La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

A.A. 2006-2007 Corso di Politica Sociale Maria Letizia Pruna Ottava lezione Il mercato del lavoro.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "A.A. 2006-2007 Corso di Politica Sociale Maria Letizia Pruna Ottava lezione Il mercato del lavoro."— Transcript della presentazione:

1

2 A.A Corso di Politica Sociale Maria Letizia Pruna Ottava lezione Il mercato del lavoro

3 Il “cuore” del welfare Il “luogo” per eccellenza del welfare è il mercato del lavoro: una istituzione sociale all’interno della quale si costruiscono le condizioni di vita degli individui e il loro livello di benessere, ma anche le loro aspettative e prospettive di vita e la protezione dai rischi sociali su cui potranno contare.

4 Mercato e lavori

5 Principali riferimenti bibliografici A. Accornero, Era il secolo del Lavoro, Il Mulino, Bologna, 1997 A. Accornero, San Precario lavora per noi, Rizzoli, Milano, 2006 U. Beck, Il lavoro nell’epoca della fine del lavoro, Einaudi, Torino, 2000 CNEL, Rapporto sul mercato del lavoro 2003, Roma, Luglio 2004 CNEL, Rapporto sul mercato del lavoro 2004, Roma, Luglio 2005 D. De Masi, Il futuro del lavoro, Rizzoli, Milano, 1999 R. Dore, Il lavoro nel mondo che cambia, Il Mulino, Bologna, 2004

6 L. Gallino, Se tre milioni vi sembran pochi, Einaudi, Torino, 1998 E. Mingione, E. Pugliese, Il Lavoro, Carocci, Roma, 2002 M. Paci, Nuovi lavori, nuovo welfare, Il Mulino, Bologna, 2005 M.L. Pruna, Occupazioni e disoccupazioni, CUEC, Cagliari, 2002 E. Reyneri, Sociologia del mercato del lavoro, Il Mulino, Bologna, 2000 J. Rifkin, La fine del lavoro, Baldini&Castoldi, Milano, 1995 R. Semenza, Le trasformazioni del lavoro, Carocci, Roma, 2004 R. Solow, Il mercato del lavoro come istituzione sociale, Il Mulino, Bologna, 1994 A. Supiot (a cura di), Il futuro del lavoro, Carocci, Roma, 2003

7 Il concetto di mercato del lavoro E’ un luogo virtuale, non uno spazio fisicamente delimitato (non coincide con confini amministrativi) Riguarda una merce particolare, e anche per questo è sottoposto a regole: non può funzionare come qualsiasi altro mercato E’ un’istituzione sociale, nel senso che è incardinato in strutture di relazioni sociali e le regole che lo governano sono definite nel contesto sociale

8 Il mercato del lavoro è…... quel contesto all’interno del quale avviene la compravendita di una merce sui generis, che è la forza lavoro, la capacità lavorativa. Si tratta di un mercato particolare nel quale la “merce” trattata non può essere fisicamente separata dal proprietario/a. Ogni lavoratore o lavoratrice è inseparabile dalla prestazione lavorativa che offre.

9 Ciò implica che… 1.la relazione sociale tra le parti non si esaurisce al momento dello scambio come di solito avviene nello scambio di una qualsiasi merce; 2.la merce oggetto di scambio nel mercato del lavoro non è una merce nata allo scopo di essere venduta (la persona, inscindibile dalla prestazione di lavoro); 3.contrariamente a qualsiasi altra merce, la forza lavoro è in grado di contrattare il proprio prezzo. E’ una merce che ragiona e che si organizza.

10 Il concetto di lavoro Nel linguaggio comune il termine “lavoro” ha almeno due significati differenti, ma solo uno è quello riferito al mercato del lavoro: a) può indicare un'attività in termini "sostanziali", cioè il suo contenuto e significato, indipendentemente dal quadro formale in cui è svolta (per esempio, il lavoro della casalinga). In questa accezione è assimilabile al concetto di “fatica”.

11 b) E’ utilizzato come sinonimo di occupazione, cioè come un'attività sistematica e specializzata che ha come contropartita un reddito piuttosto che il soddisfacimento immediato di un bisogno (per esempio, il cuoco di un ristorante lavora, mentre chi prepara una cena per i propri familiari o per gli amici, anche se compie le stesse operazioni, con eguale attenzione e competenza, non sta lavorando). L’accezione utilizzata nel mercato

12 Lavorare significa svolgere attività che comportano un guadagno monetario? A che cosa facciamo riferimento quando parliamo di lavoro?

13 Non è così semplice... ci sono attività che comportano un guadagno monetario ma che non consideriamo lavori: per esempio, guadagnare attraverso l'affitto di un appartamento, un investimento in borsa, una vincita al gioco… queste stesse attività lucrative diventano lavoro se vengono svolte da un agente immobiliare, un agente finanziario o da un giocatore professionista.

14 Il lavoro inteso come occupazione è quindi indipendente dal contenuto sostanziale dell'attività ed è definito invece dal quadro formale in cui si colloca:  il luogo, l'orario, l'organizzazione, il contratto o la licenza per esercitare l'attività, ecc.

15 Il significato del lavoro Il lavoro rappresenta, ancora oggi, il principale fattore di identità sociale, un importante canale di socializzazione, e la prevalente fonte di reddito, diretta (retribuzioni) e indiretta (pensioni).

