La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sicurezza stradale: Tempo di reazione The English Highway code Benzina Sicurezza dei lavoratori: Diritti,doveri e segnaletica Sicurezza in acqua Sicurezza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sicurezza stradale: Tempo di reazione The English Highway code Benzina Sicurezza dei lavoratori: Diritti,doveri e segnaletica Sicurezza in acqua Sicurezza."— Transcript della presentazione:

1 Sicurezza stradale: Tempo di reazione The English Highway code Benzina Sicurezza dei lavoratori: Diritti,doveri e segnaletica Sicurezza in acqua Sicurezza nellantica Roma Sitografia Autori

2 Titolo: La sicurezza stradale Obbiettivo: Valutare il tempo di reazione individuale e medio della classe Strumenti: righello (sensibilità 1[mm]- portata 50/60 [cm])

3 L'esperienza consiste nel calcolare il tempo di reazione di ciascun individuo e complessivo di una classe. Per testare i tempi di reazione di un individuo si attua un procedimento semplicissimo che necessita soltanto di una riga graduata e 2 collaboratori. In pratica un operatore lascia cadere senza nessun preavviso un righello che il secondo operatore deve afferrare con 2 dita nel minor tempo possibile. Questo procedimento deve essere ripetuto 10 volte per ciascun individuo e infine si fa la media dei tempi di reazione di tutta la classe. La formula S = 1/2*g*t2 permette di calcolare lo spazio che percorre un corpo in una caduta libera con V0=0, facendo la formula inversa si può calcolare il tempo t2=2s/g Sostituendo lo spazio percorso dal righello quando viene afferrato e laccelerazione di gravità 9.8 m/s2 si calcola il tempo. Ovviamente si devono trasformare i centimetri che vengono misurati dal righello, in metri.

4

5 DistanzeAlunno 1Alunno 2 d12125 d22029 d31327 d42021 d51526 d62518 d71225 d81737 d91330 d101316

6

7 Questa esperienza è stata utile per calcolare i tempi di reazione di un ragazzo di 16 anni in perfetta salute psico-fisica. Questo rappresenta un modello di valutazione di tempi e spazi di azione-reazione di fronte ad un qualsiasi evento imprevedibile. Generalizzando si può descrivere con le medesime procedure tempo spazio di frenata per il conducente. L'esperienza è riuscita discretamente perchè si presume che nei ragazzi della nostra età il tempo di reazione è stimato intorno ai 2 decimi di secondo. Le tabelle ministeriali, in genere,considerano il tempo di reazione intorno ad 1 s ai fini di ottenere una maggiore tolleranza

8

9 Siccome nella formula ministeriale il risultato è in [m] lo abbiamo trasformato con la medesima unità. La formula ministeriale trascura il tempo di reazione, per cui lo spazio di frenata è minore rispetto al nostro.

10

11

12 This Highway Code applies to England, Scotland and Wales. The Highway Code is essential reading for everyone. The most vulnerable road users are pedestrians, particularly children, older or disabled people, cyclists, motorcyclists and horse riders. It is important that all road users are aware of The Highway Code and are considerate towards each other. This applies to pedestrians as much as to drivers and riders. Many of the rules in The Highway Code are legal requirements, and if you disobey these rules you are committing a criminal offence. You may be fined, given penalty points on your licence or be disqualified from driving. In the most serious cases you may be sent to prison. Such rules are identified by the use of the words MUST/MUST NOT. In addition, the rule includes an abbreviated reference to the legislation which creates the offence. Although failure to comply with the other rules of The Highway Code will not, in itself, cause a person to be prosecuted, The Highway Code may be used in evidence in any court proceedings under the Traffic Acts to establish liability. This includes rules which use advisory wording such as should/should not or do/do not.

13 GENERAL RULES Before moving off you should use all mirrors to check the road, look round to check the blind spots (the areas you are unable to see in the mirrors). Before moving out, look round for a final check. Move off only when it is safe to do so. Once moving you should keep to the left, unless road signs or markings indicate otherwise. The exceptions are when you want to overtake, turn right or pass parked vehicles or pedestrians in the road, keep well to the left on right-hand bends. This will improve your view of the road and help avoid the risk of colliding with traffic approaching from the opposite direction. Drive with both hands on the wheel where possible. This will help you to remain in full control of the vehicle at all times. Be aware of other road users, especially cycles and motorcycles who may be filtering through the traffic. These are more difficult to see than larger vehicles and their riders are particularly vulnerable. Give them plenty of room, especially if you are driving a long vehicle or towing a trailer, select a lower gear before you reach a long downhill slope. This will help to control your speed when towing, remember the extra length will affect overtaking and manoeuvring. The extra weight will also affect the braking and acceleration.

