La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

FOCUS SUL LINGUAGGIO VERBALE Martedì 11 ottobre 2011.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "FOCUS SUL LINGUAGGIO VERBALE Martedì 11 ottobre 2011."— Transcript della presentazione:

1 FOCUS SUL LINGUAGGIO VERBALE Martedì 11 ottobre 2011

2 Sebbene… IL LINGUAGGIO sia l’insieme dei fenomeni di comunicazione e di espressione che si manifestano sia nel mondo umano sia fuori di esso (oltre al linguaggio verbale dell’uomo esistono infatti linguaggi artificiali creati dall’uomo stesso e linguaggi animali: cfr. la danza delle api o i messaggi di pericolo lanciati da un individuo di un gruppo animale agli altri esemplari della stessa specie) Psicologia della Comunicazione 2011_2012

3 Tuttavia… Il linguaggio costituisce la capacità che più di altre caratterizza la specie umana (il linguaggio è tipicamente umano) anche in virtù del fatto che si è concretamente e storicamente manifestata nelle lingue. L’italiano, il francese, l’inglese, tutte le lingue del mondo, si chiamano lingue storico-naturali Psicologia della Comunicazione 2011_2012

4 Pensiero - linguaggio C omplesso rapporto tra lo sviluppo del pensiero e acquisizione del linguaggio. Tre posizioni: 1. pensiero e linguaggio sono due facoltà – parzialmente- autonome; 2. struttura del pensiero sia plasmata dalle strutture del linguaggio (a far sviluppare la mente è stato il linguaggio); 3. il pensiero struttura il nostro modo di parlare (il linguaggio è un prodotto della mente) Psicologia della Comunicazione 2011_2012

5 Prima posizione Per Vygotskij (anni trenta): funzionamento pensiero è indipendente e più complesso di quello del linguaggio. Per lo psicologo russo tre relazioni pensiero/linguaggio: a) Pensiero non verbalizzato: il linguaggio interiore (trasformazione del linguaggio egocentrico dei bambini); b) Il linguaggio esterno (con funzioni relazionali e referenziali); c) Il linguaggio non intellettuale, privo di pensiero (ripetere una parte senza comprendere il significato). Psicologia della Comunicazione 2011_2012

6 Seconda posizione Linguaggio dà forma al pensiero Ipotesi del relativismo e determinismo linguistico di Sapir (linguista) e Whorf (antropologo) La forma del linguaggio determina la struttura dei processi di pensiero, modificando il modo in cui percepiamo le cose e le ricordiamo (il sistema linguistico dà forma alle idee) Psicologia della Comunicazione 2011_2012

7 Relativismo linguistico = le lingue segmentano il mondo e si applicano agli oggetti diversamente; Determinismo linguistico = forma e caratteristiche del linguaggio determinano il modo in cui pensiamo. Dopo l’incontro con Sapir, Whor fsi dedica allo studio della lingua hopi (lontano parente dell’azteco). La lingua hopi delinea un tipo di fisica diverso dal nostro imponendo ad essi di osservare certi fenomeni e non altri e, quindi, di denominarli e di classificarli in un certo modo, piuttosto, che in altri possibili. Psicologia della Comunicazione 2011_2012

8 “l’Hopi ha solo un nome per indicare tutto ciò che vola…In realtà gli hopi chiamano un insetto, un aereoplano e un aviatore tutti con lo stesso nome e non trovano in questo nessuna difficoltà...” (B. L.Whorf, Language, thought, and reality, Wiley, New York, 1956) Psicologia della Comunicazione 2011_2012

9 Ad oggi non esistono prove a sufficienza per determinare se differenze lessicali strutturino una stessa esperienza in modo diverso Secondo Job e Rumiati (1988): il linguaggio non determina il pensiero; a differenze linguistiche non corrispondono sistematiche differenze percettivo- cognitive Psicologia della Comunicazione 2011_2012

