La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università degli Studi di Palermo La disciplina antiusura Catania, 18 luglio 2007 Dott. Alfonso Provvidenza

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università degli Studi di Palermo La disciplina antiusura Catania, 18 luglio 2007 Dott. Alfonso Provvidenza"— Transcript della presentazione:

1 Università degli Studi di Palermo La disciplina antiusura Catania, 18 luglio 2007 Dott. Alfonso Provvidenza

2 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 2 Usura imposizione, sui prestiti di denaro, di un tasso eccessivo rispetto alle condizioni di mercato

3 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 3 Rapporto SOS impresa Confesercenti Giro d ’ affari, stimato nel 2006 dalla Confesercenti, intorno ai 12 miliardi di euro Fonte Confesercenti.

4 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 4 Rapporto SOS impresa Confesercenti

5 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 5 Rapporto SOS impresa Confesercenti

6 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 6 Rapporto SOS impresa Confesercenti

7 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 7

8 8 Rapporto SOS impresa Confesercenti

9 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 9 Rapporto SOS impresa Confesercenti

10 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 10

11 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 11

12 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 12 Rapporto SOS impresa Confesercenti

13 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 13

14 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 14 La mappa dell ’ usura

15 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 15 Mercato del credito LEGALE z banche z intermediari finanziari non bancari ILLEGALE z usurai

16 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 16 Determinanti della domanda illegale di credito z Struttura dei mercati legali z Rapporto tra banca e cliente z Cultura finanziaria z Propensione degli operatori economici alla illegalit à z Condizioni in cui versano i cittadini

17 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 17 Bacino di utenza del mercato illegale z Soggetti meritevoli ma razionati z Soggetti immeritevoli ma bisognosi z Soggetti immeritevoli non bisognosi

18 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 18 Evoluzione legislativa (1) z Codice sardo, 1859 = liceità penale dell ’ usura z Codice Zanardelli, 1889 = l ’ usura non è contemplata z Codice Rocco, 1930 = l ’ usura è un reato contro il patrimonio (art.644 c.p.) z Legge 7 marzo 1996, n.108 = “ Disposizioni in materia di usura ”

19 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 19 Legge 23 febbraio 1999, n. 44 Disposizioni concernenti il Fondo di solidarietà per le vittime delle richieste estorsive e dell'usura z Decreto del Presidente della Repubblica 16 agosto 1999, n. 455 Regolamento recante norme concernenti il Fondo di solidarieta' per le vittime delle richieste estorsive e dell'usura, ai sensi dell'art. 21 della legge 23 febbraio 1999, n. 44 z Decreto-legge 13 settembre 1999, n. 317 Disposizioni urgenti a tutela delle vittime delle richieste estorsive e dell'usura (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 14 settembre 1999, n. 216), convertito con legge 12 novembre 1999, n. 414 “ Conversione in legge, con modificazioni del decreto-legge 13 settembre 1999, n. 317, recante disposizioni urgenti a tutela delle vittime delle richieste estorsive e dell'usura ” z Decreto 2 luglio 2002, n.239: Regolamento di attuazione dell'articolo 18, comma 3, della legge 23 febbraio 1999, n. 44, recante disposizioni concernenti il Fondo di solidariet à per le vittime delle richieste estorsive e dell'usura.

20 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 20 Coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura z DPR 7 luglio 2006 Nomina a commissario per il coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura z Decreto Ministero dell'Interno 7 giuno 2007: Istituzione presso le Prefetture dei 'Minipool antiracket e antiusura'

21 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 21 L ’ usura prima della riforma z Requisiti 1) approfittamento dello stato di bisogno 2) dazione o promessa di interessi o altri vantaggi usurari z Problematiche accertamento giudiziale 1) dimostrare l’approfittamento 2) genericità, indeterminatezza ed incertezza della soglia usuraria z Fino al 1992, in caso di flagranza, non era obbligatorio l'arresto.