14 Signals warn and inform other road users, including pedestrians of your intended actions. You should always give clear signals in plenty of time, having checked it is not misleading to signal at that time, use them to advise other road users before changing course or direction, stopping or moving off cancel them after use, make sure your signals will not confuse others. If, for instance, you want to stop after a side road, do not signal until you are passing the road. It may give the impression that you intend to turn into the road. Your brake lights will warn traffic behind you that you are slowing down, use an arm signal to emphasise or reinforce your signal if necessary. Remember that signalling does not give you priority. You should also watch out for signals given by other road users and proceed only when you are satisfied that it is safe be aware that an indicator on another vehicle may not have been cancelled. You MUST obey signals given by police officers, traffic officers, traffic wardens and signs used by school crossing patrols. If the police want to stop your vehicle they will, where possible, attract your attention by flashing blue lights, headlights or sounding their siren or horn, usually from behind directing you to pull over to the side by pointing and/or using the left indicator. You MUST then pull over and stop as soon as it is safe to do so. Then switch off your engine.

15 Rules for motorcyclists On all journeys, the rider and pillion passenger on a motorcycle, scooter or moped MUST wear a protective helmet. This does not apply to a follower of the Sikh religion while wearing a turban. Helmets MUST comply with the Regulations and they MUST be fastened securely. Riders and passengers of motor tricycles and quadricycles, also called quad-bikes, should also wear a protective helmet. Before each journey check that your helmet visor is clean and in good condition. It is also advisable to wear eye protectors, which MUST comply with the Regulations. Scratched or poorly fitting eye protectors can limit your view when riding, particularly in bright sunshine and the hours of darkness. Consider wearing ear protection. Strong boots, gloves and suitable clothing may help to protect you if you are involved in a collision. You MUST NOT carry more than one pillion passenger who MUST sit astride the machine on a proper seat. They should face forward with both feet on the footrests. You MUST NOT carry a pillion passenger unless your motor cycle is designed to do so. Provisional licence holders MUST NOT carry a pillion passenger.

16 You MUST NOT enter a road, lane or other route reserved for trams. Take extra care where trams run along the road. You should avoid driving directly on top of the rails and should take care where trams leave the main carriageway to enter the reserved route, to ensure you do not follow them. The width taken up by trams is often shown by tram lanes marked by white lines, yellow dots or by a different type of road surface. Diamond-shaped signs and white light signals give instructions to tram drivers only. Take extra care where the track crosses from one side of the road to the other and where the road narrows and the tracks come close to the kerb. Tram drivers usually have their own traffic signals and may be permitted to move when you are not. Always give way to trams. Do not try to race or overtake them or pass them on the inside, unless they are at tram stops or stopped by tram signals and there is a designated tram lane for you to pass. You MUST NOT park your vehicle where it would get in the way of trams or where it would force other drivers to do so. Do not stop on any part of a tram track, except in a designated bay where this has been provided alongside and clear of the track. When doing so, ensure that all parts of your vehicle are outside the delineated tram path. Remember that a tram cannot steer round an obstruction. TRAMWAYS

17 Pericoli fisico-chimici: la miscela è estremamente infiammabile Pericoli per la salute: la miscela ha effetti irritanti per la pelle. L'inalazione dei vapori può provocare sonnolenza e vertigini. A causa della bassa viscosità, il prodotto può essere aspirato nei polmoni o in maniera diretta in seguito ad ingestione oppure successivamente in caso di vomito spontaneo o provocato, in tale evenienza può insorgere polmonite chimica. Può provocare effetti neoplastici. Può ridurre la fertilità e può nuocere al feto. Pericoli per lambiente: la miscela ha effetti tossici per gli organismi acquatici con effetti a lungo termine per lambiente acquatico

18 La benzina è un prodotto che viene ottenuto dalla distillazione del petrolio greggio ad una temperatura che si aggira fra i 35 e i 215 °C. È un liquido trasparente incolore, estremamente infiammabile, oleoso e dall'odore acuto. E formata da: Etanolo: (o alcol etilico) è un alcol a catena libera, la cui formula è CH3CH2OH. Nitrometano: è il più semplice dei nitrocomposti. A temperatura ambiente si presenta come un liquido incolore dall'odore caratteristico con formula CH3NO2, è una sostanza tossica. Benzene: è tossico e viene utilizzato come antidetonante. Dal punto di vista chimico, il benzene è un idrocarburo aromatico avente formula C6H6. Acetone: la sua formula chimica è CH3-CO-CH3,ha una relativa bassa tossicità ed è usato fino al 5%, migliorando l'avviamento. Metanolo: è noto anche come alcol metilico, la sua formula chimica è CH3OH questo additivo ha proprietà di solvente, è tossico.

