La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Leonardo SCIASCIA nero su nero. La Sicilia, il suo cuore Tutti i miei libri in effetti ne fanno uno. Un libro sulla Sicilia che tocca i punti dolenti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Leonardo SCIASCIA nero su nero. La Sicilia, il suo cuore Tutti i miei libri in effetti ne fanno uno. Un libro sulla Sicilia che tocca i punti dolenti."— Transcript della presentazione:

1 Leonardo SCIASCIA nero su nero

2 La Sicilia, il suo cuore Tutti i miei libri in effetti ne fanno uno. Un libro sulla Sicilia che tocca i punti dolenti del passato e del presente e che viene ad articolarsi come la storia di una continua sconfitta della ragione e di coloro che nella sconfitta furono personalmente travolti e annientati. L. Sciascia, Prefazione a Le parrocchie di Regalpetra (1967), p. 5.

3 Sì, ci credo. Nella ragione, nella libertà e nella giustizia che sono, insieme, ragione (ma guai a separarle). Credo si possa realizzare, anche se non perfettamente, un mondo di libertà e di giustizia. Ma la storia della Sicilia è tutta una storia di sconfitte: sconfitte della ragione, sconfitte degli uomini ragionevoli… L. Sciascia, La Sicilia come metafora (1979)

4 Gialli: (spesso ispirati a fatti di cronaca) Da Il giorno della civetta (1961) a Una storia semplice (1989) Romanzi dInchiesta sulla storia o sulla cronaca: Oltre al romanzo storico Il consiglio dEgitto e Le parrocchie di Regalpetra 1963 Morte dellinquisitore 1969 Recitazione della controversia liparitana (dedicata ad A.D.) 1971 Atti relativi alla morte di Raymond Roussel 1975 La scomparsa di Majorana 1978 Laffaire Moro

5 Riviste e giornali Direzione di Galleria dal 1950 alla sua morte Nuovi Argomenti, terza serie con Moravia e Siciliano LOra, Corriere della Sera, Corriere del Ticino, La Stampa, LEspresso Rubriche: Nero su nero e Dizionario, Enciclopedia Raccolte (dopo La corda pazza, mancanza di organicità e distinzione dei due generi) Giornali presenti nelle sue opere narrative (Parrocchie, A ciascuno il suo, fino alla sfiducia degli ultimi romanzi)

6 Critica culturale: 1961 Pirandello e la Sicilia 1970 La corda pazza 1983 Cruciverba 1989 Fatti diversi di storia letteraria e civile Scritti di cronaca e politica: 1979 Nero su nero 1989 A futura memoria (se la memoria ha un futuro) Saggi e articoli

7 Una terra… difficile da governare perché difficile da capire… La paura storica è diventata paura esistenziale; e si manifesta con una tendenza allisolamento, alla separazione, degli individui, dei gruppi, delle comunità e dellintera regione. E a un certo punto linsicurezza, la paura, si rovesciano nellillusione che una siffatta insularità, con tutti i condizionamenti, le remore e le regole che ne discendono, costituisca privilegio e forza là dove negli effetti, nella esperienza, è condizione di vulnerabilità e debolezza: e ne sorge una specie di alienazione, di follia, che sul piano della psicologia e del costume produce atteggiamenti di presunzione, di fierezza, di arroganza… L. Sciascia, Sicilia e sicilitudine, in La corda pazza (1970) Come si può essere siciliani?

8 Più sicuro affidarsi alla letteratura… Certo è, comunque, che la cultura siciliana ha avuto sempre come materia e come oggetto la Sicilia: non senza particolarismo e grettezza, qualche volta; ma più spesso studiando e rappresentando la realtà siciliana e la sicilianità (la sicilitudine) con una forza, un vigore, una compiutezza che arrivino allintelligenza e al destino dellumanità tutta… L. Sciascia, Sicilia e sicilitudine, in La corda pazza (1970) …e sono scrittori ed artisti che attraverso la particolarità e le particolarità della Sicilia hanno raggiunto luniversalità. L. Sciascia, Come si può essere siciliani, in Fatti diversi di storia letteraria e civile (1989)