22 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 22 L ’ usura prima della riforma z Vuoto di tutela nei confronti degli imprenditori L.356/92 - “ Usura impropria ” - Fattispecie incriminatrice il cui elemento caratterizzante è una necessit à economica di carattere aziendale (art.644-bis c.p.)

23 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 23 Legge 7 marzo 1996, n.108 z Approfittamento dello stato di bisogno, da presupposto del reato a circostanza aggravante z Eliminazione valutazione discrezionale ed introduzione criterio obiettivo (soglia legale di usurarietà) z Nuovo elemento soggettivo: dolo generico z Configurazione nuova fattispecie incriminatrice: mediazione usuraria z Introduzione misure di prevenzione e solidarietà

24 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 24

25 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 25 Aggravanti di pena (da1/3 alla metà) z Reo agisce nell ’ esercizio di attivit à professionale, bancaria, intermediazione mobiliare z Reo chiede garanzie (partecipazioni societarie, quote societarie/aziendali, propriet à immobiliari) z Reo agisce contro persone in stato di bisogno z Reo agisce contro esercenti attività professionale, imprenditoriale, artigianale z Reo soggetto a misure di prevenzione

26 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 26 Profili civilistici dell ’ usura (art.1815, comma 2, c.c.) Prima della riforma “ Se sono convenuti interessi usurari, la clausola è nulla e gli interessi sono dovuti solo nella misura legale ” Dopo la riforma “ Se sono convenuti interessi usurari, la clausola è nulla e non sono dovuti interessi ”

27 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 27 Interessi sotto il tasso-soglia z Discrezionalità del giudice di merito Elementi da considerare: a) concrete modalità del fatto b) tasso medio applicato dal sistema bancario e finanziario per operazioni similari z Punibilità a) sproporzione tra prestazione (reo) e interessi (vantaggi, compensi) dati o promessi dalla vittima b) esistenza di “ condizioni di difficoltà economica o finanziaria ” della vittima

28 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 28 Determinazione tasso-soglia Tasso-soglia = TEG + 50% z Rilevatore = Ministro del Tesoro, sentiti Bankit e Uic z Periodicit à = trimestrale (1/1-31/3; 1/4-30/6; 1/09-31/12) z Oggetto = TEG medio, riferito ad anno, degli interessi praticati dalle banche e dagli intermediari finanziari ex artt.106 e 107 Tub nel corso del trimestre precedente per operazioni della stessa natura z Voci comprese = commissioni, remunerazioni e spese z Voci escluse = imposte e tasse

29 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 29 Determinazione tasso-soglia z Prima pubblicazione = D.M.22 marzo 1997 z Pubblicità = in Gazzetta Ufficiale z Affissione = sedi e dipendenze aperte al pubblico di banche ed intermediari finanziari

30 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 30 Classificazione operazioni categorie omogenee z Classificatore = Ministro del Tesoro, sentiti Bankit e Uic z Periodicit à = annuale z Pubblicit à = in Gazzetta Ufficiale z Affissione = sedi e dipendenze aperte al pubblico di banche ed intermediari finanziari

31 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 31 Classificazione operazioni z DECRETO 21 settembre 1999 Classificazione delle operazioni creditizie per categorie omogenee ai fini della rilevazione dei tassi effettivi globali medi praticati dalle banche e dagli intermediari finanziari. z DECRETO 20 settembre 2000 Classificazione delle operazioni creditizie per categorie omogenee ai fini della rilevazione dei tassi effettivi globali medi praticati dalle banche e dagli intermediari finanziari.