10 Secondo Whorf gli hopi, non avendo parole e costruzioni grammaticali per denotare esplicitamente il tempo, ne avrebbero una concezione diversa rispetto a chi, come noi, ne ha una tripartizione in passato, presente, futuro, marcata anche linguisticamente (cfr. le voci verbali) l’antropologo Malotki smentisce questo fatto: gli hopi hanno espressioni linguistiche per denotare porzioni di tempo e impiegherebbero anche metafore sul tempo). Psicologia della Comunicazione 2011_2012

11 Secondo Whorf gli individui segmentano e categorizzano il reale in base alle strutture linguistiche fornite loro dalle rispettive lingue madri (esempio degli eschimesi e dei 21 diversi termini per designare il colore bianco della neve) Nostro pensiero e percezione della realtà dipendono dalla lingua in uso nella nostra cultura Psicologia della Comunicazione 2011_2012

12 Terza posizione Il linguaggio è un prodotto della mente. I processi di pensiero influenzano la struttura del linguaggio Psicologia della Comunicazione 2011_2012

13 Sebbene non sia possibile dare soluzione al dilemma pensiero/linguaggio (né filogeneticamente né ontogeneticamente) è indubbio che: gli alti livelli di intenzionalità, di coscienza, di ragionamento, di astrazione ecc. dell’uomo sono in qualche modo legati al linguaggio; (cfr. Di Giovanni 2007, pp ) Psicologia della Comunicazione 2011_2012

14 Numerose sono le discipline che si occupano di linguaggio: linguistica, filosofia del linguaggio, psicologia ecc. Contributi allo studio psicologico del linguaggio anche da discipline diverse dalla psicologia come, per l’appunto, la linguistica e la filosofia del linguaggio Psicologia della Comunicazione 2011_2012

15 La linguistica di N.Chomsky Contributo di Chomsky(1965/1970) non solo in ambito linguistico ma anche in ambito psicolinguistico. Secondo l’Autore la Linguistica è una disciplina empirica che si occupa dei giudizi che i parlanti di una lingua danno sulla correttezza o meno delle frasi della stessa. Scopo della linguistica = spiegare quali sono le regole che un parlante usa per formulare tali giudizi Psicologia della Comunicazione 2011_2012

16 Chomski contro a) La teoria comportamentista, secondo cui la lingua madre è appresa per imitazione (S-R e rinforzi): l’apprendimento del linguaggio basato esclusivamente sull’esperienza (nessuna competenza linguistica innata); b) Piaget, per il quale lo sviluppo del linguaggio è costruttivo e procede parallelamente allo sviluppo del pensiero Psicologia della Comunicazione 2011_2012

17 Per Chomsky Ambiente + esperienza insufficienti a spiegare la ricchezza e la complessità dello sviluppo linguistico Esisterebbe, al contrario, una predisposizione innata–patrimonio genetico comune alla specie umana –ad acquisire qualsiasi lingua (Language acquisition device, LAD): “L’uomo apprende a parlare come l’uccello a cantare e a nidificare” Psicologia della Comunicazione 2011_2012

18 Innatismo Non nel senso del possesso di abilità innate come se il soggetto nascesse con una qualche forma di conoscenza pregressa Ma nel senso dell’esistenza di vincoli biologici che guidano lo sviluppo linguistico Psicologia della Comunicazione 2011_2012

19 Oggi ampiamente accettato che il linguaggio non venga appreso solo sulla base dell’esperienza poiché: 1. siamo in grado di produrre frasi mai udite prima; 2. lo sviluppo linguistico avviene in un periodo relativamente breve (come vedremo); 3. lo sviluppo linguistico ha caratteristiche universali comuni a tutte le lingue Psicologia della Comunicazione 2011_2012

20 cfr gli ipercorrettismi comuni a tutte le lingue: bambini non si limitano a ripetere ed imitare, bensì acquisiscono regole di cui non sono in grado di conoscere tutte le eccezioni: Che facete? Psicologia della Comunicazione 2011_2012

21 Un concetto cardine della teoria chomskiana la differenza tra Competenza = insieme di conoscenze linguistiche che P/A ideale deve possedere per produrre e comprendere n. potenzialmente infinito di frasi della sua lingua; Esecuzione = manifestazioni linguistiche reali del soggetto. Esecuzione determinata da competenza e da fattori extralinguistici (percezione, attenzione ecc.) Psicologia della Comunicazione 2011_2012

