La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

RUOLO DEL MEDICO DEL LAVORO NELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO P. Apostoli Ordinario di Medicina del Lavoro Università degli Studi di Brescia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "RUOLO DEL MEDICO DEL LAVORO NELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO P. Apostoli Ordinario di Medicina del Lavoro Università degli Studi di Brescia."— Transcript della presentazione:

1 RUOLO DEL MEDICO DEL LAVORO NELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO P. Apostoli Ordinario di Medicina del Lavoro Università degli Studi di Brescia

2 DEFINIZIONE DI RISCHIO (B.I.T.) Probabilità –possibilità che si produca una alterazione dello stato di salute in seguito allesposizione ad una determinata sostanza chimica (o ad una determinata entità fisica) Non dipende solo dalla natura e dallentità della sostanza, ma anche da: -Modalità di esposizione -Possibilità di assorbimento – azione -Condizioni di reattività degli esposti

3 Rischio Numero esposti suscettibilità Livelli di esposizione Determinanti del rischio Rischio come Probabilità (IUPAC, WHO) Da: IUPAC, International Union of Pure & Applied Chemistry: Glossary for Chemists of Terms used in Toxicology, Pure & Applied Chemistry 1993, 65: ) Tossicità della sostanza

4 Rischio Fattori di rischio concomitanti Livelli di esposizione Determinanti del rischio Rischio come Possibilità (IUPAC, WHO) Da: IUPAC, International Union of Pure & Applied Chemistry: Glossary for Chemists of Terms used in Toxicology, Pure & Applied Chemistry 1993, 65: ) Tossicità della sostanza

5 VALUTAZIONE DEI RISCHI Uno degli elementi di più grande rilevanza del D.L.vo 626 in quanto rappresenta lasse portante della nuova filosofia in materia di tutela della salute dei lavoratori e perno intorno al quale deve ruotare lorganizzazione aziendale della prevenzione DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO DI REGIONI E PROVINCE AUTONOME 1996

6 VALUTAZIONE DEL RISCHIO VALUTAZIONE DEL RISCHIONORMACONTENUTIMETODIOLOGIE FIGURE TECNICHE

7 MEDICO DEL LAVORO MEDICO DEL LAVORO E VALUTAZIONE DEL RISCHIO ESCLUSIONE ESCLUSIONE DA 626 A 242 DA 626 A 242 POLO TECNICO SIT. PREVEN. POLO TECNICO SIT. PREVEN. AUTO ESCLUSIONE AUTO ESCLUSIONE SCELTA DI RUOLO CLINICO SCELTA DI RUOLO CLINICO ASSENZA DI COMPETENZE ASSENZA DI COMPETENZE

8 ATTIVITA DEL MEDICO DEL LAVORO-COMPETENTE La partecipazione al processo di valutazione dei rischi è il compito centrale del medico competente CONSULTA INTERASSOCIATIVA ITALIANA per la PREVENZIONE NAPOLI, Luglio 2000

9 ATTIVITA-PRODOTTI DEL MEDICO DEL LAVORO-COMPETENTE Sorveglianza sanitaria Valutazione dei rischi Informazione Primo soccorso Consulenza aziendale Formazione Sorveglianza epidemiologica Consulenza medico legale Prevenzione nelle comunità SIMLII SORRENTO Novembre 2000

10 AGENZIA EUROPEA PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO Studio pilota su Lo stato della salute e della sicurezza sul lavoro nellUnione europea (Bilbao, 2001) 15 relazioni nazionali: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi bassi, Portogallo, Regno Unito, Svezia

11 Percentuale di lavoratori esposti a vari agenti di rischio nellUnione Europea. Studio pilota su Lo stato della sicurezza e della salute sul lavoro (Bilbao, 2001)

12 IDENTIFICAZIONE DEI RISCHI Tumore scrotopulizia camini IPA Tumore vescicaproduzione coloranti AA Leucemia uso colle, solventibenzene Tumore polmone uso di fibreasbesti e pleura Angiosarcomaproduzione plastica CVM

13 MISURA DELLESPOSIZIONE Il Medico Competente: Visita 2 volte allanno gli ambienti di lavoro Effettua misure soggettive (questionari, liste di controllo) Effettua misure (semplificate) di Monitoraggio ambientale Effettua il Monitoraggio biologico Registra le valutazioni soggettive dei lavoratori

