La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

P EDAGOGIA SPERIMENTALE Docente Dott.ssa Antonia Stefanelli a.a.2011-2012 Università degli Studi Firenze Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "P EDAGOGIA SPERIMENTALE Docente Dott.ssa Antonia Stefanelli a.a.2011-2012 Università degli Studi Firenze Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea."— Transcript della presentazione:

1 P EDAGOGIA SPERIMENTALE Docente Dott.ssa Antonia Stefanelli a.a Università degli Studi Firenze Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Fisioterapia

2 LE COMPETENZE DELLE PROFESSIONI SANITARIE Commissione Regionale per la formazione sanitaria.

3 Regione Toscana lifelong learning Parlamento Europeo (2006): Programma dazione nel campo dellapprendimento permanente,Regioni e Provincie Europee impegnate sui temi delleducazione, della formazione e del lavoro allinterno di una strategia di lifelong learning

4 Una formazione su misura, grazie al catalogo on line che permette di personalizzare il percorso sulla base delle esigenze di aggiornamento e realizzazione professionale dei singoli lavoratori e del mercato del lavoro. Orientamento e supporto nella scelta e garanzia di qualità sono gli elementi sui quali si basa il catalogo, che può essere utilizzato anche come guida per reperire informazioni anche su altri siti in modo da avere un panorama completo dell'offerta: formazione regionale gratuita, formazione riconosciuta a pagamento, formazione a distanza tramite il progetto TRIO.progetto TRIO Catalogo regionale dell'offerta formativa

5 Secondo Le Boterf, …la competenza esprime una relazione tra un soggetto e una specifica situazione lavorativa; essa scaturisce dallanalisi del soggetto in azione, dalla considerazione del tipo di risorse che mette in campo e dalla modalità con cui le combina per raggiungere i risultati di volta in volta richiesti. Guy Le Boterf, consulente e direttore de "Le Boterf Conseil" è esperto di gestione e sviluppo delle ris orse

6 Nel creare dispositivi formativi che vogliano essere al passo con le attuali esigenze occorre tenere docchio tre linee guida precise, avere ben chiaro cosa ci viene richiesto per formare alle competenze Ricordiamo le tre componenti della Competenza: La Conoscenza, cioè lambito del sapere concettuale LAbilità (o Skill), cioè laspetto operativo della competenza Il Comportamento (o modo dagire), cioè la parte relativa al modo di eseguire le attività che incide sui rapporti con gli altri e sullefficacia della mobilitazione dellintera competenza stessa. Queste tre componenti sono strettamente legate tra loro e vanno a costituire gli ambiti complessi del SAPERE AGIRE

7 Tre grandi categorie di operazioni che la persona compie nel lavorare, fondate su processi di diversa natura : COGNITIVI EMOTIVI RELAZIONALI E MOTORI

8 TRA LE COMPONENTI DELLAGIRE COMPETENTE NEL SISTEMA OPERATIVO RISORSE COGNITIVE CONOSCENZE ESIGENZE CONTESTO LAVORATIVO RISORSE PSICO SOCIALI VALOR ATTEGGIAMENTI MOTIVAZIONI IDENTITA PERSONA

9 E lespressione usata per denominare un vasto insieme di abilità della persona, implicate in numerosi tipi di compiti lavorativi, dai più elementari ai più complessi, ed esplicate in situazioni operative tra loro diverse. abilità di carattere generale, a largo spettro, relative ai processi di pensiero e cognizione, alle modalità di comportamento nei contesti sociali e di lavoro, alle modalità e capacità di riflettere e di usare strategie di apprendimento e di auto-correzione della condotta. LE COMPETENZE TRASVERSALI

10 Tali abilità connotano il modo di impostare e di regolare la personale esperienza di lavoro e si specificano ulteriormente e progressivamente nel corso dell apprendimento on the job e della storia lavorativa della persona. COMPETENZE TRASVERSALI sono le capacità comunicative e relazionali che ogni professionista dovrebbe possedere in qualunque settore professionale e che acquisisce durante larco della vita in contesti di educazione formale, non formale e informale. Queste riguardano larea gestionale, innovativa e relazionale

11 Il grado di padronanza con cui il soggetto gestisce queste competenze non solo influenza e modula la qualità della sua prestazione attraverso le strategie che è in grado di mettere in atto, ma influisce sulla qualità e sulle possibilità di sviluppo delle sue risorse (conoscenze, cognizioni e rappresentazioni, elementi di identità) attraverso la qualità delle informazioni che è in grado di raccogliere, delle relazioni che sa instaurare, dei feed-back che riesce a ottenere e di come sa utilizzarli per riorganizzare la sua conoscenza e capacità operativa.