32 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 32 Usura Reato istantaneo con effetti eventualmente permanenti z momento consumativo = stipula del contratto usurario z prescrizione = decorre dall ’ istante della consumazione Reato permanente z momento consumativo = esecuzione dell ’ accordo usurario z prescrizione = decorre dall ’ esaurirsi dell ’ esecuzione dell ’ accordo

33 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 33 Il Comitato di solidariet à vittime dell'estorsione e dell'usura zL'organismo che esamina e delibera sulle domande di accesso ai benefici del Fondo di solidariet à Il Comitato di solidariet à per le vittime dell´estorsione e dell´usura ha il compito di esaminare e deliberare sulle istanze di accesso ai benefici del Fondo di solidariet à. Il Comitato è composto da: zun rappresentante del Ministero per lo Sviluppo economico e uno del Ministero dell'Economia e delle finanze ztre membri designati dal Cnel (Consiglio nazionale dell'economia e del lavoro) ogni due anni in modo da assicurare la presenza, a rotazione, delle diverse categorie economiche ztre membri delle associazioni antiracket e antiusura, anch´essi in carica - per le stesse ragioni - per due anniassociazioni antiracket e antiusura zun rappresentante della Consap (Concessionaria dei servizi assicurativi pubblici) senza diritto di voto

34 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 34 Fondo solidarietà (art.14 L.108/96) z Beneficiari = imprenditori, commercianti, artigiani, professionisti z Condizioni = denunciare di essere vittima di usura e risultare parte offesa nel procedimento penale z Finalità = erogare mutui a tasso zero, sino a 5 anni z Importo concedibile = commisurato al danno causato da interessi e vantaggi usurari

35 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 35 Fondo solidariet à (art.14L.108/96) z Erogatore = Commissario straordinario del Governo, previa istruttoria comitato z Domanda = dall ’ interessato, entro 6 mesi inizio indagini, tramite prefettura z Regolamento attuativo = D.P.R. 51/97 z Stanziamento = 10 MLD di lire per 1996 e 20 MLD per anni successivi

36 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 36 Fondo di solidariet à per le vittime delle richieste estorsive e dell ’ usura (L.44/99) Fondo di solidariet à per le vittime dell ’ estorsione (L.172/92) Fondo di solidariet à per le vittime di usura (L.108/96)

37 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 37 Estorsione 1) Soggetti danneggiati da attivit à estorsiva esercenti un ’ attivit à imprenditoriale, commerciale, artigianale o comunque economica, ovvero una libera arte o professione, ovvero, con il consenso dell ’ interessato, il Consiglio nazionale del relativo ordine professionale o una delle associazioni nazionali di categoria rappresentate nel Cnel, le organizzazioni antiracket e antiusura, iscritte nell ’ apposito albo tenuto dal Prefetto, aventi tra i propri scopi quello di prestare assistenza e solidariet à a soggetti danneggiati da attivit à estorsiva 2) appartenenti ad associazioni di solidariet à 3) altri soggetti (terzi danneggiati) 4) superstiti

38 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 38 Quando le vittime possono presentare la domanda (estorsione) zEstorsione Entro 120 giorni dalla denuncia ovvero dalla data in cui l ’ interessato ha avuto conoscenza che, dalle indagini preliminari, è emerso come l ’ evento lesivo consegua a delitto commesso per finalit à estorsive (articolo 7, comma 1, D.p.r 455/99). Per i danni conseguenti a intimidazione ambientale, la domanda deve essere presentata entro il termine di un anno dalla data in cui hanno avuto inizio le richieste estorsive o nella quale l ’ interessato è stato per la prima volta oggetto della violenza o minaccia (articolo 13, comma 4 della legge 44/99).

39 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 39 Usura zL ’ esercente un ’ attivit à imprenditoriale, commerciale, artigianale o comunque economica, ovvero una libera arte o professione, che risulti persona offesa del reato di usura in un procedimento penale. zRientrano, nella previsione normativa, secondo l ’ interpretazione del Comitato e l ’ evoluzione della giurisprudenza, i casi, purche documentati: 1.dell ’ imprenditore fallito, a condizione che il giudice delegato al fallimento dichiari che nulla osti all ’ esercizio di una nuova attivit à economica; 2.dell ’ imprenditore di fatto; 3.del collaboratore nell ’ impresa familiare, con eventuale cointestazione.

40 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 40 Quando le vittime possono presentare la domanda (usura) zEntro 180 giorni dalla data della denuncia o dalla data in cui l ’ interessato, in qualit à di persona offesa del reato di usura, ha avuto notizia dell ’ inizio delle indagini (articolo 7, comma 2 del D.p.r. 455/99).

