La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL PIL, IL BENESSERE, LECONOMIA E LA STATISTICA QUALCHE SPUNTO DI RIFLESSIONE PER LUE Stefano Palmieri Convitto Nazionale Vittorio Emanuele II – Roma,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL PIL, IL BENESSERE, LECONOMIA E LA STATISTICA QUALCHE SPUNTO DI RIFLESSIONE PER LUE Stefano Palmieri Convitto Nazionale Vittorio Emanuele II – Roma,"— Transcript della presentazione:

1 IL PIL, IL BENESSERE, LECONOMIA E LA STATISTICA QUALCHE SPUNTO DI RIFLESSIONE PER LUE Stefano Palmieri Convitto Nazionale Vittorio Emanuele II – Roma, 14 gennaio 2012

2 PIL BENESSERE STATISTICA ECONOMIA

3 DALLA CRESCITA ECONOMICA AL PROGRESSO: QUALI INDICATORI? IL CAMBIAMENTO DEL MODELLO DI RIFERIMENTO DI SVILUPPO UNA RIFLESSIONE PER LUNIONE EUROPEA

4 DALLA CRESCITA ECONOMICA AL PROGRESSO: QUALI INDICATORI?

5 Fase globale Indicatori economici + Indicatori sociali + Indicatori ambientali Fase sociale Indicatori economici + Indicatori sociali Fase materialista Indicatori economici Dalla crescita economica al progresso della società: una traiettoria complessa Sono più di 40 anni che è in corso lelaborazione di nuovi indici sintetici, alternativi o più semplicemente complementari, rispetto al tradizionale indicatore della crescita economica: il Prodotto Interno Lordo (PIL)

6 PIL COSA? PRODOTTO INTERNO LORDO VOLUME DELLE MERCI E DEI SERVIZI PRODOTTI DA UNA NAZIONE IN UN DETERMINATO MOMENTO

7 Fase materialista PIL come strumento di misurazione specializzato su un segmento particolare di attività di una società: attività essenzialmente di mercato. PIL come indicatore che solo attraverso uninterpretazione pigra poteva essere scambiato daindicatore di produzione ad indicatore del benessere di una società. Lo stesso Simon Kuznets – al quale si deve la diffusione del PIL negli Stati Uniti (1934) – aveva messo in guardia sui possibili abusi o fraintendimenti a cui poteva incorrere lutilizzo distorto di tale strumento, preoccupandosi di delimitarne i limiti di intervento. 7

8 LA FORTUNA DEL PIL LA GRANDE DEPRESSIONE DEGLI ANNI TRENTA LA SECONDA GUERRA MONDIALE

9 MANCA QUALCOSA? MANCANO UN SACCO DI COSE……..

10 PIL = INDICATORE DEL BENESSERE DI UNA NAZIONE O DEL SUO PROGRESSO ? SI…e…. NO

11 Gapminder……… ….vediamo come

12 IL PIL SEMBREREBBE QUINDI UN OTTIMO INDICATORE….

13 PARADOSSO DI EASTERLIN (1974) OLTRE UN DETERMINATO LIVELLO DEL REDDITO DI UNA NAZIONE ULTERIORI LIVELLI DI CRESCITA DEL REDDITO NON CORRISPONDONO AD ULTERORI LIVELLI DI BENESSERE OSSIA: ….CRESCE IL REDDITO MA….. NON CRESCE IL BENESSERE ANZI….. FORSE DIMINUISCE PURE!?!?!?

14 IL PARADOSSO DELLA FELICITA DI EASTERLIN

15 PERCHE??? PERCHE NON SERVIVA PER MISURARE IL BENESSERE (KUZNETS) PERCHE MANCANO UN SACCO DI ALTRE COSE (SERVIZI DOMESTICI E SERVIZI DI CURA REALIZZATI IN PROPRIO, BENESSERE IMMATERIALE, DANNI ALLAMBIENTE NON CONTABILIZZATI, ETC….) …PERCHE I SOLDI NON SONO TUTTO A VOLTE BASTA SOLO LA SALUTE…

16 Fase sociale Tra gli anni 60 e gli anni 90 alcuni studiosi iniziarono ad elaborare indicatori di carattere sociale, complementari o alternativi al PIL, in grado di evidenziare ambiti di indagine supplementari al tradizionale dominio di carattere economico. Sul finire degli anni Ottanta il Rapporto Brundtland del 1987 solleva la questione dello sviluppo sostenibile allattenzione mondiale. 16

17 Fase globale Con la Conferenza sullAmbiente e lo Sviluppo delle Nazioni Unite del 1992 (Rio Earth Summit), la questione ambientale entrerà nellagenda politica internazionale, segnando il passaggio ad unafase globale - di ricerca ed elaborazione di indicatori - in grado di misurare il progresso della società, attraverso parametri di carattere economico, sociale e, per la prima volta, ambientale. Unattività di ricerca che si concentrerà essenzialmente verso quattro differenti approcci metodologici: i) indicatori di correzione del PIL; ii) indicatori alternativi; iii) indicatori sintetici o (compositi); iv) sistema di indicatori. 17

18 Il mutamento del paradigma di riferimento 18

19 Il nuovo paradigma di riferimento: il benessere di una società Oggi la crescita economica – comunque fattore estremamente importante per una nazione – non è più sufficiente ad assicurare un progresso reale per la collettività se non è inclusiva dal punto di vista sociale, territoriale, e se non è sostenibile dal punto di vista ambientale. 19

