La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Flussi di liquidità Programmazione e controllo A.A. 2014-2015 a cura di Giovanni Melis.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Flussi di liquidità Programmazione e controllo A.A. 2014-2015 a cura di Giovanni Melis."— Transcript della presentazione:

1 Flussi di liquidità Programmazione e controllo A.A a cura di Giovanni Melis

2 Conto Economico Ricavi del circolante  Ricavi di vendita di prodotti e merci  Variazione in aumento delle rimanenze  Interessi attivi  Rivalutazioni di attività del circolante  Plusvalenze realizzate (-) Costi del circolante  Acquisti di materie e merci  Prestazioni di servizi  Godimento di beni di terzi  Retribuzioni e contributi  Variazioni in diminuzione delle rimanenze  (-) Incrementi di immobilizzazioni per lavori interni  Accanton. ai fondi svalutazione attività del circolante  Accantonamenti ai fondi rischi e spese future a breve  Interessi e oneri finanziari  Minusvalenze realizzate  Svalutazioni di attività del circolante  Imposte sul reddito

3 (+) Ricavi non del circolante  Rivalutazioni di attività immobilizzate (-) Costi non del circolante  Ammortamenti  Accantonamenti al fondo t.f.r.  Accanton. ai fondi svalutazione di attività immobilizzate  Accanton. ai fondi spese future di natura pluriennale  Svalutazioni di attività immobilizzate Reddito d’esercizio N.B. Rivalutazioni/svalutazioni circolante Rettifiche per rimanenze Rettificano il CCN esprimono costi e ricavi del circolante

4 Impresa industriale: flusso capitale circolante generato (consumato) dalla gestione reddituale metodo analitico  ricavi e costi del circolante Ricavi di vendita prodotti  +/- Variazione delle rimanenze prodotti e semilavorati Valore della produzione - Costi della produzione  Acquisti di materie  Prestazioni di servizi  Godimento di beni di terzi  Retribuzioni e contributi  +/- Variazioni giacenze di materie  Altri costi caratteristici  - Incrementi di immobilizzazioni per lavori interni  Accanton. fondi svalutazione crediti commerciali a breve  Accantonamenti ai fondi rischi e spese future a breve Capitale circolante generato (consumato) da gestione operativa caratteristica

5 Impresa mercantile: flusso capitale circolante generato (consumato) dalla gestione reddituale (metodo analitico) Ricavi di vendita merci  Costo delle merci vendute  Prestazioni di servizi  Godimento di beni di terzi  Retribuzioni e contributi  Altri costi caratteristici  Accanton.fondi svalutazione di crediti commerciali a breve  Accantonamenti ai fondi rischi e spese future a breve Capitale circolante generato (consumato) dalla gestione operativa caratteristica

6 A) CCN generato o consumato da gestione extra- reddituale B) (+) Fonti extra-gestione reddituale  Aumento dei debiti a medio e lungo termine  Disinvestimenti attivo immobilizzato (valore netto contabile)  Apporti di capitale proprio C) (-) Impieghi extra-gestione reddituale  Diminuzione dei debiti a medio e lungo termine  Utilizzo fondo t.f.r, e fondi rischi e spese future pluriennali  Investimenti in attività immobilizzate  Riduzioni di capitale proprio e assegnazione di dividendi D) = Variazione totale del capitale circolante netto

7 E) La variazione totale del capitale circolante deriva da: Variazioni attivo circolante Variazioni passivo a breve  Liquidità immediate ….. Prestiti a breve.….  Liquidità differite ….. Debiti di regolamento …..  Disponibilità ….. Altri debiti a breve ….. A B Variazione nel capitale circolante netto dell’esercizio (A - B) F) Altre variazioni patrimoniali non correlate con flussi di capitale circolante  Conversione di prestiti obbligazionari in capitale sociale  Conferimenti di capitale in natura dei soci  Permute patrimoniali

8 Rendiconto di liquidità FONDO: - liquidità immediate (cassa, banca c/c attivi) - liquidità netta (cassa, banca c/c attivi, al netto c/c passivi, - liquidità equivalenti: cassa, banca c/c attivi e le attività finanziarie facilmente liquidabili (entro tre mesi). Elasticità di cassa c/c passivo  finanziamento Finanziamento durevole Flussi di liquidità immediate: denaro contante, depositi nei conti correnti bancari e postali