22 La sua linguistica è generativo trasformazionale perché mira ad individuare le regole attraverso cui: a. le frasi vengono generate; b. le frasi vengono trasformate da attive in passive, interrogative, negative Psicologia della Comunicazione 2011_2012

23 Aspetto creativo del linguaggio Scopo di Chomsky = individuare le regole linguistiche che permettono l’uso creativo della lingua, ossia la produzione e la comprensione di n. potenzialmente infinito di frasi corrette mai prodotte e/o udite prime La creatività di cui parla Chomsky è, dunque, una creatività governata da regole La ricorsività strutturale spiega la creatività della lingua, es.,la struttura: soggetto + verbo tr.+ compl. (pur con contenuti diversi ) può essere ripetuta: Il ragazzo compra un biglietto perché la nonna prende il treno Psicologia della Comunicazione 2011_2012

24 n. finito di regole + n. finito di parole = n. infinito di frasi Psicologia della Comunicazione 2011_2012

25 Critiche a Chomsky Modello di grammatica astratto; Non tiene conto degli aspetti contestuali per focalizzarsi sugli aspetti sintattici del linguaggio Psicologia della Comunicazione 2011_2012

26 Psicolinguistica (1953) Disciplina sperimentale che studia i processi che sottostanno alla comprensione e produzione del linguaggio parlato e scritto. Alcuni problemi fondamentali affrontati dalla psicolinguistica: Acquisizione del linguaggio (I) ; Comprensione del linguaggio (II); Produzione del linguaggio (III); Psicologia della Comunicazione 2011_2012

27 ACQUISIZIONE (lingua orale) Acquisizione competenze linguistiche = processo continuo (di cambiamenti e consolidamenti) sebbene numerosi studi si siano focalizzati esclusivamente sullo sviluppo di tali competenza nei primi anni di vita Successione abbastanza regolare (sebbene diversità individuali): Psicologia della Comunicazione 2011_2012

28 Tappe sviluppo linguistico 1) Competenze preverbali: neonati e predilezione per la voce della mamma. 3-5 settimane piangono e riescono a mettere in atto gesti per attirare la sua attenzione. Intenzionalità comunicativa e protoconversazioni Psicologia della Comunicazione 2011_2012

29 Tappe sviluppo linguistico 2) Verso i 5 mesi balbettio (sembra servire per sviluppare il controllo dei meccanismi del parlato; è universale e caratterizzato dalla ripetizione di suoni composti da consonate e vocale) 3)Tra 4° e 6° mese compare la lallazione (lallazioni diverse a seconda della lingua di appartenenza: apprendimento della tonalità) 4)Fine del 1°anno di vita: compaiono le prime parole olofrasi (parole singole usate come frasi. Inizialmente le parole pronunciate in presenza dell’oggetto al quale sono riferite. In breve tempo impara ad utilizzare parole indipendentemente dalla presenza dell’oggetto a cui si riferisce) Psicologia della Comunicazione 2011_2012

30 Tappe sviluppo linguistico 5)18-24 mesi: linguaggio telegrafico : combinazione di 2 o 3 parole: fuori mamma andare; no piace; tutto io Lunghezza, complessità e correttezza aumentano (aumento rapido e consistente del vocabolario); 6) 3 anni e fenomeni di ipercorrettismi 7)4-5 anni: padrone di strutture sintattiche complesse; enorme sviluppo semantico e lessicale Psicologia della Comunicazione 2011_2012

31 II.COMPRENSIONE (orale) Capire un discorso è complesso e richiede attivazione di più capacità Il cane rincorre il gatto Per poter comprendere correttamente la frase occorre:  segmentare correttamente il continuum di suoni per isolare le diverse parole;  attribuire un significato alle parole;  analizzare la struttura sintattica al cui interno compaiono tali parole Psicologia della Comunicazione 2011_2012

