La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Anche se un organo può non essersi formato in principio per uno scopo particolare, se oggi viene utilizzato efficacemente per quello scopo, possiamo giustamente.

Copie: 1
Darwinius masillae e la retorica dellanello mancante.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Anche se un organo può non essersi formato in principio per uno scopo particolare, se oggi viene utilizzato efficacemente per quello scopo, possiamo giustamente."— Transcript della presentazione:

1 Anche se un organo può non essersi formato in principio per uno scopo particolare, se oggi viene utilizzato efficacemente per quello scopo, possiamo giustamente dire che è particolarmente adatto ad esso... In tutta la natura quasi ogni parte di ciascun essere vivente è probabilmente servita, con poche modifiche, ad altri scopi e ha funzionato come parte della macchina vivente di molte e diverse forme antiche (Final Obs.)

2 Le orchidee costruiscono i loro complessi congegni con i componenti normali dei fiori comuni, con parti che vengono in genere utilizzate per scopi differenti. Se Dio avesse voluto costruire una splendida macchina che riflettesse la sua saggezza e il suo potere, non avrebbe certo usato dei pezzi modellati per altri scopi. Ma le orchidee non sono state costruite da un ingegnere ideale, esse sono il risultato dellassemblaggio di una serie limitata di componenti disponibili (S.J. Gould, Il pollice del panda, 1980, p. 14)

3 Gli animali – quelli che abbiamo reso nostri schiavi – non ci piace considerarli nostri eguali. I padroni di schiavi non vorrebbero forse attribuire luomo negro a un altro genere? Animali con affetti, imitazione, paura, dolore, dispiacere per i morti, rispetto. … Se decidiamo di lasciar correre libere le congetture, allora gli animali sono nostri compagni, fratelli in dolore, malattia, morte e sofferenza e fame; nostri schiavi nel lavoro più faticoso, nostri compagni negli svaghi; dalla nostra origine essi probabilmente condividono un comune antenato; potremmo essere tutti legati in ununica rete (CD, Notebook B, pp ) Vi è qualcosa di grandioso in questa visione della vita

4 Terry Harrison, Apes Among the Tangled Branches of Human Origins, Science 2010: Vol no. 5965, pp. 532 – 534.

5 Il posto di Ida nella natura

6 (Baldauf et alii, Assembling the tree of life, 2004; Model Selection for Univ. Com. Anc., 2010)

7 Il corallo dellevoluzione umana (Ian Tattersall, 2010) H. floresiensis Pluralità di pattern (gradualismo/puntuazionismo: frequenze relative; exaptations) ?

8 Homo floresiensis floresiensis e sapiens il 28 ottobre 2004 Peter Brown ha dato notizia del rinvenimento dellHomo floresiensis

9 Australopithecus sediba, March 2010

10 Australopithecus sediba: un mix di caratteri

11 Australopithecus sediba Homo di Denisova ? ? ? Il cespuglio dellevoluzione umana 2011

12 Fino a 40mila anni fa cinque specie distinte del genere Homo convivevano soltanto in Eurasia. Denisova Cave, April 2010 La storia di un mignolo

13 Close Encounters of the Prehistoric Kind, Science, May 7, 2010 The long-awaited sequence of the Neanderthal genome suggests that modern humans and Neanderthals interbred tens of thousands of years ago, perhaps in the Middle East [?] (from Vindija Cave, Croatia, 38K)

14 HOMO SAPIENS GLOBALIZATION Tutti parenti, tutti differenti Interbreeding (?) with H. neanderthalensis

15

16 Due modelli dellevoluzione umana (anni ottanta)

17 1987 mtDNA

18 HUMAN RACES? - aleatorietà delle classificazioni antropologiche - Lewontin 1972: 85% differenze medie sono fra individui; 15% fra popolazioni (2010) : malattie razziali? - nessun confine biologico discreto (genetica delle razze in altri specie)

19 (courtesy, Kenneth Kidd, Yale University)

20

21

22 DRIFT

23 (courtesy, Kenneth Kidd, Yale University)

24 HOMO SAPIENS GLOBALIZATION Tutti parenti, tutti differenti Interbreeding (?) with H. neanderthalensis Interbreeding (?) with H. denisovian

25

26

27 Land areas (73K – 10 K)

28 TOBA Eruption (73 K)

29 UNICITA: la specie sapiens -GRADUALITA o INNESCO CULTURALE? -EFFETTO REVERSIVO DELLEVOLUZIONE? -SAPIENS 2.O? La rivoluzione paleolitica (25-32 K)

30 Mappe e gradienti genetici da interpretare

31 Gradiente principale europeo: espansione neolitica?

32 Contro: - Flusso genico (prestiti) - Ibridazione (creolizzazione) - Velocità differenti – processi selettivi diversi - Espansioni demiche - replacement Geni, popoli e lingue: correlazioni fra alberi? A favore: - Isolamento geografico (vs comunicazione/incrocio) - Mutazioni, migrazioni, derive - Spostamenti di popolazioni/lingue

33 LINEDITO UMANO… - Sesta estinzione - Suicidio di specie - Ingegneria genetica (Bison skull pile, 1870)


Scaricare ppt "Anche se un organo può non essersi formato in principio per uno scopo particolare, se oggi viene utilizzato efficacemente per quello scopo, possiamo giustamente."

Presentazioni simili


Annunci Google