La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CORPI CHETONICI L’adattamento dell’organismo al digiuno costituisce uno degli esempi più tipici di adattamento metabolico.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CORPI CHETONICI L’adattamento dell’organismo al digiuno costituisce uno degli esempi più tipici di adattamento metabolico."— Transcript della presentazione:

1 CORPI CHETONICI L’adattamento dell’organismo al digiuno costituisce uno degli esempi più tipici di adattamento metabolico.

2

3  glucosio  DIGIUNO  insulina CH 3 CO~SCoA PIRUVATO  ossid. ACIDI GRASSI CORPI CHETONICI CICLO DI KREBS Biosintesi COLESTEROLO Biosintesi ACIDI GRASSI mitocondrio produzione di NADH e ATP utilizzo di NADPH e ATP PIRUVATO

4 BIOSINTESI GLUCOSIO piruvato principale via di entrata CO 2 ossalacetato

5 CHETOGENESI e CORPI CHETONICI - composti acidi (pK~4) - metaboliti idrosolubili degli acidi grassi ( non necessitano di trasportatori ematici) - captazione indipendente dall’insulina ACETOACETATO CH 3 -CO-CH 2 -COO -  -IDROSSIBITIRRATO CH 3 -CHOH-CH 2 -COO - maggior componente Interconvertibili ad opera di deidrogenasi decarbossilazione lenta e spontanea acetone CH 3 -CO-CH 3 CHETOGENESI e CORPI CHETONICI - composti acidi (pK~4) - metaboliti idrosolubili degli acidi grassi ( non necessitano di trasportatori ematici) - captazione indipendente dall’insulina ACETOACETATO CH 3 -CO-CH 2 -COO -  -IDROSSIBITIRRATO CH 3 -CHOH-CH 2 -COO - maggior componente Interconvertibili ad opera di deidrogenasi decarbossilazione lenta e spontanea acetone CH 3 -CO-CH 3

6 FORMAZIONE EPATICA (matrice mitocondriale) velocità di formazione direttamente proporzionale alla velocità della  -ossidazione UTILIZZO soltanto EXTRAEPATICO: ossidati a CO 2 e H 2 O - sistema nervoso centrale - muscolo cardiaco - muscolo scheletrico il fegato manca dell’enzima succinil~CoA 3chetoacido transferasi per l’attivazione dell’acetoacetato ad acetoacetilCoA

7 Formazione ed esportazione dei corpi chetonici Le condizioni che determinano un aumento della gluconeogenesi, (diabete non controllato, diete troppo rigide e digiuno) rallentano il flusso dei metaboliti nel ciclo citrico ed esaltano la conversione di acetil-CoA in acetoacetato. Le condizioni che determinano un aumento della gluconeogenesi, (diabete non controllato, diete troppo rigide e digiuno) rallentano il flusso dei metaboliti nel ciclo citrico ed esaltano la conversione di acetil-CoA in acetoacetato.

8 LIVELLI EMATICI glucosio 5,5 mM a digiuno notturno 3,5 mM nel digiuno prolungato corpi chetonici 0,01 mM stato di alimentazione 0,1 mM dopo il digiuno notturno 2 mM dopo tre giorni di digiuno 5 mM digiuno prolungato acidi grassi-albumina 0,5 mM 2 mM nel digiuno LIVELLI EMATICI glucosio 5,5 mM a digiuno notturno 3,5 mM nel digiuno prolungato corpi chetonici 0,01 mM stato di alimentazione 0,1 mM dopo il digiuno notturno 2 mM dopo tre giorni di digiuno 5 mM digiuno prolungato acidi grassi-albumina 0,5 mM 2 mM nel digiuno

9 Gli adattamento metabolici al digiuno sono continui ma si possono schematicamente suddividere in diversi periodi in base al tipo di substrato energetico maggiormente usato Digiuno fisiologico notturno Digiuno prolungato Prima fase inizia ore dall’ultimo pasto ed occupa le due giornate dall’ultimo pasto Seconda fase dura circa 3 settimane Terza fase che si protrae fino ad esaurimento delle scorte lipidiche Gli adattamento metabolici al digiuno sono continui ma si possono schematicamente suddividere in diversi periodi in base al tipo di substrato energetico maggiormente usato Digiuno fisiologico notturno Digiuno prolungato Prima fase inizia ore dall’ultimo pasto ed occupa le due giornate dall’ultimo pasto Seconda fase dura circa 3 settimane Terza fase che si protrae fino ad esaurimento delle scorte lipidiche