9 Liquidità immediata Cassa e banca c/c/attivi e attività finanziarie a breve Impieghi Flussi Fonti Gestione reddituale Gestione extra-reddituale Metodo contabile: analitico o sintetico Metodo diretto

10 Flussi liquidità da gestione reddituale Gestione reddituale:  operazioni del conto economico relative ai processi di produzione impieghi:  pagamenti  per acquisto fattori correnti d’esercizio e rimborso relativi debiti ;  per anticipi ai fornitori dei fattori correnti d’esercizio ;  per imposte e tasse;  per componenti straordinari negativi di reddito non collegati con operazioni d’investimento e di finanziamento, es. imposte pregresse; fonti:  incassi  dai ricavi di vendita e dai relativi crediti di regolamento ;  da clienti per anticipi sulle vendita;  da proventi straordinari non collegati con operazioni d’investimento e di finanziamento, es. risarcimenti da contenzioso legale; N.B. dagli impieghi per acquisti di fattori correnti andrebbero scorporate le quote utilizzate per incrementi di immobilizzazioni per lavori interni (Storno indistinto)

11 Flussi extra gestione reddituale a- attività d’investimento: impieghi:  pagamenti  per acquisti beni patrimoniali, immobilizzazioni materiali e immateriali e attività finanziarie, compresi eventuali oneri;  per estinguere debiti di regolamento a breve ed a medio e lungo termine per acquisti di beni patrimoniali o per eventuali anticipi a fornitori degli stessi beni;  per concessione di crediti di finanziamento a breve o a medio e lungo termine. fonti  incassi  per il disinvestimento di beni patrimoniali e attività finanziarie, incasso dei proventi e per la riscossione dei relativi crediti; la riscossione dei relativi crediti;  da clienti per anticipi per la vendita di beni patrimoniali ed attività finanziarie;  per rimborsi di crediti di finanziamento a breve, medio e lungo termine, compresi i relativi proventi.

12 b- Gestione del finanziamento: impieghi  pagamenti: - per rimborsi di debiti di finanziamento, compresi i relativi oneri; fonti:  incassi - da assunzioni di debiti di finanziamento; c- Gestione del capitale proprio: impieghi  pagamenti: - per rimborsi capitale proprio e distribuzione di utili; fonti:  incassi da apporti di capitale proprio e da versamenti del titolare o dei soci vincolati per futuri aumenti di capitale o a copertura di perdite d’esercizio.

13 Stato patrimoniale: attività reddituali e non reddituali

14 8 STATO PATRIMONIALE Liquidità immediata Passivo reddituale Cassa e banca c/c Fornitori Debiti diversi es.9679 Attivo reddituale F.t.f.r Clienti Passivo non reddituale Crediti diversi es Banca c/c pass Riman. magazz Mutui Anticipi a fornitori55 Poste rettificative Attivo non reddituale F.amm.to impianti Impianti F.amm.to fabbricati Fabbricati Capitale netto Spese impianto6040 Capitale sociale Risconti attivi1520 Riserve Partecipazioni90125 Utile esercizio6045 Totale Totale

15 CONTO ECONOMICO 2014 Componenti negativiComponenti positivi Acquisti merci Vendite Spese per servizi519 Proventi diversi47 Retribuzioni5.025 Variazione rimanenze73 Accant. fondo t.f.r.450 Rivalutazione partecipazioni Incrementi costruzioni interne 10 Ammort. impianti48033 Ammort. fabbricati100 Amm. spese impianto20 Svalutazione crediti1 Interessi passivi60 Minusvalenze realizzate10 Imposte su reddito37 Utile d'esercizio45 Totale Totale N.B. durante l'esercizio impianti: acquisto per 1.300, cessione 40, costo storico 80 e f. amm.to 30, - capitalizzazioni lavori in economia sul fabbricato per 33 - acquisto di una partecipazione per 25 - apporto di capitale sociale per 500, pagati dividendi per 40 - ottenuto un nuovo mutuo per 300

16 Conto economico Ricavi e costi reddituali Correlati con poste dell’attivo e passivo reddituale Reddituali – finanziari Clienti Vendite Ricavi Fornitori Acquisti Debiti tributari Imposte Costi Clienti Svalutaz.crediti Reddituali non finanziari F. ammort. Amm.to Ricavi F. t.f.r. Accan.to t.f.r. Costi Reddituali finanziari Reddituali non finanziari

