La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Una volta Gesù, il Padre e lo Spirito, durante la riunione del ministero del Discepolato di cui Gesù era animatore, si stavano chiedendo come trasmettere.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Una volta Gesù, il Padre e lo Spirito, durante la riunione del ministero del Discepolato di cui Gesù era animatore, si stavano chiedendo come trasmettere."— Transcript della presentazione:

1 Una volta Gesù, il Padre e lo Spirito, durante la riunione del ministero del Discepolato di cui Gesù era animatore, si stavano chiedendo come trasmettere ai discepoli il concetto di “fede”, applicato alla preghiera.

2 Mentre si stavano consultando tra loro, sia il Padre che il Figlio provarono a formulare varie ipotesi su come avrebbero potuto proporre una catechesi abbastanza efficace. Il Padre suggeriva di puntare sul concetto di Onnipotenza... Gesù propendeva per una catechesi più orientata a spiegare il tipo di preghiera che si può fare per essere ascoltati meglio...

3 Poi, lo Spirito Santo, intervenne...

4 Gesù entrò a Gerusalemme, nel tempio. E dopo aver guardato ogni cosa attorno, essendo ormai l’ora tarda, uscì con i Dodici verso Betània. La mattina seguente, mentre uscivano da Betània, ebbe fame. Avendo visto da lontano un albero di fichi che aveva delle foglie, si avvicinò per vedere se per caso vi trovasse qualcosa ma, quando vi giunse vicino, non trovò altro che foglie. Non era infatti la stagione dei fichi. Rivolto all’albero, disse: «Nessuno mai più in eterno mangi i tuoi frutti!». E i suoi discepoli l’udirono.

5 Giunsero a Gerusalemme. Entrato nel tempio, si mise a scacciare quelli che vendevano e quelli che compravano nel tempio; rovesciò i tavoli dei cambiamonete e le sedie dei venditori di colombe... * * * Quando venne la sera, uscirono fuori dalla città.

6 La mattina seguente, passando, videro l’albero di fichi seccato fin dalle radici. Pietro si ricordò e gli disse: «Maestro, guarda: l’albero di fichi che hai maledetto è seccato!».

7 Rispose loro Gesù: «Abbiate fede in Dio! In verità io vi dico: se uno dicesse a questo monte: “Lèvati e gèttati nel mare”, senza dubitare in cuor suo, ma credendo che quanto dice avviene, ciò gli avverrà. Per questo vi dico: tutto quello che chiederete nella preghiera, abbiate fede di averlo ottenuto e vi accadrà. Quando vi mettete a pregare, se avete qualcosa contro qualcuno, perdonate, perché anche il Padre vostro che è nei cieli perdoni a voi le vostre colpe».

8

9 Capire cos’è successo Conoscere e iniziare a vivere la spiritualità carismatica Inserirsi nella vita della Fraternità Conoscere il Maestro ed entrare in rapporto personale con Lui Comprendere la necessità del diventare discepoli Scoprire che non si è discepoli da soli Entrare in relazione con gli altri discepoli Cominciare a mettersi concretamente sotto la signoria di Gesù Conoscere l’insegnamento del Maestro Conoscere la vita sacramentale cristiana Cominciare a servire nella comunità cristiana Sollevare lo sguardo verso la realtà celeste Decidere di assumere comportamenti “degni del Vangelo” Conoscere i discepoli che il Vangelo presenta Conoscere le virtù che quei discepoli incarnano Desiderare di imitarli Comprendere che si è chiamati in un Corpo Conoscere i fondamenti della prima comunità: Parola, Pane, Preghiera Conoscere le prospettive ecclesiali del Concilio Ecumenico Vaticano II Conoscere i fondamenti e la spiritualità della Comunità Magnificat

10

11

12 La preghiera comunitaria carismatica Presentare gli elementi essenziali della preghiera comunitaria : lode, canto in lingue, profezia, preghiera spontanea, ecc... L’incontro col Signore è una Pasqua Aiutare i fratelli a comprendere il cambiamento avvenuto. La trasformazione operata dallo Spirito Santo dona la vita nuova e i carismi per mettersi al servizio del Regno di Dio La donna curva (L ODE ) Indirizzare le persone ad una vita di lode, dove la guarigione che il Signore fa è sollevare lo sguardo da se stessi a Lui, sia personalmente che comunitariamente La mano inaridita (G ESTUALITÀ ) Aiutare le persone a vivere la preghiera comunitaria e la liturgia con tutto se stessi: cuore e gestualità del corpo Il Sordomuto (P ROFEZIA ) Far comprendere che lo Spirito Santo dà la grazia di un ascolto nuovo nella preghiera personale e comunitaria attraverso il carisma della profezia Le nozze di Cana (I NVOCAZIONE DELLO S PIRITO ) Insegnare alle persone ad invocare lo Spirito Santo come sorgente della vita carismatica Il paralitico (P REGHIERA GLI UNI SUGLI ALTRI ) Far comprendere la grazia della preghiera di intercessione gli uni sugli altri Il cieco Far comprendere che il cammino di guarigione è progressivo

13 Rimanere e perseverare Far nascere ed alimentare il desiderio di continuare il cammino Frutto della Pentecoste è la Comunità Far comprendere che il cammino cristiano è comunitario e a ciò spinge lo Spirito Santo Ciò che aiuta davvero i fratelli e le sorelle che hanno ricevuto l’effusione ad inserirsi nella vita della Fraternità è... la qualità della vita della Fraternità stessa e quella dei suoi componenti!

