La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dr. Aldo DArco, Direttore DSM AUSL 8 Arezzo in collaborazione con dott.ssa Elisabetta Truglia, medico psichiatra DSM Arezzo e dott.ssa Antonella Della.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dr. Aldo DArco, Direttore DSM AUSL 8 Arezzo in collaborazione con dott.ssa Elisabetta Truglia, medico psichiatra DSM Arezzo e dott.ssa Antonella Della."— Transcript della presentazione:

1 Dr. Aldo DArco, Direttore DSM AUSL 8 Arezzo in collaborazione con dott.ssa Elisabetta Truglia, medico psichiatra DSM Arezzo e dott.ssa Antonella Della Pepa, medico psichiatra

2 Classificazione delle demenze Demenze con prevalente coinvolgimento corticale Demenze con prevalente coinvolgimento sottocorticale Demenza di Alzheimer Demenza frontale e frontotemporale (associate a malattia di Pick) Demenza vascolare corticale Demenza vascolare sottocorticale Demenza con corpi di Lewy Parkinson-demenza Corea di Huntington

3 Sintomi delle demenze (1) Sintomi cognitivi deficit della memoria (compromissione della capacità di apprendere o di ricordare) afasia (alterazione del linguaggio) aprassia (compromissione della capacità di eseguire attività motorie) agnosia (incapacità di riconoscere o identificare oggetti) disturbi delle funzioni cognitive (pianificare, ordinare, ordinare in sequenza, astrarre) Sintomi non cognitivi o sintomi psichiatrici o sintomi psicologici e comportamentali (BPSD = Behavioural and Psychological Symptoms in Dementia)

4 Sintomi delle demenze (2) Sintomi cognitivi sono sintomi primari, diretta conseguenza del processo morboso cerebrale Sintomi psichiatrici spesso si tratta di sintomi secondari, espressione di un tentativo di adattamento del soggetto ai sintomi primari e al deficit di funzionamento che ne consegue

5 Caratteristiche generali dei sintomi psichiatrici delle demenze I sintomi non-cognitivi disturbano sia i pazienti che i caregivers: necessità di assistenza continua presenza di patologia psichiatrica nei caregivers I sintomi non-cognitivi sono la prima causa di istituzionalizzazione: ricoveri impropri rischio iatrogeno di delirium I sintomi non-cognitivi incrementano la spesa sanitaria: interventi di urgenza ricoveri interventi specialistici farmaci costosi I sintomi non-cognitivi sono soggetti ad interventi errati con esiti negativi

6 Approccio Diagnostico-Categoriale ai sintomi psichiatrici delle demenze Depressione della Demenza di Alzheimer Psicosi della Demenza di Alzheimer Apatia della Demenza di Alzheimer Delirium in corso di demenza

7 Approccio Sintomatologico-Dimensionale ai sintomi psichiatrici delle demenze (1) modificazioni della personalità indifferenza apatia disinibizione irritabilità sintomi affettivi depressione, disforia, euforia ansia labilità emotiva agitazione e disturbi dellattività psicomotoria affaccendamento (wandering behaviour) aggressività verbale o fisica vocalizzazione persistente

8 Approccio Sintomatologico-Dimensionale ai sintomi psichiatrici delle demenze (2) sintomi psicotici deliri allucinazioni sintomi neurovegetativi alterazioni del ritmo sonno-veglia alterazioni dellappetito alterazioni del comportamento sessuale altri reazione catastrofica confabulazione collezionismo Binetti et al, 1998

9 Sono richiesti almeno tre sintomi I criteri includono la presenza di irritabilità, isolamento o ritiro sociale I criteri di perdita di interesse o di piacere riflettono diminuito piacere in risposta a contatti sociali ed attività usuali Sono frequenti pensieri ricorrenti di morte, ideazione suicidiaria, specialmente nei quadri iniziali di demenza. Depressione della Demenza di Alzheimer Olin et al. 2002; Lee et al. 2003

10 Diagnosi differenziale tra demenza e pseudodemenza depressiva (1) Demenza insorgenza insidiosa progressione lenta paziente non consapevole confabulazioni il paziente sminuisce le disabilità comportamento congruo allentità del deficit Pseudodemenza insorgenza improvvisa progressione rapida paziente consapevole disturbi della memoria il paziente enfatizza la disabilità comportamento spesso incongruo allentità del deficit

