La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL SOSTEGNO PSICOLOGICO NELLA PROCREAZIONE ASSISTITA Una proposta psicocorporea Fabio Carbonari psicologo psicoterapeuta Direttore Istituto Reich.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL SOSTEGNO PSICOLOGICO NELLA PROCREAZIONE ASSISTITA Una proposta psicocorporea Fabio Carbonari psicologo psicoterapeuta Direttore Istituto Reich."— Transcript della presentazione:

1 IL SOSTEGNO PSICOLOGICO NELLA PROCREAZIONE ASSISTITA Una proposta psicocorporea Fabio Carbonari psicologo psicoterapeuta Direttore Istituto Reich

2 Perché la presenza di uno psicologo? Lo psicologo può: aiutare chi si rivolge ai trattamenti di riproduzione assistita a recuperare il proprio desiderio e progetto di genitorialità, a ridefinire le proprie emozioni e trovarne la giusta canalizzazione aiutare a recuperare la propria identità psico-corporea, nonché ad essere di supporto durante tutto l'iter dei trattamenti fino a che non si siano sciolte le dinamiche e i vissuti legati all'esito facilitare la comunicazione tra gli operatori e gli utenti facilitare lassunzione delle responsabilità individuali, sia degli utenti, sia degli operatori, evitando così quel meccanismo di delega e di assunzione di poteri che non possono che danneggiare la vitalità di un progetto genitoriale

3 Un approccio psicocorporeo L'infertilità incide profondi segni nel corpo e negli affetti, rammentandoci in ogni istante come corpo e psiche siano strettamente connessi tra loro. Un efficace intervento dovrebbe tener conto non solo degli aspetti affettivi e psicologici, ma anche del corpo, che è il luogo dove tali affetti si esprimono o si reprimono. Secondo W. Reich nel corpo troviamo cristallizzate, sottoforma di tensioni croniche ed atteggiamenti posturali, tutte le istanze emozionali inespresse, che costituiscono la cosiddetta corazza muscolare funzionalmente identica alla corazza caratteriale Sciogliere tali tensioni, ripristinare una respirazione funzionale ed aiutare le persone che si rivolgono alla riproduzione assistita ad attraversare la paura e le altre emozioni che inevitabilmente le accompagnano in questo viaggio, possono rappresentare delle chiavi per potersi abbandonare al piacere intrinseco che un progetto genitoriale dovrebbe avere in sé.

4 Il setting elettivo è rappresentato dal sostegno di gruppo Il gruppo di sostegno è orientato alla valorizzazione delle potenzialità creative della coppia e della sua capacità di abbandonarsi piacevolmente e reciprocamente al desiderio procreativo, alla condivisione dei vissuti e allallentamento delle tensioni emotive e fisiche. È un supporto tendente a depatologizzare il percorso della riproduzione assistita per riportarlo al valore umano di un processo riproduttivo. È un sostegno globale verso donne e uomini che fondamentalmente chiedono accettazione umana e culturale, comunicazione affettiva e strumenti per realizzare un desiderio altrimenti negato.

5 MOMENTI CRITICI del percorso comunicazione diagnosi infertilità momento decisionale volto a cercare soluzioni alle difficoltà procreative durante il trattamento in attesa del risultato post esito

6 FASI DEL TRATTAMENTO accoglienza della domanda intervento di riproduzione assistita

7 accoglienza della domanda Gruppo aperto Condivisione dei vissuti relativi allinfertilità e alla decisione di ricorrere alla riproduzione assistita In questa fase il gruppo rappresenta anche quellutero che desidera accogliere lembrione, ma anche lo spazio dove la parte ovulo di ciascun componente del gruppo potrà incontrare la propria parte spermatozoo e da questo lasciarsi fecondare, ovvero quel luogo dove sperimentare la propria capacità di accoglienza, di ad-gredior, e di trasformazione. sciogliere le proprie tensioni emotive e muscolari accogliere e sostenere il proprio partner lasciarsi accogliere e sostenere dal proprio partner lasciarsi accogliere e sostenere dal gruppo

8 Nellintervento di riproduzione assistita Lapproccio psicocorporeo consente: di elaborare la paura dellintervento di incrementare la capacità e la possibilità di abbandonarsi con fiducia al proprio partner di elaborare i fantasmi di estraneità rispetto al figlio desiderato Durante questa fase viene facilitato lemergere di vissuti relativi alla propria nascita e alla propria gestazione. Strumenti: la respirazione funzionale e la consapevolezza corporea

9 In attesa del risultato Strumenti il pronto soccorso emozionale psicocorporeo: Accoglienza della domanda di aiuto e definizione del problema Raccolta informazioni Definizione delle sensazioni e delle emozioni Definizione dei corrispettivi somatici delle emozioni e sensazioni Respirazione guidata Contatto Verbalizazione dei vissuti emergenti

10 POST ESITO POSITIVO Elaborazione delle emozioni Sostegno alla gravidanza Preparazione al parto Tematiche possibili aspettative e idealizzazioni incontro con il bambino reale percezione di un movimento estraneo comunicazione delle origini favorire la presenza paterna NEGATIVO Elaborazione del lutto in relazione al numero dei tentativi Tematiche possibili perdita del figlio fantasticato riconoscimento, espressione e canalizzazione delle proprie emozioni riprogettazione del futuro


Scaricare ppt "IL SOSTEGNO PSICOLOGICO NELLA PROCREAZIONE ASSISTITA Una proposta psicocorporea Fabio Carbonari psicologo psicoterapeuta Direttore Istituto Reich."

Presentazioni simili


Annunci Google