14

15

16 La necessità del cammino Far comprendere che andare dietro a Gesù Significa non fermarsi mai e che camminiamo insieme a fratelli che ci sostengono Dall’incontro nasce la sequela Aiutare le persone a prendere consapevolezza che il cammino dietro Gesù nasce dall’averlo incontrato, si nutre dal rapporto che si instaura con Lui facendosi suoi discepoli, per poi imitarlo Gesù Maestro Aiutare le persone a scegliere Gesù come “unico” Maestro

17 La condivisione base della vita fraterna ( APPROFONDIMENTO ) Far comprendere che il tessuto della vita fraterna sono le relazioni con gli altri Insegnare, anche attraverso la testimonianza personale, che i cristiani mettono tutto in comune, anche le scelte della vita offrendo a Gesù, tramite i fratelli, la possibilità di “dire la sua” Il piano di Gesù Far conoscere il piano di Gesù: costituire una comunità che potesse andare a predicare, col potere di scacciare i demoni L’amore fraterno Aiutare i discepoli ad accogliere gli altri discepoli come fratelli che Dio dona loro Testimonianze sulle promesse di perdono permanente e costruzione dell’amore

18

19

20 Il padre misericordioso Presentare la Misericordia di Dio Esortazione a vivere il sacramento della Riconciliazione La vite e i tralci Indirizzare i discepoli a comprendere la necessità di rimanere attaccati a Gesù Testimonianza sulla vita eucaristica della Comunità I talenti Aiutare i discepoli a comprendere che il dono ricevuto va restituito Testimonianza sulla promessa di servizio Esortazione perché comincino qualche piccolo servizio Il fariseo e il pubblicano Insegnare che si è resi giusti per la fede in Gesù e non per le opere Esortazione a vivere in rendimento di grazie per la salvezza gratuitamente ricevuta

21 Il ritorno del padrone Insegnare i termini essenziali dell’escatologia cristiana Far alzare lo sguardo dall’orizzonte terrestre alla prospettiva celeste

22

23

24 Maria di Nazareth (O BBEDIENZA ) Indirizzare i discepoli ad ascoltare Dio per obbedirgli Maria di Betania (A SCOLTO ) Indirizzare i discepoli a mettere le priorità “giuste” nella propria vita Zaccheo di Gerico (G IUSTIZIA ) Aiutare i discepoli a comprendere quali siano gli idoli che si stanno servendo e come vivono il rapporto con i beni Simone di Cirene (C OMPASSIONE ) Aiutare i discepoli ad aprire gli occhi sulle sofferenze e necessità del prossimo e ad aprirsi all’aiuto concreto L’indemoniato di Gerasa (T ESTIMONIANZA ) Esortare i discepoli a diventare testimoni dell’opera di Dio Maria di Magdala (P UREZZA ) Offrire ai discepoli la visione cristiana della purezza

25

26

27

28 La Parola di Dio T RADIZIONE E M AGISTERO Portare i discepoli a un contatto più vivo con la Parola di Dio Far conoscere il significato della Tradizione e del MagisteroComunione Aiutare i discepoli a comprendere che siamo chiamati a formare un solo corpo: fratelli e sorelle, gente che mi appartiene, cui io appartengo Relazioni Insegnare che vivere insieme obbliga a relazionarsi: questo porta a sperimentare difficoltà da affrontare e risolvere con l’aiuto di Dio e dei fratelli Eucaristia A DORAZIONE Insegnare che celebrare l’Eucaristia vuol dire offrirsi a Dio in oblazione pura e santa, insieme con Cristo Preghiera L ITURGIA DELLE O RE Aiutare i discepoli a crescere nella preghiera personale, rendendola assidua e di qualità La Comunità degli Atti Far conoscere la Comunità di Gerusalemme, modello di ogni comunità cristiana La Revisione di Vita Insegnare ai discepoli come e perché si fa la revisione di vita

29 Fondamenti Presentare i fondamenti della Comunità vita nello Spirito, esperienza viva di Cristo, generosità di cuore, vita Eucaristica, cammino di crescita, carismaticità, accompagnamento spiritualeSpiritualità (A LLEANZA E Q UATTRO P ROMESSE ) Presentare la spiritualità della Comunità l‘Impegno di Alleanza e le quattro promesse: Povertà, Perdono Permanente, Costruzione dell’Amore, Servizio Monastero dalle mura invisibili Mostrare l’identità e la missione della Comunità unire la contemplazione all’azione Nascita dei Movimenti - Storia della Comunità Magnificat Far conoscere i contenuti della storia della Comunità, inserita nel contesto della storia della Chiesa post-conciliare con particolare riferimento alla Vigilia di Pentecoste 1998

30


Scaricare ppt "Una volta Gesù, il Padre e lo Spirito, durante la riunione del ministero del Discepolato di cui Gesù era animatore, si stavano chiedendo come trasmettere."

Presentazioni simili


Annunci Google