La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

FIGURA RETORICA Si indica col termine figura retorica qualsiasi artificio nel discorso, volto a creare un particolare effetto.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "FIGURA RETORICA Si indica col termine figura retorica qualsiasi artificio nel discorso, volto a creare un particolare effetto."— Transcript della presentazione:

1 FIGURA RETORICA Si indica col termine figura retorica qualsiasi artificio nel discorso, volto a creare un particolare effetto.

2 ACCUMULAZIONE Consiste nel mettere insieme una serie di termini linguistici in modo più o meno ordinato o anche in modo caotico e senza un percorso strutturale o logico predefinito. Lasciatemi cantare con la chitarra in mano lasciatemi cantare sono un italiano Buongiorno Italia gli spaghetti al dente e un partigiano come Presidente con l'autoradio sempre nella mano destra e un canarino sopra la finestra Testo “L'italiano” Toto Cotugno

3 AFERESI Caduta di una vocale o sillaba a inizio di parola. Tu si ‘na cosa grande pe’ me ‘na cosa ca’ mma fa’ nammura’ ‘na cosa ca’ si tu guard’ a’ mme me ne moro accussi’ guardann’ a te Testo “Tu si 'na cosa grande pe' me” Gigi Finizio

4 ALLEGORIE È la sostituzione di un oggetto ad un altro che non si basa sul piano emotivo bensì richiede un'interpretazione razionale di ciò che sottintende. Ed ecco, quasi al cominciar de l'erta, una lonza leggiera e presta molto, che di pel macolato era coverta; Testo “Divina Commedia” Dante Alighieri

5 ALLITTERAZIONE Consiste nella ripetizione di una lettera, di una sillaba o più in generale di un suono all'inizio di parole successive. Il Parlamento è uno stadio tutto pazzo: due curve a gradinate senza un vero campo in mezzo, rinchiuse in due palazzi in cui s'attizzano gli scazzi tra schiamazzi e rubamazzi, istituzionalizzando gli intrallazzi. Testo “Rap Lamento” Frank Hi NRG

6 ANACOLUTO Combinazione di due espressioni linguistiche, collegate tra loro per il senso ma non armonizzate sintatticamente, così che la prima resta come sospesa. Lei sa che noi altre monache, ci piace sentire la storia per minuto.. Testo “Promessi sposi” di Alessandro Manzoni

7 ANAFORA Figura retorica consistente nella ripetizione di una o più parole all'inizio di frasi o parti di frasi o versi consecutivi sono vivo abbastanza sono vivo abbastanza per di qua comunque vada sempre sulla mia strada Testo “Sulla mia strada” Ligabue

8 ASSONANZA È l'uguaglianza, fra due parole, delle sole vocali, a contare dalla vocale tonica in poi. A te che sei l’unica al mondo L’unica ragione per arrivare fino in fondo. Testo “A te” Jovanotti

9 CHIASMO Consiste nella disposizione incrociata degli elementi costitutivi di una frase, in modo da cambiarne l'ordine logico. A te che il mio grande amore ed il mio amore grande Testo “A te” Jovanotti

10 CLIMAX ASCENDENTE CLIMAX DISCENDENTE Disposizione di parole e frasi, secondo una gradazione sempre più in crescita. esta selva selvaggia e aspra e forte Testo “Inferno” di Dante Alighieri

11 DIALEFE Figura metrica che consiste nella mancata fusione, nel computo, di una sillaba di fine parola con un'altra di inizio parola. Appena scese alla stazione Testo “Bocca di rosa” Fabrizio de Andrè

12 DIERESI È la separazione di due vocali di un dittongo, che vengono a costituire due sillabe anziché una sola. Forse perchè della fatal quiete Testo “Alla sera” di Ugo Foscolo

13 EPITETO Figura che consiste nell'addizione di alcuni elementi a singole parole o nomi. Achille piè veloce Testo “Odissea” di Omero

14 IPERBOLE Consiste nell'esagerazione nella descrizione della realtà tramite espressioni che l'amplifichino. Sei la cosa più bella del mondo. Testo “Sei la cosa più bella del mondo” Raf

15 LITOTE Dare un giudizio negandone il contrario. non si trattava di un missionario. Testo “Bocca di Rosa” Fabrizio de Andrè

