La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA CONTRORIFORMA Disciplinamento e ortodossia. “Controriforma”: storia di una categoria storiografica Il termine Controriforma compare per la prima volta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA CONTRORIFORMA Disciplinamento e ortodossia. “Controriforma”: storia di una categoria storiografica Il termine Controriforma compare per la prima volta."— Transcript della presentazione:

1 LA CONTRORIFORMA Disciplinamento e ortodossia

2 “Controriforma”: storia di una categoria storiografica Il termine Controriforma compare per la prima volta nel 1770 nel manuale di storia tedesca di Johann Stephan Pütter, giurista dell’università di Göttingen, ad indicare il “ripristino dell’obbedienza confessionale” nel Sacro romano impero tra il 1555 e il Il termine si afferma definitivamente a metà ottocento grazie allo storico protestante Leopold von Ranke, autore di una celebre Storia dei Papi.

3 “Controriforma” o “Riforma cattolica”? Ad esso si contrapporrà il concetto di Riforma cattolica, introdotto a fine Ottocento dagli storici cattolici tedeschi (Ludwig von Pastor, 1886) e sancito nel 1949 con l’opera dello storico della chiesa Hubert Jedin. In Italia è introdotto dagli studiosi cattolici Paolo Prodi e Giuseppe Alberigo. In questa prospettiva non si tratta solo di una reazione contro la Riforma, ma di un’autonoma spinta riformatrice nata all’interno della Chiesa e culminata con le grandi riforme post-tridentine.

4 Hubert Jedin ( ) Teologo e storico cattolico tedesco, sacerdote ma figlio di madre ebrea, sotto il nazismo è sospeso dall’insegnamento per ragioni razziali. Studia a lungo Roma, negli archivi vaticani, dal 1927 al 1930 e dal 1939 al Professore di storia della Chiesa all’università di Breslau ( ) e di Bonn ( ), è stato uno dei maggiori storici della Chiesa del Novecento, oltre che collaboratore di Giovanni XXIII nella preparazione del Concilio Vaticano II. Autore di una grande Storia del concilio di Trento ( ).

5 La Riforma cattolica ( ) “Riflessione su di sé attuata dalla Chiesa in ordine all’ideale di vita cattolica raggiungibile mediante un rinnovamento interno” (H. Jedin) 1. Autoriforma delle membra o Riforma latina: Erasmo ( ) 2. L’Evangelismo italiano come “breccia aperta verso il centro della Chiesa”: G. Morone ( ) 3. Il compromesso di Trento fra tradizione e novità: Paolo IV Carafa ( ) 4. L’esecuzione dei decreti tridentini come riforma della Chiesa: Pio V Ghislieri ( )

6 Due interpretazioni contrapposte Reazione cattolica alla Riforma e risposta in chiave prevalentemente repressiva ai problemi da essa posti [lettura protestante]. Autonoma spinta riformatrice nata in seno alla Chiesa cattolica, capace di risolvere in maniera diversa una parte di quegli stessi problemi [lettura cattolica]. È possibile una lettura diversa?

7 Non credere alla continuità Comunque la si voglia leggere, la Chiesa post-tridentina è molto diversa da quella precedente. Parallela alla costituzione degli Stati moderni, la svolta cinquecentesca trasforma la Chiesa cattolica in una struttura piramidale ed efficiente fondata sull’assolutismo monarchico.

8 La chiesa pre-tridentina Fino al Concilio di Trento (ma anche dopo) si poteva essere vescovi “non titolari” (ossia godere delle rendite di una o più diocesi) senza avere cura d’anime, senza essere ordinati vescovi e addirittura senza essere sacerdoti. La maggior parte dei cardinali della prima metà del XVI secolo hanno ottenuto il titolo senza essere ordinati sacerdoti. Il grande avversario di Lutero, Papa Leone X de’Medici, eletto papa a 37 anni nel 1513 deve farsi ordinare sacerdote prima dell’incoronazione. Papa Paolo III Farnese celebra la sua prima messa 17 anni dopo essere stato ordinato vescovo. Gasparo Contarini viene creato cardinale a 42 anni dopo una brillante carriera diplomatica al servizio della Repubblica Venezia; solo successivamente viene ordinato sacerdote e consacrato vescovo; celebra la sua prima messa solo due anni dopo la nomina.