17 Ricavi e costi extra gestione reddituale Correlati con poste dell’attivo e passivo extra-reddituale Extra -reddituali finanziari Impianti Plusvalenze Ricavi Finanziamenti Interessi Costi Extra-reddituali non finanziari Titoli Rivalutazioni Ricavi Impianti Svalutazioni Costi Extra-reddituali finanziari Extra-reddituali NON finanziari

18 Poste reddituali finanziarie e variazioni attivo e passivo reddituale Relazioni aumento minore entrata attivo reddituale da ricavi reddituali finanziari diminuzione maggiore entrata attivo reddituale da ricavi reddituali finanziari aumento minore uscita passivo reddituale da costi reddituali finanziari diminuzione maggiore uscita passivo reddituale da costi reddituali finanziari

19 Esempi Una diminuzione del conto fornitori per 100 Fornitori es.x = Fornitori es.x+1 = 900 Acquisti es.x+1= , per contanti ?? Acquisti = = uscite Più variaz. in diminuz. Fornitori = 100 = + uscite Totale = N.B. Un aumento del conto Fornitori genera minori uscite da acquisti rispetto al totale degli acquisti dell’esercizio

20 Un aumento del conto clienti per 500 Clienti es.x = Clienti es.x+1 = Ricavi di vendita es.x+1= , per contanti ?? Vendite = = entrate Meno variaz. in aumento clienti = 500 = - entrate Totale = N.B. Una diminuzione del conto Clienti genera più entrate da vendite, rispetto al totale delle vendite dell’esercizio

21 Un aumento delle giacenze di magazzino di 300 Nel conto economico si ha: Variazione in aumento magazzino per 300 = +denaro? Si ha un aumento dei ricavi reddituali-finanziari per 300, ma non un aumento delle entrate. Un aumento dei debiti tributari per 400 Debiti tributari es.x = Debiti tributari es.x+1 = Imposte e tasse es.x+1= 1.000, per contanti ?? Imposte e tasse = = uscite Meno variaz. in aumento Debiti trib. = 400 = - uscite Totale = 600 N.B. Una diminuzione del conto Debiti tributari genera più uscite per imposte rispetto al totale delle imposte dell’esercizio

22 L’utilizzo del fondo t.f.r. Minor incremento fondo t.f.r. rispetto all’accantonamento d’esercizio Fondo t.f.r. es.x = Fondo t.f.r. es.x+1 = Accant. t.f.r. es.x+1 = 300  costo reddituale non finanziario Utilizzo fondo = ( – 1.200) = 100 uscite gest. reddituale S.P 12 C.E. 13 Cassa 100 C.N. 100 Retrib. 100 Vendite 130 Clienti 30 Tfr 30 TFR Utile 21 S.P. 12 A Cassa 130 C.N. 121 Clienti 30 Tfr \ S.P. 12 B Cassa 124 C.N. 121 Clienti 30 Tfr A- senza utilizzo B- con utilizzo di 6 Calcolo flusso A  = 30.  = 30 B  = 24  = 24

23 Svalutazione crediti La quota di accantonamento al fondo svalutazione crediti va portata a riduzione delle vendite, prima di rettificare le poste del attivo e passivo reddituale  Costo reddituale finanziario S.P 12 C.E. 13 Cassa 100 C.N. 90 Acquisti 100 Vendite 120 Clienti 50 Utile 60 Acc.sv.crediti Utile 17 S.P 13 Cassa 120 C.N. 150 Clienti 47 Utile Metodo analitico: Vendite 120 – Acc.svalutaz. crediti 3 – Acquisti variaz. diminuzione clienti 3 = 20 Metodo sintetico: Utile 17 + variaz. diminuzione clienti 3 = 20 Operazioni in contanti Cassa +20 Vendite 120 – Acquisti 100 = + 20

24 Conto Economico Ricavi reddituali-finanziari  Ricavi di vendita di prodotti e merci  Variaz. in aumento rimanenze prodotti, semilavorati, materie e merci.  Altri ricavi dell’attività caratteristica  Ricavi straordinari, non collegati con attività d’investimento e di finanziamento. Costi reddituali-finanziari  Acquisti di materie e merci  Prestazioni di servizi  Godimento di beni di terzi  Retribuzioni e contributi  Variaz. in diminuzione rimanenze prodotti, semilav., materie e merci  Svalutazione crediti commerciali  Altri costi della gestione caratteristica  (-) Incrementi delle immobilizzazioni per lavori interni ***  Costi straordinari, non collegati con l’attività d’investimento e di finanziamento  Imposte sul reddito

