La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Www.apel-pediatri.it Dott. Alberto Ferrando Pediatra di Famiglia Past President Società Italiana di Pediatria (SIP) Presidente Federazione Regionale degli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Www.apel-pediatri.it Dott. Alberto Ferrando Pediatra di Famiglia Past President Società Italiana di Pediatria (SIP) Presidente Federazione Regionale degli."— Transcript della presentazione:

1 Dott. Alberto Ferrando Pediatra di Famiglia Past President Società Italiana di Pediatria (SIP) Presidente Federazione Regionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri Liguri Vice Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri Liguri

2 Maltrattamento infantile

3 ”Ogni condizione che impedisce in termini permanenti e gravi lo sviluppo delle potenzialità innate di crescita di un soggetto in età evolutiva” I° Rapporto sulla Condizione dell’Infanzia e della Preadolescenza, EURISPES e Telefono Azzurro, 2000

4 Abuso fisico (22%) Trascuratezza –trascuratezza fisica (45%) –trascuratezza educativa –trascuratezza emozionale (22%) Abuso sessuale (18%) Abuso emozionale (18%) Ipercura ?% Spesso in forma mista spesso all’interno della famiglia

5 CISMAI

6

7 La violenza ai minori interessa tutte le fasce sociali della popolazione ed è un fenomeno molto complesso che si inserisce in un contesto di crisi familiare. La violenza all’infanzia è caratterizzato da:

8 1) PERICOLOSITA’ 2) FENOMENO SOMMERSO 3) DOPPIO LEGAME: 4) VITTIME PRESCELTE “SOGGETTI DEBOLI” 5) COAZIONE A RIPETERE: tende a cronicizzarsi, sia nella vittima sia nel maltrattante, non si risolve senza aiuti esterni, richiede interventi tempestivi ed adeguati 6) “PATOLOGIA FAMILIARE”: tutti i componenti della famiglia ne sono coinvolti a diversi livelli di consapevolezza e responsabilità, 7) TRANSGENERAZIONALE: circa il 25% di adulti maltrattati o abusati in infanzia diventa a sua volta maltrattante (generalmente uomini) e/o sceglie un partner complementare violento (generalmente donne)

9 “Fasi di riconoscimento del maltrattamento” 1)Prima fase: si nega che il fenomeno esista con dimensioni significative (“è un problema di pochi non della comunità”); 2)Seconda fase: si presta attenzione alle forme più eclatanti 3)Terza fase: si affronta con mezzi adeguati il maltrattamento fisico e si comincia a riconoscere altre forme di disagio dei minori, si presta attenzione ai bambini che non crescono bene 4)Quarta fase: la collettività riconosce i casi di abuso psicologico e trascuratezza e abuso sessuale 5)Quinta fase: ci si preoccupa che ad ogni minore siano garantiti: accettazione, cure amorose, cibo ed alloggio adeguati, assistenza sanitaria; ci si preoccupa che vi siano garanzie di tutela e protezione.

10 Il pediatra di famiglia (e non solo) si occupa di TANTI bambini poco malati (o falsi bisogni o induzione di bisogni: Mongering Disease”)induzione di bisogni: Mongering Disease POCHI bambini molto malati TUTTI i bambini da non far ammalare

11 La NON Malattia -Passiva : si segue la corrente senza alcun vantaggio per sé e per il pz. -Attiva: si “vende una malattia” per guadagno (DISEASE MONGERING)

12 Di chi ci occupiamo Molti bambini poco malati Pochi bambini molto malati Tutti i bambini da non far ammalare Molti bambini trascurati Pochi bambini gravemente maltrattati o abusati Tutti i bambini da tutelare

13 RUOLO DEL PEDIATRA 1.Fornire le opportunità perché i singoli individui riescano a superare le situazioni difficili 2.Offrire informazioni e supporti per una visione sana della procreazione e dell’allevamento dei figli 3.Riconoscere quel mondo di situazioni a rischio con l’idea di dare appoggi più specifici prima che la crisi sfoci in un dramma

14 I punti di maggiore importanza sono al momento attuale: 1. le disuguaglianze nella salute dei bambini e degli adolescenti dipendenti da condizioni territoriali economiche e culturali; 2. la salute mentale dei bambini e negli adolescenti; 3. le conseguenze dei problemi dell'inquinamento dell'ambiente sulla salute dei bambini; 4. l’aiuto alle famiglie perché cresca la capacità di essere genitori.