9 La Roma dei papi e il problema della residenza papale Diversamente da quanto si crede il Vaticano diventa residenza papale stabile solo dopo il Fra il VI e il XIII secolo la residenza preferita è il palazzo del Laterano. Solo con Innocenzo III, attorno al 1200, si inaugura una residenza in Vaticano, oltre Tevere, ma fra Tre e Quattrocento i papi prediligono S. Maria Maggiore o Palazzo Venezia. In età moderna, fra Cinque e Seicento, la residenza preferita dai papi è il palazzo del Quirinale, sede di governo e priva di chiesa, ben distinta dalla sede vaticana attigua alla basilica di San Pietro, centro della cattolicità.

10 Il palazzo del Quirinale

11 Paolo III (Alessandro Farnese) Alessandro Farnese ( ), Discendente per parte materna dal papa Bonifacio VIII Caetani, si forma a Firenze alla corte di Lorenzo de’ Medici. Protetto da papa Alessandro VI Borgia, amante di sua sorella Giulia Farnese, è nominato nel 1491 Protonotario Apostolico e poi Tesoriere pontificio e cardinale. Celebra la sua prima messa solo nel 1519, dopo esse stato ordinato sacerdote, diciassette anni dopo essere stato consacrato vescovo. A sua volta padre di quattro figli naturali (Pier Luigi, Paolo, Ranuccio e Costanza), tutti collocati in posizioni di potere, è Decano del Sacro Collegio dal 1524, sotto Clemente VII de Medici. Presentatosi come esponente del partito imperiale, viene eletto Papa nel 1534, a 66 anni. In pochi mesi crea 71 nuovi cardinali, il più giovane dei quali (il nipote Alessandro) ha solo 14 anni.

12 Paolo III (Alessandro Farnese) Neutrale in politica estera e mediatore in materia religiosa, istituisce nel 1536 il Consilium de emendanda Ecclesia, dando spazio agli esponenti riformatori (Sadoleto, Contarini, Pole, Morone). Nel 1541 promuove il Colloquio di Ratisbona per tentare l’ultima mediazione prima di convocare il Concilio di Trento (1545). Muore nel 1549.

13 Il Giudizio Universale di Michelangelo Affrescata da Michelangelo nel 1541 – lo stesso anno di Ratisbona - per conto di Paolo III Farnese e successivamente censurata per “immoralità”, la cappella Sistina è una delle ultime espressioni della libertà dell’arte rinascimentale prima della Controriforma.

14 1541 – Il Colloquio di Ratisbona: l’ultimo tentativo di conciliazione e dialogo fra diverse confessioni cristiane A Ratisbona nel 1541 si tenta per l’ultima volta la via della conciliazione e del dialogo. La sconfitta del gruppo erasmiano aprirà la strada alla reazione della Controriforma.

15 L’evangelismo italiano: un’occasione mancata ( ) Mentre in Europa si afferma la Riforma nelle sue diverse componenti, in Italia prudenti idee di riforma maturano anche all’interno della Chiesa cattolica, coinvolgendo un significativo numero di vescovi e cardinali (Sadoleto, Contarini, Pole, Morone). Fra gli anni trenta e gli anni quaranta l’evangelismo italiano sembra influenzare lo stesso papato: il Consilium de emendanda Ecclesia ( ) rappresenta il punto più alto dello sforzo riformatore, ma con il fallimento dei Colloqui di Ratisbona (1541) la strada è ormai aperta alla reazione che trionferà dopo il 1555 con l’elezione di papa Paolo IV Carafa.

16 Un testo da decifrare: Il Beneficio di Cristo (1543) L’opera più significativa dell’evangelismo italiano è il trattatello anonimo Beneficio di Cristo crocifisso, contenente spunti erasmiani, luterani e calvinisti. In un originale sintesi eterodossa vi sostiene la giustificazione per sola fede, la rigenerazione spirituale della chiesa e la fine del potere temporale dei papi. Composto fra il 1540 e il 1542, a Viterbo (nella cerchia del cardinale Reginald Pole), prima diffuso manoscritto e poi pubblicato anonimo a Venezia, è probabilmente un’opera collettiva: fra i suoi autori si identificano l’umanista Marcantonio Flaminio e il monaco Benedetto Fontanini da Mantova.

17 Iacopo Sadoleto ( ) Il cardinale Iacopo Sadoleto, fine intellettuale umanista e vescovo di Carpentras, di ispirazione erasmiana, è il capofila dei vescovi riformatori e fautore del dialogo con i protestanti. È interlocutore di Calvino nella celebre discussione epistolare del 1539 su “aggiornamento o riforma della chiesa?”

