La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Concetti fondamentali Lezione 2 Programmazione MIDI (Prof. Luca A. Ludovico)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Concetti fondamentali Lezione 2 Programmazione MIDI (Prof. Luca A. Ludovico)"— Transcript della presentazione:

1 Concetti fondamentali Lezione 2 Programmazione MIDI (Prof. Luca A. Ludovico)

2 Acronimo MIDI = Musical Instrument Digital Interface Interfaccia digitale per strumenti musicali Dispositivi hardware MIDI Sequencer ed altri software MIDI Formato General MIDI e standard MIDI file Programmazione MIDI (Prof. Luca A. Ludovico) 2. Concetti fondamentali

3 Il connettore MIDI Programmazione MIDI (Prof. Luca A. Ludovico) 2. Concetti fondamentali Connettore jack DIN a 5-pin Le applicazioni standard usano solo 3 connettori: il filo di messa a terra e una coppia di conduttori bilanciati che portano un segnale da +5V. Questa configurazione può portare segnali in ununica direzione, quindi per garantire comunicazione bidirezionale è necessario un secondo cavo.

4 Specifiche elettriche MIDI-DIN: connettori std Programmazione MIDI (Prof. Luca A. Ludovico) 2. Concetti fondamentali Connessione di porte MIDI con UART Lo UART o Universal Asynchronous Receiver-Transmitter (ricevitore- trasmettitore asincrono universale) è un dispositivo hardware che converte flussi di bit di dati da un formato parallelo a un formato seriale asincrono o viceversa. Tratto da: spec.php

5 Specifiche elettriche MIDI-DIN: porta joystick Programmazione MIDI (Prof. Luca A. Ludovico) 2. Concetti fondamentali Joystick/MIDI Adapter Diagram Tratto da:

6 Protocollo di trasmissione: seriale vs parallela La trasmissione seriale è una modalità di comunicazione tra dispositivi digitali nella quale le informazioni sono comunicate una di seguito all'altra e giungono sequenzialmente al ricevente nello stesso ordine in cui le ha trasmesse il mittente. –Modalità sincrona: 2 fili (uno per i dati, uno per il clock) + terra –Modalità asincrona: il trasmettitore ed il ricevitore si sincronizzano usando i dati stessi, ma meno efficiente perché richiede linvio di bit di partenza, di parità e tempo di stop Nella trasmissione parallela vengono utilizzati più conduttori per trasmettere simultaneamente informazioni. Per trasmettere n bit il cavo è formato da almeno n conduttori separati. Nella realtà il cavo sarà dotato quasi sicuramente di un cavo aggiuntivo per la massa e anche di altri cavi di controllo come quello di clock. Programmazione MIDI (Prof. Luca A. Ludovico) 2. Concetti fondamentali

7 Perché MIDI è seriale? Nonostante la maggior complessità architetturale e gestionale rispetto alla trasmissione parallela, la modalità seriale è una delle più diffuse in ambito informatico perché: –richiede un minor numero di fili con conseguente riduzione dei costi –è più tollerante rispetto alle interferenze e agli errori di trasmissione Velocità di trasmissione MIDI: bps = ca Byte/s –Audio digitale: x 16 bits x 2 = bps = Byte/s Velocità adeguata? Contando i bit di ridondanza (2 per 8 bit di dati), si hanno 3125 pacchetti MIDI al secondo –Non si tratta esattamente di note e nemmeno di messaggi, che richiedono più pacchetti –Attenzione: è comunque seriale! Programmazione MIDI (Prof. Luca A. Ludovico) 2. Concetti fondamentali

8 Jack MIDI in configurazione standard Programmazione MIDI (Prof. Luca A. Ludovico) 2. Concetti fondamentali MIDI In, Out e Thru Porta MIDI

9 Porte MIDI Programmazione MIDI (Prof. Luca A. Ludovico) 2. Concetti fondamentali Cakewalk UM-3G USB MIDI Interface Micro R&D Pyramid MIDI

10 Daisy chaining Programmazione MIDI (Prof. Luca A. Ludovico) 2. Concetti fondamentali MasterSlave 1 Slave 2 MIDI In MIDI OutMIDI Thru Un dispositivo si definisce master quando controlla uno o più dispositivi slave –Esempio in figura: un controller di tipo tastiera pilota più sintetizzatori Attenzione: uso di MIDI In, Out e Thru... Slave n MIDI Thru

11 Limiti del daisy chaining Ritardi dovuti alla lunghezza dei cavi Ritardi dovuti alla circuiteria Fenomeni di ingolfamento –MIDI data clog o MIDI choking Esempio Soluzione: MIDI Thru box Programmazione MIDI (Prof. Luca A. Ludovico) 2. Concetti fondamentali

12 MIDI Expander/Thru box Programmazione MIDI (Prof. Luca A. Ludovico) 2. Concetti fondamentali MIDI In MIDI Out MIDI Thru MIDI In MIDI Thru

13 MIDI Expander/Thru box Programmazione MIDI (Prof. Luca A. Ludovico) 2. Concetti fondamentali MIDI Expander Yamaha YME8

14 Gerarchia MIDI Programmazione MIDI (Prof. Luca A. Ludovico) 2. Concetti fondamentali Porta MIDI o bus MIDI (unione di In, Out e Thru) –Non necessariamente tutte presenti, e presenti con questa cardinalità: dipende dal dispositivo! Canali MIDI: 16 canali per porta, numerati da 1 a 16 Dispositivi multi-uscita e multi-porta –Multi-uscita: replicano i 16 canali MIDI su ciascuna uscita n uscite > 16 canali disponibili (replicati n volte) –Multi-porta: presentano porte MIDI indipendenti n uscite > n x 16 canali disponibili indipendenti

15 Broadcasting Programmazione MIDI (Prof. Luca A. Ludovico) 2. Concetti fondamentali

16 Broadcasting Programmazione MIDI (Prof. Luca A. Ludovico) 2. Concetti fondamentali

17 Broadcasting e daisy chaining Programmazione MIDI (Prof. Luca A. Ludovico) 2. Concetti fondamentali Computer o Sequencer Synth A Channel 1 Synth B Channel 2 Tastiera Channel 4 MIDI ThruMIDI In MIDI Thru Channel 1: Synth A Channel 2: Synth B Channel 4: Tastiera Channel 10: Ritmica Drum Machine Channel 10 MIDI In MIDI Out

18 SESSIONE DIMOSTRATIVA Collegamento di tastiera e sintetizzatore Programmazione MIDI (Prof. Luca A. Ludovico) 5. Messaggi Control Change


Scaricare ppt "Concetti fondamentali Lezione 2 Programmazione MIDI (Prof. Luca A. Ludovico)"

Presentazioni simili


Annunci Google