La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Pedrazzoli S 1, Sperti C 1, Pasquali C 1, Vicario G 2, Bissoli S 3, Chierichetti F 3, Liessi G 4. Clinica Chirurgica IV 1, Padova; Depts. of Oncology 2,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Pedrazzoli S 1, Sperti C 1, Pasquali C 1, Vicario G 2, Bissoli S 3, Chierichetti F 3, Liessi G 4. Clinica Chirurgica IV 1, Padova; Depts. of Oncology 2,"— Transcript della presentazione:

1 Pedrazzoli S 1, Sperti C 1, Pasquali C 1, Vicario G 2, Bissoli S 3, Chierichetti F 3, Liessi G 4. Clinica Chirurgica IV 1, Padova; Depts. of Oncology 2, Nuclear Medicine 3 and Radiology 4, Castelfranco Veneto (TV), Italy Follow-up dopo resezione per carcinoma pancreatico. SOCIETA TRIVENETA DI CHIRURGIA Le recidive addominali dei tumori digestivi e dei sarcomi retroperitoneali. Up to date sulla carcinosi peritoneale Arzignano (VI) 9 Maggio 2009

2 Introduzione - 1 Garcea G, et al. JOP 2008;9: Clinica Chirurgica IV, Padova.

3 Il cancro del pancreas recidiva localmente e/o a distanza in quasi tutti i pazienti resecati. La maggior parte dei pazienti sviluppa la recidiva entro 2 anni dallintervento. Sperti C et al, World J Surg 1997;21: Kim JK et al. Abdom Imaging 2003;28: Shimada K, et al. J Am Coll Surg 2006;203: Park JS, et al. J Surg Oncol 2007;95: Le modalità di presentazione della recidiva sono daltra parte ben note. Sperti C et al, World J Surg 1997;21: Kim JK et al. Abdom Imaging 2003;28: Shimada K, et al. J Am Coll Surg 2006;203: Clinica Chirurgica IV, Padova. Introduzione - 2

4 I pazienti che sviluppano una recidiva locale senza metastasi a distanza hanno la prognosi migliore. Menke-Pluymers MB, et al. Hepatogastroenterology 1992;39: Westerdahl J, et al. Hepatogastroenterology 1993;40: Sunamura M, et al. Nippon Geka Gakkai Zasshi 1999;100: Le alternative terapeutiche (chemio-radioterapia) in caso di recidiva hanno attualmente unefficacia limitata. Una diagnosi precoce potrebbe, in teoria, consentire un trattamento più mirato e, possibilmente, più efficace della recidiva tumorale. Clinica Chirurgica IV, Padova. Introduzione - 3

5 Il follow-up abituale dei pazienti resecati per carcinoma pancreatico comprende il dosaggio del CA 19-9, lecografia, la TAC e più raramente la RMN. Tuttavia la distinzione tra esiti dellintervento chirurgico e recidiva tumorale è spesso difficile. Kim JK et al. Abdom Imaging 2003;28: Uneventuale adenopatia mesenterica persiste anche per anni dopo un intervento resettivo per patologia benigna o maligna. Daltro canto è impossibile differenziare ladenopatia reattiva dalla metastasi linfonodale in assenza di una crescita volumetrica del linfonodo o di una massa neoplastica. Ishigami K, et al. Eur J Radiol 2007;61: Clinica Chirurgica IV, Padova. Introduzione - 4

6 I pazienti con normalizzazione postoperatoria del CA 19-9 hanno una sopravvivenza più lunga, e laumento del marcatore segnala in genere la ripresa di malattia. Tuttavia passano di solito alcuni mesi prima che limaging dimostri la sede della ripresa di malattia. Inoltre il CA 19-9 non è espresso dal 10-15% della popolazione e può risultare pertanto falsamente negativo. Infine, il cancro indifferenziato può perdere la capacità di produrre il CA Sperti C et al, J Surg Oncol. 1993;52: Montgomery RC. Ann Surg Oncol 1997;4: Safi F, et al.Hepatogastroenterology 1998;45: Clinica Chirurgica IV, Padova. Introduzione - 5

7 La tomografia a emissione di positroni con 18-FDG (PET) ha un ruolo crescente nella diagnosi, stadiazione e follow-up di molti tumori. Hillner BE, et al. J Surg Oncol 2008;26: Piccoli studi preliminari hanno mostrato una buona efficacia della PET nel localizzare la recidiva tumorale. Rose M, et al. Ann Surg 1998;229: Franke C, et al. Anticancer Res 1999;19: Jadvar H, et al. Abdom Imaging 2001;26: Ruf J, et al. Pancreatology 2005;5: Tuttavia la PET non è ancora raccomandata nel follow- up dei pazienti resecati per cancro del pancreas. Fletcher JW, et al. J Nucl Med 2008;49: Clinica Chirurgica IV, Padova. Introduzione - 6