18 Gasparo Contarini ( ) Il patrizio veneziano Gasparo Contarini, diplomatico al servizio della Repubblica e Senatore, già ambasciatore di Venezia presso Carlo V e poi ambasciatore a Roma, viene creato cardinale da Paolo III nel 1535 a 42 anni e successivamente ordinato sacerdote. Celebra la sua prima messa nel Di orientamento erasmiano, è uno dei principali esponenti del gruppo riformatore interno alla Chiesa cattolica. Promotore nel di una riforma interna, tenta fino all’ultimo la conciliazione con i protestanti al Colloquio di Ratisbona (1541), ma viene sconfitto dagli intransigenti.

19 Bernardino Ochino ( ) Il generale dei cappuccini Bernardino Ochino, celebre predicatore, aderisce alla Riforma nel 1542 e si rifugia a Ginevra. Entrato in urto con Calvino a causa delle sue posizioni radicali e antitrinitarie, è costretto ad un lungo esodo per l’Europa orientale. Muore di peste in Moravia.

20 Reginald Pole ( ) Il cardinale inglese Reginald Pole, allontanato da Enrico VIII nel 1532, sostiene una riforma interna della Chiesa. Nel 1545 è rappresentante personale di papa Paolo III al Concilio di Trento e nel 1549 manca per un solo voto l’elezione al pontificato. Tornato in Inghilterra nel 1554, sotto Maria Tudor, viene inquisito nel 1555 dal suo vecchio avversario Paolo IV Carafa per filoprotestantesimo. Muore prima della conclusione del processo, “in opinione a Roma di luterano et in Alemagna di papista”.

21 L’Evangelismo italiano: un bilancio Tentativo fallito di riforma, messo in atto da un gruppo di prelati eterodossi sostenuti da un movimento spirituale rinnovatore. 1. La via possibile della conciliazione e del dialogo ( ) 2. La convocazione del Concilio e la sconfitta della “terza via” erasmiana ( ) 3. La chiusura del dialogo e la contrapposizione ( )

22 Ignazio di Loyola ( ) Nato da una famiglia spagnola di piccola nobiltà militare e a sua volta soldato nell’esercito di Carlo V, ferito in guerra e convertitosi alla vita religiosa, dopo un lungo soggiorno a Venezia ( ) Ignazio con alcuni compagni fonda nel 1540 la Compagnia di Gesù, un nuovo ordine religioso organizzato secondo criteri di rigida disciplina militare.

23 Papa Paolo III riceve Ignazio di Loyola Nel 1540 Paolo III approva la costituzione della Compagnia di Gesù e la pone sotto la diretta autorità papale. A partire dagli anni cinquanta i Gesuiti saranno la più efficace milizia al servizio della chiesa cattolica; impegnati soprattutto in due settori: L’istruzione superiore Le missioni La confessione

24 La Compagnia di Gesù: un esercito disarmato Disciplina rigorosa, obbedienza al Papa, profonda cultura, saranno per secoli le caratteristiche dei Gesuiti. Uno fra gli ordini più potenti della storia moderna.

25 I Collegi e la “Ratio studiorum” Aperti in tutte le province, dotati di personale docente qualificato, di ottime strutture e di biblioteche ben fornite, i Collegi dei Gesuiti divengono in poco tempo il luogo privilegiato di formazione delle classi dirigenti europee. Con la Ratio studiorum del 1599, comune a tutti i Collegi del mondo cattolico, i principi pedagogici dei Gesuiti vengono codificati in un testo unico basato su rigore dottrinale e cultura umanistica.

26 I Collegi dei Gesuiti di Genova e di Roma

27 I Cappuccini Potente ordine mendicante di derivazione francescana, viene fondato nel 1528 con compiti di predicazione. A metà Seicento i cappuccini saranno oltre con 1800 case e conventi in tutto il mondo.

28 Il Concilio di Trento ( )

29 Dove convocare il Concilio? Convocato nel 1537 da Paolo III il Concilio avrebbe dovuto riunirsi per la prima volta a Mantova. Ma la famiglia Gonzaga appare troppo vicina al partito imperiale. Si deve quindi trovare una sede che soddisfi le opposte esigenze – soprattutto simboliche - del Papa, dei diversi partiti di curia, dell’Imperatore e del re di Francia. Dopo aver scartato molte sedi (Torino, Piacenza, Bologna, Vicenza), solo nel 1542 e con estrema fatica si individua una sede adatta al Concilio.