41 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 41 Nota ministeriale zSi tratta di due ipotesi alternative, entrambe utili a rendere tempestiva la domanda: in altre parole, se risultano decorsi 120 o 180 giorni dalla denuncia – a seconda che si tratti di elargizione o di mutuo – la domanda dovr à ugualmente ritenersi tempestiva, qualora sia stata presentata entro 120 o 180 giorni dalla data in cui l ’ interessato ha avuto conoscenza che dalle indagini è emerso come l ’ evento lesivo consegua a un delitto commesso per finalit à estorsive (per la domanda di elargizione), o dalla data in cui l ’ interessato ha conoscenza dell ’ inizio delle indagini (per la domanda di mutuo). zFra i due termini, cio è, vale quello utile per la tempestivit à della domanda. Se la richiesta risulta intempestiva in relazione alla data di presentazione della denuncia, dovr à aversi riguardo, per calcolare i termini, alla seconda ipotesi normativamente prevista.

42 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 42 Rete di sostegno sul territorio zUffici territoriali del Governo zLe Prefetture sono uno dei riferimenti essenziali per le vittime del racket e dell'usura. In ogni Prefettura è oggi presente un referente per questa materia, pronto a fornire informazioni e a dare un valido sostegno nella preparazione della domanda per accedere al Fondo di solidariet à.

43 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 43 Le associazioni antiracket zLe associazioni antiracket rappresentano un modello di organizzazione degli operatori economici che, dopo dieci anni di vita, appare ampiamente collaudato. Svolgono tre funzioni: yvincere la solitudine di chi è oggetto di estorsione. Quando è sola, la vittima ha sempre pi ù paura. Se, invece, può condividere con altri i propri sospetti, timori, preoccupazioni, se si associa con altri operatori economici, si sente pi ù sicura e diventa pi ù forte. Sconfiggere la solitudine significa dare un colpo mortale al racket yoperare un raccordo fra le vittime del racket e le istituzioni. In un campo in cui l'attivit à di contrasto del fenomeno non può avere successo senza un ruolo attivo delle vittime, un soggetto capace di svolgere un'opera di mediazione è indispensabile. Inoltre, grazie al rapporto fra associazioni antiracket e istituzioni, si può ottenere il massimo risultato con il minimo livello di esposizione individuale ygarantire una valida prospettiva di sicurezza. Grazie alla natura collettiva della denuncia promossa dalle associazioni, il singolo è salvaguardato dai rischi di rappresaglie zLa legge 44/1999 prevede che le associazioni e organizzazioni di assistenza alle vittime del racket siano iscritte in un apposito elenco tenuto dalla Prefettura della provincia in cui operano.

44 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 44 Fondazioni antiusura zLe fondazioni antiusura, riconosciute e iscritte nell'apposito elenco tenuto dal Ministero del Tesoro, svolgono, in favore dei soggetti in difficolt à economiche, un'importante opera di solidariet à, di assistenza e di prestazione di garanzie presso una banca per un pi ù facile accesso al credito. zMa le Fondazioni antiusura possono anche essere di aiuto nel promuovere le denunce da parte di chi è vittima degli usurai.

45 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 45 Confidi zGeneralmente costituiti in forma di societ à cooperativa a responsabilit à limitata o di societ à consortile tra piccole imprese appartenenti a uno stesso settore produttivo o a una stessa area geografica, i Confidi consentono ai piccoli imprenditori di aumentare la forza contrattuale nei rapporti con il mondo creditizio. zIscritti in un'apposita sezione dell'elenco generale tenuto dall'Ufficio italiano cambi, i Confidi hanno per obiettivo: yampliare la capacit à di credito dei piccoli imprenditori associati attraverso le garanzie rilasciate yconsentire ai piccoli imprenditori soci di avere credito a minor costo, grazie alle condizioni pi ù vantaggiose ottenute attraverso le convenzioni con le banche yfornire alle imprese associate consulenze e servizi finanziari per consentire loro di gestire al meglio le proprie risorse economiche. zCon l'entrata in vigore della legge 108/96 sull'usura, ai Confidi che hanno costituito il fondo speciale è stata riconosciuta una specifica funzione di sostegno ai soggetti in grave difficolt à economica.

