La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

7° Programma Quadro Ricerca e Sviluppo Tecnologico 13 aprile 2007 Università degli studi di Teramo Sara Zatta Regione Abruzzo – Servizio di collegamento.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "7° Programma Quadro Ricerca e Sviluppo Tecnologico 13 aprile 2007 Università degli studi di Teramo Sara Zatta Regione Abruzzo – Servizio di collegamento."— Transcript della presentazione:

1 7° Programma Quadro Ricerca e Sviluppo Tecnologico 13 aprile 2007 Università degli studi di Teramo Sara Zatta Regione Abruzzo – Servizio di collegamento con lUnione Europea - Bruxelles

2 Sommario Introduzione al VII PQ RST La struttura I 4 programmi Il budget I meccanismi di finanziamento Le tipologie di progetti

3 Introduzione Il VII Programma Quadro Ricerca Sviluppo Tecnologico è il programma chiave per il rilancio della strategia di Lisbona che ha come obbiettivo quello di: rendere leconomia europea della conoscenza - entro il 2010 – più competitiva e dinamica del mondo, in grado di realizzare una crescita economica sostenibile con nuovi posti di lavoro e una maggiore coesione sociale

4 Il 7PQ attua la parte ricerca e sviluppo del bilancio europeo 2007 – 2013 e sostiene la ricerca in determinate aree di priorità - con lobiettivo di rendere e mantenere l'UE leader mondiale in questi settori.

5 VII Programma RST riunisce sotto un unico quadro normativo numerosi sotto- programmi e iniziative collegate alla promozione e alla creazione di unarea comune di eccellenza per la ricerca europea – Decisione n.1962/2006/CE del 18/12/2006 PE e del Consiglio

6 Il VII Programma Quadro si articola in 4 Programmi specifici ed 1 Programma per la ricerca nucleare - EURATOM COOPERAZIONE IDEE PERSONE CAPACITA EURATOM

7 COOPERAZIONE

8 E il programma specifico volto a promuovere una più stretta collaborazione dellindustria con i centri di ricerca incrementando i finanziamenti pubblici e favorendo lingresso di quelli privati, creando centri di eccellenza europei ed incoraggiando la multidisciplinarietà e la massa critica. Il programma è articolato in 10 aree tematiche

9 10 aree tematiche Salute : migliorare la salute dei cittadini europei e rafforzare la competitività dei settori e delle imprese legati alla sanità in Europa. Cibo, Agricoltura e Biotecnologie: creare una bioeconomia fondata sulla conoscenza riunendo la comunità scientifica, le imprese allo scopo di sviluppare prospettive di ricerca nuove ed emergenti che rispondano alle sfide sociali ed economiche. ICT: permettere allEuropa di gestire levoluzione futura delle tecnologie dellinformazione e della comunicazione per rispondere ai bisogni della società e delleconomia europea. Nano-scienze, nano-tecnologie e materiali innovativi: migliorare la competitività dellindustria europea ed assicurare la sua trasformazione producendo delle conoscenze che creino nuove applicazion i tecnologiche nelle varie discipline. Energia: trasformare lattuale sistema energico fondato sui combustibili fossili in un sistema più sostenibile

10 Ambiente : gestire lambiente e le sue risorse attraverso il rafforzamento dellinterazione tra biosfera, ecosistemi e attività umane Trasporti: sviluppare sistemi di trasporto integrati paneuropei più ecologici e intelligenti a beneficio del cittadino e della società, rispettosi dellambiente e delle risorse naturali. Scienze umane e socio-economiche: costituire una conoscenza approfondita e comune delle sfide socioeconomiche complesse alle quali lEuropa deve far fronte tra cui i cambiamenti demografici e la qualità della vita, listruzione e loccupazione alla luce dellattuale congiuntura economica/linterdipendenza globale e il trasferimento delle conoscenze /il benessere delle democrazie e la partecipazione politica, la diversità cultura e i valori. Sicurezza: sviluppare le tecnologie e le conoscenze ai cittadini di fronte alle minacce come il terrorismo, le calamità naturali e la criminalità. Spazio: sostenere il programma GMES

