La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Prevenire e curare le crisi nel percorso adottivo: la voce di Piacenza Elisabetta Molinari psicologa Lucia Signaroldi assistente.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Prevenire e curare le crisi nel percorso adottivo: la voce di Piacenza Elisabetta Molinari psicologa Lucia Signaroldi assistente."— Transcript della presentazione:

1 Prevenire e curare le crisi nel percorso adottivo: la voce di Piacenza Elisabetta Molinari psicologa Lucia Signaroldi assistente sociale AUSL di Piacenza

2 NEL TERRITORIO assenza di f allimenti adottivi presenza di situazioni critiche che hanno richiesto lintervento intensivo da parte dei servizi (équipe psicosociali, servizi educativi, scuola) 60 adozioni in 5 anni: 5 casi critici metodo utilizzato per lanalisi del contesto adottivo - fattori di rischio ricorrenti nelle adozioni critiche - fattori di rischio e di protezione nelle fasi del percorso

3 FATTORI DI RISCHIO NELLE SITUAZIONI CRITICHE servizi - abbinamenti orientati non corrispondenti alle aspettative dei genitori - omessa/parziale trasmissione delle condizioni sanitarie e dei traumi subiti dal bambino - difficoltà relazionali con la coppia (evitamento/accuse reciproche) - valutazione superficiale delle vulnerabilità della famiglia

4 FATTORI DI RISCHIO NELLE SITUAZIONI CRITICHE genitori carenza di supporti esterni (reti familiari o amicali) in situazioni problematiche negazione della specificità delladozione non accettazione del legame biologico tra b/no e genitori naturali fragile condivisione nella coppia genitoriale nella scelta del percorso adottivo difficoltà ad abbandonare limmagine del bambino ideale richiesta di risarcimento

5 genitori rigidità dellassetto relazionale della coppia riattivazione dei vissuti traumatici pregressi difficoltà a comunicare con il b/no delladozione difficoltà nel mantenere linvestimento affettivo sulladottato, se nasce il figlio biologico FATTORI DI RISCHIO NELLE SITUAZIONI CRITICHE

6 figli vissuti traumatici manifestazioni verso i genitori caratterizzate da aggressività, sfiducia o attaccamento indifferenziato, comportamenti sessualizzati letà elevata del bambino caratteristiche di personalità già strutturate collocazioni plurime presso famiglie esposizione prolungata ai maltrattamenti nostalgia del contesto di origine

7 OPERATIVITA DEI SERVIZI A LIVELLO TERRITORIALE Obiettivo:garantire unorganizzazione delle competenze sociali e sanitarie con interventi stabili ed omogenei Individuazione di nuclei operativi dedicati (Ass.Soc e Psic.) con formazione adeguata per garantire specializzazione e continuità professionale.

8 ORGANIZZAZIONE livello territoriale prima informazione istruttorie accompagnamento e vigilanza post-adozione livello provinciale corsi di informazione-formazione corsi di accompagnamento post-adozione

9 FASI DEL PERCORSO: PROTEZIONE E RISCHIO PRIMA INFORMAZIONE colloquio in cui lA.S. fornisce alla coppia informazioni sui requisiti di legge per accedere alladozione e una descrizione del percorso adotti fattori protettivi informazioni corrette sul percorso con possibilità di non accedere alle fasi successive fattori di rischio livello non omogeneo delle prestazioni per turn-over frequente, scarsa specializzazione del personale estrema vulnerabilità degli operatori di fronte al forte bisogno della coppia di diventare genitori

10 Obiettivi: avvicinamento alle tematiche adottive,socializzazione e condivisione di saperi,dubbi,ansie,sofferenze ed aspettative fattori protettivi approccio alla dimensione sociale delladozione maggiore consapevolezza caratteristiche psicologiche e bisogni del bambino,condivisione dei vissuti rispetto al bambino ideale e alla mancata genitorialità biologica valutazione dellimpatto dei comportamenti post-traumatici dei bambini e della capacità/disponibilità necessarie per accoglierli come figli perfezionamento della scelta di adottare fattori di rischio autoprotezione della coppia attraverso accuse agli operatori di catastrofismo o atteggiamento scaramantico fatica degli operatori nellindividuare strumenti per presentare in modo obiettivo e coinvolgente la complessità delle tipologie dei bambini adottabili CORSI DI FORMAZIONE-INFORMAZIONE

11 ISTRUTTORIA/STUDIO DELLA COPPIA Obiettivi: valutazioni con criteri omogenei e standardizzati equipe(Ass.Soc e Psic.) stabili per garantire continuità professionale ed essere un riferimento nelle varie fasi del percorso strumenti professionali aggiornati per rappresentazione di criteri predittivi di una buona genitorialità adottiva Metodologia colloqui (6/7 e visita dom.) con approccio di co-costruzione con la coppia,percorso di consapevolezza di risorse e limiti della disponibilità restituzione alla coppia attraverso lettura relazione inviata al TM

12 ISTRUTTORIA fattori protettivi individuazione dei funzionamenti individuali e relazionali di coppia possibilità di procrastinare il percorso in caso di dinamiche conflittuali, differenze incolmabili nella scelta adottiva, lutti non elaborati approfondimento per adoz.inter. tematiche relative alletnia,età,fratrie,esiti post-traumatici fattori di rischio difficoltà ad individuare fragilità sia a livello individuale che di coppia chiusura della coppia nel timore di non essere considerata idonea uso strumentaledei servizi con mancata relazione di fiducia

13 TEMPO DELLATTESA Tempo di transizione che può portare verso una trasformazione interna,verso un nuovo senso di sé e dellaltro; fase di forte criticità per la coppia fattori protettivi disponibilità degli operatori a rilasciare atti amministrativi o ad accogliere la coppia su richiesta fattori di rischio mancanza di progetti destinati a garantire una continuità di dialogo tra la coppia,il servizio e gli altri protagonisti

14 SOSTEGNO E VIGILANZA POST-ADOZIONE TERRITORIALE osservazione dello sviluppo del b/no osservazione della qualità delle sue relazioni sostegno e accompagnamento della coppia osservazione dellinserimento scolastico progetto di tutela e integrazione del bambino

15 fattore protettivo approfondimenti sanitari necessari e supporti specifici sostegno per modalità di gestione dei comportamenti problematici ridimensionamento aspettative considerazione della storia adottiva individuazione dei segnali di vulnerabilità e delle risorse fattore critico rapporto di diffidenza verso i servizi idea del controllo timore degli operatori di interferire nelle dinamiche familiari tempi ridotti del percorso SOSTEGNO E VIGILANZA POST-ADOZIONE TERRITORIALE

16 SOSTEGNO E VIGILANZA POST- ADOZIONE GRUPPALE temi peculiari adozione fattore protettivo condivisione difficoltà e rispecchiamento allenamento ad affrontare temi difficili stimolo alla creatività comportamenti adeguati supporto alla comunicazione fattore di rischio le famiglie problematiche tendono ad evitare il contesto gruppale e a rimanere in situazioni di isolamento risorse limitate

17 RISORSE E VULNERABILITA RISORSE continuità presa in carico sostegno post-adozione gruppale VULNERABILITA tempistica del percorso di sostegno post-adottivo periodo di vigilanza maggiormente flessibile raccordo tra i servizi per favorire continuità agli interventi


Scaricare ppt "Prevenire e curare le crisi nel percorso adottivo: la voce di Piacenza Elisabetta Molinari psicologa Lucia Signaroldi assistente."

Presentazioni simili


Annunci Google