La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Problemi stadiativi nel cancro dellesofago e del cardias dellesofago e del cardias dopo trattamento neoadiuvante Università degli Studi di Verona 1^ Chirurgia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Problemi stadiativi nel cancro dellesofago e del cardias dellesofago e del cardias dopo trattamento neoadiuvante Università degli Studi di Verona 1^ Chirurgia."— Transcript della presentazione:

1 Problemi stadiativi nel cancro dellesofago e del cardias dellesofago e del cardias dopo trattamento neoadiuvante Università degli Studi di Verona 1^ Chirurgia Clinicizzata Università degli Studi di Verona 1^ Chirurgia Clinicizzata Andrea Zanoni

2 Due metanalisi sugli studi randomizzati presenti indicano un beneficio in termini di sopravvivenza Molti centri hanno adottato il trattamento multidisciplinare come standard of care

3 Problema: Modificazioni dellarchitettura tumorale dopo terapia neoadiuvante: Risposta Completa Risposta Completa Risposta Parziale Risposta Parziale No Risposta No Risposta

4 Esiste già un sistema efficace e dotato di significato prognostico per stadiare i pazienti sottoposti a terapia neoadiuvante? Problema: Risposta: No, il pTNM, attuale sistema utilizzato, non fotografa il grado di risposta al trattamento

5 Proposte in letteratura di stadiazione della risposta

6 TRG (tumor regression grade) TRG1.Regressione completa: mancanza di cellule tumorali residue. Il tumore è sostituito da fibrosi. TRG2.Rare cellule tumorali residue sparse attraverso la fibrosi. TRG3.Aumento del numero di cellule tumorali residue, ma la fibrosi è ancora predominante. TRG4.Le cellule tumorali residue superano la fibrosi. TRG5.Assenza completa di regressione. Classificazione di Mandard

7 Rivalutare pazienti secondo Mandard e secondo una classificazione basata sulle dimensioni del tumore residuo

8 Gennaio Novembre 2007: 108 Pz. trattati Carcinoma Squamoso: 57 pz. Carcinoma Squamoso: 57 pz. Adenocarcinoma : 51 pz. Adenocarcinoma : 51 pz. M/ F: 5/1 Età Media: 60 ( ) anni. Follow-up Mediano: 36 (6 – 99) mesi POPOLAZIONE DI STUDIO

9 50 Gy CDDP 25 mg/m DOCETAXEL 35 mg/m 2 5-FU 5-FU 180 mg/m 2 /die 150 mg/m 2 /die CDDP 25 mg/m 2 DOCETAXEL 35 mg/m 2 ++ CRT Preoperatoria Pasini, de Manzoni,… Cordiano. Ann Oncol Jul;16(7): RT Surgery was performed, in both groups, between the 6 th and the 8 th week after completion of induction therapy

10 TRG 1 73% (57-84) TRG 2 42% (21-62) TRG 3 35% (13-58) TRG 4 11% ( 1-39) TRG 5 0% Sopravvivenza Globale a 3 anni CI

11 La classificazione di Mandard non considera lo stato linfonodale N fattore prognostico più importante: Swisher et al. Ann Surg May;241(5):810-7Swisher et al. Ann Surg May;241(5):810-7 Schneider et al. Ann Surg Nov;242(5):684-92Schneider et al. Ann Surg Nov;242(5): de Manzoni et al. British Journal of Surgery 2004(91): 296 – 303de Manzoni et al. British Journal of Surgery 2004(91): 296 – 303 … Quindi: Ma:

12

13 Difetti TRG Poco oggettivo e quindi molto operatore dipendente Non considera lo stato linfonodale

14 Classificazione MRD Pathological Complete Responders pCR: pT0N0 Minimal Residual Disease (MRD): tumore residuo 10 mm N0 Not-Responders: tumore residuo > 10 mm N0 N+

15 pCR 79% (61-89) MRD N0 54% (25-77) NR N0 28% ( 4-59) N+ 21% ( 9-36) Sopravvivenza Globale a 3 anni CI

16 Conclusioni: TRG può essere usato, perché è una classificazione ad alto valore prognostico, purchè si consideri anche lo stato linfonodale Una classificazione basata sulle dimensioni della neoplasia residua sembra promettente e merita ulteriori indagini

17 Grazie per lattenzione!


Scaricare ppt "Problemi stadiativi nel cancro dellesofago e del cardias dellesofago e del cardias dopo trattamento neoadiuvante Università degli Studi di Verona 1^ Chirurgia."

Presentazioni simili


Annunci Google