20 Il progresso di una società Al concetto di crescita economica si sostituisce quello di progresso. Un concetto molto più ampio e molto più complesso il cui carattere multidimensionale implica una molteplicità: i)di obiettivi da perseguire; ii)di politiche ed interventi da predisporre; iii)e quindi di indicatori per monitorare lo stato di avanzamento verso tali obiettivi. Lo stesso concetto di progresso può implicare, a latitudini diverse, interpretazioni e significati differenti per popolazioni, culture e religioni diverse. 20

21 Il dibattito sul progresso Il mutamento del paradigma di riferimento: dalla crescita economica al progresso lungi dal semplificare le cose tende semmai a complicarle. Per tale ragione è quanto mai necessario promuovere un dibattito sul significato stesso di progresso che, oltre a ridefinire il concetto di sviluppo, attraverso lindividuazione degli obiettivi che si vogliono perseguire e gli strumenti per raggiungerli, introduca anche elementi di responsabilità politica. In altri termini, un dibattito in grado di far sì che la società – in tutte le sue componenti - possa concentrarsi sugli elementi che ritiene essenziali per la propria esistenza. 21

22 La cornice del progresso di una società Fonte: Hall,J., Giovannini, E., Morrone, A., Ranuzzi, G., 2010, A Framework to Measure the Progress of Societies, OECD, STD/DOC(2010)5, Paris. 22

23 I due sistemi… Nellambito della più recente e completa elaborazione riguardante il progresso di una società il progresso risulta essere composto essenzialmente da due sistemi: il sistema umano e lecosistema. Sono due sistemi strettamente interconnessi attraverso due differenti canali: il primo rappresentato dalla gestione delle risorse ambientali e il secondo dai servizi dellecosistema. 23

24 La cornice del progresso di una società Fonte: Hall,J., Giovannini, E., Morrone, A., Ranuzzi, G., 2010, A Framework to Measure the Progress of Societies, OECD, STD/DOC(2010)5, Paris. 24

25 Progresso, benessere e ecosistema Allinterno di questo contesto il benessere umano (nella sua concezione individuale e sociale) assume la funzione dominante e rappresenta lobiettivo fondamentale per il progresso della società. Il benessere umano risulta così sostenuto da tre ambiti di attività: economica, culturale e di governance (possono essere a loro volta considerati come degli obiettivi intermedi). Anche lecosistema risulta composto da un ambito di attività rappresentato dalla condizione dellecosistema. 25

26 Il progresso equo e sostenibile di una società In questo contesto si può definire il benessere di una società come la somma del benessere umano e delle condizioni dellecosistema e, il relativo progresso della società come il miglioramento nel benessere umano e delle condizioni dellecosistema. Una valutazione questa che dovrà comunque essere corretta, integrandola con il ruolo esercitato dalle diseguaglianze nel benessere umano e nelle condizioni dellecosistema. Diseguaglianze da considerare: tra le società e le aree geografiche; allinterno di esse; e tra le diverse generazioni. È in questo modo che si arriva così a definire il progresso equo e sostenibile di una società. 26

27 Le resistenze… Nel corso della primavera-autunno 2010 la Commissione europea ha presentato un progetto di rafforzamento della governance economica europea volto a riequilibrare gli squilibri fiscali e macroeconomici degli Stati membri dellUE attraverso un sistema di indicatori (lo scoreboard) in grado di fornire i segnali di allarme di tali squilibri e permettere di realizzare gli opportuni interventi correttivi negli SM interessati. La riflessione, sul sistema di indicatori da adottare, è risultata – a tuttoggi – del tutto priva di qualunque trasparenza, se si esaminano gli indicatori che proposti dalla Commissione si può notare che sono del tutto esclusi gli indicatori di carattere sociale. 27

28 PAROLE COMUNEMENTE UTILIZZATE NEL DIBATTITO SUL BENESSERE DI UNA NAZIONE Fonte: Hall,J., Giovannini, E., Morrone, A., Ranuzzi, G., 2010, A Framework to Measure the Progress of Societies, OECD, STD/DOC(2010)5, Paris. 28 scelta occupazione comunità ambiente istruzione felicità eguaglianza famiglia libertà amicizia salute denaro amore rispetto sicurezza religione equità giustizia

29 La felicita è …… un qualcosa che non sempre si può quantificare ma… esprimere certamente sì!!!

30 …GRAZIE PER LA CORTESE ATTENZIONE O… SE NON ALTRO PER AVER SAPUTO FINGERE MOLTO BENE DI ESSERE INTERESSATI

31 PAROLE COMUNEMENTE UTILIZZATE NEL DIBATTITO SUL BENESSERE DI UNA NAZIONE Fonte: Hall,J., Giovannini, E., Morrone, A., Ranuzzi, G., 2010, A Framework to Measure the Progress of Societies, OECD, STD/DOC(2010)5, Paris. 31 scelta occupazione comunità ambiente istruzione felicità eguaglianza famiglia libertà amicizia salute denaro amore rispetto sicurezza religione equità giustizia


Scaricare ppt "IL PIL, IL BENESSERE, LECONOMIA E LA STATISTICA QUALCHE SPUNTO DI RIFLESSIONE PER LUE Stefano Palmieri Convitto Nazionale Vittorio Emanuele II – Roma,"

Presentazioni simili


Annunci Google