10 Fasi del digiuno in base alle modalità di approvvigionamento di glucosio FASE DI ADATTAMENTO AL DIGIUNO

11

12 Formazione dei corpi chetonici  DIGIUNO PROLUNGATO  DIETA RICCA IN PROTEINE E/O GRASSI E PRIVA DI CARBOIDRATI (DIETA CHETOGENICA)  ESERCIZIO PROLUNGATO STATO PATOLOGICO per Carenza di insulina Chetosi diabetica - diabete insulino-dipendente Formazione dei corpi chetonici  DIGIUNO PROLUNGATO  DIETA RICCA IN PROTEINE E/O GRASSI E PRIVA DI CARBOIDRATI (DIETA CHETOGENICA)  ESERCIZIO PROLUNGATO STATO PATOLOGICO per Carenza di insulina Chetosi diabetica - diabete insulino-dipendente

13 SINTESI DEI CORPI CHETONICI A seguito del processo di beta ossidazione nel fegato possono formarsi quantità di acetil-CoA in eccesso rispetto alle capacità di smaltimento del ciclo di Krebs: in queste condizioni l'acetil-CoA viene utilizzato nel mitocondrio per la sintesi dei corpi chetonici (acetoacetato, beta-idrossibutirato ed acetone). A seguito del processo di beta ossidazione nel fegato possono formarsi quantità di acetil-CoA in eccesso rispetto alle capacità di smaltimento del ciclo di Krebs: in queste condizioni l'acetil-CoA viene utilizzato nel mitocondrio per la sintesi dei corpi chetonici (acetoacetato, beta-idrossibutirato ed acetone).

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24 REGOLAZIONE DELLA SINTESI DEI CORPI CHETONICI La chetogenesi viene effettuata dal fegato quando si realizzano queste due condizioni: 1) disponibilità di acidi grassi per la beta-ossidazione 2) carenza di glucosio La chetogenesi viene effettuata dal fegato quando si realizzano queste due condizioni: 1) disponibilità di acidi grassi per la beta-ossidazione 2) carenza di glucosio

25

26

27

28

29 I corpi chetonici sono utilizzati dai tessuti extraepatici convertendo il beta - idrossibutirato in acetoacetato e l'acetoacetato in acetoacetilCoA. La prima reazione è catalizzata dalla beta-idrossibutirato deidrogenasi, mentre la seconda è catalizzata dalla acetoacetato:succinil-CoA transferasi: Acetoacetate + Succinyl-CoA Acetoacetyl-CoA + succinate (Il fegato non possiede la acetoacetato:succinil-CoA transferasi). L'acetoacetil-CoA viene poi convertito in due molecole di acetil-CoA dalla tiolasi: Acetoacetil-CoA + HS-CoA 2 Acetil-CoA I corpi chetonici sono utilizzati dai tessuti extraepatici convertendo il beta - idrossibutirato in acetoacetato e l'acetoacetato in acetoacetilCoA. La prima reazione è catalizzata dalla beta-idrossibutirato deidrogenasi, mentre la seconda è catalizzata dalla acetoacetato:succinil-CoA transferasi: Acetoacetate + Succinyl-CoA Acetoacetyl-CoA + succinate (Il fegato non possiede la acetoacetato:succinil-CoA transferasi). L'acetoacetil-CoA viene poi convertito in due molecole di acetil-CoA dalla tiolasi: Acetoacetil-CoA + HS-CoA 2 Acetil-CoA

30

31

32

33 A. Paoli – Univ. PD COSA AVVIENE ? Dopo 24 h … Intensa gluconeogenesi (105g glucosio/die) poi 75g/die AA neoglucogenetici Dopo primi giorni neoglucogenesi non più in grado di rifornire cervello 100 g glu/die corpi chetonici COSA AVVIENE ? Dopo 24 h … Intensa gluconeogenesi (105g glucosio/die) poi 75g/die AA neoglucogenetici Dopo primi giorni neoglucogenesi non più in grado di rifornire cervello 100 g glu/die corpi chetonici

