La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Castelnuovo R. 29.02.08 Esperienze di audit USDA/FSIS dott. Marco Pierantoni Servizio Veterinario e Igiene Alimenti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Castelnuovo R. 29.02.08 Esperienze di audit USDA/FSIS dott. Marco Pierantoni Servizio Veterinario e Igiene Alimenti."— Transcript della presentazione:

1 Castelnuovo R Esperienze di audit USDA/FSIS dott. Marco Pierantoni Servizio Veterinario e Igiene Alimenti

2 Interventi Ispettori FSIS

3 Aree di interesse da parte degli ispettori FSIS organizzazione della struttura di supervisione da parte delle autorità di controllo applicazione dei requisiti oggetto di equivalenza applicazione dei requisiti (aggiuntivi) previsti dalla normativa USA la situazione zoosanitaria (afta,pesti, MVS, BSE)

4 Organizzazione della struttura di supervisione da parte delle autorità di controllo È laspetto meno critico. Già a partire dal 2003, gli ispettori non contestano carenze per quanto riguarda questo aspetto che invece era stato oggetto di rilevazioni nel corso degli audit degli anni precedenti (presenza giornaliera, supervisione mensile) Viene apprezzata lemanazione di prime linee guida nazionali (L. monocytogenes nei prosciutti crudi stagionati)

5 Applicazione dei requisiti (aggiuntivi) previsti dalla normativa USA Lequivalenza tra la normativa USA e quella CE è stabilita con riferimento alla Dir. 64/433/CEE requisiti specifici riguardano lapplicazione delle SSOP lapplicazione di procedure HACCP benessere animale in macello la numerazione di E coli generico sulle carcasse la ricerca di Salmonella spp. sulle carcasse lapplicazione di procedure per la gestione di L.monocytogenes (2003) procedure per la gestione dei sottoprodotti

6 Applicazione dei requisiti (aggiuntivi) previsti dalla normativa USA – segue il controllo giornaliero degli impianti la supervisione mensile degli impianti la conduzione del test di specie nei prodotti trasformati i tempi di recapito dei campioni e di risposta per le analisi di laboratorio enforcement – procedura di NOID

7 SSOP Segnalazioni di carenze nella: Predisposizione Applicazione Verifica Registrazione delle SSOP sono costanti nei rapporti finali

8

9 HACCP Frequenti anche i richiami alla non corretta applicazione delle procedure HACCP: monitoraggio verifiche azioni correttive registrazioni

10

11 Enforcement – Capacità di controllo da parte delle AC Fattore spesso critico sia per quanto riguarda i controlli sugli impianti: i Vet. Uff. di cinque stabilimenti non hanno compreso HACCP e prerequisiti (2002/2)

12 Enforcement – Capacità di controllo da parte delle AC in 5 stabilimenti non vengono rispettati i criteri ispettivi USA (2004) (lo stesso nel 2005/1 in 7 stabilimenti, nel 2005/2 in 6 stabilimenti) benchè il Minsan abbia auditato i due stabilimenti ai quali è stato successivamente notificato il NOID, non cè stato alcun follow-up da parte del Minsan per verificare le azioni correttive attuate (2004) (lo stesso nel 2005/1 in 3 stabilimenti) luff. Audit del MINSAN non sta svolgendo un numero sufficiente di audit sugli impianti abilitati a esportare negli USA (2004)

13 Enforcement – Capacità di controllo da parte delle AC – i laboratori carenze significative sono state notate per quanto riguarda la supervisione da parte del MINSAN sui laboratori ufficiali (2004) il laboratorio centrale in Roma (ISS), responsabile per il controllo e la supervisione dei laboratori periferici, non è accreditato (2004) campioni di prodotti RTE non venivano analizzati sia per Listeria monocytogenes sia per Salmonella (2004) il terreno impiegato per la ricerca di L.m. non era quello previsto dal metodo FSIS (2004)

14 Enforcement – Capacità di controllo da parte delle AC – i laboratori In 3 laboratori, la metodica ISO 6579:2002 per la ricerca di Salmonella era applicata in maniera impropria o era adattata in modo improprio per testare campioni di prodotti non processati o RTE destinati agli USA (2005/1)

15 Notice of Intent to Delist (NOID) Notificata da parte dellAC a un impianto a seguito del rilievo di importanti carenze che non comportano il delisting immediato. Lo stabilimento ha 30 giorni dalla data dellaudit per correggere le carenze. LAC deve verificare il 31° giorno ladozione delle pertinenti azioni correttive. In mancanza di azioni correttive, lAC deve delistare immediatamente lo stabilimento.

16 Enforcement – motivi di delistamento immediato Mancato rispetto del benessere animale in macello. contaminazione diretta di prodotti non seguita da azione correttiva. mancata presenza giornaliera del vet. Uff. Durante la lavorazione di prodotti destinati agli USA. aggressione o minacce agli ispettori USA e al personale di controllo nazionale. mancata adozione delle pertinenti azioni correttive a seguito della notifica di un NOID nel corso dellispezione precedente/notifica di un secondo NOID

17 Laboratori di analisi Lequivalenza viene stabilita con le direttive 96/22/CE e 96/23/CE per quanto attiene i residui Carenze vengono segnalate per quanto riguarda: la mancata adozione di AC a seguito di una percentuale di recupero di determinati composti inferiore a quanto stabilito lapplicazione di metodi diversi da quelli accettati

18

19 Alcuni esempi di NC rilevate

20

21


Scaricare ppt "Castelnuovo R. 29.02.08 Esperienze di audit USDA/FSIS dott. Marco Pierantoni Servizio Veterinario e Igiene Alimenti."

Presentazioni simili


Annunci Google