11 Diagnosi differenziale tra demenza e pseudodemenza depressiva (2) Demenza spesso mancanza di risposte peggioramenti notturni umore incongruo scarsi sintomi vegetativi precedenti psichiatrici non frequenti rischio di suicidio basso Pseudodemenza risposte globali (es. non so) non variazioni notturne umore depresso frequenti sintomi vegetativi presenza di precedenti psichiatrici rischio di suicidio elevato

12 Presenza di perdita di motivazione e iniziativa in ognuno dei seguenti ambiti: a) diminuzione di comportamenti diretti a uno scopo b) diminuzione di attività cognitive dirette a uno scopo (diminuzione dellinteresse nellapprendere nuove cose o nuove esperienze, riduzione dellinteresse per i propri problemi) c) diminuzione di aspetti correlati al comportamento diretto a uno scopo (riduzione della risposta emotiva a eventi positivi e negativi) Apatia nella Demenza di Alzheimer Starkstein et al 2001

13 Presenza di uno (o più) dei seguenti sintomi: - allucinazioni - deliri I sintomi non erano presenti fino allinizio dei sintomi di demenza I sintomi sono stati presenti, almeno in modo intermittente, per almeno un mese Caratteristiche associate agitazione sintomi negativi depressione La Psicosi della Demenza di Alzheimer Jeste & Finkel, 2000

14 Delirium (1) Fattori di rischio: età avanzata demenza ospedalizzazione eventi stressanti Caratteristiche cliniche (1) insorgenza acuta decorso fluttuante: sundownining, alterazioni del ritmo sonno-veglia

15 Delirium (2) Caratteristiche cliniche (2) alterazione dello stato di coscienza: iperallerta; letargia, stupor, coma deficit di attenzione deficit di memoria disorientamento disturbi del pensiero: ridotta capacità di giudizio, disorganizzazione, delirio dispercezioni labilità emotiva

16 Diagnosi differenziale del Delirium esordio decorso stato di coscienza e orientamento attenzione e memoria sintomi psicotici Delirium acuto fluttuante confuso disorientato memoria a breve termine compromessa, disturbo della attenzione frequenti Demenza insidioso progressivo mantenuti fino agli ultimi stadi memoria a breve termine compromessa, disturbo della attenzione meno frequenti Bouffé delirante acuto fluttuante stato oniroide orientato memoria non compromessa, attenzione diminuita frequenti

17 Sintomi psichiatrici nelle demenze: definizioni (1) Modificazioni della personalità E frequente che la demenza si manifesti precocemente con alterazioni del carattere, generalmente nel senso di una accentuazione dei tratti caratteristici della personalità, talvolta con la comparsa di caratteristiche opposte Dal punto di vista psicopatologico, si può interpretare laccentuazione di caratteristiche preesistenti come un tentativo del soggetto di riconfermare la propria identità, la comparsa di tratti opposti come un tentativo di adattamento ad una situazione mutata, con la ricostruzione di una nuova identità

18 Sintomi psichiatrici nelle demenze: definizioni (2) Alterazioni dellumore Lumore è quasi sempre alterato; la depressione è il sintomo più frequente; si possono osservare anche disforia, euforia, ansia, labilità emotiva Dal punto di vista psicopatologico si può interpretare la depressione come una reazione comprensibile alla situazione, caratteristica dellinvecchiamento, caratterizzata dalla perdita (della forza, della salute, delle persone care, del ruolo, dellautonomia...), la mania come una negazione della perdita

19 Sintomi psichiatrici nelle demenze: definizioni (3) Affaccendamento Aumento dellattività motoria afinalistica, fino alla manipolazione inconcludente di tutti gli oggetti che capitano sotto mano; tipica è la spinta verso casa, che si osserva quando il soggetto si trova in ambienti non familiari e che lo induce a raccogliere tutto ciò che trova ed a farne fagotto per andare a casa ; frequente è lirrequietezza motoria, che può sfociare in in incremento deambulatorio simil- acatisiaco (continuo, senza scopo, con impossibilità di stare fermo) (wandering behaviour) La spinta verso casa è una reazione comprensibile tenendo conto del disorientamento spazio-temporale e dei deficit mnesici