46 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 46 Il Commissario straordinario del Governo zL'autorit à governativa di riferimento per tutto il mondo antiracket e antiusura zIl Prefetto Raffaele Lauro, nominato dal Consiglio dei ministri, il 29 marzo 2006, su proposta del Ministro dell´Interno, Commissario straordinario del governo per il coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura (articolo 11 della legge 23 agosto 1988 n.400). zSuccessivamente, in data 7 luglio 2006, è stato nominato dal Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell´Interno, Commissario per il coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura (articolo 19 della legge 23 febbraio 1999 n.44). Il Commissario resta in carica quattro anni e il suo mandato può essere rinnovato una sola volta.

47 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 47 Compiti del Commissario z1) Il Commissario svolge l´attivit à di coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura sul territorio nazionale z2) Ai sensi dell´articolo 19 della legge 44/99 presiede il Comitato di solidariet à per le vittime dell´estorsione e dell´usura, che ha il compito di esaminare e deliberare sulle istanze di accesso al Fondo di solidariet à.

48 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 48 Il Comitato di solidariet à vittime dell'estorsione e dell'usura zL'organismo che esamina e delibera sulle domande di accesso ai benefici del Fondo di solidariet à zIl Comitato di solidariet à per le vittime dell´estorsione e dell´usura ha il compito di esaminare e deliberare sulle istanze di accesso ai benefici del Fondo di solidariet à. Il Comitato è composto da: yun rappresentante del Ministero per lo Sviluppo economico e uno del Ministero dell'Economia e delle finanze ytre membri designati dal Cnel (Consiglio nazionale dell'economia e del lavoro) ogni due anni in modo da assicurare la presenza, a rotazione, delle diverse categorie economiche ytre membri delle associazioni antiracket e antiusura, anch´essi in carica - per le stesse ragioni - per due anniassociazioni antiracket e antiusura yun rappresentante della Consap (Concessionaria dei servizi assicurativi pubblici) senza diritto di voto

49 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 49 Le Campagne di informazione antiracket e antiusura zLa campagna di informazione antiracket e antiusura (dicembre gennaio 2007) Nuova campagna di informazione realizzata dalla Presidenza del consiglio in collaborazione con il Ministero dell´Interno: "Non lasciare che l'estorsione e l'usura prendano anche la tua voce"

50 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 50 numero verde ( )

51 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 51 Formazione antiracket e antiusura z Progetto formazione antiracket e antiusura 2007 (Pfaa 2007) zIl Commissario straordinario, con il “ Pfaa 2007 ” approvato dal Ministro dell'Interno, intende conseguire le seguenti finalit à : z1) abbreviare i tempi di attesa per la definizione delle istanze delle vittime del racket e dell´usura, oggi di durata fino a quattro anni, attraverso: yil rafforzamento dell´ufficio di supporto e l´aggiornamento professionale degli istruttori yl´aggiornamento professionale dei referenti delle Prefetture-Utg yl´aggiornamento professionale dei funzionari/ufficiali delle Forze dell'ordine, competenti, su base provinciale, per il coordinamento delle denunce delle vittime del racket e dell´usura yl´aggiornamento professionale dei rappresentanti di tutte le organizzazioni antiracket e antiusura, iscritti regolarmente all'albo delle Prefetture-Utg, che ne faranno richiesta z2) costituire, presso ciascuna Prefettura, dei “ mini-pool antiracket e antiusura ”, composti, su base provinciale, dai referenti delle Prefetture-Utg, dai funzionari/ufficiali delle Forze dell'ordine e dai rappresentanti delle organizzazioni antiracket e antiusura, per l´assistenza delle vittime del racket e dell´usura, sin dalla denuncia, con tutoraggio, informazione e sostegno delle vittime denuncianti (su tutte le provvidenze normative a loro favore e sulle modalit à di presentazione). “ mini-pool antiracket e antiusura ”,