15

16

17 Minori la cui gestione rappresenta per i familiari o per coloro che li hanno in cura un grave problema economico (mantenimento, etc.), socio-sanitario (scolarità, disabilità, etc.) o psico-comportamentale (relazioni conflittuali, etc.)?

18 Nel caso in cui si è trovato di fronte a presunti “maltrattamenti o abusi”, quali sono stati gli elementi sui quali ha prevalentemente basato la sua intuizione diagnostica? sintomi e segni somatici condizione psicologica del paziente Comportamenti del paziente Rivelazioni (anche parziali) del paziente Indicazioni di terze persone Ricoveri multipli altro

19 carente igiene personale ematomi al viso e al corpo altre ferite o traumi non congruamente motivati lesioni in vari stadi di guarigione ustioni fratt ossee non cong.te motivate o non curate disturbi psico-comportamentali repentine modificazioni comportamentali regressioni psicomotorie limitate nel tempo conoscenze sessuali inadeguate all'età comportamenti sessualizzati incongrui rivelazioni di maltrattamento o abuso sessuale (da parte del minore)

20 Operiamo in un SSN ma, per vari problemi in situazioni “gravi” andiamo avanti tramite la buona volontà del singolo o il volontariato -

21 CRITICITA’  RITARDO nella “presa in carico” dell’assistenza al neonato da parte del pediatra di famiglia, dovuta a difficoltà essenzialmente di tipo burocratico. SScarsa comunicazione con i servizi sociali  ASSENZA di strumenti operativi ed organizzativi che permettano la trasmissione di notizie tra Ospedali e PLS e tra Ospedali e Consultorio e con i servizi sociali

22 ESEMPIO DI STRUTTURE NON COMUNICANTI:

23 Comunicazione Ospedale Territorio Università Volontariato

24

25

26 VIOLENZA IN FAMIGLIA: LA VIOLENZA ASSISTITA DEFINIZIONE: qualsiasi atto di violenza fisica, verbale, gestuale, psicologica, sessuale ed economica compiuta su figure di riferimento per il minore o comunque figure significative, adulte o minori; quindi forme di violenza a cui il minore assiste direttamente (quando vi assiste visivamente) o indirettamente (quando il figlio viene a conoscenza della violenza tramite il racconto ad esempio della madre) e/o percependone gli effetti. (CISMAI Kolb, 2001)www.cismai.org

27 Abuso Sessuale Assistito Una forma di abuso sessuale intrafamiliare è “l’abuso sessuale assistito”, cioè quando i bambini vengono fatti assistere: all’attività sessuale dei genitori, non come fatto occasionale, ma su esplicita richiesta dei genitori; oppure all’abuso sessuale che un genitore agisce su un fratello (o su una sorella)

28 La violenza tra le mura domestiche ha come vittime le donne, i bambini e i soggetti “deboli” (anziani, disabili). Il costo sociale e psicologico è enorme e le conseguenze devastanti perché la violenza si trasmette e si apprende Merete Amann Gainotti

29 In Italia, finora, vi è stata una certa negazione del problema della violenza domestica sia da un punto di vista istituzionale che sociale. La violenza domestica è stata vista come un affare privato e non come un reato

30

31

32

33

34

35

36

37

38

39

40

41 “Ogni volta che una madre viene abusata anche suo figlio ne soffre. Suo figlio vede, ascolta, sente. Figli di uomini violenti hanno una probabilità di divenire a loro volta violenti di 6 volte maggiore rispetto agli altri.”