20 Sintomi psichiatrici nelle demenze: definizioni (4) Aggressività Può essere verbale o fisica, diretta contro cose o contro persone In genere è espressione di rabbia, frustrazione o timore, talvolta non immediatamente comprensibili, dovuti ad erronea interpretazione delle situazioni o dei comportamenti altrui Vocalizzazione persistente Il soggetto dice o domanda le stesse cose più volte o si lamenta in maniera continua Dipende dal deficit di memoria e della capacità critica

21 Sintomi psichiatrici nelle demenze: definizioni (5) Dispercezioni Possono essere secondarie allalterazione dellattenzione o dello stato di coscienza, come le illusioni o i falsi riconoscimenti, oppure francamente allucinatorie, prevalentemente di tipo visivo o uditivo; non rare le allucinazioni ipnagogiche, soprattutto quando il ritmo sonno- veglia è alterato Le allucinazioni vere e proprie sono probabilmente espressione del danno cerebrale causato dal processo morboso

22 Sintomi psichiatrici nelle demenze: definizioni (6) Disturbi del contenuto del pensiero Possono essere idee prevalenti o vere e proprie idee deliranti, che non raggiungono mai una sistematizzazione Possono essere sviluppi di personalità, conseguenti a disturbi della memoria, a disturbi percettivi, al ridotto apporto sensoriale e/o sociale; i contenuti dei deliri esprimono spesso delle preoccupazioni comprensibili (il delirio di latrocinio si collega al tema della perdita, spostato su oggetti materiali e vissuto in chiave paranoica anziché depressiva; il delirio di gelosia esprime il timore di perdere le persone care; il delirio di nocumento/veneficio e il delirio ipocondriaco si collegano al timore della perdita della salute e della morte; il delirio di Cotard esprime la negazione del timore della morte)

23 Sintomi psichiatrici nelle demenze: definizioni (7) Confabulazione Produzione di falsi ricordi a riempimento delle lacune mnesiche del passato recente; questa neoproduzione, accurata e fantasiosa, attinge a diversi frammenti mnemonici dellesperienza passata, agli stimoli dellambiente ed è tipicamente influenzabile per via suggestiva E un tentativo di mantenere la continuità nel tempo e quindi il senso di sé nonostante i deficit mnesici

24 Sintomi psichiatrici nelle demenze: definizioni (8) Reazioni catastrofiche Reazioni eccessive a piccoli contrattempi o critiche di poco conto: il soggetto può gridare, fare accuse irragionevoli, agitarsi, diventare molto testardo, cominciare a piangere o ridere in maniera incongrua Collezionismo Continua e incessante raccolta ed accumulo di oggetti, generalmente irrilevanti e di nessuna utilità Tentativo di reazione timore della perdita, alimentato dalle perdite reali e dai deficit mnesici

25 Sintomi psichiatrici nelle demenze: definizioni (9) Disturbi del sonno Difficoltà nelladdormentamento, risvegli precoci o frequenti durante la notte, inversione del ritmo sonno- veglia Linsonnia iniziale può rientrare in un quadro ansioso, linsonnia terminale può essere una delle manifestazioni di una sindrome depressiva; linversione del ritmo sonno-veglia è probabilmente legata ad unalterazione dei centri neurologici che regolano i ritmi circadiani, dovuta al processo morboso cerebrale

26 Sintomi psichiatrici nelle demenze: definizioni (10) Disturbi dellappetito Riduzione dellappetito, meno frequente iperfagia e iperoralità La riduzione dellappetito può rientrare in un quadro depressivo, laumento dellappetito e liperoralità in un quadro di disinibizione, come negazione della depressione o conseguenza del processo morboso Disturbi della sessualità Riduzione-assenza del desiderio sessuale nei quadri depressivi; ipersessualità anche con comportamenti socialmente inopportuni nei quadri di di euforia- disinibizione

27 I sintomi psichiatrici nella Demenza di Alzheimer (AD) (1) Prevalenza: 50-80% In generale i sintomi psicotici sembrano essere poco persistenti, ma sembrano aggravarsi con laggravarsi del declino cognitivo. Le allucinazioni, in particolare, sono poco frequenti nella fase iniziale di malattia, ma tendono ad aggravarsi durante tutto il decorso.

