La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Approcci «morbidi». Cultura organizzativa. Oggetti di ricerca Privilegiano gli aspetti culturali, simbolici, riflessivi, nonché i processi di conferimento.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Approcci «morbidi». Cultura organizzativa. Oggetti di ricerca Privilegiano gli aspetti culturali, simbolici, riflessivi, nonché i processi di conferimento."— Transcript della presentazione:

1 Approcci «morbidi». Cultura organizzativa

2 Oggetti di ricerca Privilegiano gli aspetti culturali, simbolici, riflessivi, nonché i processi di conferimento di senso che i soggetti mettono in atto

3 Favoriti da… 1.Declino dei controlli puramente burocratici nelle imprese 2.Crescente insoddisfazione per lo studio dei soli aspetti hard, strutturali

4 Le sfide agli approcci hard 1.Limportanza delle scelte strategiche dei soggetti 2.Limportanza del clima interno alle organizzazioni

5 La formazione di una cultura organizzativa

6 Edgard Schein

7 Limportanza della cultura Studiare unorganizzazione equivale a studiare la sua cultura

8 Cultura organizzativa (definizione) Linsieme coerente di assunti fondamentali che un dato gruppo ha inventato, scoperto o sviluppato imparando ad affrontare i suoi problemi di adattamento esterno e di integrazione interna, e che hanno funzionato abbastanza bene da poter essere considerati validi e perciò tali da poter essere insegnati…

9 I tre livelli della cultura organizzativa Artefatti Valori espliciti Assunti di base

10 Artefatti Elementi immediatamente osservabili di una organizzazione Architettura Arredamento Tecnologia Modo di comportarsi (gergo, abbigliamento, mimica, simboli, rituali)

11 Obiettivi di ricerca Gli artefatti sono elementi visibili, ma non sempre sono facilmente decifrabili Allora il primo obiettivo/compito dellanalisi organizzativa è decifrare gli artefatti

12 Che scopi si prefigge una determinata architettura?

13 E labbigliamento?

14 Esistono rituali, con che scopi? Esistono gerghi specialistici, con che scopi?

15 Valori espliciti Discorsi manifesti e accettati Creati e fatti circolare dalla leadership per: – Rafforzare il senso di appartenenza e solidarietà – Individuare pericoli – Chiarire e legittimare le scelte organizzative

16 Obiettivi di ricerca Ricognizione di quei discorsi, evoluzione nel tempo, coerenza con gli artefatti

17 Assunti di base Convinzioni profonde e inespresse (dati per scontati) (non del tutto consapevoli)

18 Gli assunti di base riguardano i campi universali dellesperienza umana Esempi: – Rapporto con la natura (dominanza-sfruttamento – rispetto) – Concezione della natura umana (pessimista – ottimista) – Rapporti umani (democratico – autoritario, maschilista – paritario)

19 Assunti di base Sistema di convinzioni Modi di lavorare, di comunicare, di valutare il proprio operato, ecc.

20 Obiettivi di ricerca Livello più importante per capire lanima dellorganizzazione, le motivazioni profonde

21 Fondamentale è la coerenza interna tra gli assunti di base E la coerenza con gli altri livelli della cultura (valori espliciti e artefatti) In caso contrario (contraddizioni, incoerenze) Tensioni, sfiducia, scetticismo, ecc.

22 La formazione di una cultura Allinterno di un gruppo Persone che sono state insieme da un tempo sufficiente per aver condiviso problemi, averli affrontati, aver osservato gli effetti delle soluzioni adottate

23 Limportanza di una storia comune

24 Non idee astratte Risposte a problemi concreti Oggetto di apprendimento Che hanno risolto problemi e hanno ridotto lansia dei membri dellorganizzazione

25 Tipi di problemi 1.di adattamento allambiente esterno (riguardanti obiettivi, strategie, mezzi per realizzare gli obiettivi) 1.di integrazione interna (funzionamento del gruppo)

26 Nuovi membri La cultura deve essere trasmessa ai nuovi membri per garantire la sopravvivenza del gruppo Operazione più o meno complicata, a seconda delle caratteristiche del nuovo membro (giovane/con esperienze)

27 Cambiamenti della cultura Un patrimonio in continua evoluzione, in formazione permanente Tensioni tra esigenze di conservare ed esigenze di innovare

28 Lo studio della cultura 1.I processi di socializzazione (come la cultura è trasmessa, recepita, adattata) 2.Le risposte ad eventi critici 3.Le anomalie (irregolarità, devianze, aspetti sorprendenti)

29 La leadership Leadership (come viene esercitata) e cultura sono due aspetti della medesima realtà Studiando la leadership di unorganizzazione si studia la sua cultura e viceversa

30 Alcune critiche Propone una visione omogenea delle culture organizzative Scarsa attenzione alla presenza di subculture (legate a particolari gruppi)

31 Le prospettive di Joanne Martin Tre diverse prospettive di analisi delle culture organizzative Sono interpretazioni soggettivamente imposte al processo di raccolta e analisi del materiale osservato (dipendono dal ricercatore) Si escludono a vicenda Ogni prospettiva permette di enfatizzare alcuni aspetti della cultura

32 1.La prospettiva integrativa (cultura come mezzo di integrazione) 2.La prospettiva differenziante (presenza di più subculture) 3.La prospettiva frammentaria (molteplicità di punti di vista mutevoli e imprevedibili)


Scaricare ppt "Approcci «morbidi». Cultura organizzativa. Oggetti di ricerca Privilegiano gli aspetti culturali, simbolici, riflessivi, nonché i processi di conferimento."

Presentazioni simili


Annunci Google