastica la domanda, minore il markup. Inverse elasticity pricing rule

20 Microeconomia20 Esempio A: Q = 100P -2 MC = €50 Qual è il prezzo ottimale di vendita del monopolista? MR = MC  P(1+1/  ) = MC  P(1+1/(-2)) = 50 P = €100 Capitolo 11 Inverse elasticity pricing rule

21 Microeconomia21 Esempio B: Si supponga che Q = P e MC = €50. Calcolare il prezzo e la quantità di massimo profitto del monopolista usando la IEPR.  Q/  P = -2, quindi  = -2(P/Q) = - 2P/( P) La IEPR implica che (P - 50)/P = ( P)/2P, da cui P = 75 Q = (75) = 50. Calcolare il prezzo e la quantità di massimo profitto del monopolista eguagliando MR a MC. MR = Q MR = MC => Q = 50 => Q = 50 P = /2 = 75 Capitolo 11 Inverse elasticity pricing rule

22 Microeconomia22 Il monopolista non ha una curva di offerta Un monopolista non ha una curva di offerta (cioè, la quantità ottima per ogni possibile prezzo dato esogenamente) perchè il prezzo è determinato endogenamente sulla base della curva di domanda. E’ dunque possibile per un monopolista, a seconda della domanda di mercato, vendere una quantità di massimo profitto a prezzi diversi. Un monopolista non ha una curva di offerta (cioè, la quantità ottima per ogni possibile prezzo dato esogenamente) perchè il prezzo è determinato endogenamente sulla base della curva di domanda. E’ dunque possibile per un monopolista, a seconda della domanda di mercato, vendere una quantità di massimo profitto a prezzi diversi. Capitolo 11

23 Microeconomia23 D2D2 MR 2 D1D1 MR 1 Quantity MC $/Q P2P2 P1P1 Q 1 = Q 2 Variazioni di domanda possono indurre variazioni nel prezzo e non nell’output

24 Microeconomia24 D1D1 MR 1 MC $/Q MR 2 D2D2 P 1 = P 2 Q1Q1 Q2Q2 Quantity Variazioni di domanda possono indurre variazioni nell’output e non nel prezzo

25 Microeconomia25 Il monopolista può offrire quantità differenti allo stesso prezzo oppure la stessa quantità a prezzi diversi. Di solito variazioni della domanda causano variazioni sia dei prezzi che della quantità. Il monopolista non ha una curva di offerta. Il monopolista non ha una curva di offerta

26 Microeconomia26 Cause del potere di monopolio Il potere di monopolio è determinato dalla elasticità della domanda che l’impresa fronteggia. L’elasticità della domanda che l’impresa fronteggia dipende: 1)Elasticità della domanda di mercato 2)Numero di imprese presenti sul mercato 3) L’interazione tra le imprese Il potere di monopolio riduce la quantità prodotta e induce un incremento dei prezzi. Qual è l’effetto sul benessere dei consumatori, dei produttori? Qual è l’effetto aggregato? Il potere di monopolio è determinato dalla elasticità della domanda che l’impresa fronteggia. L’elasticità della domanda che l’impresa fronteggia dipende: 1)Elasticità della domanda di mercato 2)Numero di imprese presenti sul mercato 3) L’interazione tra le imprese Il potere di monopolio riduce la quantità prodotta e induce un incremento dei prezzi. Qual è l’effetto sul benessere dei consumatori, dei produttori? Qual è l’effetto aggregato? Capitolo 11

27 Microeconomia27 Economia del benessere e monopolio Capitolo 11 B A Riduzione del surplus del consumatore Perdita secca A causa della riduzione della quantità prodotta, i consumatori perdono A+B e l’impresa guadagna A-C. C Quantità AR MR MC QCQC PCPC PmPm QmQm €/Q

28 Microeconomia28 I costi del monopolio Regolamentazione del prezzo – In concorrenza perfetta, la regolamentazione del prezzo causa una perdita secca Domanda: – In caso di monopolio?