19 La figura del lavoratore viene definita dal Decreto Legislativo 81/08, definito anche Testo Unico Sicurezza, in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Secondo lart. 2 del Dlgs 81/08, il lavoratore è la persona che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale, svolge unattività lavorativa nellambito dellorganizzazione di un datore di lavoro pubblico o privato, con o senza retribuzione, anche al solo fine di apprendere un mestiere, unarte o una professione, esclusi gli addetti ai servizi domestici e familiari.. Il D.lgs 81/08 si applica a tutti i lavoratori e le lavoratrici subordinati e autonomi. Per i lavoratori con contratto a progetto, il decreto può essere applicato soltanto nel caso in cui la mansione venga svolta nel luogo di lavoro del committente.

20 I lavoratori hanno il diritto di: allontanarsi dal luogo di lavoro in caso di pericolo; ricevere un adeguato controllo sanitario; ricevere adeguata informazione e formazione in materia di sicurezza sul lavoro; non subire oneri finanziari per le misure adottate relative alla sicurezza. I lavoratori, attraverso la figura di un medico competente, hanno il diritto di ricevere un adeguato controllo sanitario. La sorveglianza sanitaria (art. 41 Dlgs 81/08) comprende una visita medica preventiva volta a constatare lassenza di controindicazioni al lavoro; una visita medica periodica per controllare lo stato di salute dei lavoratori e ricevere lidoneità alla mansione svolta; una visita medica su richiesta del lavoratore, nel caso in cui il medico competente rilevi un rischio professionale; una visita medica prima di essere assunti e una alla cessazione del rapporto di lavoro. I lavoratori hanno, inoltre, il diritto di allontanarsi dal luogo di lavoro in caso di pericolo. I lavoratori (art Dlgs 81/08), in caso di pericolo imminente, possono cessare la loro attività immediatamente e mettersi al sicuro, abbandonando il luogo di lavoro. Il lavoratore, una volta abbandonato il luogo di lavoro, deve essere protetto da qualsiasi conseguenza dannosa e non può subire alcun pregiudizio, a parte nel caso in cui abbia commesso una negligenza. Il lavoratore ha il diritto di ricevere adeguata informazione e formazione in materia di sicurezza sul lavoro. Il lavoratore (art Dlgs 81/08) riceve unadeguata informazione sui rischi per la salute e la sicurezza sul lavoro, in relazione allattività che sta svolgendo. Il contenuto dellinformazione deve essere facilmente comprensibile. Inoltre, il lavoratore deve ricevere adeguata formazione su concetti di rischio, prevenzione, danno, protezione e assistenza. La formazione deve essere periodicamente ripetuta, anche sulla base dellevoluzione dei rischi. La modalità, i contenuti e la durata dei corsi di formazione sono stabiliti in sede di contrattazione collettiva nazionale. Le informazioni, i corsi di formazione e il materiale informativo in materia di sicurezza sul lavoro, ricevuto dal lavoratore non comporterà per lui alcun onere finanziario.

21 Secondo quanto prevede il Testo Unico Sicurezza, il lavoratore (art. 20) ha lobbligo di: prendersi cura della propria salute e sicurezza e di quella di altri colleghi; contribuire alladempimento degli obblighi previsti per la tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, insieme al dirigente e al preposto; utilizzare in maniera corretta le attrezzature, i prodotti e i mezzi di trasporto; utilizzare in modo corretto i dispositivi di protezione; segnalare al datore di lavoro, al dirigenti o al preposto eventuali rischi; non apportare alcuna modifica ai dispositivi di sicurezza e di prevenzione; partecipare alla formazione organizzata dal datore di lavoro; sottoporsi al controllo sanitario.

22

23 Per sicurezza in acqua si intende mantenere lincolumità di chi nuota in acque aperte o chiuse. Definiamo acque aperte mari,fiumi ecc. Le acque chiuse sono, invece, le piscine. In acque sia aperte che chiuse bisogna tenere presenti alcuni fattori che possono essere interni o esterni.