42  la metà dei mariti violenti lo è anche nei confronti dei figli  il 60% delle madri di bambini ricoverati per maltrattamenti aveva subito violenza da parte del partner

43 Il partner violento ALCOLISTA 9% PRECEDENTI PENALI 9% TOSSICODIPENDENTE 8% INSOSPETTABILE 60% CREAZZO ET AL, 1999

44 Gli stereotipi "La violenza domestica è presente in contesti familiari culturalmente ed economicamente poveri." La violenza domestica è un fenomeno trasversale: non è riconducibile a particolari fattori sociali, né economici, né razziali, né religiosi. "La violenza domestica è causata da occasionali e sporadiche perdite di controllo." La violenza domestica risponde alla volontà di esercitare potere e controllo sulle donne; per questa ragione l'episodio violento non è quasi mai leggibile come un atto irrazionale, ma è quasi sempre un atto premeditato. Gli stessi aggressori affermano che picchiare è una strategia finalizzata a modificare i comportamenti delle proprie compagne. ASSOCIAZIONE NONDASOLA donne insieme contro la violenza

45 "La violenza domestica è causata dall'assunzione di alcool e/o droghe." Esistono alcoolisti e tossicodipendenti non violenti, così come esistono uomini violenti, tossicodipendenti e alcolisti, che agiscono condotte violente in assenza di assunzione di alcool e/o droghe; la grande maggioranza degli uomini violenti non è né alcolista né tossicodipendente. "La violenza domestica non incide sulla salute delle donne. " La Banca Mondiale riconosce la violenza domestica come un problema di salute pubblica, in quanto incide gravemente sul benessere psico-fisico delle donne. "I partner violenti sono portatori di psicopatologie." Solo il 10% dei maltrattatori presenta problemi psichiatrici. L' attribuzione della violenza a soggetti psicotici è solo un " escamotage" per tenere separato l'ambito della violenza da quello della normalità, è una forma di esorcizzazione.

46 "I partner violenti hanno subito violenza da bambini." Non esiste necessariamente un rapporto di causa-effetto tra violenza subita nell'infanzia e violenza agita da adulti. "Alle donne che subiscono violenza piace essere picchiate." Le donne scelgono la relazione, non la violenza. Tanti sono i fattori e i vincoli che trattengono le donne e impediscono loro di prendere in tempi brevi la decisione di interrompere una relazione violenta: la paura di perdere i figli, le difficoltà economiche, l' isolamento, la disapprovazione da parte della famiglia, la riprovazione e la stigmatizzazione da parte della società.

47 Che cos’è "Violenza fisica" "Violenza psicologica" "Violenza economica" "Violenza fisica" Picchiare con o senza l'uso di oggetti. Spintonare, tirare per i capelli, dare schiaffi, pugni, dare calci, strangolare, ustionare, ferire con un coltello, torturare, uccidere. "Violenza psicologica" Minacciare, insultare, umiliare, attaccare l'identità e l' autostima, isolarla, impedire o controllare le sue relazioni con gli altri, essere sbattute fuori casa, essere rinchiuse in casa. "Violenza economica" Sottrarre alla donna il suo stipendio, impedirle qualsiasi decisione in merito alla gestione dell'economia familiare, obbligarla a lasciare il lavoro o impedirle di trovarsene uno, costringerla a firmare documenti, a contrarre debiti, a intraprendere iniziative economiche, a volte truffe, contro la sua volontà. "Violenza sessuale" Fare battute e prese in giro a sfondo sessuale, fare telefonate oscene, costringere a atti o rapporti sessuali non voluti, obbligare a prendere parte alla costruzione o a vedere materiale pornografico, stuprare, rendersi responsabili di incesto; costringere a comportamenti sessuali umilianti o dolorosi, imporre gravidanze, costringere a prostituirsi. La violenza domestica si presenta spesso nella forma della violenza composita, si associano varie tipologie di violenza: fisica, psicologica, economica, sessuale ASSOCIAZIONE NONDASOLA donne insieme contro la violenza

48 Fonte: Rapporto Eures 2007 Nel 2006 gli omicidi in famiglia rappresentano 31,7% (195 casi) del totale nazionale degli omicidi +12,1% FENOMENO IN NETTO AUMENTO NEL 2005 PRIMO POSTO SUD 31,8% delle vittime CENTRO 39% delle vittime La geografia della FAMIGLIA CHE UCCIDE NORD 48,2% delle vittime Omicidi in ambito familiare/ Passioni amorose Violenza intrafamiliare (Domestic Violence)