32 I 3 STADI DELLA COMPRENSIONE Riconoscere parolePERCETTIVO Attribuire significato alle paroleSEMANTICO Analizzare la struttura sintatticaSINTATTICO Psicologia della Comunicazione 2011_2012

33 Stadio percettivo Problema della segmentazione del continuum discorsivo Problema della non invarianza : il suono delle consonanti è spesso influenzato dalle vocali che le seguono (ca-ce) Uno dei modi in cui trattiamo i 2 problemi è l’uso delle informazioni contestuali (Pollacke Pickett, 1964, solo il 47% delle parole audioregistrate riconosciute quando erano presentate da sole) Psicologia della Comunicazione 2011_2012

34 Tra le teorie percettive Teoria della coorte (Marlsen-Wilsone Tyler, 1980): quando si ascolta la prima parte di una parola, tutte le parole che l’A conosce e che iniziano con quella sequenza di suoni si attivano nella memoria (coorte dell’inizio della parola). In seguito, le parole di questa coorte vengono eliminate gradualmente. Ad un certo punto rimane una sola parola possibile DHambly1986.PDF Psicologia della Comunicazione 2011_2012

35 Stadio semantico La maggior parte delle parole ha un nucleo centrale di significato; tuttavia gli aspetti precisi del significato di una parola dipendono dal contesto della frase. Il significato preciso attribuito ad una parola è spesso influenzato dal contesto e dal co-testo (costituito dalla frase in cui la parola è inserita) Psicologia della Comunicazione 2011_2012

36 Esercizio n. 1 “è caduto il caffè, prendi il mocio” “è caduto il caffè, prendi la scopa” “è caduto il caffè, riponilo sullo scaffale” J. P. Gee, Psicologia della Comunicazione 2011_2012

37 Esercizio n. 2 (T.Magro) Si provi a pensare ai significati che può avere l’espressione: “hai del miele a casa?”nei seguenti due contesti: 1. Sto parlando al telefono con P che vuole invitarmi a casa sua. Rispondo che sono ammalato e che ho una tosse molto forte. Mi chiede se ho del miele. 2. Sto parlano al telefono con un amico che mi dice di far fatica a dormire perché lo disturba una forte tosse. Poi mi chiede se ho del miele a casa Psicologia della Comunicazione 2011_2012

38 Stadio sintattico L’analisi sintattica prende in considerazione l’ordine delle parole ed altre informazioni per definire: -qual è l’oggetto, -qual è il soggetto; -qual è l’azione relativa al soggetto e all’oggetto; -la categoria grammaticale di appartenenza di ogni parola(nome, verbo, aggettivo, avverbio) Psicologia della Comunicazione 2011_2012

39 I P. forniscono segnali utili a comprendere la struttura sintattica: i segnali prosodici che si basano su variazioni del tono, dell’accento, della durata dell’eloquio: Vecchi uomini e donne passeggiavano nel parco frase ambigua. Se intende dire che le donne non sono vecchie, allora le parole Vecchi uomini tenderanno ad avere una durata breve e saranno seguite da una pausa, mentre la sillaba su cui cade l’accento in donne sarà enfatizzata (Belelli, G., Di Nuovo, S., Matarazzo O, 2006, pp ) Psicologia della Comunicazione 2011_2012

40 Una vecchia porta degli assi Inizialmente naturale interpretare porta come sostantivo, ma il resto della frase indica che si tratta di un verbo. Fraziere Rayner(1982): le decisioni sintattiche iniziali possono essere riviste in base a fattori semantici Psicologia della Comunicazione 2011_2012

41 Esercizio n. 3 (T.Magro) Comprensione di un discorso affidata: - alla struttura; - alle conoscenze del contesto fisico-sociale e culturale in cui si inserisce un discorso - Si leggano le frasi seguenti e ci si soffermi a riflettere su ciò che si sa e sulle aspettative ricavabili dalle conoscenze via via acquisite: Psicologia della Comunicazione 2011_2012