11 ATTIVITA Ricerca in collaborazione: è il cuore del finanziamento della ricerca nellUE. Sarà sostenuta la ricerca in collaborazione mediante una serie di meccanismi di finanziamento tra cui progetti di collaborazione, reti di eccellenza ed azioni di coordinamento – sostegno. Iniziative tecnologiche congiunte: strumenti volti a combinare gli investimenti del settore privato e i finanziamenti pubblici nazionali europei, incluse le sovvenzioni del PQ di ricerca e il finanziamento dei prestiti della BEI - Banca Europea per gli investimenti – (art. 171 del trattato) Coordinamento di programmi di ricerca non comunitari: Programma ERA-NET e la partecipazione della Comunità a programmi nazionali di ricerca avviati congiuntamente (art. 169 del trattato). Cooperazione internazionale: apertura delle attività lanciate nei 10 campi tematici sia ai ricercatori che alle istituzione di ricerca di tutti i paesi terzi.

12 IDEE

13 E il programma specifico volto a sviluppare leccellenza della base scientifica stimolando la concorrenza a livello europeo, creando un Consiglio della Ricerca europea autonomo con lambizione di sviluppare le frontiere della ricerca a livello individuale e associativo in tutti i campi scientifici e tecnologici, compresa lingegneria e le scienze socioeconomiche e gli studi umanistici

14 Consiglio europeo della ricerca (CER) Consiglio scientifico composto da rappresentanti della comunità scientifica europea ai più alti livelli – nominati dalla Commissione (22 membri) Compiti: Elaborazione del programma annuale Controllo e qualità dei progetti Struttura di attuazione specifica Compiti: Attuazione ed esecuzione del programma Assicura la gestione finanziaria e scientifica delle sovvenzioni

15 PERSONE

16 E il programma che mira al rafforzamento qualitativo e quantitativo del potenziare umano di ricerca e tecnologia in Europa, si propone di stimolare i ricercatori europei a rimanere in Europa, attirando allo stesso tempo ricercatori dal mondo intero per mantenere la competitività nellattrattiva della ricerca europea.

17 Attività Formazione iniziale dei ricercatori Formazione permanente e organizzazione della carriera Passarelle e partenariati tra le imprese e le Università Componente internazionale Azioni specifiche

18 CAPACITA

19 E il programma volto a rafforzare le capacità di ricerca e di innovazione in tutta Europa e a garantirne un utilizzo ottimale.

20 Ottimizzare lutilizzo e lo sviluppo delle infrastrutture di ricerca Rafforzare la capacità di innovazione delle PMI e la loro attitudine a ricavare profitto dalla ricerca Favorire lo sviluppo dei raggruppamenti regionali centrati sulla ricerca Regioni della conoscenza Avvicinare scienza e società per assicurare lintegrazione armoniosa delle scienze e delle tecnologie nellUE Lanciare delle azioni e delle misure a favore della cooperazione internazionale

21 BUDGET

22 Il budget del 7PQ ammonta a M, così ripartito fra i programmi: Cooperation M Ideas M People M Capacities M JRC (non-nuclear) M Euratom (to 2011) M Ciò rappresenta in tutto un aumento del 41% rispetto al 6PQ

23 Ripartizione indicativa (in M) tra i programmi

24 Meccanismi di finanziamento Azioni indirette Attuate essenzialmente sulla base di inviti a presentare proposte Attuate sulla base di decisioni di agreement specifici del Consiglio e del PE fondate su una proposta della Commissione

25 Tipologie di progetti Progetti di collaborazione Reti di eccellenza Azioni di coordinamento e di sostegno Progetti individuali Sostegno a favore della formazione dei ricercatori ed evoluzione della loro carriera Ricerca a favore di gruppi particolari (PMI)

26 Dott.ssa Sara Zatta Servizio di collegamento con lUnione Europea, sede della Regione Abruzzo Avenue Louise Bruxelles Tel: Fax:


Scaricare ppt "7° Programma Quadro Ricerca e Sviluppo Tecnologico 13 aprile 2007 Università degli studi di Teramo Sara Zatta Regione Abruzzo – Servizio di collegamento."

Presentazioni simili


Annunci Google