34  COSA AVVIENE ?  I tessuti del SNC possono utilizzare normalmente i corpi chetonici, il problema è che normalmente sono in concentrazione molto bassa (< 0.3 mmol) paragonata al glucosio (circa 4 mmol). Poiché la Km è simile per entrambi, il SNC non può iniziare ad utilizzare i corpi chetonici al posto del glucosio fino a che la loro concentrazione non diventi superiore a quella del glucosio nel siero.  Il sistema si satura a circa 7 mmol. Il fattore limitante nell’utilizzo dei CC (corpi chetonici) diventa quindi la capacità del fegato di sintetizzarli e che richiede l’induzione degli enzimi necessari per la biosintesi dell’acetoacetato.  La normale concentrazione di glucosio inibisce la sintesi dei CC e quindi la loro sintesi in quantità importanti incomincia solo quando la glicemia scende. Ad esempio i CC possono partire da circa 0.1 mmol dopo il digiuno notturno, salire a 3 mmol dopo 3 giorni di digiuno fino ad arrivare a 7-8 mmol nei digiuni prolungati (>24 giorni). A. Paoli – Univ. PD

35

36 IL METABOLISMO GLUCIDICO CONTROLLA LA CHETOGENESI IN 3 TAPPE Inibizione Lipolisi all’interno dell’adipocita (FD) Inibizione trasporto all’interno del mitocondrio traimte azione del Malonil CoA su CPT1 Fornitura nel ciclo anaplerotico di ossalacetato per il ciclo di Krebs IL METABOLISMO GLUCIDICO CONTROLLA LA CHETOGENESI IN 3 TAPPE Inibizione Lipolisi all’interno dell’adipocita (FD) Inibizione trasporto all’interno del mitocondrio traimte azione del Malonil CoA su CPT1 Fornitura nel ciclo anaplerotico di ossalacetato per il ciclo di Krebs

37

38

39 ASPETTI CLINICI Pochi corpi chetonici sono prodotti in condizioni di normale dieta. Se la dieta è povera di carboidrati, il fegato produce corpi chetonici utilizzando l'acetil-CoA derivato dalla ossidazione degli acidi grassi. Livelli maggiori di corpi chetonici sono prodotti durante il digiuno prolungato. Chetoacidosi diabetica. Nel soggetto diabetico la bassa concentrazione di glucosio nelle cellule dovuta ai bassi livelli di insulina in circolo fa si che il fegato produca molti corpi chetonici > acidosi. Pochi corpi chetonici sono prodotti in condizioni di normale dieta. Se la dieta è povera di carboidrati, il fegato produce corpi chetonici utilizzando l'acetil-CoA derivato dalla ossidazione degli acidi grassi. Livelli maggiori di corpi chetonici sono prodotti durante il digiuno prolungato. Chetoacidosi diabetica. Nel soggetto diabetico la bassa concentrazione di glucosio nelle cellule dovuta ai bassi livelli di insulina in circolo fa si che il fegato produca molti corpi chetonici > acidosi.

40 CHETOACIDOSI DIABETICA Patogenesi CHETOACIDOSI DIABETICA Patogenesi - - Carenza grave di insulina - - Aumento degli ormoni controinsulari

41 CHETOACIDOSI DIABETICA Definizione CHETOACIDOSI DIABETICA Definizione Grave scompenso metabolico con: - Iperchetonemia (>5 mM/l) e chetonuria - Acidosi metabolica (diminuzione pH e bicarbonati) - Disidratazione - Iperglicemia (>300 mg/dl) - ipopotassiemia

42 L'ACETONE COSA E' L'ACETONE? La presenza dei corpi chetonici nel sangue, comunemente detta “acetone”, determina nel bambino uno stato di malessere generale accompagnato a sonnolenza e irritabilità. Non è una malattia, ma accompagna alcune malattie. Questa situazione è il più delle volte transitoria e si risolve con semplici misure dietetiche. PERCHE' SI FORMA? Di solito il tutto avviene in situazioni in cui viene a mancare “il carburante” al bambino, e in particolar modo il cibo più rapido ed energetico da utilizzare, gli zuccheri. L’organismo, dopo avere esaurito alcuni depositi di questi zuccheri nel corpo, reagisce utilizzando altre fonti energetiche, i grassi, eliminandone le scorie che sono appunto i corpi chetonici. Ma questi sono responsabili del malessere del bimbo e inoltre aggravano il rifiuto del cibo che può essere già presente a causa della malattia di base. L'ACETONE COSA E' L'ACETONE? La presenza dei corpi chetonici nel sangue, comunemente detta “acetone”, determina nel bambino uno stato di malessere generale accompagnato a sonnolenza e irritabilità. Non è una malattia, ma accompagna alcune malattie. Questa situazione è il più delle volte transitoria e si risolve con semplici misure dietetiche. PERCHE' SI FORMA? Di solito il tutto avviene in situazioni in cui viene a mancare “il carburante” al bambino, e in particolar modo il cibo più rapido ed energetico da utilizzare, gli zuccheri. L’organismo, dopo avere esaurito alcuni depositi di questi zuccheri nel corpo, reagisce utilizzando altre fonti energetiche, i grassi, eliminandone le scorie che sono appunto i corpi chetonici. Ma questi sono responsabili del malessere del bimbo e inoltre aggravano il rifiuto del cibo che può essere già presente a causa della malattia di base.