42 Si accorse di essere in ansia mentre si preparava per l’imminente esame. Non aveva mai preparato un esame prima di allora e non era certo di averlo costruito in modo idoneo alla valutazione della conoscenza degli studenti. Era un po’ infastidito dal fatto che il preside gli avesse perfino chiesto di preparare l’esame. Non si dovrebbe affidare il compito di preparare un esame ad un ricercatore, anche se i professori sono in sciopero. Psicologia della Comunicazione 2011_2012

43 È evidente che la comprensione del discorso sia di volta in volta influenzata dalle nuove conoscenze e dal nuovo contesto che viene ad essere rappresentato dalla situazione Psicologia della Comunicazione 2011_2012

44 Il legno capriccioso Una persona ha in mano un pezzo di legno. Ad un certo momento apre la mano e il pezzo di legno: 1. Cade 2. Rimane dov’è 3. Sale Psicologia della Comunicazione 2011_2012

45 Qual è la risposta giusta In atmosfera, il legno cade In mancanza di gravità, il legno rimane dov’è In acqua sale perché galleggia Psicologia della Comunicazione 2011_2012

46 PRAGMATICA Da quanto detto emerge dunque chiaramente che le impostazioni sintattiche e semantiche sono insufficienti per capire come avviene la comprensione. A rendere possibile la comprensione entrano in gioco fattori pragmatici (legati cioè al contesto d’uso di una lingua) Psicologia della Comunicazione 2011_2012

47 Proprio come per ogni gestalt (struttura, forma) il tutto procede al di là della semplice sommatoria delle singole parti che la compongono, così accade anche per il significato di una frase che non sarà costituito dalla semplice somma dei significati delle singole parole che la costituiscono: sei un fulmine Psicologia della Comunicazione 2011_2012

48 Che cos’è la pragmatica C. Morris(1938) distingue all’interno della semiotica (teoria dei segni) : 1.la sintassi: studio delle relazioni formali tra segni (solo disponendo i fonemi secondo un certo ordine ho una parola; solo disponendo le parole secondo certi ordini genero frasi di senso compiuto); 2.la semantica: studio delle relazioni tra i segni e gli oggetti a cui si applicano. La semantica si occupa, infatti, di considerare il rapporto tra le espressioni e le realtà extralinguistiche a cui le prime si riferiscono (lo studio dei significati); 3.la pragmatica: studio “della lingua dal punto di vista di chi la usa e quindi in rapporto all’agire del parlante” (M. Dardano, 1996, p. 65). Elemento caratterizzante della pragmatica è lo studio della lingua all’interno dei contesti specifici del suo darsi. Psicologia della Comunicazione 2011_2012

49 Secondo Schank (1976) il cuore della comprensione è la produzione di inferenze (cfr. le conversazioni tra amici); Harley(1995) distingue tre tipi di inferenze: 1. inferenze logiche: dipendono solo dal significato delle parole (la frase: il chirurgo è nubile consente di fare l’inferenza che il chirurgo è una donna); 2. inferenze-ponte: usate per mettere in connessione informazioni nuove con le precedenti (Per l’espressione: Era il compleanno di Fred. Una canna da pesca fu il suo regalo più bello si assume che la canna da pesca fosse un regalo ricevuto per il compleanno); 3. inferenze elaborative: implicano aggiunte al testo tratte dalle nostre conoscenze enciclopediche Psicologia della Comunicazione 2011_2012

50 Si legga e si cerchi di capire cosa sta succedendo nella storia (Rumelharte Ortony, 1977) rappresentata da queste tre frasi: Giovanna udì il camioncino dei gelati che si avvicinava; Si ricordò degli spiccioli; Corse in casa Psicologia della Comunicazione 2011_2012

51 Per inferenza si intende un processo deduttivo che, a partire da certe premesse, consente di derivare conseguenze logiche (cfr. il sillogismo aristotelico). Diversamente dal contesto logico “le inferenze di cui si parla in psicologia sono processi mentali all’opera nei più svariati compiti cognitivi, come la percezione, la pianificazione di azioni, o la comprensione. Simili ai ragionamenti logici, sono tuttavia processi molto informali e spesso eclettici, che si producono in modo spontaneo, automatico e in larga parte inconscio. Le implicature griceiane, più che inferenze logiche vere e proprie, possono essere viste come meccanismi di formazione e conferma di ipotesi” (Bianchi, 2003, p. 102). Psicologia della Comunicazione 2011_2012