9 Il pirandellismo di natura Quando finalmente trovai e lessi Il fu Mattia Pascal, e poi qualche volume di novelle, ne ebbi una rivelazione. La rivelazione che dentro il mondo pirandelliano – lidentità, la relatività – era il mio di ogni giorno… L. Sciascia, La Sicilia come metafora (1979), p. 11

10 La Sicilia come metafora …mi trovo nella condizione insensata di scrivere dalla Sicilia, della Sicilia, per la Sicilia mentre intorno si va facendo il deserto... L. Sciascia, lettera a Italo Calvino (1966) I problemi della Sicilia sono quelli dellItalia e non credo che sia possibile risolverli se contemporaneamente non si risolve linsieme dei problemi italiani… L. Sciascia, La Sicilia come metafora, intervista di Marcelle Padovani (1979)

11 Un diario in pubblico Nero su nero Diario in pubblico ( , articoli sul Corriere della Sera, la Stampa, LOra) Elemento autobiografico (commento civile più che confessione intima) Riflessione metaletteraria sulla sua personale concezione della letteratura un libro fatto di centinaia di libri, suoi (Todo Modo e LAffaire Moro) e degli altri Elzeviri ipertermici (M. Di Gesù) La nera scrittura sulla nera pagina della realtà

12 Un diario in pubblico Nero su nero La lettura dei giornali mi dà neri pensieri. Neri pensieri sui giornali appunto, sul giornalismo. I giornali mi si parano davanti come un sipario. Più esattamente come un velario, poiché qualcosa di quel che si muove dietro, degli oggetti che ci stanno, della scena che si prepara, lasciano intravedere. Solo che ci vuole un occhio abituato, un occhio allenato. Non acuto, ché non basta. Esperiente. Di un esperienza che non tutti hanno … Nero su nero, p. 814 poi ppp. 773

13 Polemiche senza gioia A futura memoria Articoli apparsi su LEspresso, Il Corriere, La Stampa, Panorama ( ) La memoria come forma di resistenza Il rovello della Giustizia (dal caso Tortora al caso Sofri) Nero su nero punta lo sguardo sul terrorismo, A futura memoria sulla Mafia (anni della mattanza mafiosa e del maxiprocesso) Maggiore urgenza argomentativa e comunicativa, non più elzeviri ma commenti da prima pagina Allironia subentra il disincanto, diritto al dissenso e gusto per leresia (vd. p. 797) Sono semplicemente uno che è nato, è vissuto e vive in un paese della Sicilia occidentale e ha sempre cercato di capire la realtà che lo circonda, gli avvenimenti, le persone. Sono un esperto di mafia come lo sono in fatto di agricoltura, di emigrazione, di tradizioni popolari, di zolfara: a livello delle cose viste e sentite, delle cose vissute e in parte sofferte A futura memoria, p.797.

14 I professionisti dellantimafia … l'antimafia come strumento di potere. Che può benissimo accadere anche in un sistema democratico, retorica aiutando e spirito critico mancando. E ne abbiamo qualche sintomo, qualche avvisaglia. Prendiamo, per esempio, un sindaco che per sentimento o per calcolo cominci ad esibirsi - in interviste televisive … come antimafioso: anche se dedicherà tutto il suo tempo a queste esibizioni e non ne troverà mai per occuparsi dei problemi del paese o della città che amministra (che sono tanti, in ogni paese, in ogni città: dall'acqua che manca all'immondizia che abbonda), si può considerare come in una botte di ferro.