30 La città di Trento, sede del Concilio La scelta cade sulla città di Trento: Principato ecclesiastico in territorio imperiale e pertanto accettato da entrambi gli schieramenti. Principe vescovo è in quel momento Cristoforo Madruzzo esponente del partito imperiale, riformatore. Durante le prime sessioni del Concilio l’imperatore Carlo V pone la sua residenza a Innsbruck, distante una sola giornata da Trento.

31 La prima sessione ( )

32 I lavori della prima sessione ( ) Convocato da Paolo III, il Concilio si apre a Trento il 13 dicembre 1545, nel pieno di un rigido inverno, in assenza del papa, rappresentato da quattro delegati di diverso orientamento: Del Monte, Cervini, Pole, Gonzaga. Due di loro saranno eletti papi durante il Concilio. La prima sessione del Concilio si trascina per due anni con scarsa partecipazione dei delegati (65), intervallata lunghe pause (freddo, epidemie) Il dibattito si concentra sulle definizioni teologiche (giustificazione per fede, grazia, traduzione in volgare della Scrittura)

33 I partecipanti Partecipano al Concilio di Trento un numero esiguo di delegati: 4 cardinali 4 arcivescovi 21 vescovi 5 rappresentanti degli ordini religiosi mendicanti 42 teologi 8 giuristi 2 rappresentanti dell’Arciduca d’Austria

34 Il cardinale Ercole Gonzaga Legato papale al Concilio ed esponente di una delle più potenti famiglie italiane, è schierato con il partito imperiale. Giunge a Trento accompagnato da 160 servitori e da solo occupa due residenze.

35 Il cardinale Reginald Pole ( ) Il cardinale inglese Reginald Pole, cugino di Enrico VIII, nel 1545 è Legato papale al Concilio di Trento. Esponente del partito riformatore, nel 1549 manca per un solo voto l’elezione al pontificato. Tornato in Inghilterra nel 1554, sotto Maria Tudor, viene inquisito nel 1555 dal suo vecchio avversario Paolo IV Carafa per filoprotestantesimo. Muore prima della conclusione del processo, “in opinione a Roma di luterano et in Alemagna di papista”.

36 Da Trento a Bologna ( ) Nel 1547, con la scusa di un’epidemia di tifo, il Concilio viene spostato da Trento a Bologna, città pontificia, dove prosegue, senza risultati significativi, fino al I delegati imperiali, per protesta, rimangono a Trento.

37 Giulio III ( ) e Michelangelo Alla morte di Paolo III (1549) in Conclave si scontrano due candidati: il riformatore Reginald Pole, sostenuto dagli spirituali e l’intransigente Gian Pietro Carafa, sostenuto dagli zelanti. Dopo settantatre giorni - battendo per un solo voto di scarto, Reginald Pole - viene eletto papa un uomo di mediazione: l’anziano cardinale Giovanni Maria del Monte, presidente della prima sessione del Concilio. Il nuovo papa prende il nome di Giulio III e riporta il Concilio a Trento ( ).

38 Marcello II (Marcello Cervini) 1555 Legato papale al Concilio di Trento e poi papa per soli 22 giorni nel 1555, il cardinale Marcello Cervini rappresenta la linea spirituale in seno al Concilio.

39 Paolo IV (Gian Pietro Carafa) Alla morte di Marcello I, dopo uno scontro durissimo fra intransigenti e riformatori (che candidano il vescovo modenese Giovanni Morone) il 23 maggio 1555 viene eletto papa il settantanovenne cardinale Gian Pietro Carafa, capofila degli zelanti, col nome di Paolo IV. Con lui il Concilio riprende come semplice momento esecutivo della volontà papale, assumendo il carattere di una vera e propria reazione contro ogni eterodossia interna ed esterna alla Chiesa.

40 La pacificazione di Augusta Appena eletto il nuovo Papa, l’Imperatore Carlo V, ormai prossimo all’abdicazione, convoca ad Augusta la Dieta imperiale sancendo la spartizione di beni, territori e confessioni in tutto l’impero sulla base del principio “Cuius regio eius religio”. È l’occasione per una duratura pacificazione fra cattolici e protestanti. I sovrani hanno il diritto di imporre la propria religione ai sudditi, ma questi hanno il diritto di abbandonare lo Stato e trasferirsi in un paese dove è ammessa la propria religione.