52 Relazione inferenze implicature Psicologia della Comunicazione 2011_2012

53 O’Brien et al.(1988) “Tutto ciò che il rapinatore voleva era rubare il denaro della donna. Ma quando questa iniziò ad urlare, egli la assalì con la sua arma nel tentativo di farla tacere. Si guardò attorno per assicurarsi che nessuno lo avesse visto. Gettò il coltello nella siepe, le prese i soldi e scappò via” Psicologia della Comunicazione 2011_2012

54 Dibattito sulla frequenza delle inferenze Teoria costruttivista: numerose inferenze per raggiungere la comprensione degli eventi descritti. Le persone traggono inferenze quando servono ad incrementare la comprensione; Teoria minimalista : inferenze tratte solo quando sono necessarie Psicologia della Comunicazione 2011_2012

55 III. PRODUZIONE Parlare = atto strumentale compiuto per avere qualche effetto sull’ascoltatore. Fasi: 1) Intenzione di P di comunicare; 2) Scelta; 3) Produzione delle espressioni giudicate adatte ad esprimere le proprie intenzioni Psicologia della Comunicazione 2011_2012

56

57 PIANIFICARE -Pianificare il discorso (decidere, ad esempio, se si vuole raccontare una storia o chiedere perdono a qualcuno); - Pianificare la frase (decidere: (a) il contenuto proposizionale, ossia il significato; (b) il contenuto illocutorio, la forza; (c) la struttura tema-rema; noto-ignoto); - Pianificare i costituenti (unità che sono meno di una frase e più di una parola, ossia costituenti, i sintagmi); Psicologia della Comunicazione 2011_2012

58 SEGUIRE QUANTO è STATO PIANIFICATO -Articolazione (meccanismi che aggiungono sequenzialità e ordine temporale al programma articolatorio e coordinano i movimenti dei nostri organi vocali) Psicologia della Comunicazione 2011_2012

59 La produzione del discorso Nel linguaggio ordinario è possibile distinguere tra ciò che: 1) si asserisce:ciò che si dice alla lettera 2) si indica o suggerisce: ciò che con quello e al di là di quello che si dice si vuole implicare, suggerire, dare ad intendere. Psicologia della Comunicazione 2011_2012

60

61

62

63 TEORIA dell’ IMPLICITO Il concetto di implicatura conversazionale, elaborato dall’Autore negli anni sessanta è quel concetto che pone in essere, all’interno del linguaggio ordinario, la distinzione tra: A)ciò che viene asserito alla lettera B)ciò che, invece, viene indicato o suggerito ovvero, ciò che, per mezzo di quello che si dice e al di là di quello, si vuole implicare Psicologia della Comunicazione 2011_2012

64 Il concetto di implicatura conversazionale si lega, nella teorizzazione di Grice, al: 1. Principio di Cooperazione (i nostri scambi sono generalmente esempi di comportamento cooperativo); 2. Massime conversazionali: -di Quantità; -di Qualità; -di Relazione; -di Modo. Psicologia della Comunicazione 2011_2012

65 Implicature conversazionali Possiamo dire che un P che dice p ha implicato conversazionalmente q posto che: 1. stia osservando le massime o almeno il Principio di cooperazione; 2. la supposizione che q sia necessaria; 3. pensi che A sia in grado di inferire o afferrare intuitivamente che la supposizione in (2) sia necessaria. Psicologia della Comunicazione 2011_2012

66 L’implicatura conversazionale deve essere argomentabile «S ha detto che p; non c’è motivo di ritenere che S non stia osservando le massime o almeno il Principio di Cooperazione; S non potrebbe aver detto ciò che ha detto a meno che non creda che q; S sa ( e sa che io so che egli sa) che sono in grado di rendermi conto che è necessario supporre che egli creda che q; S non ha fatto nulla per impedirmi di credere che q; S intende farmi credere, o almeno mi lascia libero di credere, che q; quindi S ha implicato che q »”(Grice, 1989/1993, p. 66) Psicologia della Comunicazione 2011_2012

