La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Due poetesse del Cinquecento: Vittoria Colonna e Veronica Franco A cura di Debora T. e Sara T. - 2003 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Due poetesse del Cinquecento: Vittoria Colonna e Veronica Franco A cura di Debora T. e Sara T. - 2003 1."— Transcript della presentazione:

1

2 Due poetesse del Cinquecento: Vittoria Colonna e Veronica Franco A cura di Debora T. e Sara T

3 Vittoria Colonna Vittoria Colonna e Veronica Franco Veronica Franco 2

4 Vittoria Colonna: Biografia Nacque nel 1490 e fu promessa a Francesco dAvalos, marchese di Pescara, per ragioni di convenienza politica. Tra i due sorse un amore fortissimo. Vittoria rimane nella storia per la sua virtù e per la sua bellezza. Alla morte del marito, nel 1525, soffrì a tal punto da ritirarsi in convento a scrivere poesie. È dallinfelicità della perdita del suo amato, che scaturiscono i suoi versi. Passò il resto della sua vita cercando conforto nella fede in Dio; morì a Roma nel È ricordata per le sue raccolte di versi e per il suo comportamento esemplare in un momento storico, il Rinascimento italiano, dominato da lotte per il potere e tradimenti.suoi versiRoma 3

5 Vittoria Colonna e Michelangelo 4 Vittoria Colonna, negli anni trenta, era a Roma ed è in quel tempo che entra in relazione con Michelangelo Buonarotti. Vittoria aveva anche altre amicizie con persone note come per esempio il Bembo, ma quella con Michelangelo era la più importante. La loro relazione era molto spirituale e la corrispondenza cha avevano era molto intensa; le poesie che scrivevano erano molto spesso dedicate luno allaltro. Vittoria strinse con lui una forte e duratura amicizia; una prova è il fatto che, il 5 febbraio del 1547, quando Vittoria morì, Michelangelo era accanto al suo letto.. Così finiva una delle amicizie più famose del 500.Roma

6 Le sue rime Lopera più importante di Vittoria Colonna è il suo Canzoniere, composto da quasi 350 sonetti. Le Rime, pubblicate nel 1544, hanno il chiaro intento di magnificare leroica figura del marito; sono ispirate da riflessioni religiose e morali che rispecchiano internamente, anche nello stile, la sua virtuosità e rigorosità. In questo Canzoniere troviamo due grandi temi della poesia cinquecentesca: lamore e la religione. Le rime di Vittoria Colonna sono dunque composte da 2 parti, armoniosamente legate fra loro: Poesia Amorosa Poesia Religiosa 5

7 Poesia Amorosa 6 Scrivo sol per sfogar l'interna doglia, di che si pasce il cor, ch'altro non vole, e non per giunger lume al mio bel sole, che lasciò in terra sì onorata spoglia. Giusta cagione a lamentar m'invoglia: ch'io scemi la sua gloria assai mi dole; per altra penna e più saggie parole verrà chi a morte il suo gran nome toglia. La pura fè, l'ardor, l'intensa pena mi scusi appo ciascun, grave cotanto che nè ragion nè tempo mai I'affrena Amaro lagrimar, non dolce canto, foschi sospiri e non voce serena, di stil no, ma di duol mi danno il vanto. Questa parte comporta soprattutto dei compianti per il defunto marito. Lautrice sottolinea il valore terapeutico della poesia: le prime rime hanno un tono grave per il dolore della morte dellamato, ma col passare del tempo esso si placa e il tema diventa la lode del defunto e delle sue virtù. Un esempio:

8 Poesia Religiosa 7 La sua poesia amorosa ha preso una svolta definitiva verso la poesia religiosa intorno agli anni 40. In essa Vittoria Colonna ha deciso di trascendere ogni residuo di passione umana a favore di un amore esclusivo per il Salvatore. Un esempio: Poi che 'l mio casto amor gran tempo tenne l' alma di fama accesa, ed ella un angue in sen nudrio, per cui dolente or langue volta al Signor, onde il rimedio venne, i santi chiodi omai sieno mie penne, e puro inchiostro il prezïoso sangue, vergata carta il sacro corpo exangue, si ch'io scriva per me quel ch'Ei sostenne. Chiamar qui non conviene Parnaso o Delo Ch'ad altra acqua s'aspira, ad altro monte si poggia, u'piede uman per sé non sale; quel Sol ch'alluma gli elementi e'l Cielo prego, ch'aprendo il Suo lucido fonte mi porga umor a la gran sete equale.