41 1557 – L’Indice dei libri proibiti Nel 1557 viene istituito l’Indice di libri proibiti come nuovo strumento i controllo delle idee. Aggiornato periodicamente, raccoglie l’elenco di tutti i libri che la chiesa cattolica ritiene contrari alla religione e pertanto da vietare. Sono poste all’Indice, fra le altre, le opere di Boccaccio, Aretino, Berni, Machiavelli, Erasmo, Rabelais.

42 Il Tribunale del Sant’Uffizio La Congregazione del Sant’Uffizio, dalla quale dipende il Tribunale dell’Inquisizione, viene impiegata come organo di lotta contro l’eterodossia. Molti esponenti del partito riformatore, avversari di papa Carafa – fra i quali i cardinali Pole e Morone - finiscono sotto processo. Entrambi e in diverse occasioni erano stati candidati al papato contro di lui.

43 La pratica della tortura L’impiego della tortura per estorcere le confessioni agli inquisiti diviene sistematica. Una volta raccolta la confessione e salvata la loro anima, i rei sono consegnati al “braccio secolare” per l’esecuzione della condanna.

44 I Roghi Non sono solo i libri proibiti ad essere gettati fra le fiamme. Numerose vittime dell’Inquisizione, condannate per eresia, ma anche per reati come la stregoneria e la sodomia, finiscono arsi vivi sul rogo.

45 I lavori della seconda sessione ( ) La seconda sessione del Concilio, convocata e chiusa dall’intransigente Paolo IV, si apre all’insegna della repressione del dissenso e della definitiva sconfitta della componente erasmiana e riformatrice. All’ordine del giorno è la distinzione fra ortodossia e eterodossia. Gli stessi padri conciliari sono sottoposti alla pressione dell’Inquisizione.

46 Pio IV (Giovanni Angelo Medici) Riprende e conclude il Concilio di Trento (terza ed ultima sessione: ) Riabilita il cardinale Morone, ormai morto Si avvale della collaborazione del nipote Carlo Borromeo arcivescovo di Milano.

47 Carlo Borromeo ( ) Nipote di Pio IV, dal 1563 vescovo di Milano e protagonista dell’ultima fase del Concilio di Trento. Si adopera per allontanare dalla Lombardia il “morbo protestante”. Infaticabile organizzatore della vita pastorale, soprattutto dei laici, si propone di dar vita ad una società di santi.

48 L’ultima sessione del Concilio ( ) L’ultima sessione del Concilio affronta il problema del rapporto fra Stati, dopo la pace di Augusta. Viene sancito l’uso del latino nella liturgia. Vengono definite le competenze dei vescovi e i principali problemi disciplinari. Viene regolamentato il matrimonio.

49 Il Diario del Concilio di Trento

50 La “Professio fidei Tridentina” (1564) Chiuso ufficialmente il 4 dicembre 1563, dopo diciotto anni dalla prima convocazione, il Concilio si conclude con la Bolla papale di Pio IV Benedictus Deus, con una solenne professione di fede imposta a tutti i cattolici (1564) e con la pubblicazione del Catechismo Tridentino (1566), pubblicato sotto il pontificato di Pio V.

51 Come cambia la Chiesa dopo il Concilio di Trento? Miglior formazione del clero: imposizione del celibato, istruzione obbligatoria in Seminario, obbligo di residenza. Istituzione dei Seminari diocesani Obbligo di tenere archivi parrocchiali (battesimi, matrimoni, sepolture) Periodicità delle visite pastorali Risposta a bisogni della società: assistenza ed educazione Impegno nella formazione superiore delle classi dirigenti (Gesuiti) Imposizione del latino come unica lingua della Chiesa Imposizione della confessione auricolare Missioni nelle campagne europee Missioni in America, Asia, Africa Fondazione di nuovi Ordini religiosi: Cappuccini, Gesuiti, Teatini, Carmelitane, Filippini, Fatebenefratelli, ecc.