67 Perché parliamo in modo implicito ? La risposta a questo interrogativo ritengo sia almeno di duplice natura: 1)innanzitutto perché, come Levinson (2000) sostiene, la capacità di produrre e comprendere le implicature linguistiche si pone in linea con la peculiare economicità del linguaggio, rappresentando la soluzione alla difficoltà di tradurre i pensieri in fonemi; 2)secondariamente perché il dire e il non dire permette ai parlanti di rimanere ambigui ed avere la possibilità di negare/cancellare le inferenze compiute dai propri interlocutori. Psicologia della Comunicazione 2011_2012

68 Uno dei modi maggiormente impiegati dagli interlocutori per generare implicature conversazionali è proprio quello di sfruttare (non rispettare/contravvenire) una o più massime conversazionali (fermo restando, però, il rispetto per il Principio di Cooperazione) Psicologia della Comunicazione 2011_2012

69 Massima di quantità: Dà un contributo informativo quanto richiesto dallo scambio in corso Non dare un contributo più informativo di quanto sia richiesto dallo scambio in corso (Non dire troppo né troppo poco) Psicologia della Comunicazione 2011_2012

70 Massima di qualità: Non dire ciò che ritieni falso Non dire ciò per cui non hai prove adeguate Massima di relazione: Sii pertinente Massima di modo: Evita oscurità di espressioni Evita ambiguità Sii coinciso Sii ordinato nell’esposizione Psicologia della Comunicazione 2011_2012

71 In sintesi per conversare in modo efficace, razionale e cooperativo, gli interlocutori di una conversazione dovrebbero, secondo Grice, parlare sinceramente, con chiarezza e pertinenza, fornendo una adeguata e sufficiente quantità di informazioni. Psicologia della Comunicazione 2011_2012

72 Alcuni esempi Sfruttamento prima sottomassima di quantità : Non dire meno di quanto richiesto dallo scambio in corso: Tautologie :«le donne sono donne»; «la guerra è guerra»: a livello di ciò che viene detto sono del tutto prive di contenuto informativo; sono informative a livello di ciò che viene implicato. Ciò che il parlante implica dipende totalmente dal contesto. Psicologia della Comunicazione 2011_2012

73

74 Alcuni esempi Sfruttamento prima massima di qualità: Non dire ciò che ritieni falso Uso di espressioni ironiche: (1) 1M: Quando distribuivano le tette [si vede che era ], 2D [sì io ero assente] appunto. (2) 9P: Pizza! 10A: Oh bravo, ci voleva proprio! C’ho ‘na fame! 11P: Poverina! Sei deperita!(tono ironico) 12A: Sì Psicologia della Comunicazione 2011_2012

75 Alcuni esempi Sfruttamento prima massima di qualità: Non dire ciò che ritieni falso Uso di espressioni metaforiche: Sei un fulmine Sei una volpe Sono per Grice esempi di falsità categoriale. Psicologia della Comunicazione 2011_2012

76 Alcuni esempi Sfruttamento seconda massima di qualità : Non dire ciò per cui non hai prove adeguate F: non passerò sicuramente M: non gliela fai più a finilla Sia F che M pronunciano enunciati di natura chiaramente predittivi senza possedere, al momento dell’enunciazione, alcuna prova a sostegno delle rispettive credenze espresse Psicologia della Comunicazione 2011_2012

77 Sfruttamento della massima di relazione : sii pertinente 1S:Fa’, dove andiamo dopo? 2F:Do’voi anda’? Psicologia della Comunicazione 2011_2012

78 Sfruttamento della massima di modo : evita ambiguità di espressione (da conversazione telefonica) 1R:Che Elenora è arrabbiata? 2E:Ci vediamo verso le sette e mezzo. 3R:Eleonora sta ‘ncazzata! 4E:Eh! Psicologia della Comunicazione 2011_2012


Scaricare ppt "FOCUS SUL LINGUAGGIO VERBALE Martedì 11 ottobre 2011."

Presentazioni simili


Annunci Google