28 I sintomi psichiatrici nella Demenza di Alzheimer (AD) (2) La prevalenza di depressione nella fase preclinica di malattia o Mild Cognitive Impairment (MCI), circa 39 % dei casi, risulta intermedia tra quella riscontrata nella popolazione generale e quella riscontrata nei soggetti con diagnosi di AD. L'apatia è la dimensione comportamentale più grave nei pazienti con AD nella fase iniziale di malattia. Più del 50% dei pazienti con AD soffre di apatia al momento della prima valutazione clinica. L'apatia si aggrava parallelamente all'aggravarsi del deficit cognitivo. (Spalletta et al, 2004; Starkstein et al, 2006)

29 Prevalenza: >80% mancanza di consapevolezza di malattia compromissione dell'intelligenza sociale –variante temporale: compromissione dellaffiliazione sociale: freddezza interpersonale senza perdita della dominanza sociale –variante frontale compromissione della dominanza: soggetto docile e sottomesso senza perdita della modulazione affettiva nelle relazioni interpersonali disinibizione apatia I sintomi psichiatrici nella Demenza Frontotemporale

30 I sintomi psichiatrici nella Demenza con Corpi di Lewy Prevalenza: 40-75% Frequenti le allucinazioni visive presenti precocemente emergono spontaneamente consistono in immagini di persone od animali vivide e formate da colori brillanti contengono caratteristiche spesso drammatiche frequenza giornaliera, settimanale o mensile risposta dei pazienti variabile

31 I sintomi psichiatrici nella Demenza vascolare Prevalenza: 45-72% Frequenti soprattutto nella fase precoce di malattia depressione (più frequente che nellAD) apatia (più frequente che nellAD) labilità emotiva (più frequente che nellAD) ansia irrequietezza aggressività alterazioni del ritmo sonno-veglia deliri (in genere di persecuzione) (meno frequenti che nellAD) allucinazioni (in particolare visive) (meno frequenti che nellAD)

32 I sintomi psichiatrici nel Parkinson-Demenza disturbi dellumore prevalenza variabile a seconda del tipo di rilevazione; depressione: 25-70% disturbi dansia non strutturati, prevalenza elevata disturbi psicotici spesso patogenesi iatrogena deliri: 3-17% allucinazioni: 6-38% delirium 5-25%; in genere agitato

33 Quadro della depressione nel Parkinson-Demenza gravità lieve o moderata frequente ideazione suicidiaria ma basso tasso di passaggio allatto più frequenti: ansia, tristezza, pessimismo, irritabilità meno frequenti: autosvalutazione, incapacità, colpa rari: deliri depressivi

34 I sintomi psicotici nel Parkinson-Demenza Deliri in genere di tipo paranoideo da dopa-agonisti visive ben strutturate in assenza di deliri o confusione scarsa componente emozionale spesso stereotipate comparsa serale da anticolinergici visive poco strutturate associate a deliri o confusione con emozioni angoscianti Allucinazioni

35 I sintomi psichiatrici nella Corea di Huntington nella fase iniziale: ansia, irritabilità successivamente: comportamento psicopatico (aggressività, promiscuità sessuale, eccessivo consumo di alcolici) più tardivamente: apatia relativamente frequente il suicidio (8%), che, in oltre la metà dei casi, si verifica nelle prime fasi di malattia comuni le idee deliranti (persecuzione, grandezza, malattia)

36 Conclusioni I sintomi psichiatrici sono presenti spesso nella fase preclinica delle demenze I sintomi psichiatrici sono causa di disabilità I sintomi psichiatrici devono sempre essere valutati I sintomi psichiatrici possono essere utili per la diagnosi differenziale I sintomi psichiatrici dovrebbero essere sempre trattati nella maniera appropriata


Scaricare ppt "Dr. Aldo DArco, Direttore DSM AUSL 8 Arezzo in collaborazione con dott.ssa Elisabetta Truglia, medico psichiatra DSM Arezzo e dott.ssa Antonella Della."

Presentazioni simili


Annunci Google