52 Appare un nuovo oggetto: il confessionale La confessione auricolare caratterizza la religiosità post- tridentina e i padri confessori divengono i nuovi signori delle anime»

53 All'inizio del V secolo, AGOSTINO, polemizzando con la setta dei "donatisti" che praticava la confessione auricolare, afferma: "Perché esporre agli uomini le piaghe della mia anima? È lo Spirito Santo che rimette i peccati; L'UOMO NON LO PUÒ FARE, perché ha bisogno di medico al pari di chi cerca in lui il rimedio. E se mi dici: 'Come si adempie la promessa di Cristo fatta agli apostoli: 'Tutto quello che scioglierete in terra sarà sciolto nel cielo', rispondo che il Signore prometteva di mandare il Suo Spirito DAL QUALE dovevano essere rimessi i peccati. Or dunque è lo Spirito di Dio che rimette i peccati, E NON VOI!" (Serm. 99; De Verb. Evang. Luca 7).

54 Centralità della confessione La confessione al sacerdote costituisce una parte essenziale del sacramento della Penitenza: "E' necessario che i penitenti enumerino nella confessione tutti i peccati mortali, di cui hanno consapevolezza dopo un diligente esame di coscienza, anche se si tratta dei peccati più nascosti e commessi soltanto contro i due ultimi comandamenti del Decalogo (Esodo 20:7; Matteo 5:28),perché spesso feriscono più gravemente l'anima e si rivelano più pericolosi di quelli chiaramente commessi". Il Concilio di Trento ribadisce e perfeziona la dottrina della confessione auricolare, con l'affermazione del potere giudiziale da parte del sacerdote, il quale "anche se reo di peccato mortale", mantiene il suo potere di assoluzione o meno.

55 Seminario arcivescovile di Bologna

56 I vescovi: un impegno nuovo Il Concilio di Trento impone una serie di nuovi obblighi ai vescovi e individua nella Diocesi l’unità amministrativa della chiesa. Ogni vescovo è tenuto a: 1. Risiedere stabilmente nella Diocesi; 2. Non cumulare cariche amministrative esterne alla Diocesi; 3. Possedere una formazione giuridica (più che teologica) 4. Vigilare sui Seminari e sulla formazione del clero diocesano; 5. Vigilare sul clero diocesano e indirizzarlo; 6. Visitare periodicamente l’intera Diocesi; 7. Convocare i Sinodi diocesani; 8. Presiedere il Tribunale ecclesiastico diocesano (Inquisizione locale) Ai vescovi e ai cardinali è fatto divieto di possedere più di 60 servitori e di partecipare a battute di caccia, festini, danze, spettacoli teatrali.

57 L’impegno della Chiesa dopo il Concilio Rafforzamento dell’autorità papale e della gerarchia ecclesiastica Lotta contro l’eresia e il dissenso religioso (Sant’Uffizio, Inquisizione e Indice) Repressione del dissenso culturale e disciplinamento delle arti (pittura, letteratura, ecc.); introduzione del concetto di osceno Stretto controllo dei comportamenti individuali (matrimonio, sessualità)

58 Pio V (Antonio Ghislieri) Eletto papa nel 1566 è il vero erede del “duro” Paolo IV Carafa. Frate domenicano proveniente dal Sant’Uffizio, dove si era distinto come inflessibile inquisitore, gestisce con estrema durezza la fase post- conciliare Riorganizza la Chiesa cattolica come monarchia papale e come “bastione antiprotestante” Nega qualsiasi tolleranza per le voci dissidenti Rianima l’antigiudaismo cattolico Incrementa il culto dei santi e il culto mariano

59 La tiara e le chiavi, emblema del potere pontificio

60 La riorganizzazione della monarchia papale Il Papa è un principe senza continuità dinastica (papato come monarchia elettiva) Il Sacro Collegio è al tempo stesso organo di governo della Chiesa, strumento di consenso e potenziale elemento di disgregazione. Gradatamente il papa trasforma il Sacro Collegio in un corpo di funzionari disciplinati e a lui sottoposti, compiendo così il passaggio al governo assoluto della Chiesa (sconfitta del conciliarismo). I Vescovi divengono la principale articolazione del potere papale sul territorio (Diocesi) I Nunzi sono invece le articolazioni della politica pontificia nei confronti delle corti europee.

61

62 Le confessioni religiose in Europa a Riforma stabilizzata

63


Scaricare ppt "LA CONTRORIFORMA Disciplinamento e ortodossia. “Controriforma”: storia di una categoria storiografica Il termine Controriforma compare per la prima volta."

Presentazioni simili


Annunci Google