15 … Questo è un esempio ipotetico.Ma eccone uno attuale ed effettuato. … si tratta dell'assegnazione del posto di Procuratore della Repubblica a Marsala al dottor Paolo Emanuele Borsellino e dalla motivazione con cui si fa proposta di assegnargliela salta agli occhi questo passo... I lettori, comunque, prendano atto che nulla vale più, in Sicilia, per far carriera nella magistratura, del prender parte a processi di stampo mafioso. In quanto poi alla definizione di «magistrato gentiluomo», c'è da restare esterrefatti: si vuol forse adombrare che possa esistere un solo magistrato che non lo sia?. L. Sciascia, I professionisti dellantimafia, Corriere della Sera, 10 gennaio 1987

16 Laffaire Moro

17 Il ritorno delle lucciole Era proprio una lucciola nella crepa del muro. Ne ebbi una gioia intensa. E come doppia. E come sdoppiata. La gioia di un tempo ritrovato – linfanzia, i ricordi, questo stesso luogo ora silenzioso pieno di voci e di giuochi – e di un tempo da trovare, da inventare. Con Pasolini. Per Pasolini. Pasolini fuori dal tempo ma non ancora, in questo terribile paese che lItalia è diventato, mutato in se stesso (Tel quen Lui-même enfin léternité le change) (pp ) Ieri sera, uscendo per una passeggiata, ho visto nella crepa di un muro una lucciola … (p. 467). paesaggio che è una sorta di quinta teatrale del testo (Savatteri) Lucciole, malgrado tutto La letteratura

18 Pasolini ritrovato Pasolini trovava […] adorabile quel che per me dellItalia era già straziante (ma anche per lui, ricordando un adorabili perché strazianti delle lettere luterane: e come si può adorare ciò che strazia?) e sarebbe diventato terribile. Trovava adorabili quelli che inevitabilmente sarebbero stati strumento della sua morte. E attraverso i suoi scritti si può compilare un piccolo dizionario delle cose per lui adorabili e per me soltanto strazianti e oggi terribili … (p. 468) Ieri sera, uscendo per una passeggiata, ho visto nella crepa di un muro una lucciola … (p. 467). La ripresa del dialogo è come un passaggio del testimone: il processo al palazzo Il ruolo della letteratura (come le lucciole) Pasolini analista delllinguaggio di Aldo Moro (Traina)

19 Ora sappiamo che la correlazione era una contraddizione: e Moro lha pagata con la vita. Ma prima che lo assassinassero, è stato costretto, si è costretto, a vivere per circa due mesi un atroce contrappasso: sul suo linguaggio completamente nuovo, …. Un contrappasso diretto: ha dovuto tentare di dire col linguaggio del non dire …(p. 471) Per una enigmatica correlazione In questo breve inciso di Pasolini – per una enigmatica correlazione – cè come il presentimento, la prefigurazione dellaffaire Moro …. La ripresa del dialogo è come un passaggio del testimone: lanalisi linguistica Una tragedia del linguaggio e nel linguaggio Laffaire Moro è già letteratura perché la verità si manifesta solo per segni scritti (Ferroni)

20 È da dire che come il don Chisciotte laffaire Moro si svolge irrealmente … Allo stesso modo che don Chisciotte dai libri della cavalleria errante, Moro e la sua vicenda sembrano generati da una certa letteratura … Nel vuoto di riflessione … le sintesi non potevano apparire che anticipazioni, profezie Tanta perfezione può essere dellimmaginazione, della fantasia; non della realtà…(p ) Leonardo Sciascia, autore dellAffaire Moro Perché limpressione che laffaire Moro sia già stato scritto, che viva in una sfera di intoccabile perfezione letteraria, che non si possa che fedelmente riscriverlo e però, riscrivendolo, mutar tutto senza nulla mutare? …(p. 479). La letteratura che genera laffaire: Pasolini, Borges- Cervantes (e poi Pirandello), Poe, infine Sciascia Non scrittura di opera letteraria, ma riscrittura; non verità, ma interpretazione della verità Il frangiflutti del dizionario …

21 … nellaffaire Moro si presentava la necessità di una duplice immdesimazione con le Brigate Rosse … e con moro, prigioniero che mandava dalla prigione messaggi da decifrare… (p ) Limmedesimazione dello scrittore-detective Il cavaliere Charles Auguste Dupin, linvestigatore di Poe, poneva a precetto di ogni investigazione la capacità di identificarsi, di immedesimarsi …(p. 489). La letteratura che genera laffaire: Poe Lo scrittore interprete e traduttore (lespressione grande statista, il volto di Moro apparso in TV, p.496) Lo scrittore detective alle prese con linvisibilità dellevidenza … (la lettera a Cossiga): forse Moro voleva dire …