25 Costi reddituali-non finanziari  Ammortamenti  Accantonamento fondo t.f.r.  Accantonamenti fondi di svalutazione magazzino Ricavi extra-reddituali finanziari  Interessi attivi  Proventi patrimoniali  Plusvalenze realizzate Ricavi extra-reddituali non finanziari  Rivalutazioni patrimoniali Costi extra-reddituali finanziari  Minusvalenze realizzate  Interessi passivi *** Costi extra-reddituali non finanziari  Svalutazioni beni strumentali

26 A- Liquidità generata (consumata) gestione reddituale: (+) Ricavi reddituali-finanziari  Ricavi di vendita di prodotti e merci  (- ) Accant. svalutazione crediti  Variaz. in aumento rimanenze prodotti, semilavorati, materie e merci.  Altri ricavi dell’attività caratteristica  Ricavi straordinari, non collegati con attività d’investimento e di finanziamento. (-) Costi reddituali-finanziari  Acquisti di materie e merci  Prestazioni di servizi  Godimento di beni di terzi  Retribuzioni e contributi  Variaz. in diminuzione rimanenze prodotti, semilav., materie e merci  Altri costi della gestione caratteristica  Svalutazione crediti commerciali  (-) Incrementi delle immobilizzazioni per lavori interni ***  Costi straordinari, non collegati con l’attività d’investimento e di finanziamento  Imposte sul reddito Rendiconto flussi di liquidità

27 A- Liquidità generata (consumata) gestione reddituale: (+) Utile netto (-) Perdita netta (+) Costi reddituali non finanziari:  ammortamenti;  accanton.nti al fondo t.f.r.;  accanton. svalutaz magazzino (-) Ricavi extra-reddituali non finanziari:  Rivalutazioni beni strumentali (-) Ricavi non reddituali:  rivalutazioni patrimoniali;  interessi attivi;  proventi patrimoniali;  plusvalenze realizzate e non;

28 (+) Costi non reddituali  interessi passivi;  oneri patrimoniali;  minusvalenze realizzate e non; +/- Variazione delle poste dell’attivo reddituale  (-) aumento (+) diminuzione crediti d’esercizio  (-) aumento (+) diminuzione rimanenze  (-) aumento (+) diminuzione ratei e risconti attivi  (-) aumento (+) diminuzione anticipi a fornitori +/- Variazione delle poste del passivo reddituale  (+) aumento (-) diminuzione debiti d’esercizio  (+) aumento (-) diminuzione ratei e risconti passivi  (+) aumento (-) diminuzione anticipi a clienti  (-) utilizzo fondo t.f.r.;  (-) utilizzo fondi rischi e spese future; = flusso di liquidità da gestione reddituale

29 B- Attività d’investimento Impieghi: - Acquisto o costruzione interna immobilizzazioni materiali - Acquisto o costruzione interna di immobilizz. immateriali - Acquisto di attività finanziarie - Diminuzione debiti verso fornitori di beni strumentali e attività finanziarie - Aumento crediti per cessione si beni strumentali e attività finanziarie Fonti - Valore di vendita di beni immobilizzati materiali - Valore di vendita di beni immobilizzati immateriali - Cessione di attività finanziarie (valore realizzo) - Incasso di proventi patrimoniali e dividendi - Aumento debiti verso fornitori di beni strumentali e attività finanziarie - Diminuzione crediti per cessione di beni strumentali e attività finanziarie

30 C- Attività di finanziamento Impieghi: - Diminuzione debiti di finanziamento - Diminuzione c/c passivi - Pagamento interessi Fonti: - Aumento debiti di finanziamento - Aumento c/c passivi D- Gestione del capitale proprio Impieghi: - Rimborsi di capitale - Pagamento di dividendi Fonti: - Apporti di capitale proprio - Diminuzione crediti verso soci per sottoscrizione Flusso di liquidità globale (A+B+C+D) + Liquidità iniziale = Liquidità finale

31 Variazioni patrimoniali che non generano movimenti finanziari:  Rivalutazioni patrimoniali;  Conferimenti in natura;  Conversione di debiti;  Permute.


Scaricare ppt "Flussi di liquidità Programmazione e controllo A.A. 2014-2015 a cura di Giovanni Melis."

Presentazioni simili


Annunci Google