12 Le competenze trasversali fanno dunque riferimento ad operazioni fondamentali proprie di qualunque persona posta di fronte ad un compito o a un ruolo lavorativo (e non): diagnosticare (la situazione, il compito, il ruolo organizzativo, il problema, se Stesso), relazionarsi con altri per rispondere alle richieste della situazione lavorativa (fatta di persone, macchine e strumenti, regole, procedure, ecc.) affrontare le richieste specifiche (della situazione, del compito, del problema, del ruolo), riflettere sul proprio agire e sulle esperienze vissute nella vita professionale e lavorativa.

13

14

15 AREA GESTIONALE

16 Realizzare un processo di autodiagnosi Definire i propri punti di forza e di debolezza Valutare le proprie risorse, abilità ed esperienze Ricostruire la propria esperienza professionale Ricostruire le proprie strategie di azione Valutare i propri processi di pensiero e il proprio stile cognitivo Diagnosticare le proprie competenze

17 Affrontare e risolvere i problemi Interpretare informazioni da fonti diverse Definire obiettivi, risultati attesi e ambiti di azione possibili Valutare vincoli e risorse del contesto in relazione agli obiettivi da raggiungere Valutare le conseguenze delle azioni progettate per affrontare un problema o una situazione Applicare la strategia di azione progettata Definire criteri e modalità per monitorare i piani di azione Definire criteri e modalità per valutare i risultati di una strategia di azione

18 Orientare al risultato Identificare chiaramente l'obiettivo da perseguire Identificare le strategie necessarie al raggiungimento dell'obiettivo Fissare con chiarezza le mete e le tappe fondamentali per raggiungere l'obiettivo Mettere in atto un atteggiamento costante e fermo nei propositi e nelle azioni Insistere fino all'espletamento del compito Superare le resistenze al cambiamento sviluppando una modalità d'approccio positivo al momento di transizione

19 Organizzare le proprie attività Definire i compiti da svolgere Definire le priorità Identificare le risorse Definire una visione d'insieme delle situazioni Ottimizzare il tempo in relazione alle attività da svolgere Controllare l'andamento del percorso prescelto

20 AREA RELAZIONALE

21 Comunicare Costruire presentazioni di sé adeguate al contesto Decodificare efficacemente messaggi verbali e non verbali Esprimere sentimenti ed emozioni in modo adeguato al contesto Valutare gli effetti delle proprie modalità comunicative verbali e non verbali Utilizzare stili comunicativi differenziati Pianificare una strategia comunicativa Utilizzare i feedback per modificare la strategia comunicativa in tempo reale Valutare gli effetti dello stile comunicativo adottato sul comportamento dell'interlocutore

22 Lavorare in gruppo Riconoscere i principali fenomeni dell'interazione di gruppo Riconoscere le proprie modalità di interazione comunicativa Adottare una modalità comunicativa che favorisca la comprensione del punto di vista altrui Inserirsi in modo efficace in una rete comunicativa Esprimere percezioni sentimenti e opinioni di fronte agli altri Confrontare con altri la propria rappresentazione di un problema o di una situazione Utilizzare tecniche di problem solving collettivo Concertare soluzioni Adottare modalità cooperative nella realizzazione dei prodotti collettivi

23 Negoziare Diagnosticare situazioni di conflitto interpersonale e di gruppo Valutare vincoli e risorse della situazione negoziale Differenziare modalità e stili di negoziazione in relazione a un contesto e agli scopi da raggiungere Utilizzare modalità di comunicazione persuasiva Fronteggiare situazioni di conflitto Gestire efficacemente l'ansia

24 AREA INNOVATIVA

25 Sviluppare soluzioni creative Produrre soluzioni creative Utilizzare percorsi alternativi rispetto alla logica ordinaria Sostenere le proprie ipotesi di soluzione Potenziare l'autoapprendimento Utilizzare strategie efficaci di apprendimento Ricostruire le proprie esperienze formative, professionali, personali Utilizzare criteri di valutazione delle proprie azioni e prestazioni Applicare le tecniche per potenziare l'apprendimento


Scaricare ppt "P EDAGOGIA SPERIMENTALE Docente Dott.ssa Antonia Stefanelli a.a.2011-2012 Università degli Studi Firenze Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea."

Presentazioni simili


Annunci Google