8 Ci sono diversi case reports dinterventi resettivi eseguiti per recidiva di malattia. Fujii K, et al. Hepato-Gastroenterology 1999;46: Eriguchi N, et al. J Hepatobiliary Pancreat Surgery 2000;7: Wada K, et al. J Hepatobiliary Pancreat Surgery 2001;8: Takamatsu S, et al. J Gastrointest Surg 2005;9: Yamada H, et al. HPB 2006;8: Tomimaru Y, et al. J Surg Oncol 2006;93: Ibusuki M, et al. Surg Today 2008;38: Nakano H et al Hepato-Gastroenterology 2008;55: Il gruppo di Buechler ha resecato 15/31 pazienti sottoposti ad esplorazione chirurgica per recidiva, ma latteso effetto sulla sopravvivenza non cè stato. Kleeff J et al. Ann Surg 2007;245: Clinica Chirurgica IV, Padova. Introduzione - 7

9 Due decessi PO (1.4%), 2 pazienti persi di vista. 138 pazienti seguiti con ECO, TAC, CA19-9 e CEA ogni 3 mesi per 2 anni, poi ogni 6 mesi. 66 pazienti (Gruppo-1) seguiti senza PET o PET/CT; 72 pazienti (Gruppo-2) seguiti con PET o PET/CT. Tra i pazienti del Gruppo-2 la TAC è stata positiva in 34 (Gruppo-2a) e negativa o non conclusiva in 28 (Gruppo-2b). MATERIALI e METODI (Gennaio 1998 – Luglio 2007) Clinica Chirurgica IV, Padova. 142 pazienti resecati per cancro del pancreas: Whipple……………….: 8; PPPD..: 82 Pancreasectomie distali: 35; P Totali.: 7.

10 1998 – 2004: dedicated tomo- graph (Ecat Exact 47, Siemens) with BGO crystals. 6 hours fasting 2 beds (16.2 cm, field of view, each) of transmission scan (by 68 Ge rod source) on upper abdomen 440 MBq 18 F-FDG i.v. Emission scan (45 min after injection) for whole body study (7-8 beds, 4-5 min per bed) 2 beds of emission scan on the same area of previous transmission acquisition, at the end of whole body scan (90 m after injection) qualitative and semi-quantitative (SUV analysis) evaluation on transaxial, sagittal and coronal reconstructed slices. Since 2004: PET/CT (Biograph Sensation 16, Siemens) 6 hours fasting MBq 18 F-FDG i.v. 80 min wait scout view to decide the field of view (90 cm mean) CT (multislice: 16): 120 Kev, 80 mAs PET (equipped with LSO cry- stals): 7-8 beds in the same field of view of CT scan (2-3 min per bed) Qualitative evaluation on fusion CT and PET images Semi-quantitative analysis (SUV) on transaxial PET reconstructed slices.

11 Gruppo 122a2b n°667234*28* Sesso: M / F32 / 3434 / 3817 / 1714 / 14 Età: media Range38 – 8641 – – 81 Whipple / PPPD3 / 423 / 501 / 251 / 19 DP / TP19 / 215 / 45 / 38 / 0 R0 / R1 / R243 / 18 /559 / 11 / 225 / 9 / 024 / 2 / 2 Resez. Vascol. Si/No15 / 5114 / 585 / 297 / 21 RISULTATI – 1: Caratteristiche dei pazienti *: I Gruppi 2a e 2b includono solo i pazienti recidivati. Nel Gruppo-2 la PET ha identificato un cancro del colon che è stato resecato. Il paziente è vivo a oltre 7 anni. Ha anche identificato un cancro del laringe che è stato resecato. Il paziente è deceduto per recidiva da KP 25 mesi dopo. Clinica Chirurgica IV, Padova.

