La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Carta di rischio archeologico Barbara Zappaterra Michele Ronconi PSC associato dei Comuni di Bondeno Cento Mirabello Poggio Renatico Sant’Agostino.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Carta di rischio archeologico Barbara Zappaterra Michele Ronconi PSC associato dei Comuni di Bondeno Cento Mirabello Poggio Renatico Sant’Agostino."— Transcript della presentazione:

1 carta di rischio archeologico Barbara Zappaterra Michele Ronconi PSC associato dei Comuni di Bondeno Cento Mirabello Poggio Renatico Sant’Agostino Vigarano Mainarda

2 l’archeologia come studio e conoscenza del territorio nell’antichità 1 ]

3

4

5

6

7

8 le categorie di beni a rischio  centri abitati a continuità di vita  centri abitati abbandonati  insediamenti e beni nel territorio  insediamenti sparsi agricoli e residenziali  necropoli  santuari

9 centri abitati a continuità di vita la categorie di beni a rischio

10 centri abitati abbandonati la categorie di beni a rischio

11 insediamenti e beni nel territorio. sparsi agricoli e residenziali la categorie di beni a rischio

12 insediamenti e beni nel territorio. necropoli la categorie di beni a rischio

13 insediamenti e beni nel territorio. santuari la categorie di beni a rischio

14 insediamenti e beni nel territorio. viabilità e infrastruttura la categorie di beni a rischio

15 le cause di danno  opere di urbanizzazione  opere pubbliche e reti di servizi  interventi di trasformazione territoriale a fini industriali e agricoli  lavorazioni agricole  scavi clandestini

16 opere di urbanizzazione, opere pubbliche e reti di servizi la cause di danno

17 lavorazioni agricole la cause di danno

18 scavi clandestini la cause di danno

19 l’archeologia come strumento a supporto della pianificazione urbana e territoriale 2 ]

20

21

22

23

24

25

26 il territorio non è un dato, ma il risultato di diversi processi. Da un lato si modifica spontaneamente ….. … dall’altro subisce interventi umani andré corboz

27 dalla tutela a posteriori alla valutazione e co-pianificazione a priori dal rischio alla potenzialità dalla tutela puntuale alla dimensione territoriale (d’area vasta)

28 sistema aperto, fruibile, condiviso

29 gli strumenti operativi  base cartografica, quale supporto  archivi e banche dati coordinati

30 nozioni di geodatabase sicurezza affidabilità integrità dei dati indipendenza dei dati prestazione gestione degli accessi concorrenti

31 nozioni di geodatabase SOFTWARE DATI DataBase Management System HARDWARE creare nuovi dati > Data Definition Language modificare, aggiornare, manipolare, interrogare i dati > Data Manipulation Language memorizzare in sicurezza i dati

32 la nascita sistema c.a.r.t.  1992: costituzione del gruppo di lavoro fra Ministero e Regione Emilia-Romagna  1995: stipula della convenzione  1996: avvio del Progetto Finalizzato “Beni Culturali” finanziato dal C.N.R.  1999: avvio della realizzazione del sistema C.A.R.T.

33 gli enti preposti Stato Enti locali Ministero per i Beni e le Attività Culturali Regione ComuniIstituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione Soprintendenze per i beni archeologici Direzione Regionale per i beni culturali e paesaggistici

34 l’architettura del sistema c.a.r.t.  I livello complesso archeologico  II livello attestazione (vincoli di tutela)  III livello presenza assenza traccia paleoambiente  IV livello gestione reperti  V livello reperto archeologico

35 Data base Software Highway la tecnologia del sistema c.a.r.t. Base cartografica Software MapObjects Consultazione dati tramite Internet

36 la redazione della carta di rischio archeologico dell’alto ferrarese 3 ]

37 l’acquisizione dei dati la raccolta dei dati  raccolta organizzata dei dati pregressi dispersi  esplorazione sistematica del territorio  individuazione di presenze non conosciute  documentazione puntuale di quanto trovato

38 l’acquisizione dei dati  recupero casuale  ricognizioni di superficie  scavo di emergenza  scavo programmato la raccolta dei dati