43 COME FARE A SCOPRIRE SE IL BIMBO HA L'ACETONE? I più usati sono piccole strisce di plastica con all’estremità una parte che a contatto con l’urina, e in un solo minuto, assume un colore diverso a seconda della presenza o meno dell’acetone. Se il risultato è positivo (cioè il bambino ha l’acetone) è sufficiente adottare alcune norme dietetiche. COSA FARE? La soluzione è ridare il “carburante” necessario al bambino: gli zuccheri, eliminando o riducendo per le prime ore i grassi. All’inizio a volte agiscono miracolosamente uno o due cucchiaini di zucchero dati direttamente in bocca al bambino insieme a qualche sorso di bevanda alla cola fredda (da evitare tuttavia se è presente diarrea). Dopo poco il bimbo si “rianima” e torna anche un poco di appetito. Si può quindi procedere con cibi più complessi: fette biscottate con miele (che però non va dato ai bimbi sotto l’anno di età), biscotti secchi con thè o camomilla zuccherati, latte o yogurt scremati e ben zuccherati e in seguito riso o pasta con poco olio e aggiunta di formaggio grana. Continuando a controllare le urine 2-3 volte al giorno si avrà il segnale che si è sulla buona strada quando l’acetone inizierà a ridursi gradualmente fino a scomparire. Contemporaneamente anche le condizioni generali del bimbo tenderanno a migliorare. La dieta potrà quindi progressivamente ritornare normale.diarreamiele COME FARE A SCOPRIRE SE IL BIMBO HA L'ACETONE? I più usati sono piccole strisce di plastica con all’estremità una parte che a contatto con l’urina, e in un solo minuto, assume un colore diverso a seconda della presenza o meno dell’acetone. Se il risultato è positivo (cioè il bambino ha l’acetone) è sufficiente adottare alcune norme dietetiche. COSA FARE? La soluzione è ridare il “carburante” necessario al bambino: gli zuccheri, eliminando o riducendo per le prime ore i grassi. All’inizio a volte agiscono miracolosamente uno o due cucchiaini di zucchero dati direttamente in bocca al bambino insieme a qualche sorso di bevanda alla cola fredda (da evitare tuttavia se è presente diarrea). Dopo poco il bimbo si “rianima” e torna anche un poco di appetito. Si può quindi procedere con cibi più complessi: fette biscottate con miele (che però non va dato ai bimbi sotto l’anno di età), biscotti secchi con thè o camomilla zuccherati, latte o yogurt scremati e ben zuccherati e in seguito riso o pasta con poco olio e aggiunta di formaggio grana. Continuando a controllare le urine 2-3 volte al giorno si avrà il segnale che si è sulla buona strada quando l’acetone inizierà a ridursi gradualmente fino a scomparire. Contemporaneamente anche le condizioni generali del bimbo tenderanno a migliorare. La dieta potrà quindi progressivamente ritornare normale.diarreamiele

44 Acidi grassi Acetil-CoA  ossidazione glucosio ossalacetato glicolisi Ciclo di Krebs citrato Acetoacetil  SCoA  -idrossi-  metil glutaril  SCoA + acetil-CoA polmoni SINTESI E METABOLISMO DEI CORPI CHETONICI Acido  -idrossibutirrico Acido acetacetico Acetone Acetil-SCoA NADNADH 2 CO 2 Sangue Tessuti (ossidazione)

45 TG Acidi grassi liberi Lipoproteina lipasi Lipasi ormono- sensibile Acido grasso Acil-CoA Acetil.CoA citrato c.chet. citrato Acetil-CoA Malonil.CoA palimitato TG VLDL Ciclo di Krebs stearato oleato Acetil-CoA carbossilasi Corpi chetonici Inibita dalla fosforilazione cAMP dipend. Attivata dalla defosfor. insul. dip. ADIPOCITA EPATOCITA Attivata dalla fosforilazione cAMP-dipendente

46


Scaricare ppt "CORPI CHETONICI L’adattamento dell’organismo al digiuno costituisce uno degli esempi più tipici di adattamento metabolico."

Presentazioni simili


Annunci Google