49 Gli omicidi in famiglia: Eures Gli omicidi in famiglia: Eures 2007 Fonte: Rapporto Eures 2007 Il 52,8% dei casi riguarda la “COPPIA AFFETTIVA” (o tra coniugi o ex coniugi/conviventi) Il 68,7% delle vittime sono donne Il 19,5% delle vittime sono ultrasessantenni RELAZIONE AUTORE/VITTIMA 1°POSTO 2°POSTO Il 23,6% dei casi riguarda la relazione “GENITORI/FIGLI” (21 genitori e 23 figli uccisi) LE VITTIME Le statistiche ufficiali…. Le statistiche ufficiali….

50 Altre violenze??

51 Congresso Criminologia

52

53

54

55

56 Cercate rapelay sy Google Cliccate su Immagini

57

58

59

60

61

62

63

64

65

66

67 “NESSUNO INSEGNA AI GENITORI A FARE I GENITORI” (Meucci) IMPORTANZA DI SUPPORTI PSICOLOGICI INFORMAZIONE/FORMAZIONE SUI “FENOMENI” La prevenzione possibile PREVENZIONE POSSIBILE Puntare su strategie integrate e interistituzionali, sociali e sanitarie, proprio perché è fenomeno trasversale

68 Problemi principali? negligenza, l'indifferenza, la mancanza di cure e di interesse per una cosa. Designa inoltre l'abbattimento, lo scoraggiamento, la prostrazione, la stanchezza, la noia e la depressione. I cimiteri sono pieni di persone insostituibili. George Clemenceau

69 Intervenire a livelli multipli: “Tre – P” Positive Parenting programme Gli interventi “Tre P” coinvolgono diversi livelli: 1.utilizzo dei media per trasmettere messaggi sulla genitorialità positiva; 2.risorse informative, come materiali informativi e video; 3.interventi brevi che hanno come target specifici problemi di comportamento, offerti dai medici di medicina general e dai pediatri; 4.programmi più intensivi di formazione rivolti ai genitori; 5.intervento su un problema esteso che può incontrare la famiglia, come il conflitto nella relazione, la depressione del genitore, la rabbia e lo stress.

70 E in Liguria? -2 progetti con fondi regionali (ASL 1: Il silenzio dei passerotti e ASL 3: Oss. Epidemiologico) -Inziative sei Servizi Sociali -Iniziative di alcuni PS -Ass. di volontari Il 1 dicembre si riavvia un tavolo regionale e “SPEREMMU BEN”

71

72

73

74 SAPERE MULTIDIMENSIONALE INTERDISCIPLINARE INTERPROFESSIONALE PER/CON /DEI CITTADINI SAPERE CLINICO SAPERE AZIENDALE SAPERE SOCIOLOGICO SAPERE ORGANIZZATiVO I SAPERI IN BALLO IN SANITA’ Di Stanislao, Noto, modificato Gardini, SAPERE ECONOMICO SAPERE INFORMATICO SAPERE INGEGNERI SAPERE DOCUMENTALISTICO SAPERE PSICOLOGICO SAPERE COMUNICATIVO SAPERE STATISTICO SAPERE SU “COME GESTIRE IL POTERE” SAPERE AMMINISTRATIVO SAPERE PROGETTUALE SAPERE SU COME SI FA UNA GARA D’APPALTO SENZA IMBROGLIARE/ IMBROGLIANDO SAPERE INFORMATIVO SAPERE DEGLI PSICHIATRI SAPERE DEI FISICI SAPERE ESPRIMERE AUTORITA/ AUTOREVOLEZZA FARMACISTI BIOLOGI SAPERE ASSISTENZIALE SAPERE EPIDEMIOLOGICO SAPERE GIURIDICO


Scaricare ppt "Www.apel-pediatri.it Dott. Alberto Ferrando Pediatra di Famiglia Past President Società Italiana di Pediatria (SIP) Presidente Federazione Regionale degli."

Presentazioni simili


Annunci Google