16 METAFORA È la sostituzione di un termine proprio con uno figurato. chiara come un ABC Testo “Bella” Jovanotti

17 METONIMIA Evocare un'idea citando al suo posto un concetto ad essa relativo. Sotto l'ali dormono i nidi, come gli occhi sotto le ciglia. Testo “ Il gelsomino notturno” di Giovanni Pascoli

18 ONOMATOPEA È l'insieme di trascrizioni fonetiche e riproduzioni di rumori, voci di animali e suoni. Il tuo trillo sembra la brina Testo “L'uccellino del freddo” di Giovanni Pascoli

19 OSSIMORO Antitesi di parole differenti fra loro che vengono accostate per dare un senso paradossale. che lei lei era un piccolo grande amore solo un piccolo grande amore niente più di questo niente più! Testo “Questo piccolo grande amore” di Claudio Baglioni

20 PARAGONE Consiste nel chiarire un concetto paragonandolo a qualcuno o a qualcosa di ben noto, purché i termini di confronto siano intercambiabili. e le tue chiome auliscono come le chiare ginestre Testo “ Pioggia nel pineto” di Gabriele D'annunzio

21 PARONIMIA Incontro di due o più parole di suono simile ma di diverso senso. Pace non trovo e non ho da far guerra e temo, e spero; e ardo e sono un ghiaccio; e volo sopra 'l cielo, e giaccio in terra; Testo “ Canzoniere” di Francesco Petrarca

22 PERSONIFICAZIONE Raffigurare un concetto astratto o una cosa inanimata con caratteristiche umane. I galli, rabbrividì l'aria, s'empì di scalpicci la via; da lungi squillò solitaria la voce dell'Avemaria. Testo” Il sogno della vergine” di Giovanni Pascoli

23 PLEONASMO Espressione che non aggiunge niente, qualitativamente, nella frase in cui è inserita. A me mi piace la marmellata Che ce ne importa a noi? Dici sempre la stessa tiritera

24 PROLESSI Anticipa un elemento dell'enunciato o della frase rispetto alla sua posizione nel logico ordine. La morte è quello che di cotanta speme oggi m'avanza Testo “Le Ricordanze” di Giacomo Leopardi

25 REITERAZIONE Consiste nel ripetere lo stesso concetto con altre parole. Introdotta di frequente con espressioni tipo cioè.

26 RIPETIZIONE È l'insieme delle figure retoriche in cui ricorrono una o più ripetizioni di lettere, parole e simili. Un'intera nottata buttato vicino ad un compagno Massacrato Testo “Veglia” di Giuseppe Ungaretti

27 SIMILITUDINE È una figura retorica con la quale si chiarisce un concetto paragonandolo a qualcuno o a qualcosa di ben noto. bella come una mattina d'acqua cristallina Testo “Bella” di Jovanotti

28 SINALEFE Si ha quando la sillaba finale di una parola si fonde, nel computo, con l'iniziale della parola che segue. Voi ch'ascoltate in rime sparse il suono Testo “Canzoniere” di Francesco Petrarca

29 SINCOPE Indica la soppressione di uno o più fonemi all'interno di una parola. Sono sospeso nel vuoto, tu per me sei sconvoltura Testo “ Amore Odio” di Guè Pequeno

30 SINEDDOCHE Consiste nell'uso in senso figurato di una parola al posto di un'altra O sacrosante Vergini, se fami, freddi o vigilie mai per voi soffersi Testo “Divina Commedia” di Dante Alighieri

31 SINERESI Consiste nel riconoscimento di due vocali vicine all’interno di una parola, che non formino dittongo e quindi costituiscano due sillabe, come una sillaba sola. Ed erra l’armonia per questa valle Testo “Il passero solitario” di Giacomo Leopardi

32 SINESTESIA Consiste nel trasferire un tipo di sensazione ad un altro appartenente ad altro dominio sensoriale. Chiare fresche e dolci acque ove le belle membra pose colei che sola a me par donna; Testo “Chiare fresche e dolci acque” di Francesco Petrarca


Scaricare ppt "FIGURA RETORICA Si indica col termine figura retorica qualsiasi artificio nel discorso, volto a creare un particolare effetto."

Presentazioni simili


Annunci Google