La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Che cosè il disturbo mentale. La schizofrenia come paradigma Parte II Universit à degli Studi di Trieste Facolt à di Psicologia Corso di Psichiatria Sociale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Che cosè il disturbo mentale. La schizofrenia come paradigma Parte II Universit à degli Studi di Trieste Facolt à di Psicologia Corso di Psichiatria Sociale."— Transcript della presentazione:

1 Che cosè il disturbo mentale. La schizofrenia come paradigma Parte II Universit à degli Studi di Trieste Facolt à di Psicologia Corso di Psichiatria Sociale a.a. 2004/2005

2 Che cosè la schizofrenia? Che cosè la schizofrenia? Come può essere riconosciuta, interpretata e trattata? Queste domande fondamentali vengono poste non soltanto dal principiante nel campo della psichiatria ma anche dal professionista che ha dedicato la maggior parte della sua vita al trattamento di pazienti psichiatrici. (...) La definizione di schizofrenia è un compito terribile, a meno di accettare una definizione insoddisfacente, formata da un elenco dei caratteri più comuni di questo disturbo. (...) Alcuni autori considerano la schizofrenia una malattia, altri una sindrome, altri ancora un meccanismo mentale o addirittura un modo di vita. In ciascuna di queste opinioni cè una parte di verità, eppure a unanalisi più approfondita si riveleranno tutte insoddisfacenti (Silvano Arieti, psichiatra)

3 Che cosè la schizofrenia? Sintomi negativi Perdita del calore affettivo Difficoltà a fare progetti Far fatica ad utilizzare i concetti Incapacità a partecipare piacevolmente ai vari aspetti della vita Sintomi positivi Allucinazioni Deliri Disorganizzazione delle idee Tensione ed agitazione

4 Dai sintomi ai comportamenti Alterazioni circadiane Mancanza di interessi Pensiero disordinato/confuso (discorsi illogici, idee e comportamenti bizzarri) Deliri Convinzioni inattaccabili Allucinazioni Negazione Disturbi dello schema corporeo Reazioni inappropriate agli eventi di vita Isolamento sociale Depressione Helplessness e hopelessness

5 Diffusione Dopo i disturbi dansia e la depressione è il secondo disturbo psichiatrico più diffuso Età di insorgenza tra i 15 e i 24 anni 0,8% popolazione mondiale (più di 45 milioni di persone) Quasi 2 milioni di casi nuovi allanno Italia, circa casi e nuovi ogni anno Trieste ( abitanti), circa casi

6 Cause - modello biologico Preponderanza della componente organica Fattori genetici Rischio medio 0,5% Rischio medio 20% se figlio, 5% se fratello/sorella Su gemelli omozigoti 46% di probabilità Lesioni cerebrali danni prenatali esaurimento funzioni lobo frontale e sistema limbico Infezioni virali durante il secondo trimestre gravidanza Danni biochimici Malfunzionamento sistema dopaminergico

7 Cause – Modello psicologico Importanza degli eventi intrapsichici Impostazione evolutiva Eventi di vita Ciclo di vita Periodo critico dalla prima infanzia alla tarda adolescenza Ridimensiona modello biologico

8 Cause – Modello psicologico Si riferisce a: Vissuti e percezioni del mondo e del Sé Dinamiche inconscie Relazioni Eventi comunicativi nella famiglia Traumi affettivi Conflitti Separazioni, distacchi

9 Cause – Modello sociologico Conseguenze individuali di grandi e piccoli fenomeni sociali Elementi di studio: Famiglia, piccole comunità, collettività Considera influenza di: Culture, religioni, politiche, economie, lavoro/reddito, fenomeni migratori, disponibilità dei servizi sanitari, accesso allistruzione, protezione sociale, garanzie democratiche, ecc.

10 Modello vulnerabilità-stress Scelto strategicamente tra varie opzioni Presupposto: sofferenza mentale non ha cause univoche, immutabili, valide sempre e ovunque neanche per la stessa persona Unicità dellesperienza umana Fattori di rischio protezione Non causalità diretta ma fattori di predisposizione e fattori scatenanti

11 Applicazione del modello vulnerabilità stress alla schizofrenia Sviluppo e decorso del disturbo Livello 1: periodo prenatale e perinatale Predisposizione genetica Fattori intrauterini Traumi alla nascita Legami parentali Danni cerebrali PREDISPOSIZIONE ALLA SCHIZOFRENIA

12 Livello 2: periodo dello sviluppo Danni cerebrali Infezioni Apprendimento e stile di vita Stili nelle comunicazioni familiari VULNERABILITA ALLA SCHIZOFRENIA

13 Livello 3: fattori scatenanti Uso di droghe/farmaci Eventi di vita stressanti Ambiente stressante ESORDIO/EPISODIO SCHIZOFRENICO

14 Livello 4: periodo della malattia Uso di droghe/farmaci Eventi di vita stressanti Ambiente familiare stressante Stigma e isolamento sociale Riabilitazione del ruolo sociale Modelli di assistenza istituzionale DECORSO E ED ESITO

15 Spiegare ricerca di cause e sintomi Interpretare decodifica dei segnali del disturbo (attribuzione di senso) Comprendere mettersi nei panni di …. Immedesimarsi la sofferenza psichica, a differenza dei fenomeni oggettivabili che possono essere sia interpretati che spiegati, può essere solo compresa tramite limmedesimazione Carl Jaspers


Scaricare ppt "Che cosè il disturbo mentale. La schizofrenia come paradigma Parte II Universit à degli Studi di Trieste Facolt à di Psicologia Corso di Psichiatria Sociale."

Presentazioni simili


Annunci Google