La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Da ET 2010 a ET 2020 Un quadro di riferimento per i processi valutativi e la dimensione europea dellistruzione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Da ET 2010 a ET 2020 Un quadro di riferimento per i processi valutativi e la dimensione europea dellistruzione."— Transcript della presentazione:

1

2 Da ET 2010 a ET 2020 Un quadro di riferimento per i processi valutativi e la dimensione europea dellistruzione.

3

4

5

6

7 IMPORTANZA DELLE COMPETENZE NELLAMBITO DELLA

8 Una forte autonomia per gestire processi innovativi; Flessibilità; Prontezza nell individuare in tempi brevi, spesso brevissimi, i problemi e le soluzioni coerenti; Controllo nella gestione di imprevisti; Capacità di assumere decisioni e di gestirle efficacemente (con coerenza e lucidità).

9 Suddivisione delle competenze dellISFOL in tre macro categorie "componibili" ritenute fondamentali per l'occupabilità delle persone e per garantire il diritto alla formazione come diritto di cittadinanza. Costituiscono il "sapere minimo", sostanzialmente indipendente dai processi operativi concreti nei quali il soggetto è impegnato nell'esercizio del suo lavoro. Rientrano in questo macro settore le conoscenze che provengono dalla frequenza di un istituto di istruzione almeno fino all'obbligo scolastico; la conoscenza e l'uso delle strumentazioni informatiche, almeno a livello base; la comunicazione elementare in una lingua straniera (preferibilmente l'inglese); la conoscenza dei propri diritti di cittadino e di lavoratore. COMPETENZE DI BASE:

10 non connesse specificatamente ad una determinata attività o posizione lavorativa, ma messe in gioco in diverse situazioni. Da queste dipende la possibilità degli individui di esprimere comportamenti professionali "abili" o "esperti". Sono competenze legate alla capacità di comunicazione, alla capacità di diagnosi, di prendere decisioni, di problem solving. Nell'ambito del modello delle Unità Formative Capitalizzabili (UFC) sono cruciali ai fini della trasferibilità delle competenze da un ambito professionale all'altro.

11 Entrano a far parte delle competenze trasversali anche quelle legate alla immaterialità della conoscenza e dell'apprendimento e alla capacità relazionale della persona e servono soprattutto per l'acquisizione di procedure e regole necessarie per affrontare situazioni nuove. La competenza trasversale è considerata la più produttiva. Essa consiste soprattutto nel rendere più efficaci regole e procedure, per meglio utilizzarle in un vasto ambito di situazioni.

12 la competenza professionale è caratterizzata da due dimensioni fondamentali: quella individuale (le caratteristiche dell'individuo che si riflettono sul suo comportamento lavorativo) quella contestualizzata (l'ambito entro cui si esplicano i comportamenti lavorativi). Le competenze tecnico-professionali sono costituite dalle conoscenze ("i saperi") e dalle tecniche operative specifiche di una certa attività professionale, che il soggetto deve presidiare per agire con "abilità.

13 Le competenze come "SKILLS IN CONTEXT" in quanto le conoscenze/capacità dell'individuo da sole non bastano a spiegare un comportamento lavorativo efficace, ma esse vanno riferite ad un contesto in cui vengono esercitate. Le competenze come risultato di un continuo processo di costruzione attiva operato dalla persona in relazione all'ambiente in cui agisce.

14 PROSPETTIVA DI UNA FORMAZIONE CONTINUA, PER IMPLEMENTARE:

15 L'approccio alle competenze base da parte del sistema formativo europeo: LE OTTO COMPETENZE CHIAVE 1.comunicazione nella madrelingua; 2.comunicazione nelle lingue straniere; 3.competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia; 4.competenza digitale; 5.imparare a imparare; 6.competenze interpersonali, interculturali e sociali e competenza civica; 7.imprenditorialità 8.espressione culturale.

16 LE COMPETENZE DI CITTADINANZA Imparare ad imparare (organizzare il proprio apprendimento, individuando, scegliendo ed utilizzando varie fonti e varie modalità di informazione e di formazione anche in funzione dei tempi disponibili, delle proprie strategie e del proprio metodo di studio e di lavoro). Progettare (elaborare e realizzare progetti riguardanti lo sviluppo delle proprie attività di studio e di lavoro, utilizzando le conoscenze apprese per stabilire obiettivi significativi e realistici e le relative priorità, valutando i vincoli e le possibilità esistenti, definendo strategie di azione e verificando i risultati raggiunti). Comunicare o comprendere messaggi di genere diverso (quotidiano, letterario, tecnico, scientifico) e di complessità diversa, trasmessi utilizzando linguaggi diversi (verbale, matematico, scientifico, simbolico, ecc.) mediante diversi supporti (cartacei, informatici e multimediali) o rappresentare eventi, fenomeni, principi, concetti, norme, procedure, atteggiamenti, stati danimo, emozioni, ecc. utilizzando linguaggi diversi (verbale, matematico, scientifico, simbolico, ecc.) e diverse conoscenze disciplinari, mediante diversi supporti (cartacei, informatici e multimediali ).

17 Collaborare e partecipare (interagire in gruppo, comprendendo i diversi punti di vista, valorizzando le proprie e le altrui capacità, gestendo la conflittualità, contribuendo allapprendimento comune ed alla realizzazione delle attività collettive, nel riconoscimento dei diritti fondamentali degli altri). Agire in modo autonomo e responsabile (sapersi inserire in modo attivo e consapevole nella vita sociale e far valere al suo interno i propri diritti e bisogni riconoscendo al contempo quelli altrui, le opportunità comuni, i limiti, le regole, le responsabilità). Risolvere problemi (affrontare situazioni problematiche costruendo e verificando ipotesi, individuando le fonti e le risorse adeguate, raccogliendo e valutando i dati, proponendo soluzioni utilizzando, secondo il tipo di problema, contenuti e metodi delle diverse discipline). Individuare collegamenti e relazioni (individuare e rappresentare, elaborando argomentazioni coerenti, collegamenti e relazioni tra fenomeni, eventi e concetti diversi, anche appartenenti a diversi ambiti disciplinari, e lontani nello spazio e nel tempo, cogliendone la natura sistemica, individuando analogie e differenze, coerenze ed incoerenze, cause ed effetti e la loro natura probabilistica). Acquisire ed interpretare linformazione: acquisire ed interpretare criticamente l'informazione ricevuta nei diversi ambiti ed attraverso diversi strumenti comunicativi, valutandone lattendibilità e lutilità, distinguendo fatti e opinioni.

18 L'U.E rappresenta la prosecuzione del ciclo della strategia di Lisbona che si conclude nel 2010, la strategia di riforma dell'Unione Europea dellultimo decennio che ha aiutato l'Unione ad attraversare la tempesta della recente crisi. LE NUOVE SFIDE 1.una crescita basata sulla conoscenza come fattore di ricchezza e sul potenziamento della coesione sociale attraverso listruzione, la ricerca e leconomia digitale; 2.il coinvolgimento dei cittadini in una società partecipativa attraverso lacquisizione di nuove competenze, la creatività e linnovazione, lo sviluppo dellimprenditorialità; 3.uneconomia competitiva, interconnessa e più verde.


Scaricare ppt "Da ET 2010 a ET 2020 Un quadro di riferimento per i processi valutativi e la dimensione europea dellistruzione."

Presentazioni simili


Annunci Google