12 Gruppo 122a2b Pazienti n°667234*28* AICC I / IIa / IIb3 / 10 / 298 / 9 / 443 / 5 / 203 / 3 / 20 III / IV14 / 107 / 44 / 22 / 0 T. Grading: W/M/P7 / 35 / 2410/44/185 / 21 / 83 / 17 / 8 Adjuvant: CT / RT23 / 220 / 011 / 06 / 0 Therapy: CTRT/NO22 / 1929 / / 1213 / 9 Length of Mean Follow-up: Median Range2 – 795 – 935 – Clinica Chirurgica IV, Padova. P < 0.05 *: I Gruppi 2a e 2b includono solo i pazienti recidivati. RISULTATI – 2: Caratteristiche dei pazienti

13 Gruppo 122a2b N° pazienti667234*28* Sintomi: Si / No9 / 4829 / 3311 / 2218 / 11 CA 19-9 >37 U/mL Si / No44 / 1350 / 1226 / 724 / 5 CEA >5ng/mL Si / No1 / 562 / 601 / 321 / 28 RESULTATI – 3 Condizione dei pazienti al momento della recidiva *: I Gruppi 2a e 2b includono solo i pazienti recidivati. Clinica Chirurgica IV, Padova. P < 0.001

14 CA 19-9 CT18- FDG PET CA CT CA FDG PET Sensitivity (%) Specificity (%) PPV (%) NPV (%) Accuracy (%) RISULTATI - 4 Clinica Chirurgica IV, Padova.

15 Gruppo 122a2b Reinterventi No / esplorativo 55 / 048 / 230 / 018 / 2 Bypass2422 R0 / R20 / 06 / 22 / 04 / 2 Trattam.: Chemiot Radiot.1835 BSC71257 Sopravv. Media dopo Mediana Recidiva Range – – – RISULTATI - 5 Clinica Chirurgica IV, Padova, Italy. P < 0.001P < 0.05

16 Gruppo-1Gruppo-2 Gruppo-1Gruppo-2 Gruppo-1Gruppo-2 Sopravvivenza globale Sopravvivenza Disease free Sopravvivenza dopo la diagnosi di recidiva Clinica Chirurgica IV, Padova. RISULTATI - 6

17 Sopravvivenza globale Gruppo-1 / Gruppo-2a : P< Gruppo-1 / Gruppo-2b : P< Gruppo-2a / Gruppo-2b: P= 0.09 Sopravvivenza Disease free Gruppo-1 / Gruppo-2a : P= 0.03 Gruppo-1 / Gruppo-2b : P= 0.03 Gruppo-2a / Gruppo-2b: P= 0.7 Sopravvivenza dopo la diagnosi di recidiva. Gruppo-1 / Gruppo-2a : P= 0.02 Gruppo-1 / Gruppo-2b : P< Gruppo-2a / Gruppo-2b: P= 0.02 Clinica Chirurgica IV, Padova. RISULTATI - 7

18 Paziente stadiata 18 mesi dopo pancreasectomia distale per cancro del pancreas e mastectomia per cancro della mammella destra: la TAC mostra un linfonodo aumentato di volume dietro la vena renale sinistra (freccia). La PET mostra unarea di aumentata attività metabolica che coincide con la sede del linfonodo (freccia). La paziente gode di ottima salute 100 mesi dopo lintervento sul pancreas e 82 mesi dopo lexeresi del linfonodo metastatico.

19 Recidiva tumorale diagnosticata dalla PET (freccia bianca) 39 mesi dopo una PPPD. La TAC era invariata (freccia gialla) rispetto ai controlli precedenti. 3 mesi dopo aver com- pletato la chemio-radiotera- pia la PET è ancora positiva con SUV diminuito. Viene eseguita radiotera- pia stereotassica, la PET di- venta negativa 3 mesi dopo. La paziente è deceduta di metastasi a distanza 15 mesi dopo ed a 5 anni dalla PPPD.

20 La PET ha consentito la localizzazione più precoce della recidiva in 28/62 pazienti (45%) e la diagnosi di un secondo tumore resecabile in 2 pazienti. La sopravvivenza significativamente più breve dei pazienti del Gruppo-1 è principalmente dovuta ad un problema di selezione. La sopravvivenza più lunga registrata per i pazienti del Gruppo-2b rispetto al Gruppo-2a è principal- mente legata ad un prolungamento della sopravvi- venza dopo la localizzazione della recidiva. Il risultato è dovuto ad un trattamento mirato della recidiva (inclusa lexeresi chirurgica), anche se non si può escludere tassativamente un problema di selezione dei pazienti. CONCLUSIONI Clinica Chirurgica IV, Padova.

21 GRAZIE PER LATTENZIONE GIARDINO BOTANICO, FONDATO NEL 1545 PADOVA.


Scaricare ppt "Pedrazzoli S 1, Sperti C 1, Pasquali C 1, Vicario G 2, Bissoli S 3, Chierichetti F 3, Liessi G 4. Clinica Chirurgica IV 1, Padova; Depts. of Oncology 2,"

Presentazioni simili


Annunci Google