9 Veronica Franco: Biografia Veronica Franco ha a lungo catturato limmaginazione come un simbolo femminile della sensualità, delleleganza, della bellezza e dellindipendenza. Nacque a Venezia nel 1546 e vi morì nel Fu cortigiana come la madre e grande poetessa. Nel 1580 fu imprigionata e subì un processo da parte dellInquisizione, ma venne prosciolta grazie alla sua brillante autodifesa in dialetto veneto. Se oggi è possibile leggere i suoi versi è grazie soprattutto a Domenico Venier. Tra i due vi fu infatti una fitta corrispondenza che venne pubblicata nel 1580 in un epistolario.un epistolario 8

10 9 Le sue rime Marco Venier, contribuì decisamente allaffermazione letteraria della cortigiana. La sua celebrità giunse al culmine nel 1574, quando il re Enrico III di Francia volle trascorrere una notte d'amore con lei, che, come atto dì gratitudine, gli indirizzò una lettera con due sonetti. Sempre nel 1575 riunì diciotto capitoli da lei composti nel volume delle Terze rime dedicato a Guglielmo Gonzaga duca di Mantova. Ne compose le cinquanta Lettere familiari a diversi, indirizzate al cardinale di Ferrara. Con la Franco la poesia italiana del Cinquecento pervenne ad acquisire il gusto di un realismo erotico capace di riscrivere e di rinnovare i canoni del petrarchismo bembiano. Quattro sono i capitoli fondamentali: - S'esser del vostro amor potessi certa - Questa la tua fedel Franca ti scrive - D'ardito cavalier non è prodezza - Quel che ascoso nel cor tenni gran tempoS'esser del vostro amor potessi certaQuesta la tua fedel Franca ti scrive

11 10 S'esser del vostro amor potessi certa In questo primo capitolo, Veronica non rinuncia ad accentuare le prerogative del mestiere esercitato, usando una tecnica che esalta, in modo intrigante e con straordinaria immediatezza, le qualità amatorie possedute. Un breve tratto: S'esser del vostro amor potessi certa per quel che mostran le parole e 'l volto, che spesso tengon varia alma coperta; se quel che tien la mente in se raccolto mostrasson le vestigie esterne in guisa ch'altri non fosse spesso in frode còlto, quella tema da me fora divisa, di cui quando perciò m'assicurassi, semplice e sciocca, ne sarei derisa: «a un luogo stesso per molte vie vassi», dice il proverbio; ne sicuro è punto rivolger dietro a l'apparenzie i passi.

12 11 Questa la tua fedel Franca ti scrive In questo secondo capitolo, Veronica tratta il sospiroso motivo della lontananza dall'amante che si sottrae agli effetti più prevedibili sortiti dal ricongiungimento col partner. Un breve tratto: Questa la tua fedel Franca ti scrive, dolce, gentil, suo valoroso amante; la qual, lunge da te, misera vive. Non così tosto, oimè, volsi le piante da la donzella d'Adria, ove 'l mio core abita, ch'io mutai voglia e sembiante: perduto de la vita ogni vigore, pallida e lagrimosa ne l'aspetto, mi fei grave soggiorno di dolore; e, di languir lo spirito costretto, de lo sparger gravosi afflitti lai, e del pianger sol trassi alto diletto.

13 12 Fine


Scaricare ppt "Due poetesse del Cinquecento: Vittoria Colonna e Veronica Franco A cura di Debora T. e Sara T. - 2003 1."

Presentazioni simili


Annunci Google