29 Microeconomia29 AR MR MC PmPm QmQm AC P1P1 Q1Q1 Ricavo marginale se il prezzo non può superare P 1. Il monopolista non regolato produce Q m al prezzo P m. Se il prezzo si riduce a P 3 la quantità scende e si verifica un razionamento (domanda > offerta) Per livelli di output maggiori di Q 1, le curve del ricavo medio e marginale sono quelle iniziali. Se il prezzo si riduce a P C la quantità aumenta a Q C e non c’è perdita secca. $/Q Quantity P 2 = P C QcQc P3P3 Q3Q3 Q’ 3 Per ogni prezzo minore di P 4 l’impresa incorre in perdite P4P4 Regolamentazione del prezzo

30 Microeconomia30 Monopolio naturale Definizione: Un mercato è un monopolio naturale se, per qualsiasi livello rilevante di output dell’industria, i costi totali di produzione di un’impresa che produce quella quantità sono minori dei costi di due o più imprese che si dovessero dividere la medesima produzione. Capitolo 11 I monopoli naturali sono dovuti alla presenza di rilevanti economie di scala

31 Microeconomia31 Regolamentazione di prezzo di un monopolio naturale Capitolo 11 MC AC AR MR €/Q Quantità PCPC QCQC Se il prezzo regolamentato fosse P C l’impresa sarebbe in perdita. PmPm QmQm Senza regolamentazione, il monopolista produrrebbe Q m e il prezzo sarebbe P m. Fissando il prezzo a P r si ottiene l’output più elevato possibile I profitti sono pari a zero. QrQr PrPr

32 Microeconomia32 I costi del monopolio – La regolamentazione in pratica è complicata in quanto è difficile stimare le funzioni di costo e di domanda delle imprese perchè cambiano con il cambiamento delle condizioni di mercato. – La regolamentazione basata sul tasso di rendimento (rate-of-return) permette alle imprese di fissare un prezzo massimo basato sul tasso rendimento atteso.

33 Microeconomia33 Normativa Antitrust Le leggi Antitrust: – Promuovono la concorrenza : Vietando azioni che limitano o che potrebbero limitare la concorrenza (fissazioni del prezzo, restrizioni della quantità, restrizioni verticali) Limitando le strutture di mercato ammissibili (vietando le fusioni e le acquisizioni, contrastando la formazione di monopoli)

34 Microeconomia34 Imprese monopolistiche multi-impianto Il problema è stabilire come il monopolista allocherà la produzione fra gli impianti. Si assuma che: Il monopolista abbia due impianti: un impianto ha un costo marginale MC 1 e l’altro ha un costo marginale MC 2. Capitolo 11

35 Microeconomia35 L’impresa deve stabilire: 1.L’output totale 2.Le quantità da produrre nei due impianti 3.Il prezzo L’impresa stabilirà di: 1.Uguagliare i costi marginali tra gli impianti 2.Uguagliare i costi marginali di ciascun impianto al beneficio marginale L’impresa deve stabilire: 1.L’output totale 2.Le quantità da produrre nei due impianti 3.Il prezzo L’impresa stabilirà di: 1.Uguagliare i costi marginali tra gli impianti 2.Uguagliare i costi marginali di ciascun impianto al beneficio marginale Imprese monopolistiche multi-impianto Capitolo 11

36 Microeconomia36 Sia Q T = Q 1 + Q 2 L’impresa risolve il seguente problema scegliendo Q 1 e Q 2 : Imprese monopolistiche multi-impianto

37 Microeconomia37 Imprese monopolistiche multi-impianto

38 Microeconomia38 Imprese monopolistiche multi-impianto Quantità €/Q D = AR MR MC 1 MC 2 MC T MR* Q1Q1 Q2Q2 Q3Q3 P*


Scaricare ppt "Microeconomia1 Il monopolio Capitolo 11. Microeconomia2 Sommario del Capitolo 11 1.La massimizzazione del profitto di un monopolista La condizione di."

Presentazioni simili


Annunci Google