14 CARATTERISTICHE DELLESPOSIZIONE Lesposizione è un processo dinamico, non una condizione o uno stato dessere La stima dellesposizione è sempre approssimata sia quando valutata raccogliendo informazioni sia quando misurata attraverso specifici indicatori biologici o ambientali Il grado di approssimazione dovrebbe essere misurato e dichiarato

15 GERARCHIA DELLA STIMA DELLESPOSIZIONE Esposizione: sì/no Durata dellattività Categorie per ciclo produttivo Categorie per compito Categorie per grado di esposizione misurata Categorie per grado di esposizione: dose Chekoway, 1994

16 VALUTAZIONE DEL RISCHIO: OBBLIGHI DI LEGGE PER IL MEDICO DEL LAVORO (626/94; 242/96) Collabora alla valutazione del rischio ed alla elaborazione del documento di valutazione del rischio nei casi in cui sia obbligatoria la sorveglianza sanitaria (comma 6, art 4, 242/96) Partecipa alla programmazione del controllo dellesposizione (comma 1h art 17, 626/94) Visita lambiente di lavoro due volte allanno (comma 1h, art 17, 626/94)

17 Linee Guida CEE per la Valutazione del Rischio (1989) Scopo della Valutazione del Rischio è laiuto agli imprenditori o ai dirigenti incaricati per: - identificare gli agenti di rischio; - valutare i rischi ad essi associati; - controllare ladeguatezza delle misure di prevenzione adottate; - dare priorità alle azioni di controllo dei rischi; - dimostrare che il giudizio sui rischi e sulle misure per tutelare sicurezza e salute è corredato da appropriate informazioni, e dunque è valido.

18 COMPITI DEL MEDICO DEL LAVORO Assumere parti della Valutazione del rischio fatta da altri e controllarne la qualità Effettuare direttamente o partecipare alla Valutazione del rischio

19 COME VALUTARE I CONTENUTI 1.Completezza : analisi di tutti: i fattori di rischio, i posti di lavoro, i lavoratori. 2. Disponibilità di informazioni su: ambienti, cicli, materiali, etc. 3. Fonti informative di tipo: tecnologico, igienistico, ambientale sanitario

20 COME VALUTARE LE MISURE DI PREVENZIONE Completezza delle misure Rispetto della gerarchia preventiva Informazione e formazione Sorveglianza sanitaria

21 COME VALUTARE IL PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DELLE MISURE Rispetto dei principi gerarchici della prevenzione Rispetto delle priorità di intervento Prevenibilità dei rischi Fattibilità tecnica (economica) Definizione dei tempi di attuazione degli interventi Processo partecipato (lavoratori, RLS)

22 APPLICAZIONE DEGLI INDICATORI BIOLOGICI PER LA STIMA DELLESPOSIZIONE Luso degli indicatori biologici ha lo scopo di: Stabilire in modo univoco lesposizione Ridurre le mis-classificazioni Definire la dose interna Integrare le molteplici fonti di esposizione, le variazioni nel tempo, le differenze individuali

23 SCELTA DEGLI INDICATORI BIOLOGICI APPROPRIATI Matrice Significato della tossicocinetica Differente accessibilità e praticabilità Aspetti etici Indicatore biologico Composto dorigine, metabolita, elemento tal quale, sue specie, addotti al DNA o alle proteine Effetti avversi Acuti /cronici Locali /sistemici Precoci /tardivi Valori limite Sì /No

24 UTILIZZO DELLA SORVEGLIANZA SANITARIA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO - registrazione delle valutazioni soggettive dei lavoratori; - elaborazione epidemiologica dei dati della sorveglianza sanitaria (e di quelli del monitoraggio biologico); - integrazione/confronto tra le misure ambientali e biologiche di esposizione, e gli indicatori di effetto/danno derivanti dalla sorveglianza sanitaria.

25 VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDENTIFICAZIONE DEI FATTORI DI RISCHIO RELAZIONE DOSE-RISPOSTA MISURA DELLESPOSIZIONE SORVEGLIANZA SANITARIA Visite mediche e accertamenti strumentali Monitoraggio Biologico W.F. Tordoir et al., Toxicology 1994; 91:5-14 CARATTERIZZAZIONE DEL RISCHIO


Scaricare ppt "RUOLO DEL MEDICO DEL LAVORO NELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO P. Apostoli Ordinario di Medicina del Lavoro Università degli Studi di Brescia."

Presentazioni simili


Annunci Google