39 recupero casuale l’acquisizione dei dati

40 ricognizioni di superficie l’acquisizione dei dati

41 scavo di emergenza l’acquisizione dei dati

42 scavo programmato l’acquisizione dei dati

43 la raccolta dei dati  pubblicazioni di carattere storico – archeologico  archivio storico del Museo Archeologico Nazionale di Ferrara  carte archeologiche  fotografie aeree  immagini satellitari  PTCP della Provincia di Ferrara la raccolta dei dati

44 la ricerca archivistica e bibliografica la raccolta dei dati

45 la cartografia archeologica la raccolta dei dati

46 la fotografia aerea la raccolta dei dati

47 la fotografia satellitare la raccolta dei dati

48 il p.t.c.p. della provincia la raccolta dei dati

49 la schedatura delle evidenze archeologiche

50 la scheda la schedatura dei dati

51  codice sito  comune  frazione  ubicazione dati identificativi  BO. Bondeno  CE. Cento  MI. Mirabello  PR. Poggio Renatico  SA. Sant’Agostino  VM. Vigarano Mainarda la schedatura dei dati

52  denominazione  cronologia  classe  tipo  definizione  grado di ubicabilità  descrizione 1. aree di estensione non puntiforme, localizzate 2. aree di estensione non puntiforme, non esattamente localizzate 3. aree di estensione imprecisata o puntiforme, localizzate 4. aree di estensione imprecisata o puntiforme, non esattamente localizzate dati archeologici  P. preistoria  N. neolitico  B. età del bronzo  F. età del ferro  R. età romana  M. medioevo  PM post medievale  ND. epoca non determinata la schedatura dei dati

53  misure di superficie  quota dati tecnici la schedatura dei dati

54 stato di conservazione  collocazione materiali la schedatura dei dati

55 dati di localizzazione  IGM  CTR la schedatura dei dati

56 vincoli e tutele  tipo la schedatura dei dati

57  bibliografia  archivio  MANFE  SAER  schedature fonti e bibliografia la schedatura dei dati

58 la mappatura delle evidenze archeologiche

59 il posizionamento la mappatura dei dati

60 la morfologia strutturale  attestazioni archeologiche  elementi di natura infrastrutturale  elementi di natura strutturale  centri abitati  ritrovamenti di incerta ubicazione  altri elementi  aree di vincolo da P.T.C.P. la mappatura dei dati

61 la periodizzazione storica  preistoria  neolitico  età del bronzo  età del ferro  epoca romana  epoca medievale  epoca post medievale  epoca non definita la mappatura dei dati

62 la legenda la mappatura dei dati

63 C.1.2 – archeo 0 le carte la mappatura dei dati

64 C.1.2 – archeo 0 le carte la mappatura dei dati

65 C.1.2 – archeo 1A 1B le carte la mappatura dei dati

66 C.1.2 – archeo 1A 1B le carte la mappatura dei dati

67 C.1.2 – archeo 2 le carte la mappatura dei dati

68 C.1.2 – archeo 2 le carte la mappatura dei dati

69 C.1.2 – archeo 3 le carte la mappatura dei dati

70 C.1.2 – archeo 3 le carte la mappatura dei dati

71 C.1.2 – archeo 4 le carte la mappatura dei dati

72 C.1.2 – archeo 4 le carte la mappatura dei dati

73 C.1.2 – archeo 5 le carte la mappatura dei dati

74 C.1.2 – archeo 5 le carte la mappatura dei dati

75 C.1.2 – archeo 6 le carte la mappatura dei dati

76 C.1.2 – archeo 6 le carte la mappatura dei dati

77 la consultazione degli elaborati finali

78 le schede la consultazione degli elaborati finali

79 le bande di lettura la consultazione degli elaborati finali

80 le bande di lettura la consultazione degli elaborati finali

81 le bande di lettura la consultazione degli elaborati finali

82 il database la consultazione degli elaborati finali

83 il database la consultazione degli elaborati finali

84 il database la consultazione degli elaborati finali

85 grazie


Scaricare ppt "Carta di rischio archeologico Barbara Zappaterra Michele Ronconi PSC associato dei Comuni di Bondeno Cento Mirabello Poggio Renatico Sant’Agostino."

Presentazioni simili


Annunci Google