16 Il lavoratore, la lavoratrice Persona adulta socialmente integrata ed economicamente autonoma “Viviamo in una società nella quale lo status sociale e la stima in se stessi sono fortemente legati all’occupazione e al reddito”. (R. Solow, 1994)

17 Le diverse componenti dell’identità sociale Il mestiere (il ruolo professionale) Il posto di lavoro (l’organizzazione: l’impresa, l’amministrazione) Il mercato (la domanda delle imprese: le condizioni contrattuali - grado di stabilità e di tutela, livello retributivo, ecc.)

18 L’importanza della stabilità dell’identità sociale Anche il cambiamento di un solo elemento può modificare l’identità sociale di un individuo, ma quando cambiano tutti e tre gli elementi che la compongono può venire compromessa drasticamente. Chi cambia spesso mestiere, posto di lavoro e tipo di contratto, difficilmente può contare su un’identità sociale solida e positiva, e su ciò che questa favorisce (in primo luogo in termini di inserimento socio-economico).

19 Il lavoro non scompare Il lavoro non sta scomparendo. Il lavoro cresce e cambia, occupa uno spazio temporale minore nella vita degli individui (si lavora per un numero inferiore di anni nel corso della vita e per un numero inferiore di ore nel corso dell'anno), ed è cercato e svolto - in forme diverse - da un numero crescente di persone, soprattutto donne.

20 Perché il lavoro cambia La terziarizzazione dell’economia e della società La riduzione della dimensione delle imprese L’innovazione tecnologica e le I.T.C. (Information and Communication Technologies) La globalizzazione dei mercati

21 La condizione di occupazione... Coincide sempre meno con l’inserimento in un’attività lavorativa "standard", cioè con una piena e definitiva inclusione nel sistema produttivo attraverso l’appartenenza stabile ad una specifica organizzazione lavorativa (un’impresa, un’amministrazione), ma si identifica sempre più con un inserimento lavorativo che segue un percorso più o meno graduale e accidentato di stabilizzazione progressiva.

22 ESCLUSI ED INCLUSI Gli esclusi: non sono assimilabili agli “assenti” (gli inattivi) quanto ai “perdenti”: quelli che riescono ad avere solo o soprattutto occasioni di lavoro poco qualificate, poco retribuite, poco stabili e poco tutelate, con ricorrenti e prolungati periodi di totale assenza di lavoro e di reddito. Gli inclusi: non sono semplicemente i “presenti” (quelli che risultano occupati) quanto i “vincenti”: coloro che riescono ad ottenere le condizioni di lavoro soggettivamente migliori (un impiego dipendente o un’attività autonoma, un orario a tempo pieno o uno a tempo parziale, a seconda delle aspirazioni o delle necessità).

23 La crescente divisione tra perdenti e vincenti è legata alla regolazione più recente del mercato del lavoro, che tende ad accentuare i comportamenti competitivi e a disabilitare quelli solidaristici. Dove si compete è inevitabile che ci siano quelli che vincono e quelli che perdono. Perdenti e vincenti

24 Per poco o per sempre... Esclusione e inclusione lavorativa possono entrambe configurarsi come condizioni transitorie o come veri e propri destini, che si determinano nei percorsi verso il lavoro (cioè nel periodo della formazione scolastica) e attraverso i lavori (cioè nella composizione delle esperienze lavorative, più o meno coerente e professionalizzante). Il grado e la qualità dell'istruzione acquisita rappresentano un elemento fondamentale nella definizione dei destini personali, e non solo lavorativi.

25 Il tempo La durata delle condizioni di svantaggio diventa un elemento fondamentale per distinguere la condizione di esclusione da quella di inclusione.

26 Occorre intervenire sul tempo... Ridurre la durata della disoccupazione, ridurre la durata dell’incertezza. Non è il semplice fatto di cercare un lavoro che costituisce un problema sociale, come non lo è il fatto di avere un lavoro non stabile: il problema nasce quando le persone devono cercare un lavoro per due anni invece che per due mesi, o quando sono costrette a svolgere lavori instabili per molti anni invece che solo occasionalmente.

27 Anche per prolungarlo… Aumentare la durata media delle esperienze di lavoro : in tre anni si acquisiscono competenze, si instaurano relazioni sociali, si chiariscono attitudini e aspirazioni, si imparano le regole del mercato, si rafforza la capacità di inserimento. INVECE in tre mesi non si riesce ad imparare gran che, né si ha il tempo di costruire relazioni; non si possono consolidare in modo significativo le proprie capacità, ed è molto più difficile comporre un percorso coerente.

28 ...e occorre intervenire sulle situazioni ricorrenti Un'altra dimensione determinante nella creazione di esclusione o inclusione è costituita dalla ricorrenza delle situazioni di svantaggio o vantaggio.

29 Affrontare un periodo di disoccupazione non rappresenta una difficoltà estrema per nessuno, ma diventa un problema sociale - e molto grave - quando periodi di disoccupazione ricorrono ripetutamente nella vita dei medesimi individui. Allo stesso modo, il fatto di avere qualche esperienza di lavoro "atipico" non è di per sé un problema, ma lo diventa quando questo tipo di occupazione costituisce l'unica occasione ricorrente di lavoro per determinate categorie sociali, cioè quando l’instabilità del lavoro si concentra su alcuni rendendo precaria la loro esistenza. Dalle difficoltà temporanee ai problemi sociali


Scaricare ppt "A.A. 2006-2007 Corso di Politica Sociale Maria Letizia Pruna Ottava lezione Il mercato del lavoro."

Presentazioni simili


Annunci Google