24 Acque aperte Acque chiuse Fattori interni per acque aperte e chiuse

25 I fattori esterni (quelli che dipendono dallambiente) sono: 1.Situazioni atmosferiche 2.Correnti 3.Flora e fauna marina 4.Inquinamento 5.Traffico marino 6.Aree balneabili Le situazioni atmosferiche possono causare pericoli per i balneanti e possono causare correnti anchesse pericolose. Cè la necessità di prestare attenzione a flora urticante o animali pericolosi. È importante scegliere zone in cui linquinamento sia minimo per evitare danni alla salute.

26 Fattori esterni Oltre ai pericoli già indicati nelle acque chiuse vi sono altri pericoli/precauzioni da tenere come: 1.Attenzione agli altri 2.Non usare impropriamente gli attrezzi 3.E non correre nei bordi delle piscine 4.Segnalare al bagnino lapnea

27 I fattori interni (quelli che dipendono dal nostro organismo) sono: 1.Lo stato della digestione 2.Lo stato mentale (alcool e stupefacenti) 3.Le condizioni di salute 4.Capacità tecniche e fisiche La digestione può causare una congestione, perché il sangue del nostro corpo è concentrato nellintestino. È importante non assumere alcool e stupefacenti per avere lucidità mentale per nuotare ed avere comportamenti adeguati allambiente marino. Bisogna avere una buona condizione di salute ed avere conoscenza delle proprie capacità tecniche e e fisiche per evitare annegamenti o malori nellacqua.

28 I Romani, per scopi militari, politici e commerciali, iniziarono la costruzione di lunghe strade diritte. Le Strade Romane erano essenziali per la crescita del loro Impero, in quanto consentivano di muovere rapidamente il loro esercito. L'enfasi romana sulla costruzione di strade diritte comportò spesso la realizzazione di tratti con forte pendenza, relativamente impraticabili per gran parte del traffico commerciale. Queste lunghe "autostrade" furono molto importanti per il mantenimento della stabilità, e per l'espansione dell'Impero.

29 Le strade erano pensate per durare a lungo: prima di tutto veniva scavata una trincea profonda circa cm che veniva riempita con successivi strati di terra, pietra e sabbia fino a raggiungere il livello del terreno. Il tutto veniva cementato con la calcina. Poi venivano rivestite di grosse lastre poligonali di basalto o calcare incastrate perfettamente tra loro; gli interstizi erano riempiti da brecciolina. Questi profondi letti di pietre sbriciolate servivano anche per far sì che le strade rimanessero asciutte, in quanto l'acqua sarebbe filtrata attraverso le pietre, invece di tramutare i terreni argillosi in fango. Erano larghe dai 4 ai 6 metri, così che si potessero incrociare due carri, e talvolta ai lati vi erano dei marciapiedi lastricati.

30 Se le insulae per molti aspetti erano simili ai nostri palazzoni moderni in effetti erano però esteticamente più apprezzabili: le pareti erano ornate con combinazioni di legno e stucco, gli ambienti avevano grandi finestre e porte, le file delle tabernae erano coperte da un porticato, e là dove la larghezza della strada lo permetteva, vi erano anche delle logge poggianti su i portici o balconi in legno o in mattoni. Spesso piante rampicanti avvolgevano le balaustre dei balconi su cui si potevano vedere anche vasi di fiori, quasi dei piccoli giardini. A questo gradevole aspetto esteriore, non corrispondeva un'altrettanta solidità delle insulae che non avevano una base proporzionale alla loro altezza e che inoltre venivano edificate da costruttori disonesti che economizzavano sullo spessore dei muri e dei pavimenti e sulla qualità dei materiali.

31 Sitografia

32 Lavoro eseguito dalla classe 2B ind. Elettronica Elettrotecnica Anno Scolastico 2012/13 ECG – sez. G.Galilei Prof. Damonte V. /Prof.Bertazzoni M. Prof. Repetto R. Prof. Wojcikowska E. Prof. Monzeglio F. Prof. Litterio G. Prof. Ponte C. / Prof. Canepa G.


Scaricare ppt "Sicurezza stradale: Tempo di reazione The English Highway code Benzina Sicurezza dei lavoratori: Diritti,doveri e segnaletica Sicurezza in acqua Sicurezza."

Presentazioni simili


Annunci Google