52 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 52 Fondo prevenzione (art.15 L.108/96) z Finalit à = concedere contributi a favore di organismi che prestano “ garanzie ” a favore delle categorie pi ù deboli z Dotazione = 300 MLD di lire z Requisiti = patrimoniali, di onorabilit à, di professionalit à z Erogatore = Ministero del Tesoro z Beneficiari = 70% Confidi, 30% Fondazioni e Associazioni riconosciute anti usura z Regolamento attuativo = D.P.R. 315/97

53 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 53 Istruzioni Bankit rilevazione TEG I Sezione Istruzioni per la segnalazione z Ambito oggettivo e soggettivo della rilevazione z Classificazione operazioni incluse ed escluse z Metodologie di calcolo del TEG z Trattamento degli oneri e delle spese II Sezione Modalit à tecnico-operative z Inoltro entro il 25 del mese successivo al trimestre di riferimento z Trasmissione su floppy disk da 3.5 ” z Invio segnalazioni all ’ Uic

54 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 54 Costo effettivo totale del credito a carico del cliente z Tasso di interesse nominale z Commissione di massimo scoperto z Interessi addebitati sotto forma di antergazione o postergazione delle valute z Competenze a vario titolo riscosse z Interessi moratori z Anatocismo

55 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 55 Classificazione operazioni categorie omogenee z Cat.1 Apertura di credito in c/c z Cat.2 Finanziamenti per anticipi su crediti e documenti e sconto di portafoglio commerciale z Cat.3 Credito personale z Cat.4 Credito finalizzato z Cat.5 Factoring z Cat.6 Leasing z Cat.7 Mutui z Cat.8 Altri finanziamenti a br. e a m/l termine

56 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 56 Metodologie di calcolo del TEG z Cat.1,2,4,5 TEG = Interessi debitori x Oneri x 100 Numeri debitori Accordato z Altre categorie

57 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 57 Controindicazioni dei tetti antiusura z Assimilazione del mercato legale del credito al mercato illegale z Superfluo strumento segnaletico della fattispecie usuraria z Imposizione di un “ tasso amministrato ” che altera il libero gioco della concorrenza e limita l ’ operativit à legale: - razionamento della clientela - lesione alla libert à contrattuale

58 Dott. Alfonso Provvidenza Università degli Studi di Palermo 58 Categorie di operazioni Importo in Euro 2° trimestre 20071° trimestre 2007 tassi medi usura medi usura Aperture di credito in c/c fino a ,0919,63513,1619,74 oltre ,914,859,94 14,91 Anticipi, sconti commerciali e altri finanzia-menti alle imprese effettuati dalle banche fino a ,4111,1157,34 11,01 oltre ,439,6456,349,51 Factoring fino a ,7910,1856,59,75 oltre ,069,095,898,835 Crediti personali e altri finanziamenti alle famiglie effettuati dalle banche - 10,2315,34510,4715,705 Anticipi, sconti commerciali, crediti personali e altri finanziamenti effettuati dagli intermediari non bancari fino a ,1925,78517,7826,67 oltre ,7819,1712,8819,32 Prestiti contro cessione del quinto dello stipendio fino a ,4824,7219,1228,68 oltre ,2615,3910,9316,395 Leasing fino a ,5617,3411,1616,74 oltre fino a ,1113,6658,9413,41 oltre fino a ,9411,917,8111,715 oltre ,349,516,359,525 Credito finalizzato all'acquisto rateale fino a ,3924,58516,9925,485 oltre fino a ,8425,2616,3324,495 oltre ,5815,8710,7116,065 Mutuitasso fisso 5,728,585,998,985 tasso variabile5,317,9655,17,65 Fonte: sito dell'UIC


Scaricare ppt "Università degli Studi di Palermo La disciplina antiusura Catania, 18 luglio 2007 Dott. Alfonso Provvidenza"

Presentazioni simili


Annunci Google