22 … nellaffaire Moro si presentava la necessità di una duplice immdesimazione con le Brigate Rosse … e con moro, prigioniero che mandava dalla prigione messaggi da decifrare… (p ) Il vero e il falso Moro Il cavaliere Charles Auguste Dupin, linvestigatore di Poe, poneva a precetto di ogni investigazione la capacità di identificarsi, di immedesimarsi …(p. 489). Lo scrittore smaschera limpostura (la falsificazione delle lettere e il partito della fermezza): il grande statista, lapocrifo messaggio della moglie, la seconda lettera come un delirio, la morte civile Lo scrittore decritta la verità dei messaggi di Moro (p. 496, se non avessi una famiglia …) (da uomo di potere a uomo solo a creatura) anche questa lettera non è moralmente a lui ascrivibile …(p. 502) … tengo a precisare che dico queste cose in piena lucidità e senza aver subito alcuna coercizione nella persona …(p. 489).

23 Da personaggio a uomo solo a creatura La letteratura che genera laffaire: Pirandello Il dramma di Moro (dimensione teatrale e dialettica fra finzione e realtà) da personaggio a uomo solo a creatura e di nuovo a personaggio (sciasciano) Io non desidero intorno a me lo ripeto gli uomini del potere (p.541, leggere tutta la lettera) Vd. Incipit Todo modo Moro comincia, pirandellianamente, a sciogliersi dalla forma, poiché tragicamente è entrato nella vita. Da personaggio a uomo solo, da uomo solo a creatura: i passaggi che Pirandello assegna allunica salvezza possibile …(p. 513) Moro, per dirla pirandellianamente, uno e due (p.537). La verità è quella di Moro(p. 510).

24 La condanna a morte Varie tappe: La prova generale: il falso comunicato La morte civile ovvero la falsificazione delle sue lettere Duplice condanna delle Br e del PCI (pp ) La vita appesa a un gerundio (549) La restituzione del corpo … e delle parole Il mio sangue ricadrà su di loro (p. 564)

25 Il mareggiare dei ritagli di giornale E il Tommaseo come frangiflutti (pp ) La condanna a morte si compie sui giornali (p. 506, la prova generale, il falso comunicato n.7) Dalla traduzione allimmaginazione Decrittazione delle immagini fotografiche (La foto di Moro di Marco Belpoliti) Moro comincia, pirandellianamente, a sciogliersi dalla forma, poiché tragicamente è entrato nella vita. Da personaggio a uomo solo, da uomo solo a creatura: i passaggi che Pirandello assegna allunica salvezza possibile …(p. 513) La verità è quella di Moro(p. 510).

26 E può darsi che si stia qui facendo un romanzo La letteratura che genera laffaire: Sciascia Che cosa veramente pensava Moro … (p.496) E ci si può fermare su questa ipotesi ed immaginare (immaginare, immaginare!) p ) Forse perché sto cercando di capire anche loro (p. 530) Traduciamo, intanto… (p. 546) Il caso Moro (M. Ferrara)

27 Il momento più alto toccato dalla tragedia La pietà invocata La pietà negata La pietà immaginata I tre attori si fronteggino sulla scena e così si consuma la tragedia Se la pietà prevale, il Paese non è finito Non tutti i giornali pubblicano la lettera. E la pietà, anche se qualcosa sommuove non prevale …(p. 528) Forse ancora oggi il brigatista crede di credere si possa vivere di odio e contro la pietà: ma quel giorno, in quelladempimento, la pietà è penetrata in lui come il tradimento di una fortezza. E spero che lo devasti La pietà di chi mi recava la lettera … ha escluso i contorni che dicevano la mia condanna (p. 531). Buongiorno notte (M. Bellocchio)


Scaricare ppt "Leonardo SCIASCIA nero su nero. La Sicilia, il suo cuore Tutti i miei libri in effetti ne fanno uno. Un libro sulla Sicilia che tocca i punti dolenti."

Presentazioni simili


Annunci Google